Martedì , 11 Agosto 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Roma. L’obiezione di coscienza e l’applicazione della 194 
Un incontro-dibattito sabato 25 febbraio, con presentazione del volume di Chiara Lalli
22 Febbraio 2012
 

L’Associazione Luca Coscioni
per la libertà di ricerca scientifica

presenta

L’obiezione di coscienza
e l’applicazione della 194

Dibattito in occasione della presentazione di

 

C’è chi dice no. Dalla leva all’aborto come cambia l’obiezione di coscienza, di Chiara Lalli

 

Sabato 25 febbraio, ore 10,

Palazzo Valentini, Sala della Pace,

via IV Novembre, 119/a, Roma

 

Oggi di obiezione di coscienza si parla soprattutto in campo sanitario, in particolare rispetto alla interruzione volontaria di gravidanza.

L’obiezione di coscienza ha subìto un profondo cambiamento semantico, consacrato quando è entrata come diritto positivo nelle leggi italiane: prima con il servizio civile alternativo alla leva, poi con la legge 194 sulla interruzione volontaria di gravidanza e la legge 40 sulle tecniche riproduttive.

Fino ad allora chi sceglieva l’obiezione di coscienza si opponeva a una legge, a un divieto o a una imposizione. Era un reo. Poi sono stati tracciati dei confini legali. Una specie di riserva in cui gli obiettori potevano essere addomesticati. L’obiezione di coscienza è entrata nel sistema normativo e l’obiettore, seppure a certe condizioni, è stato autorizzato dalla legge.

L’obiezione di coscienza è un esempio illuminante dei rapporti tra le scelte individuali e le leggi dello Stato; tra l’ambito normativo e lo spazio della nostra morale. La libertà di scelta altrui non è minacciata dalla decisione dell’obiettore genuino, se non in un senso debole per cui ogni nostra azione riguarda anche gli altri. Il conflitto non è tra un singolo e l’altro, ma tra un singolo e l’obbligo di rispettare un divieto o un ordine la cui violazione non lede il diritto di qualcuno. Anteporre un dovere morale a una legge comporta però un prezzo da pagare, spesso molto alto. L’obiezione di coscienza, inoltre, è una azione pacifica e individuale.

Il profilo dell’obiettore ha subìto negli ultimi anni un vero e proprio stravolgimento. È frequente che lo scontro sia tra un singolo e l’altro: i medici che non vogliono eseguire aborti per ragioni di coscienza entrano direttamente e personalmente in conflitto con le donne che richiedono quel servizio previsto dalla legge 194.

La manipolazione del suo significato è compiuta: l’obiezione di coscienza è spesso brandita come arma contro l’esercizio delle singole volontà. È un destino buffo per uno strumento dal sapore liberale e libertario, più affine all’individualismo e alla disobbedienza civile che all’autoritarismo e al moralismo legale.

La discussione è oggi tanto più urgente perché secondo l’ultima relazione sull’applicazione della 194 la media nazionale di obiettori supera il 70%, con punte di oltre il 90.

Non possiamo più eludere alcune domande: come può funzionare un servizio fiaccato dal 75% di defezioni? È giusto scegliere una professione e poi chiedere un esonero? E se tutti gli operatori fosse obiettori, come sarebbe garantita l’applicazione della 194? Perché l’obiezione di coscienza dovrebbe valere solo per i medici, e non per gli avvocati, i giudici o le forze dell’ordine?

 

Filomena Gallo, Segretario dell’Associazione Luca Coscioni

Mirella Parachini, Membro di direzione dell’Associazione Coscioni, vice Presidente FIAPAC

 

 

PROGRAMMA

 

L’Associazione Luca Coscioni presenta

L’obiezione di coscienza e l’applicazione della 194

Dibattito in occasione della presentazione di
C’è chi dice no. Dalla leva all’aborto
come cambia l’obiezione di coscienza
, di Chiara Lalli

(Il Saggiatore, 2011, pagg. 233, € 19)

 

Sabato 25 febbraio, ore 10, Palazzo Valentini,
Sala della Pace, via IV Novembre, 119/a, Roma

 

Modera: Mario Pappagallo, giornalista del Corriere della Sera

 

Insieme all’autrice intervengono:

Rocco Berardo, consigliere Regione Lazio, lista Bonino Pannella
Filomena Gallo, avvocato, Segretario dell’Associazione Luca Coscioni
Mirella Parachini, ginecologo, vice Presidente FIAPAC, membro della direzione dell’Associazione Luca Coscioni
Mario Puiatti, presidente AIED
 

Conclude: Emma Bonino, vice Presidente del Senato

 

Associazione Luca Coscioni
per la libertà di ricerca scientifica


Articoli correlati

  Aborto. Relazione al Parlamento del ministero della Giustizia... e quella del ministero della Salute?
  Sabrina Ancarola. Cimitero dei feti a Firenze: scelta raccapricciante
  Giuseppe Civati. Ancora sulla questione maschile
  Milano. Legge 194: cosa vogliono le donne
  Ru486: Aifa autorizza, Roccella di lotta o di governo?
  Ru486: Sacconi e la crociata contro le donne
  Abortire in Svizzera? Ru486, privacy e senza tempi di attesa. Interrogazione
  Relazione annuale sulla 194. Meno IVG e più obiettori. Dubbi
  194 pensieri di libertà
  Legge 194. Quanti sono i ginecologi italiani obiettori di coscienza?
  Legge 194: applichiamola! Incontro a Sondrio, Sabato 21
  Aborto/Ru486. A quando anche in Italia ed evitare i pericoli di una illegalità crescente? Interrogazione
  Benedetto XVI e divieto di contraccezione. I maestri senza maestria e l'imprudenza diffusa
  Aborto ‘terapeutico’, un diritto sempre meno garantito. Interrogazione
  USCIAMO DAL SILENZIO. “Il mio 14 gennaio”
  Potenza, CAV fuori dai reparti di ginecologia e ostreticia
  Aborto e nuove linee guida. Un test per il ministero della Salute: laico o clericale?
  Legge 194. Funzionerà ancora meglio grazie all'Europa
  “L'Italia viola i diritti delle donne che intendono inter­rom­pe­re la gravidanza”
  Legge 194 impraticabile: Cosa aspetta il Governo a presentare la relazione al Parlamento?
  Emma Bonino, Filomena Gallo. Aborto. Definizione di embrione a suo uso e consumo ideologico
  Relazione legge 194: il ministero la presenta al Parlamento con 5 mesi di ritardo, con dati 2009 e a Camere chiuse!
  I senatori Poretti e Perduca sul caso di Arezzo: “I medici tutti obiettori?”
  Aborto/sepoltura. Il Consiglio regionale della Lombardia cerca disperatamente di scardinare la legge 194 e i diritti delle donne
  Mirella Parachini. Aborto: Lorenzin bada ai numeri e non alla qualità delle Ivg
  Associazione Coscioni. Aborto: “Sosteniamo le donne spagnole per la libertà di scelta”
  Valter Vecellio. Moratoria aborto: ma di che stiamo parlando?
  Aborto/RU486. Quello farmacologico è legale e non più procrastinabile
  Aborto. Vaticano e convertiti auspicano ritorno al clandestino?
  UDI Napoli. “Vis-à-vis” • Le manifestazioni di San Valentino • Oggi a Padova
  Ru486: Sacconi ha letto la sua relazione al Parlamento sull'aborto farmacologico?
  Aborto. Il silenzio dei neonatologi italiani
  Aborto. La contraccezione è l'unica moratoria
  I poliziotti e il feticidio. La campagna contro la 194 raccoglie i primi frutti
  Maistat@zitt@. Napoli: abiezione di coscienza
  Per parlar di 194
  Alice Suella: Sono d'accordo con Giuliano Ferrara.
  Rita Bernardini. Aborto: solo ipocrisia dai crociati della vita
  Bruna Spagnuolo: Selezione della specie. Sull'aborto.
  Incognite del voto, bullismo e 194
  Marco Cappato. Il voto contro l'aborto è quello alla lista Bonino-Pannella
  Mozione per la procreazione cosciente e responsabile
  Libertà della donna secondo Ruini
  Marco Pannella. Sulle dichiarazioni quotidiane di questo Papa...
  Maria Antonietta Farina Coscioni. Le linee di Formigoni sull'aborto sono illegittime
  26 settembre, giornata mondiale della contraccezione
  Piero Welby. Un anno dopo. Dibattito sui Dilemmi della bioetica
  Conservazione delle cellule staminali cordonali. Chiara Lalli intervista Irene Martini
  Chiara Lalli. “Dilemmi della Bioetica”
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.2%
NO
 25.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy