Sabato , 04 Luglio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò Madama [ARCHIVIO 06-12]
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Aborto ‘terapeutico’, un diritto sempre meno garantito. Interrogazione
04 Febbraio 2009
 

La legge 194/1978, laddove prevede che tutti gli enti ospedalieri siano tenuti a garantire le interruzione volontarie di gravidanza, è da tempo disapplicata a causa dell’alto numero di medici obiettori, quasi il 70% in Italia. La situazione è particolarmente drammatica per quanto riguarda le Ivg dopo i 90 giorni (cosiddetto ‘aborto terapeutico’): se infatti aumentano le donne che vi fanno ricorso anche a seguito di nuove tecniche di diagnosi prenatale, non aumentano le strutture disponibili a causa della dispersione del già basso numero di medici non obiettori.

Infatti, se un ospedale può concentrare in poche sedute le IVG entro i 90 giorni, per le IVG dopo i 90 giorni la presenza di uno o due medici non obiettori non permette il regolare svolgimento del servizio, in quanto l’induzione farmacologica con le prostaglandine necessita di una somministrazione su più turni continuativi di servizio. Come conseguenza molte strutture che garantiscono un limitato servizio di IVG entro i 90 giorni non forniscono il servizio di IVG dopo i 90 giorni.

E così si moltiplicano i casi di donne che sono costrette a lunghe ed estenuanti ricerche di un ospedale disponibile a praticare l’aborto terapeutico. Da alcune segnalazioni giunte all'Associazione Luca Coscioni e riportate in diversi organi di stampa, risulta che a Roma le IVG dopo 90 giorni siano praticate da soli 11 ginecologi ed in sole quattro strutture. In Piemonte oltre il 90% delle IVG dopo il 90mo giorno è praticato presso una singola struttura, il Sant’Anna di Torino. E la situazione è simile in tutte le altre regioni.

Per garantire una maggiore continuità del servizio, una migliore qualità delle prestazioni ed una maggiore aderenza alle previsioni della legge, come per ogni altro tipo di prestazione sanitaria, il numero di interventi e il numero di operatori effettuati in ogni struttura è importante.

A questo fine, insieme al sen. Marco Perduca ho presentato una interrogazione al ministro del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali, chiedendo innanzi tutto che nella prossima Relazione annuale al Parlamento sulla legge 194 vengano inseriti i dati relativi alle Ivg dopo i 90 giorni e il numero di medici obiettori e non per ciascuna struttura dotata di una divisione di Ostetricia e Ginecologia. Inoltre, abbiamo chiesto al ministro se non intenda agire con urgenza, anche presso le Regioni, affinché nell’ambito di una programmazione regionale le interruzioni volontarie di gravidanza siano effettuate solo in alcuni ospedali di secondo e terzo livello distribuiti in modo uniforme sul territorio, garantendo la presenza di almeno il 50% di medici e personale non obiettore.

 

Donatella Poretti

 

 

Qui il testo dell'interrogazione


Articoli correlati

  Mirella Parachini. Aborto: Lorenzin bada ai numeri e non alla qualità delle Ivg
  Milano. Legge 194: cosa vogliono le donne
  Aborto/sepoltura. Il Consiglio regionale della Lombardia cerca disperatamente di scardinare la legge 194 e i diritti delle donne
  Legge 194: applichiamola! Incontro a Sondrio, Sabato 21
  Abortire in Svizzera? Ru486, privacy e senza tempi di attesa. Interrogazione
  Relazione legge 194: il ministero la presenta al Parlamento con 5 mesi di ritardo, con dati 2009 e a Camere chiuse!
  Associazione Coscioni. Aborto: “Sosteniamo le donne spagnole per la libertà di scelta”
  Relazione annuale sulla 194. Meno IVG e più obiettori. Dubbi
  194 pensieri di libertà
  Ru486: Aifa autorizza, Roccella di lotta o di governo?
  Legge 194. Funzionerà ancora meglio grazie all'Europa
  Legge 194. Quanti sono i ginecologi italiani obiettori di coscienza?
  Benedetto XVI e divieto di contraccezione. I maestri senza maestria e l'imprudenza diffusa
  Emma Bonino, Filomena Gallo. Aborto. Definizione di embrione a suo uso e consumo ideologico
  Aborto. Relazione al Parlamento del ministero della Giustizia... e quella del ministero della Salute?
  Aborto/Ru486. A quando anche in Italia ed evitare i pericoli di una illegalità crescente? Interrogazione
  Roma. L’obiezione di coscienza e l’applicazione della 194
  Legge 194 impraticabile: Cosa aspetta il Governo a presentare la relazione al Parlamento?
  USCIAMO DAL SILENZIO. “Il mio 14 gennaio”
  Giuseppe Civati. Ancora sulla questione maschile
  “L'Italia viola i diritti delle donne che intendono inter­rom­pe­re la gravidanza”
  Sabrina Ancarola. Cimitero dei feti a Firenze: scelta raccapricciante
  Potenza, CAV fuori dai reparti di ginecologia e ostreticia
  I senatori Poretti e Perduca sul caso di Arezzo: “I medici tutti obiettori?”
  Aborto e nuove linee guida. Un test per il ministero della Salute: laico o clericale?
  Ru486: Sacconi e la crociata contro le donne
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy