Sabato , 07 Dicembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Carlos Alberto Montaner. Quel che il Papa ha visto a Cuba
01 Aprile 2012
 

Centinaia di migliaia di persone hanno visto il Papa a Cuba, hanno udito i suoi discorsi e contemplato ciò che è successo. Ognuno di questi testimoni, come è naturale, ha percepito la visita in maniera differente. Adesso interessa soprattutto sapere quale sia stata la percezione del Papa e del suo entourage. Questo è quel che ho potuto sapere da fonti ecclesiastiche (e non solo) che desiderano rimanere nel più totale anonimato. Alcune di queste fonti sono molto vincine al Santo Padre.

 

Primo. Benedetto XVI è rimasto molto sorpreso dall’enorme contrasto tra l’accoglienza messicana - allegra, libera, molto partecipata e spontanea -, in mezzo a una città viva ed economicamente vibrante, e le contratte cerimonie cubane, controllate dalla polizia politica, celebrate in un paese impoverito fino alla miseria, precedute da centinaia di detenzioni. Lo spettacolo orrendo di un giovane selvaggiamente picchiato da un poliziotto travestito da barelliere della Croce Rossa ha colpito il cuore del Papa che si è interessato personalmente per la sua sorte. In fin dei conti, il povero uomo aveva solo gridato “Abbasso il comunismo”, versione popolare dello stesso pensiero del Papa in viaggio verso Cuba, quando aveva dichiarato che il marxismo era un’ideologia fallita che doveva essere sepolta.

 

Secondo. Al Papa e al suo seguito è sembrato disdicevole che Raúl Castro pronunciasse a Santiago de Cuba il classico discorso stalinista da guerra fredda per cercare di giustificare la dittatura. Attendevano un messaggio di cambiamento e di speranza, non di reiterazione delle linee maestre del regime. Quel testo, insieme ai discorsi pronunciati dal cancelliere Bruno Rodríguez e dal vicepresidente con delega al settore economico, Marino Alberto Murillo, hanno convinto il Santo Padre che Raúl Castro è molto più interessato a mantenersi ancorato al passato che a preparare un futuro migliore per i cubani.

 

Terzo. La delegazione papale ha comprovato, con dolore, che la richiesta del precedente Papa, Giovanni Paolo II, fatta durante la visita compiuta 14 anni prima, che doveva servire a far perdere la paura ai cubani, era stata inutile. A parte alcune centinaia di democratici oppositori, tenuti sotto assedio in maniera permanente, picchiati e a volte persino incarcerati, Cuba resta una società corrotta dalla paura. In ogni caso la manifestazione di paura più eclatante non è stata quella degli oppositori, ma di coloro che in apparenza sono fedeli al regime. La delegazione papale ha conosciuto molto da vicino il doppio linguaggio. Quando i funzionari ecclesiastici parlavano da soli con i politici cubani questi si mostravano aperti, tolleranti e desiderosi di operare riforme profonde in campo politico ed economico. Uno di loro, in privato, è arrivato pure ad ammettere che a Cuba servirebbe un sistema democratico basato sulla pluralità dei partiti politici e le libere elezioni, per far avanzare la società verso la modernità, anche se i comunisti potrebbero rischiare di perdere il potere. Ma, quando si aggiungeva un’altra persona alla conversazione, o arrivavano i giornalisti, tornavano al discorso ortodosso più inflessibile e stalinista, ripetendo il copione ufficiale senza omettere neppure una virgola. Era uno spettacolo davvero penoso.

 

Quarto. Il Papa e la sua comitiva hanno avuto la conferma di quanto già intuivano. La Chiesa cubana è divisa in due linee molto chiare: quella del cardinale Jaime Ortega, accomodante fino all’estremo e collaborazionista al punto di chiedere alla forza pubblica di far evacuare un tempio occupato da alcuni fedeli che volevano protestare contro la dittatura, ben sapendo che sarebbero stati detenuti e di sicuro maltrattati, e quella di vescovi come Dionisio García Ibáñez, che è stato ingegnere prima di essere ordinato sacerdote, ben più fermi nel contrastare il regime cubano. Mentre Jaime Ortega si limita a compatire alcune vittime del governo (ma non tutte), Dionisio (pur continuando a essere amico del cardinale) e altri sacerdoti, come il famoso José Conrado Rodríguez, parroco in una chiesa di Santiago de Cuba, sono convinti che non ci sarà sollievo né riconciliazione tra i cubani fino a quando il regime non verrà pacificamente sostituito da una vera democrazia che tenga di conto delle opinioni di tutta la società e non solamente di un pugno di ultracomunisti avvinghiati alla ragnatela del passato.

 

Quinto. Il Papa ha comprovato che il suo coetaneo Fidel Castro è in peggiori condizioni fisiche e mentali di lui. Ha incontrato un vecchietto fisicamente invalido, mentalmente incerto e con gravi difficoltà comunicative. Un uomo fuori dal gioco. Il Papa, che è un uomo buono, ha pregato per lui. Come abitudine cristiana.

 

Carlos Alberto Montaner

Miami-Madrid

Traduzione di Gordiano Lupi


Articoli correlati

  Cuba. Il regime vuol presidiare le messe del Papa
  Simanca. Dittatura del proletariato oppio dei popoli
  Cosa bolle nella pentola caraibica
  Preparativi per la visita del papa all'Avana
  Ora pro nobis
  Gordiano Lupi. Le innovazioni del sistema cubano
  I rischi del regime per la visita del Papa
  Omar Santana. Vendetta
  Il Papa sarà accolto con affetto e rispetto dal governo cubano
  Omar Santana. Finalmente riconosciuta la Chiesa a Cuba...
  La Chiesa cattolica vede una Cuba democratica
  Alejandro Torreguitart Ruiz. Il Venerdì Santo non si lavora
  Cuba. Il Papa incontrerà Fidel a primavera
  Esiliati chiedono al Papa di rivedere il programma del viaggio a Cuba
  La Vergine della Carità del Cobre raggiunge L’Avana
  Garrincha. In pellegrinaggio a Cuba
  Luis Cino. Sulla visita di Papa Francesco
  Omar Santana. Scintilla d'amore tra Chiesa e regime cubano
  L’arrivo di Benedetto XVI sul Twitter di Yoani Sánchez
  Il Papa, Cuba, Radio popolare e i castristi italiani
  Oppositori cubani occupano chiese cattoliche
  Papa Benedetto XVI: “Il marxismo non è più attuale”
  Tre vignette per un assunto
  Omar Santana. Attentato al Papa o incontro con il diavolo?
  Immagini dell'Avana che attende il Papa
  Oswaldo Payá: “Siamo molto vicini alla verità e alla liberazione”
  Pedro Pablo Oliva e la repressione a Cuba
  Alejandro Torreguitart Ruiz. Arriva il Papa all’Avana
  Yoani Sánchez. Cachita 2012
  Il Papa a Cuba tra ipocrisia e repressione
  Omar Santana. LA VISITA DEL PAPA
  Oswaldo Payá replica al cardinal Bertone
  Omar Santana. Cristo cubano
  Un socialismo dal volto capitalista
  Carlos Alberto Montaner. La primavera latinoamericana
  “Havana Real” di Yoani Sánchez presentato a Miami
  “El otro paredón”, L’altro muro. Assassinio della reputazione a Cuba
  Carlos Alberto Montaner. La nuova morte di Fidel Castro
  Carlos Alberto Montaner. Trionfa Chávez. Si consolida Capriles
  Carlos Alberto Montaner. I tre misteri di Hugo Chávez
  Cuba libre era solo un cocktail
  Carlos Alberto Montaner. La Cuba di Raúl Castro: il lato peggiore dei due mondi
  Obama e Raúl Castro: incontri e disincontri
  Gordiano Lupi. Jeffrey Goldberg risponde a Fidel: “Nessun malinteso!”
  Gordiano Lupi. Il Granma diffama Carlos Alberto Montaner
  Carlos Alberto Montaner. Anatomia del tentativo di assassinare la mia reputazione
  Carlos Alberto Montaner. Un altro che è disposto a morire
  La moglie del colonnello. Gordiano Lupi intervista Carlos Alberto Montaner
  Gordiano Lupi. Il periodico di Yoani
  Gordiano Lupi. Conversazione con Carlos Alberto Montaner
  Álvaro Vargas Llosa. Una principessa tra due mondi
  Gordiano Lupi alle Isole Tremiti con Carlos Alberto Montaner per “La moglie del colonnello”
  Carlos Alberto Montaner. Cuba dopo Chávez
  Anna Cherubini. Le domande da fare a Montaner
  Carlos Alberto Montaner. HAVANA REAL di Yoani Sánchez
  Yoani Sánchez ospite virtuale alla Fiera del Libro di Miami
  “El otro paredón”: Distruzione della reputazione a Cuba
  Con "La moglie del colonnello" di Carlos Alberto Montaner
  Letteratura e censura a Cuba
  Prensa Gulag. Il nuovo romanzo di Julio San Francisco
  Miami. Muore suicida lo storico cubano Carlos Ripoll
  Carlos Alberto Montaner. Benvenuto, Pablo Milanés
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 7 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy