Venerdì , 18 Ottobre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
USCIAMO DAL SILENZIO. “Il mio 14 gennaio” 
Nuovo appuntamento a Sondrio per Lunedì 23 gennaio
19 Gennaio 2006
 

Tutto è cominciato con una mail...

Una giornalista, Assunta Sarlo, la indirizza alle donne che conosce per chiedere di pensare a qualcosa che possa farci uscire dal silenzio. Tema: la legge 194 del 1978.

L’appello è giunto anche in Valtellina. Infatti, i primi di gennaio ho ricevuto una mail con questo invito:


QUANDO USCIRE DAL SILENZIO È NECESSARIO

Contemporaneamente ci siamo dette: uscire dal silenzio qualche volta è necessario.

Ci sono tra noi donne che negli anni ’70 s’interrogavano su di sé in modi diversi, sia impegnandosi per il referendum sul divorzio e poi sulla 194, per i consultori liberi e gratuiti, sia approfondendo anche attraverso l’autocoscienza la propria distanza dai ruoli femminili precostituiti.

Oggi si reincontrano con donne giovani, le nostre figlie, che beneficiano di una libertà femminile che gira per il mondo, e tuttavia sono con noi preoccupate che qualcosa possa cambiare in peggio.

Di questa libertà fa parte il nostro comune convincimento che non si possa obbligare una donna a diventare madre e che la relazione materna, indispensabile alla vita umana, si stabilisce nell’attimo in cui lei l’accetta.

Ci si dimentica che, in questi anni, la più valida prevenzione contro l’aborto l’ha fatta il movimento delle donne incoraggiando la nostra autonomia nei confronti della sessualità maschile e togliendo la vergogna tipicamente patriarcale, sia clericale sia borghese, che fino a tempi recenti colpiva la donna non sposata che restava incinta.

Protervia, ipocrisia e strumentalità partitica sorreggono invece un attacco che potrebbe far attecchire anche da noi movimenti e posizioni oltranzistiche antiabortiste di stile americano, violente ed estremistiche, ma soprattutto molto distanti dalla vita e dalla coscienza reale delle donne.

Usciamo dal silenzio per far sentire la voce di una libertà femminile, che non può essere strumentalizzata, per dire che con essa è in gioco la qualità dei rapporti tra uomini e donne, della loro convivenza e di quella del mondo che condividiamo: per questo invitiamo anche gli uomini a coinvolgersi.

T’invitiamo a incontrarci per parlarne, per trovare i modi di far sentire la voce della libertà femminile in Valtellina e costruire l’adesione alla manifestazione delle donne a Milano del 14 gennaio 2006,

Lunedì 9 gennaio alle ore 17 presso la sede della CGIL di Sondrio, Via Petrini.

Estendi questo invito alle amiche, alle conoscenti interessate.

Sondrio, dicembre 2005

Anna, Cristina, Marina, Maurae ancora


Ho accettato l’invito e ho partecipato all’incontro. Eravamo una quarantina di donne, alcune già le conoscevo. Siamo state insieme per tre ore parlando delle nostre esperienze e condividendo che c’è bisogno di fare una vera politica delle donne e degli uomini, e per fare ciò ognuno di noi deve partire da se stessa.

Abbiamo fissato il prossimo incontro, perché tutto non sia perso, per Lunedì 23 gennaio, alle 17:00, sempre alla sede della CGIL di Sondrio (via Petrini).

Sabato 14 gennaio siamo partite alla volta di Milano, alcune con il treno, altre con il pullman organizzato dalla Cgil; alle 13:30 arrivo a Milano. Partenza alle 14 da Piazza Duca D’Aosta, arrivo in piazza Duomo dove sarà Ottavia Piccolo a salutare il corteo e a coordinare gli interventi e le testimonianze dal palco.

Eravamo tantissime, la giornata era splendida, c’erano striscioni molto simpatici come per esempio «BENEDETTO… il giorno che te ne starai zitto»; oppure: «SE TUTTO VA BENE SAREMO RUINATI»; oppure ancora «PIÙ PRATI MENO PRETI».

Io e altri amici eravamo con lo striscione di Scuola e Diritti che diceva: «Sì alla scuola laica, no a una scuola confessionale», perché una delle mie paure è “come saranno le bambine di domani quando usciranno da una scuola così confessionale e conformista?”

Non ho tanta fiducia che i politici, dall’alto dei loro cadreghini, ci ascoltino ed è per questo che dobbiamo essere noi a stare più attente ad ogni minimo attacco alla libertà individuale, ribellandoci e non genuflettendoci.

Per chi è interessata ci vediamo il 23 gennaio.


Antonella


Foto allegate

Articoli correlati

  Aborto/sepoltura. Il Consiglio regionale della Lombardia cerca disperatamente di scardinare la legge 194 e i diritti delle donne
  Legge 194. Quanti sono i ginecologi italiani obiettori di coscienza?
  Ru486: Sacconi e la crociata contro le donne
  194 pensieri di libertà
  Aborto/Ru486. A quando anche in Italia ed evitare i pericoli di una illegalità crescente? Interrogazione
  Abortire in Svizzera? Ru486, privacy e senza tempi di attesa. Interrogazione
  Relazione legge 194: il ministero la presenta al Parlamento con 5 mesi di ritardo, con dati 2009 e a Camere chiuse!
  “L'Italia viola i diritti delle donne che intendono inter­rom­pe­re la gravidanza”
  Legge 194: applichiamola! Incontro a Sondrio, Sabato 21
  I senatori Poretti e Perduca sul caso di Arezzo: “I medici tutti obiettori?”
  Potenza, CAV fuori dai reparti di ginecologia e ostreticia
  Emma Bonino, Filomena Gallo. Aborto. Definizione di embrione a suo uso e consumo ideologico
  Giuseppe Civati. Ancora sulla questione maschile
  Associazione Coscioni. Aborto: “Sosteniamo le donne spagnole per la libertà di scelta”
  Roma. L’obiezione di coscienza e l’applicazione della 194
  Mirella Parachini. Aborto: Lorenzin bada ai numeri e non alla qualità delle Ivg
  Legge 194. Funzionerà ancora meglio grazie all'Europa
  Aborto ‘terapeutico’, un diritto sempre meno garantito. Interrogazione
  Benedetto XVI e divieto di contraccezione. I maestri senza maestria e l'imprudenza diffusa
  Ru486: Aifa autorizza, Roccella di lotta o di governo?
  Sabrina Ancarola. Cimitero dei feti a Firenze: scelta raccapricciante
  Milano. Legge 194: cosa vogliono le donne
  Legge 194 impraticabile: Cosa aspetta il Governo a presentare la relazione al Parlamento?
  Aborto e nuove linee guida. Un test per il ministero della Salute: laico o clericale?
  Relazione annuale sulla 194. Meno IVG e più obiettori. Dubbi
  Aborto. Relazione al Parlamento del ministero della Giustizia... e quella del ministero della Salute?
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.5%
NO
 24.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy