Mercoledì , 26 Giugno 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Caro Stefano, c’è davvero bisogno di un nuovo partito? 
Lettera aperta di Giuseppe Civati
08 Agosto 2013
   

Caro Stefano (nel senso di Rodotà),

ho seguito la conferenza stampa tua, di Maurizio Landini e Gustavo Zagrebelsky. Ne ho apprezzato toni e contenuti e mi è sembrato uno dei pochi momenti nei quali si sia fatta politica, nelle ultime stravolte settimane.

Se non abbiamo idee forti, siamo morti, mi scrive un amico caro. E l’altra sera ne ho discusso con Jacopo Fo, che giustamente richiamava la politica alla concretezza che solo un cambiamento radicale di punti di vista può assicurare.

Solo mi chiedo e ti chiedo, rivolgendomi a te con la stima di sempre: dove lo facciamo, questo dibattito? Qual è l’occasione vera e largamente partecipata per discuterne? Quali modalità di emergenza (parola rovesciata in questi giorni, per le solite urgenze del solito qualcuno?) adotteremo?

Perché sono dispiaciuto, ma le nozze scozzesi (tua definizione) del M5s proseguono, nonostante il parere (altrettanto dispiaciuto) di milioni di elettori. Perché di piccole etichette a sinistra ne abbiamo già viste molte, abbiamo apprezzato albe radiose e vertiginosi tramonti.

Come sai, penso che l’unico luogo di dibattito sia il Congresso del Pd. L’unica speranza – che certo appare paradossale – di cambiare le cose in profondità. L’unico modo per non consegnare alla destra (perché questo stiamo facendo) e all’indistinto tutto il patrimonio di passioni, esperienze, anime (belle, anzi bellissime) che hanno formato una storia preziosa, da Dossetti a Berlinguer, da Pertini ai ventenni di oggi, che ci guardano con speranza e smarrimento, ma che sono giovani davvero. E liberi più di quanto lo siano state le generazioni di mezzo, nelle terre di mezzo di una politica compromissoria e inconcludente, incapace di cambiare prima di tutto se stessa.

L’unico modo per portare i diritti degli ultimi e di coloro che rischiano, che investono sul futuro, che studiano e che lavorano al governo del Paese, e non all’opposizione di un altro governissimo (o, forse, governino) così.

Vorrei un tuo parere e, te lo dico spudoratamente, vorrei contare su di te. Sarebbe un peccato disperdere e disperderci, proprio ora, senza trovare una chiave comune per cambiare. E riscattare il presente, il passato e anche il futuro.

So benissimo che è un disegno folle, secondo le consuetudini di oggi, e le convenienze di tutti e di ciascuno. Ma io penso che la sinistra proprio questo debba fare, proprio questo debba essere.

Con affetto,

pippo

(dal blog [ciwati], 8 agosto 2013)


Articoli correlati

  Lidia Menapace. Caro Stefano, che peccato!
  Stefano Rodotà. La politica del coraggio e dello sguardo sul futuro
  Carmelo Musumeci. Lutto fra gli ergastolani per la scomparsa di Stefano Rodotà
  Stefano Rodotà interviene sulla laicità e Umberto Eco sulla bruttezza
  Enrico Borg. Giustizia: Se il Pd continua a fare spallucce sui referendum
  Anche a Sondrio... è possibile
  Giulio Cavalli, Pippo Civati. Pane e primarie
  Giuseppe Civati. Lettera alla Presidente della Camera sul fine vita
  Giuseppe Civati. A proposito delle commissioni (e della legge elettorale)
  Giuseppe Civati. Errata corrige
  Carlo Troilo. Sulla eutanasia Cuperlo e Civati non sono di parola
  Amnistia: “Renzi fu durissimo contro, io sono a favore”
  Giuseppe Civati. Oggi Manifesto
  Giuseppe Civati. Breve riflessione politica sulla legge elettorale
  Sergio Staino. Voto di fiducia
  Giuseppe Civati. Nessuna forzatura sulla Costituzione
  Civati: “Sì a matrimonio egualitario, affidi e adozioni gay”
  Il PD farà le primarie anche per la scelta dei candidati al Parlamento
  Giuseppe Civati. I numeri del Senato e il referendum chiesto, non concesso
  Martina Simonini. “Non mi adeguo”. E sto con Civati
  Incontri ravvicinati della Terza Repubblica
  Sabato 29 marzo, “il giorno legale”
  Giuseppe Civati. E dopo i fantastici 5, ecco i magnifici 7
  Giuseppe Civati. La settimana degli F-35
  Giuseppe Civati. Perdere un treno pur avendo sessanta giorni a disposizione
  Giuseppe Civati. Non ci resta che scegliere (ripropost)
  Pippo Civati. Si discute nel PD: nel patto di governo riduzione spesa per F-35
  Sergio Staino
  Giuseppe Civati. Missione impossibile (ma però)
  Valentina La Terza. E come titolo il post in cui dico che voto Civati?
  Giuseppe Civati. La campagna dei bottoni
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy