Venerdì , 13 Dicembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Obama e Raúl Castro: incontri e disincontri 
di Carlos Alberto Montaner
(14ymedio.com)
(14ymedio.com) 
22 Febbraio 2016
   

A marzo Obama si recherà all'Avana. Il viaggio rientra nella sua svolta politica rispetto all'isola. Vuole, come sosteneva Giovanni Paolo II, che “Cuba si apra al mondo e il mondo si apra a Cuba”.

Questo comprende, come ha spiegato El Nuevo Herald, l'ingresso nel paese di corrispondenti indipendenti che non siano intimiditi dalla polizia politica. Obama lo annovererà tra le sue richieste?

Poche ore prima della notizia, il Dipartimento di Stato ha annunciato che si sarebbero riaperti i voli commerciali – fino a un centinaio al giorno – e che era stata autorizzata l'installazione di un'assemblatrice di trattori.

La Casa Bianca vuole ostacolare qualsiasi involuzione delle misure adottate se a partire dalle elezioni di novembre dovesse vincere un candidato avverso ad avere buone relazioni commerciali con il regime cubano.

Molto rilevante è che il portavoce del Governo nordamericano abbia dichiarato che Obama non pensa di fare visita a Fidel Castro. È un gesto con il quale desidera sottolineare la sua scarsa connessione ideologica con la dittatura. Dopotutto, lui è nato dopo i fatti di Baia Cochinos e la sua formazione è successiva alla caduta del muro di Berlino. È il primo presidente realmente post-sovietico degli Stati Uniti.

Al di là della curiosità antropologica che può suscitare una visita al vecchio despota, che non è più un capo di Stato, ma un signore infagottato in una tuta da ginnastica che dice cose strampalate, ritirarsi con lui e ascoltare le sue infinite sciocchezze (aggravate oggi dall'età e dalla malattia), fa parte di un noto rituale politico che, in maniera subliminale, trasmette un messaggio di solidarietà o, quanto meno, di indifferenza nei confronti della seconda più antica dinastia militare del pianeta. La prima è quella di Nordcorea.

Obama non vuole commettere questo errore. Incontrerà, invece, i membri della “società civile”. Questa espressione include l'opposizione. Magari parlerà con la giornalista Yoani Sánchez, con gli oppositori García Pérez “Antúnez”, Cuesta Morúa, Antonio Rodiles, con le valorosissime Dame in Bianco, che ogni domenica sfilano pacificamente mentre la polizia politica le insulta e le aggredisce. Lo scopo è ovvio: dare appoggio al pluralismo democratico.

Raúl Castro, da parte sua, sente di prendere parte a un gioco contradditorio e pericoloso. Obama ha unilateralmente dichiarato la fine della Guerra Fredda nei Caraibi

Raúl Castro, da parte sua, sente di partecipare a un gioco contraddittorio e pericoloso. Obama ha unilateralmente dichiarato la fine della Guerra Fredda nei Caraibi, per quanto L'Avana continui con i preparativi del combattimento.

Le attività del Foro di San Paolo, la strategia anti-nordamericana dei paesi che, capeggiati da Cuba, costituiscono il Socialismo del XXI secolo, il trasferimento di armi in Corea del Nord, in violazione degli accordi delle Nazioni Unite, e l'appoggio incondizionato in Medio Oriente a organizzazioni terroristiche come Hezbollah, sono tutti sintomi di quella vecchia mentalità sovversiva anti-yankee a cui i Castro non hanno mai voluto rinunciare.

Il generale James Clapper, Direttore della US National Intelligence, lo ha annunciato ufficialmente lo scorso 9 febbraio di fronte al Comitato Senatoriale delle Forze Armate: dal punto di vista dello spionaggio, Cuba era uno dei quattro paesi più pericolosi per gli Stati Uniti. Gli altri tre erano Russia, Cina e Iran.

Qualche ora dopo, l'isola restituiva un missile nordamericano portatore di segreti tecnologici che, “per errore”, era stato inviato all'Avana da un aeroporto europeo. Nei 18 mesi di durata di questo “errore” il razzo è rimasto nelle mani dell'intelligence cubana. In questo periodo, credono gli esperti, il Governo di Raúl Castro avrebbe avuto il tempo di copiarlo, venderlo o condividerlo con i propri alleati antiamericani.

Che cosa farà Raúl Castro di fronte al rametto di ulivo consegnatogli da Obama? Cancellerà i tratti distintivi della Rivoluzione cubana e ammetterà di aver vissuto nell'errore per quasi tutta la sua esistenza?

Non credo. Per 60 anni, da quando insorse nella Sierra Maestra sequestrando alcuni marines nordamericani, il suo leitmotiv è stato combattere contro Washington e cercare di distruggere l'ingiusto sistema di produzione capitalista, nella convinzione che i mali di Cuba provenissero dall'impresa privata degli yankee.

In seguito la vita gli ha dimostrato il contrario: i mali cubani sono la conseguenza del fatto che non c'è abbastanza capitalismo, né Yankees, né sufficiente democrazia, carenze particolarmente critiche quando la generosa vacca venezuelana agonizza, munta senza sosta né clemenza in mezzo agli orrori del socialismo reale e a un'orgia di corruzione cui i padroni dell'Avana non sono estranei.

Un insigne esperto in sviluppo internazionale che preferisce restare nell'anonimato mi ha detto: “Se Raúl pretende di superare la crisi economica e sociale che Cuba sta attraversando, le sue timide riforme non serviranno a nulla se non inizia il gioco politico e stabilisce un regime di libertà, per quanto questo comporti la perdita eventuale del controllo dello Stato”.

E ha poi concluso: “Finché esisterà un partito unico e finché le grandi iniziative imprenditoriali saranno nelle mani di una piccola camera burocratica che prende le decisioni, il paese continuerà a sprofondare”.

Questo tutti i suoi compatrioti lo sanno. Perciò scappano.

 

Carlos Alberto Montaner

(da 14ymedio.com, 20 febbraio 2016) 

Traduzione di Silvia Bertoli


Articoli correlati

  Yoani Sánchez. Una visita più simbolica che politica
  Garrincha. Il perdono e la jama
  Zunilda Mata. L’arte della convivenza tra paesi
  Nuove relazioni Cuba-Usa. I commenti dei vignettisti
  Wendy Guerra. Visite di primavera all’Avana
  Come il vignettista Pong vede la nuova amicizia Cuba - USA
  Garrincha e Santana. Il dialogo Usa-Cuba al nodo dei Diritti Umani
  Wendy Guerra. E arrivarono gli americani a Cuba… senza colpi d’arma da fuoco né missili
  Jardim. Castro e la popolarità
  Pong. Cuba-Stati Uniti: Colloqui sui Diritti Umani
  Un socialismo dal volto capitalista
  Carlos Alberto Montaner. HAVANA REAL di Yoani Sánchez
  Carlos Alberto Montaner. La primavera latinoamericana
  “Havana Real” di Yoani Sánchez presentato a Miami
  “El otro paredón”, L’altro muro. Assassinio della reputazione a Cuba
  Miami. Muore suicida lo storico cubano Carlos Ripoll
  Carlos Alberto Montaner. La nuova morte di Fidel Castro
  Carlos Alberto Montaner. Trionfa Chávez. Si consolida Capriles
  Carlos Alberto Montaner. I tre misteri di Hugo Chávez
  Cuba libre era solo un cocktail
  Carlos Alberto Montaner. La Cuba di Raúl Castro: il lato peggiore dei due mondi
  Gordiano Lupi. Jeffrey Goldberg risponde a Fidel: “Nessun malinteso!”
  Gordiano Lupi. Il Granma diffama Carlos Alberto Montaner
  Carlos Alberto Montaner. Anatomia del tentativo di assassinare la mia reputazione
  “El otro paredón”: Distruzione della reputazione a Cuba
  Carlos Alberto Montaner. Un altro che è disposto a morire
  La moglie del colonnello. Gordiano Lupi intervista Carlos Alberto Montaner
  Gordiano Lupi. Il periodico di Yoani
  Gordiano Lupi. Conversazione con Carlos Alberto Montaner
  Gordiano Lupi alle Isole Tremiti con Carlos Alberto Montaner per “La moglie del colonnello”
  Álvaro Vargas Llosa. Una principessa tra due mondi
  Carlos Alberto Montaner. Cuba dopo Chávez
  Carlos Alberto Montaner. Quel che il Papa ha visto a Cuba
  Anna Cherubini. Le domande da fare a Montaner
  Yoani Sánchez ospite virtuale alla Fiera del Libro di Miami
  Con "La moglie del colonnello" di Carlos Alberto Montaner
  Letteratura e censura a Cuba
  Prensa Gulag. Il nuovo romanzo di Julio San Francisco
  Carlos Alberto Montaner. Benvenuto, Pablo Milanés
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy