Martedì , 18 Giugno 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Giuseppe Civati, Marco Pannella. Costituzione delle Commissioni: due testimonianze
10 Aprile 2013
 
Metti una sera alla Camera

 
   Ieri sera sono rimasto in aula, con il M5S che occupava, perché credo che sia venuto il momento (per la verità, il momento è arrivato già un secolo fa) di “rompere lo schema” e di provare a forzare una situazione che dallo stallo passerà presto al panico.
   Non mi interessava tanto la questione della costituzione delle commissioni, per altro molto rilevante, come ho cercato di spiegare più volte, in questa sede e nel dibattito con i colleghi: mi incuriosiva la possibilità di superare gli steccati e di parlarsi francamente, nel luogo deputato, appunto, al Parlamento (che si chiama, appunto, così, perché è sede del confronto e del dibattito, non certo della polemica e della contrapposizione).
   E, informalmente, tra i banchi degli uni e degli altri, il confronto è iniziato, con parole meno astiose e impostate, nel tentativo di provare a portare la “rottura dello schema” non solo al confronto delle forze politiche, ma al governo del Paese.
   Per fare le cose, bisogna iniziare a farle. E ciò vale per il lavoro del Parlamento, ma vale soprattutto per la politica. Perché sotto lo streaming finora c’è stato poco, pochissimo. Più una tensione nervosa (e la conseguente tenzone delle varie tifoserie), che una tensione politica. Perché oltre a parlare – come se fosse una formula omerica – di «governo del cambiamento», bisognerebbe avviare una pratica politica del cambiamento: che finora si è vista pochissimo.    Una novità che per essere tale miri alla sostanza delle questioni, non alle vuote formule del politicismo che sta travolgendo tutti quanti e, tra i primi, proprio gli esponenti del M5S.
   L’occasione è grande e grandissimo il rischio di lasciarcela sfuggire. Per fare qualcosa di tradizionale, perché questo Paese delle rivoluzioni preferisce parlare. Per farle, c’è sempre tempo. Facciamo mai?
 
Giuseppe Civati
(dal blog www.ciwati.it, 10 aprile 2013)
 
 
Hanno assolutamente ragione...

   Personalmente sono assolutamente d’accordo con l’iniziativa, la denuncia e l’obiettivo dei parlamentari del Movimento Cinque Stelle per la costituzione delle commissioni parlamentari – anche con relativa “occupazione” (soft, diciamo…) delle Camere.
   L’ha ricordato d’altra parte Marco Perduca. Noi, proprio in apertura della scorsa Legislatura, come primo atto politico, occupammo per 11 giorni tutto il giorno i locali della Commissione di vigilanza Rai, perché ne fosse messa all'ordine del giorno la composizione, che anche allora era ostaggio di veti e boicottaggi incrociati partitocratici.
   A mio avviso hanno assolutamente ragione quando dicono che il Parlamento deve poter riuscire a lavorare. Hanno ragione quando dicono che, dopo settimane dall’insediamento di Camera e Senato, le commissioni devono cominciare a funzionare. Non si può aspettare – con pretesti veramente ignobili e infami – l’elezione del Presidente della Repubblica, per far guadagnare a questa partitocrazia il tempo che riterrebbe essenziale per i propri baratti.
   Se noi fossimo in Parlamento saremmo sicuramente con loro, anche con funzioni di aiuto e di traino, viste le nostre numerose e gravi esperienze sui regolamenti parlamentari e sulla loro violazione e (non)applicazione.
 
Marco Pannella
(dalla sua pagina Facebook, 10 aprile 2013)

Articoli correlati

  “Il voto non risolve crisi politica”
  Stipendi pubblici: superare la logica del blocco indiscriminato
  Gino Songini. Il gatto e la volpe
  E. Silvestri. Europa e alterità radicale da Ernesto Rossi a Emma Bonino
  Incontri ravvicinati della Terza Repubblica
  Martina Simonini. “Donne no!”... Muppet-Quirinale
  Letta pienamente consapevole della fragilità della situazione italiana
  Giuseppe Civati. A proposito delle commissioni (e della legge elettorale)
  Gian Domenico Mazzocato. La Bindi e l'acquario
  Al Governo Scelta Civica darà un contributo riformatore
  Francesco Verducci. Abrogare il Porcellum e tornare alla “legge Mattarella”
  Bonino premier, lo propone Grillo
  Sergio Staino. Voto di fiducia
  Mauro Del Barba. Condivido volentieri una nota appena inviata dal PD...
  Marco Lombardi. Enrico Letta e la 'maxima culpa'
  Emma Bonino: “Voglio essere speranza ma non vendiamo illusioni”
  Gratitudine e sostegno alla ministra Cécile Kyenge. Un appello di “Respirare”
  Ricette veloci. 3 - Per un governo organico di legislatura
  Giuseppe Civati. Perdere un treno pur avendo sessanta giorni a disposizione
  Peppe Sini. “Una persona, un voto”. Una lettera aperta all'on. Bersani
  Serve esecutivo del pareggio, troppi partiti scherzano col fuoco
  Lidia Menapace. Il gran pasticcio
  Lidia Menapace. Se e come riformare la Costituzione
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy