Domenica , 16 Giugno 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Una storia di “giustizia” ordinaria, Giuseppe Misso
Giuseppe Misso
Giuseppe Misso 
14 Settembre 2006
 
Il testo che segue giunge ai Radicali da una cella carceraria italiana. È una cella che si trova nel carcere di Spoleto, sezione dedicata al “41 bis”, più precisamente nell’“area riservata” della sezione stessa.
In quella cella sopravvive – detenuto in attesa di giudizio - Giuseppe Misso, divenuto “Missi” per la distratta anagrafe del Comune di Napoli dell’immediato dopoguerra.
Misso, ritenuto la mente della storica rapina al Banco dei Pegni di Napoli, viene nel 1985 imputato dal pubblico ministero Piero Luigi Vigna per la strage sul treno “rapido 904”. Condannato all’ergastolo in primo grado, verrà assolto in Appello – dopo un’odissea processuale e carceraria – «per non avere commesso il fatto».
Nei lunghi anni di detenzione (sette in isolamento) lo scugnizzo del Rione Sanità riflette, s’interroga, legge i grandi testi letterari e filosofici. Arriva alla scrittura.
Nel 1999 pubblica la raccolta di poesie e prose I ragazzi del rione.
Nel 2003, per i tipi dell’Arte Tipografica di Napoli, vede la luce il suo romanzo autobiografico I Leoni di Marmo.
Nella prefazione Daniele Capezzone scrive tra l’ altro: «quel che importa è che questo non è solo un romanzo che racconta la Napoli (o l’Italia) “criminale”: semmai, e molto di più, descrive – ovviamente, dal punto di vista di Misso – la Napoli (e l’Italia) “ufficiale”».
 
Michele Capano
(da Notizie radicali, 13 settembre 2006)
 
 
Istigazione al suicidio
di Beppe Misso
 
Si chiamava Guido Cercola, nativo di Roma, giustiziato nel carcere di Sulmona. Era uno dei miei coimputati nel processo per la strage del rapido 904, ma non c’eravamo mai conosciuti; e prima di allora nemmeno sapevamo dell’esperienza l’uno dell’altro. In realtà l’accusa si basava su di un teorema alquanto sillogistico e, per certi versi, stravagante. Insomma, come succede spesso nel paese delle meraviglie, bisognava consegnare all’opinione pubblica dei colpevoli da mettere alla gogna. Vittime vive tra le vittime morte.
Nell’aula dell’Assise addobbata per le grandi occasioni, in cui veniva rappresentato l’“autodafè”, c’erano telecamere sparse un po’ ovunque e decine di giornalisti dell’intero globo. Quel luogo, a Firenze, divenne ben presto una sorta di pellegrinaggio, giacché la condanna all’ergastolo era già stata scritta ancor prima di essere pronunciata. A giorni alterni, in quell’aula, si portavano anche gruppi di scolari e boy scout guidati da inconsapevoli maestri che propinavano loro esercizi mnemonici per le facce di noi “pravi” rinchiusi nelle gabbie. Dopodiché nel processo d’Appello assolsero me e i miei amici, ma a Guido Cercola e ai suoi venne confermato il carcere a vita nonostante l’acclarata innocenza dimostrata dalle risultanze dibattimentali.
Alla lettura della sentenza, Guido Cercola rimase impietrito con lo sguardo perso nel vuoto. Con evidente imbarazzo cercai di rincuorarlo. Lui scandì le seguenti parole: «Se la Cassazione dovesse confermarmi la pena, io mi ucciderò». Non era un mafioso e dunque non dimenticò la promessa fatta a se stesso. Ma intanto la sua agonia durò vent’anni! Vent’anni scontati da innocente di cui dieci trascorsi al regime incivile del 41bis. Un po’ come accade a quei condannati in America ai quali fanno scontare lunghissimi anni di galera per poi ucciderli a sangue freddo con tutti i crismi della legalità, con la sola differenza che a Guido Cercola diedero l’onere di fare tutto da solo. Quella notte infatti, come tante altre notti, Guido Cercola vegliava nella penombra della cella. Si alzò deciso dalla branda, vergò un biglietto in cui ribadiva per l’ultima volta la sua innocenza; poi avvicinò lo sgabello alla finestra e ci salì sopra. Annodò alle sbarre e al collo le stringhe delle scarpe e coi piedi lasciò cadere lo sgabello. Nel cielo c’era una luna piena che sempre più s’ingrandiva… Nell’attimo supremo rimembrava l’immagine della sua adorata mamma quando fanciullo lo stringeva al petto e lo baciava per acquietarlo, addormentarlo...
Lo ritrovarono lì, nel piccolo bagno della cella, appeso alle sbarre, come tanti altri che l’avevano preceduto… Sembrava un fantoccio. Aveva la faccia livida e rigata di lacrime prosciugate, ma gli occhi erano chiusi.
Qualcuno disse: «Il suicidio dimostra che ci sono mali più grandi della morte».
Eppure quel grido di disperazione, di giustizia, di libertà è rimasto soffocato con lui in quella gelida cella. Quel biglietto non è stato mai pubblicato. Immobilismo assoluto, nessun moto di indignazione. Prevalse ancora una volta un colpevole silenzio mentre la sua vicenda giuridica aveva suscitato tanto scalpore. D’altronde si asseriva che c’era il rischio dell’emulazione (sic!). Di conseguenza il cadavere venne inserito nel macabro novero delle statistiche. Questi bravi Soloni intendono occuparsi solo di casi specifici da cui ricavano il proprio tornaconto politico e/o pubblicitario. Inoltre sono maestri nel ficcare il naso in faccende, seppur drammatiche, di altri Paesi e rifuggono il lezzo della propria pattumiera. Le loro verità, che vanno a propinare in giro sono sempre mediate e conformi al pensiero dominante. Il linguaggio di questi tuttologi è rigorosamente stilizzato con abbellimenti artificiali simili agli orpelli. Un filosofo sfogava la sua amarezza così: «Ma dov’è finita tutta la bontà, tutto il mio pudore e tutta la mia fede nei buoni? Dov’è finita quella mentita innocenza che possedevo una volta… L’innocenza dei buoni e delle loro nobili menzogne». Carceri fatiscenti, sovraffollamento endemico, sporcizia, promiscuità, violenza, prevaricazioni, isolamento sistematico, giustizia all’ingrosso, mancata assistenza medica e psicologica, tossicodipendenti lasciati al loro destino: naufraghi alla deriva del nulla. Tutto ciò diventa funzionale al suicidio se non proprio un’istigazione, ma non è tutto. In isolamento non c’è un pulsante per chiedere soccorso in caso di malore: si muore strozzati dal dolore. Intanto nel pianeta carcere si applica rigidamente la legge antifumo, perché il fumo uccide (?).
Il Paese dei paradossi ci porta a fare un raffronto con gli Stati Uniti d’America dove vige la spietata legge del taglione. Una popolazione di 275 milioni di abitanti per 2 milioni di detenuti con mille condanne a morte eseguite negli ultimi trent’anni. Da noi invece la pena di morte fu abolita con l’entrata in vigore del codice Zanardelli nel 1889. Il fascismo poi la reintrodusse per alcuni reati comuni. L’art. 27 della Costituzione vigente dichiara la pena di morte inammissibile, salvo per i casi previsti dalle leggi militari di guerra. Sostanzialmente, quindi, la pena di morte è stata abolita (?).
Allora perché si continua a morire dietro le sbarre con una cadenza impressionante? Chi sono i colpevoli di questa vera e propria mattanza? Ebbene dal 1990 al 2001 nelle patrie galere si sono suicidati 598 detenuti. Nel 2004, 57 suicidi e 22 morti per cause in corso di accertamenti. Dal 2005 ad oggi si sono registrate un centinaio di vittime. Purtroppo mi mancano i dati per completare la statistica degli ultimi trent’anni. Ma si può facilmente dedurre che abbiamo superato di gran lunga le mille esecuzioni capitali avvenute negli Stati Uniti. Allora perché tanta indignazione quando viene eseguita la condanna a morte in quel Paese? Perché per i nostri condannati nemmeno un briciolo di commiserazione? Bisogna ancora tacere perché c’è il rischio dell’emulazione? Ma dobbiamo ridere o piangere?
Salvo la fievole voce di Radio radicale e dei suoi, non ricordo un solo intellettuale, un giornalista, un’organizzazione umanitaria, un partito, che abbia fatto di ciò che vi ho accennato una battaglia di civiltà e di concreta difesa della vita.
Alla prossima indignazione.

Articoli correlati

  Milano. Radicali e MiLeft organizzano una fiaccolata nonviolenta
  Visita carcere Sollicciano di Firenze. Tortura di Stato!
  Renato Pierri. Dignità della persona
  Carceri. Regione Toscana istituisca urgentemente garante detenuti
  Ottenuta la pubblicazione dei dati sulle carceri
  Radio Carcere. Il voto inutile
  Vetrina/ 2. Letti
  Carceri. Il decreto-legge della ministra Cancellieri è in vigore da oggi
  Carceri/Prato: suicidio marocchino. Si faccia luce subito
  Marco Pannella e Rita Bernardini trascorreranno la notte di Capodanno nel carcere di Padova
  Vetrina/ 1. Centinaia
  Carcere e transessuali. La struttura di Empoli, già pronta, non parte? Interrogazione
  Valter Vecellio. La terrificante situazione carceraria
  Amnistia/Carceri. Raccolte le firme per la convocazione straordinaria della Camera dei deputati - Il sindaco di Roma Walter Veltroni aderisce alla Marcia di Natale
  La giustizia nel paese di Alice
  Carcere Sollicciano. Grande senso di responsabilità della comunità penitenziaria. Lo scandalo della carenza di organico
  Carceri. Radicali su detenuto iracheno morto per sciopero della fame a L'Aquila
  Carceri assassine: è avvenuto oggi il primo suicidio del 2014
  Carcere di Arezzo. Dopo l'ispezione del 14 agosto e la rivolta del 15, nuova ispezione il 18 agosto
  Solliciano: “Ci appelliamo a Comune e Regione perché certi di attenzione”
  "Ferragosto in carcere"
  “Detenuto Ignoto”: Basta strage continua! 2010 sia anno di riforme agognate
  Claudia Osmetti. Abuso cautelare
  Rita Bernardini. Car­ce­ri, risolto il pro­ble­ma con la 117?
  Ferragosto in carcere. Con Donatella Poretti, la delegazione radicale in visita alla casa circondariale di Arezzo
  Anche Sondrio fra le visite del secondo ferragosto in carcere
  Staderini e Perduca. Carcere Grosseto struttura vecchia da dismettere
  Valter Vecellio. Ancora un tentato suicidio in carcere. Il flop del vaccino virus A/H1N1
  Vincenzo Donvito. Tossicodipendenza e carcere: L'Italia è un Paese in cui il binomio vuol dire morte...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Per un impiccato in cella d’isolamento
  Carcere Arezzo. Nuova visita ispettiva dopo la rivolta e alcuni risultati si ottengono
  Amnistia, giustizia e libertà: così il Garante dei detenuti di Sondrio
  Rita Bernardini. Ecco perché proseguo il satyagraha
  Michele Minorita. Carceri: il nulla del ministro Alfano, la demagogia di Lega e Italia dei Valori
  Sollicciano: Senatori Radicali si appellano a Rossi, Renzi e Gheri perché vengano garantiti corsi scolastici
  Carceri. Che fine ha fatto il ddl Alfano?
  Roberto Fantini. Ancora suicidi nelle carceri italiane
  In una scuola di criminalità il sovraffollamento è sempre l'emergenza
  Carceri. Tentativi di suicidio e atti di autolesionismo a Sanremo. Interrogazione
  Guido Biancardi. La Gomorra carceraria
  Quando la vita è una “domandina”
  Carceri. Appello ad autorità locali perché visitino Sollicciano
  Benedetto Della Vedova. Carceri: quando il controcanto è leghista...
  Valter Vecellio. Fatti e cifre di un’emergenza colpevolmente ignorata
  Carcere di San Sebastiano. Ci mancava solo la mancanza d'acqua!
  Vetrina/ 4. Supplizio
  Carceri. Ferragosto e la necessità di assumersi le responsabilità di un sistema illegale
  “AMNISTIA PER NATALE”
  La lettera del Comitato Marcia di Natale
  Detenuto autolesionista dato per espatriato da Firenze in Marocco... è in carcere ad Arezzo
  Valter Vecellio. Diario del digiuno. 4
  Giustizia-carcere. È il sito del ministero di Giustizia? No, è quello di “Scherzi a parte”. Cliccare per credere
  Valter Vecellio. Carcere, nucleare, morti sul lavoro, terremoto in Abruzzo, dissenso in Cina... nessuna notizia
  Pannella si rivolge a Prodi per una grande marcia di Natale per l'amnistia, la giustizia e la libertà
  Claudia Osmetti. Mettere mano al portafoglio per non farlo alla coscienza
  Carcere e carenza di soldi. Interrogazione
  Ferragosto in carcere. Domani 15 agosto a Volterra con Donatella Poretti
  Il "Palazzo" affossa amnistia e indulto
  Caso Cucchi. Ci voleva il morto per modificare una disposizione disumana
  Siamo su “Scherzi a parte”?
  Carcere di Volterra. Un istituto che nonostante sia in Italia rispetta la legge e la Costituzione
  Detenuto malato si uccide a San Vittore. Perché stava in quella cella?
  Carceri. Tre morti per pestaggi in un mese
  Rita Bernardini. Signor presidente del Consiglio, si faccia un giro nelle carceri italiane…
  AMNISTIA. Dalla mezzanotte di oggi una giornata di digiuno a favore di un atto di clemenza
  Tredicesimo giorno di sciopero della fame di Marco Pannella
  Vetrina/ 3. È qui
  Alessandro Gallucci. Carceri di Puglia: si continua a morire. Urgente la nomina del garante dei detenuti
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy