Mercoledì , 19 Giugno 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Valter Vecellio. La situazione: il TAR sul testamento biologico 
La sentenza conferma che anche in Italia si trovano giudici capaci di resistere alle arroganze di ministri e zuavi pontifici
18 Settembre 2009
 

Aveva fiducia, il mugnaio, che a Berlino ci fosse un giudice che tutelasse il suo buon diritto minacciato dal potente/prepotente di turno. Un giudice di quel tipo lo si trova anche in Italia. Lo si è trovato a Milano, alla Corte d’Appello; alla Corte di Cassazione, quando si sono riconosciuti i diritti rivendicati da Beppino Englaro per la figlia Eluana; lo si è trovato quando si è trattato di esaminare la legge 40 sulla procreazione assistita; alla Corte Costituzionale, quando ha rigettato lo strumentale e infondato ricorso promosso dai pasdaran pontifici del centro-destra su un inesistente preteso conflitto tra poteri. E ieri lo si è trovato al TAR del Lazio.

Una sentenza ottima e importante. Si riconosce, come del resto stabilisce la Costituzione, che a nessuno possono essere imposte alimentazione e idratazione forzata: sia cosciente che incosciente, e anche in caso di stato vegetativo un cittadino può esprimere ex post la propria volontà di interrompere terapie giudicate inutili, comprese proprio alimentazione e idratazione.

 

Il TAR del Lazio ieri ha accolto un ricorso del Movimento difesa dei cittadini. «I pazienti in stato vegetativo permanente» si legge nella sentenza del TAR «che non sono in grado di esprimere la propria volontà sulle cure loro praticate o da praticare e non devono in ogni caso essere discriminati rispetto agli altri pazienti in grado di esprimere il proprio consenso, possono, nel caso in cui loro volontà sia stata ricostruita, evitare la pratica di determinate cure mediche nei loro confronti».

Ancora: «…Il paziente vanta una pretesa costituzionalmente qualificata di essere curato nei termini in cui egli stesso desideri, aspettando solo a lui decidere a quale terapia sottoporsi”. Si tratta, infatti, di questioni che coinvolgono “il diritto di rango costituzionale quale è quello della libertà personale che l’articolo 13 della Costituzione qualifica come inviolabile…»

 

La sentenza del TAR del Lazio è importante perché individua la giurisdizione del giudice ordinario proprio dopo aver sottolineato il carattere costituzionale e incomprimibile del diritto di scelta che ogni persona ha con riferimento di qualsiasi pratica e intervento che debba avvenire sul suo corpo.

Il TAR riconosce e stabilisce che il primo diritto da tutelare e garantire è quello del paziente, la cui volontà deve prevalere su tutto. Un autorevole, chiaro stop alle arroganze e alle prepotenze dei rappresentanti vaticani a palazzo Chigi. Il TAR del Lazio ci dice in sostanza che la legge sul testamento biologico votata dal Senato e ora in discussione a Montecitorio è incostituzionale; e che se verrà approvata definitivamente la Corte Costituzionale non potrà che bocciarla. Il TAR del Lazio insomma, conferma quello che una qualunque matricola di giurisprudenza sa e comprende. Solo un ministro pontificio alla Sanità come Maurizio Sacconi, e zuavi-pasdaran come Eugenia Roccella o Gaetano Quagliariello possono pensare di far approvare leggi palesemente in contrasto con la Costituzione, con le convenzioni internazionali sui diritti delle persone con disabilità, con il “semplice” il buon senso.


Valter Vecellio


Articoli correlati

  Radicali Sondrio riprende la raccolta firme
  Tutti a Roma in Piazza Farnese, oggi ore 15
  Comunità Isolotto. “Liberi di decidere”
  Testamento biologico/Eutanasia. Presentato disegno di legge
  Rocco Berardo, Associazione Coscioni. Per Eluana, 17 anni dopo
  Englaro. Finalmente si pone fine a trattamento indegno. Subito legge sul testamento biologico
  M. A. Farina Coscioni. Berlusconi sbaglia: per Eluana non c'è stata alcuna interferenza dei magistrati
  Testamento biologico. La fretta della maggioranza di portare a casa una legge promessa al Vaticano
  Testamento biologico. Non parte la discussione, segnale positivo!
  Valter Vecellio. Biotestamento: “Famiglia Cristiana” settimanale radicale?
  Valter Vecellio. La situazione: il presidente della CEI detta le condizioni del Vaticano
  Testamento biologico: una legge mostruosa che occuperà le aule dei tribunali
  «Lascio il mio testamento agli atti. Perché questa legge è mostruosa»
  Miriam Della Croce. Bagnasco si contraddice
  Marco Cappato. Caso Binetti
  “Ecumenici”. Cultura teologica e presenza pastorale femminile
  Noi Siamo Chiesa. Lettera aperta alle associazioni dell’area cattolico-democratica
  Giornata nazionale sugli stati vegetativi: Governo di cattivo gusto e strumentale!
  Testamento biologico. Cronaca di una settimana parlamentare
  La morte di mia madre. E quella di Seneca
  Diritto alla vita e vita dello Stato di diritto
  Valter Vecellio. Se il Vaticano vuole aiutare il paese autoriduca prebende e finanziamenti
  Testamento biologico. Discussione e votazioni al Senato
  Ora si firma su cannabis terapeutica e testamento biologico in Lombardia
  Alessandra Pioggia. I registri comunali delle dichiarazioni anticipate di trattamento
  Anniversario di Eluana Englaro: presidio a Milano, martedì 9 febbraio
  Testamento biologico: Anche a Sondrio si può
  M.A. Farina Coscioni. Sia coerente il sottosegretario Roccella, e proponga la modifica della Costituzione
  Sondrio. La maggioranza dei Consiglieri a favore del testamento biologico
  Testamento biologico. L'Aduc aderisce all'iniziativa “Senatore per due ore” con 200 emendamenti
  Milano. Approvato il registro del biotestamento
  Valter Vecellio.Testamento biologico: il baratto scellerato tra governo e Vaticano è chiaro, evidente a tutti
  Associazione Coscioni. “Il Testamento biologico nel tuo Comune”
  Testamento biologico. Discussione Senato. Appello alla ragionevolezza: evitiamo una legge ideologica
  Luca Kocci. Sul fine-vita non si fiata
  Vittorio Bellavite / Enzo Marzo. Sul paragrafo 2278 del Catechismo
  Testamento biologico: accordo sui principi o spartizione dei principi?
  Diritti: “Il parlamento si riscatti con la legalizzazione dell'eutanasia”
  Mario Staderini, Marco Cappato. Biotestamento: ora grande manifestazione per bloccare dl Calabrò
  Benedetto Della Vedova. Caso Englaro e testamento biologico
  Comunità cristiane di base. Sulla proposta di legge sul testamento biologico all'esame del Parlamento
  Testamento biologico-Vaticano. Quale elemento di novità?
  Maria Antonietta Farina Coscioni. Biotestamento: otto convinti e decisi NO
  Radicali Sondrio in piazza a favore dei Rom e per il testamento biologico
  Testamento biologico. Uno spaccato storico, politico, culturale e scientifico
  Ass. Coscioni. Biotestamento: grande folla ieri in Piazza ma in Senato lo terranno presente?
  Valter Vecellio. Englaro e Pannella. Scandalo fasullo e scandalo vero
  Testamento biologico. Anche senza legge è possibile farlo
  Maria Antonietta Farina Coscioni. Biotestamento, il Pd cosa fa?
  “Una legge clericale”. Noi Siamo Chiesa sul testamento biologico
  Testamento biologico. La volontà del paziente deve valere anche per l'idratazione e l'alimentazione
  Osmetti e Cappato. Abbiamo fatto un passo avanti verso il testamento biologico a Sondrio!
  Milano. Socialisti in piazza contro Formigoni per il caso Englaro
  Elisa Merlo. La libertà della Barbie
  Comunità dell'Isolotto. Testamento biologico e amore per la vita
  Registro del testamento biologico a Morbegno
  Testamento biologico: dell’eutanasia si può parlare solo per vietarla!
  Francesco Pullia. Accanimento terapeutico. Nella Chiesa non c’è un pensiero unico
  Associazione Coscioni: oggi Consiglio generale con Bonino e Marino
  “Il testamento biologico: problemi aperti e prospettive”
  Ru486. Il ministro Sacconi sfiducia il direttore dell'Aifa che ha pubblicato la delibera di commercializzazione
  Lidia Menapace. La controriforma “moderna”
  Ru486: Sacconi e la crociata contro le donne
  Ru486: l'incredibile audizione di Sacconi
  Milleproroghe: soppressa la conservazione autologa del cordone ombelicale
  Ru486. Il diktat illegittimo del ministro Sacconi. Il Paese del codice Roccella
  Con Obama la fine del veto sulle embrionali, con Berlusconi il pasticcio scaricabarile!
  Cordone ombelicale: il ritorno dei divieti
  Procreazione assistita e sottosegretaria Roccella. Suburra di regime
  Il sottosegretario Roccella continua ad accusare la Gran Bretagna di eugenetica, razzismo e pulizia etnica. Chieda scusa o sarà incidente diplomatico
  Legge 40, linee guida vietano diagnosi preimpianto: è polemica
  La pillola abortiva deve essere disponibile in tutti gli ospedali piemontesi
  Renato Pierri. Ragionamenti intelligenti di Eugenia Roccella. A Domenica in
  RU486. Le minacce del Governo alle Regioni: abuso di potere?
  Cordone ombelicale. Il ministero dispone una proroga contro la legge
  Renato Pierri. Sondino nasogastrico e cintura di sicurezza
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy