Martedì , 23 Luglio 2024
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Arte e dintorni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria Paola Forlani. Un Cinquecento inquieto 
Da Cima da Conegliano al rogo di Riccardo Perucolo
Susegana Castello di San Salvatore, vista su Palazzo Odoardo
Susegana Castello di San Salvatore, vista su Palazzo Odoardo 
10 Marzo 2014
 

A Palazzo Sarcinelli di Conegliano (TV) si è aperta la mostra “Un Cinquecento inquieto. Da Cima da Conegliano al rogo di Riccardo Perucolo”. A cura di Giandomenico Romanelli e di Giorgio Fossaluzza, aperta fino all’8 giugno 2014.

La mostra vuole indagare, raccontare, testimoniare l’importanza del primo Cinquecento coneglianese nella storia dell’arte italiana, svelare i suoi legami e le continue connessioni con i grandi protagonisti della storia del cinquecento della capitale e dei centri maggiori della Repubblica.

Conegliano nel Cinquecento vive un’eccezionale esperienza di cultura, è stato uno dei centri più dinamici del territorio veneto. La città con i suoi immediati dintorni, da Seravalle a Montello fino ad Asolo, per una serie di circostanze storiche e territoriali e per la sua ineguagliabile qualità ambientale e paesaggistica, è stata un centro di interessi culturali e testimonianze artistiche e letterarie di singolare ricchezza e interesse, luogo d’incontri e convergenze dei protagonisti della storia dell’arte: da Cima a Pordenone, da Lotto a Tiziano.

Da un altro punto di vista, la presenza attiva anche culturalmente dei conti di Collalto, famiglia feudale imperiale, e del loro castello a Susegana, è una calamita e ragione di attrattiva per personalità del calibro di Aretino e di Monsignor Della Casa, con ulteriore estensione a Gaspara Stampa, oltre che a Elisabetta Querini, quindi al fior fiore dell’impegno letterario “al femminile”. Infine, ma non per minore importanza, attorno a Conegliano si registra un fiorire di presenze “riformate”. Ben incardinate nelle parrocchie, nei conventi e tra gli occasionali predicatori, che avrà un suo risvolto anche nell’ordine dei segni e dei simboli di una iconografia religiosa inquieta e talvolta di rottura (illustrata tragicamente nell’episodio di Riccardo Perucolo bruciato in piazza come eretico).

Se Conegliano divenne uno dei primari palcoscenici di queste dispute, il riferimento forse più clamoroso è apparso di recente essere, dal punto di vista dell’ordine costituito, la macchina dell’Inquisizione messa in piedi da monsignor Della Casa, nunzio a Venezia e poi in volontario esilio a Neversa; all’altro capo, il vescovo istriano Pier Paolo Vergerio sommo “eresiarca” in fuga verso la Svizzera, non prima di aver efficacemente seminato anche Conegliano e dintorni il verbo della sua appassionata dottrina antisimonica dai rigorosi risvolti iconoclasti.

L’evento di questo affascinante inquieto momento storico vuole percorrere i tratti salienti, soprattutto negli esiti pittorici che essa ebbe a vivere, documentando la presenza e gli influssi da alcuni dei protagonisti di una stagione d’arte manifesta in dipinti di ufficiale e di pubblica devozione (pale d’altare e testi di grande impegno), ovvero le opere più sommesse e private, in decorazioni e prodotti d’arte applicata, documenti, manoscritti (le carte del processo Perucolo, ad esempio), xilografie e incunaboli. La mostra è costituita da circa 100 opere (dipinti, pale d’altare e oggetti, documenti, libri, incisioni di Albrecht Dürer), e circa venticinque distribuite tra Conegliano e dintorni (10 tappe) opportunamente segnalate in loco di modo da costruire un itinerario tematico che ha come fulcro Palazzo Sarcinelli, ma coinvolge l’intero territorio in un suggestivo percorso culturale e turistico: Scuola dei Battuti, Monte di Pietà, Oratorio della Madonna della Neve, Palazzo Sbarra, Porta Monticano, chiesa parrocchiale di Campolongo, chiesa di san Pietro a Castello Rogazuolo, Susegana, Vittorio Veneto.

L’itinerario urbano comincia uscendo da Palazzo Sarcinelli. Si nota il fronte del Monte di Pietà, una straordinaria copertura totale della facciata con angeli che recano, tra nuvole, i simboli della passione di Cristo, rappresentato in pietà nella lunetta centrale. Gli affreschi sono opera di Ludovico Fiumicelli, artista di origine vicentina, interprete dell’arte di Tiziano e di Pordenone e che, nella facciata del Monte di Pietà, compie un’opera di grande libertà compositiva.

L’altro importante luogo lungo la Contrada Grande è la Scuola della Confraternita laicale di Santa Maria dei Battuti. Furono i componenti di questa Scuola a promuovere la costruzione del Duomo nel corso del rinnovamento della parte bassa della città. I confratelli commissionarono la pala di Cima da Conegliano nel 1492 e, negli anni venti del Cinquecento, il ciclo di affreschi della Sala delle riunioni della confraternita che occupa il grande spazio sopra il duomo.

Le pareti della Sala delle riduzioni della Scuola dei Battuti si presentano come un libro illustrato in cui attraverso trentotto riquadri di diverse dimensioni vengono narrate da Francesco da Milano, tra 1515 e 1525 circa, Le storie di Cristo, dall’Incarnazione al Giudizio Universale e, in un momento più tardo verso il 1590 circa, le Storie della Creazione e altre dell’Infanzia di Gesù da un pittore fiandro-veneto. Tornando, poi, in questo affascinante percorso pittorico, a Palazzo Sarcinelli per ritrovare cicli decorativi affrescati di grande originalità. Dalla fonte cinquecentesca su fondo nero del “portego” al piano nobile, di un ambiente a pianta quadrata si profilano un repertorio di Tritoni, Nereide, figure animalesche e antromorfe tra girali d’acanto. Mentre si arricchiscono per la presenza di putti e putti alati, di fiere e altri animali. Talora il fregio si interrompe per includere scene. Ad esempio sui lati lunghi del fregio compaiono ovali con Bacco ebbro e di Leoni che assaltano due cavalli. Grazie a Lionello Puppi si è giunti al riconoscimento dell’autore e cioè nel pittore Riccardo Perucolo. Condannato per eresia, lo sfortunato artista, nonostante avesse recitato impassibile e con puntualità lo spettacolo della penitenza, Riccardo, con l’accusa tremenda d’esser reo recidivo, vien arrestato, imprigionato, condannato senz’appello a morte atroce nel fuoco.

Così il percorso artistico in questo ricco territorio continua tra un crogiolo di opere eccezionali e la sua storia travagliata tra dispute ed inquisizione.

 

Maria Paola Forlani


Foto allegate

Cima da Conegliano,
Giovanni Antonio Pordenone,
Castello Roganzuolo, Chiesa di San Pietro: Francesco da Milano, Ciclo di Affreschi
Conegliano, Monte di Pietà: Ludovico Fiumicelli, Affreschi della Facciata
Conegliano, Palazzo Sarcinelli: Riccardo Perucolo e Francesco Beccaruzzi, Fregi facciata
Articoli correlati

  “Rembrandt incisore”, a Pesaro le magie bianche e nere di un maestro dell’acquaforte
  Alberto Figliolia. “Stregherie” alla Villa Reale di Monza
  Dürer e il Rinascimento tra Germania e Italia
  Maria Paola Forlani. Capolavori ritrovati della Collezione di Vittorio Cini
  Maria Paola Forlani. Louise Nevelson a “Roma Museo”
  Il Collezionista di Meraviglie. L’Ermitage di Basilewsky
  Maria Paola Forlani. Giacomo Manzù e il Concilio Vaticano II
  Maria Paola Forlani. TIZIANO
  Maria Paola Forlani. Verso Monet
  Maria Paola Forlani. Dal Giglio al David
  Andrea Nascimbeni. Andar per giardini, d’inverno
  L’Orlando Furioso a Migliarino
  Le avanguardie nella Parigi fin de siècle: Signac, Bonard e i loro contemporanei
  Maria Paola Forlani. Il Cammino di San Pietro a Castel Sant’Angelo
  La Ragazza con l’orecchino di perla
  Maria Paola Forlani. L’Ossessione Nordica
  Maria Paola Forlani. Padova è le sue mura
  Maria Paola Forlani. Magie dell’India a Treviso
  Maria Paola Forlani. Seduzione Etrusca
  Maria Paola Forlani. Il Sogno nel Rinascimento
  Maria Paola Forlani. La Maison Goupil
  Gian Luigi Zucchini. “L'imperatore, il re del mondo, il cavaliere” di Franco Cardini
  Maria Paola Forlani: ANTONELLO DA MESSINA
  Maria Paola Forlani. Le Stanze delle Muse
  Maria Paola Forlani. RAFFAELLO a Milano
  Maria Paola Forlani. Tiziano, Venezia e il papa Borgia
  Maria Paola Forlani. NUOVI MONDI
  Maria Paola Forlani. L’Ottocento a Bologna
  Le donne nella Bibbia
  Maria Paola Forlani. Zurbarán (1598 – 1664)
  Maria Paola Forlani. Il Gran Principe Ferdinando De’ Medici (1663 – 1713) Collezionista e Mecenate
  Maria Paola Forlani. La Primavera del Rinascimento
  Maria Paola Forlani. La Madonna del Latte
  Jacopo del Cosentino. E la pittura a Pratovecchio nel secolo di Giotto
  Maria Paola Forlani. Lo sguardo di Michelangelo Antonioni e le arti
  Maria Paola Forlani. Il Museo del Duomo di Milano
  Maria Paola Forlani. Andata e Ricordo. Souvenir de Voyage
  Franco Patruno. Il Dosso di Maria Paola Forlani
  Maria Paola Forlani. Manet. Ritorno a Venezia
  Maria Paola Forlani. Sacri Splendori
  Alla Biennale di Venezia: Il Palazzo Enciclopedico
  Ebraicità al femminile. Otto artiste del Novecento
  Maria Paola Forlani. Testimonianze di un Territorio
  Maria Paola Forlani. Sangue di drago Squame di serpente
  Maria Paola Forlani. Borderline: Artisti tra normalità e follia
  Maria Paola Forlani. “Nuovi” capolavori per la Pinacoteca di Rovigo
  Aldo Fallai. Da Giorgio Armani al Rinascimento
  I Colori del Sacro. Il Viaggio.
  Franco Cardini. I Borgia e il loro tempo
  Liberty. Uno stile per l’Italia Moderna
  Maria Paola Forlani. Wunderkammer. Arte, Natura, Meraviglia ieri e oggi
  Maria Paola Forlani. Autoritratti. Iscrizioni del Femminile nell’arte italiana contemporanea
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 69.5%
NO
 30.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy