Domenica , 26 Settembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Calamaro gigante
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Doriana Goracci: Il mio urlo oggi dentro altri urli. Racconto illustrato
15 Marzo 2009
 

«L’appello che facciamo ai più giovani in questa stagione è di accettare non solo lavori coerenti con il percorso di studio fatto».

Quando la stagione si fece per me matura, era giugno del 1973, lavoravo come commessa, baby sitter, supplente in palestra, assicuratrice, ripetizioni, comparsa… tutto quello che mi poteva dare soldi, in nero, per pagarmi l’università a Lettere, acquistare libri dischi e fare “vacanza” con zaino in spalla e autostop e scrivere poesie, piccole libertà da non vendere a nessuno, accettai un lavoro non coerente con il mio “profilo”.

 

Mi trovai, l’unica raccomandazione che fece mio padre nella sua vita, a varcare il portone della Banca Commerciale Italiana a Roma, anziché la Redazione del Paese Sera, in cronaca. Al niente ma forse domani, accettai felice il subito di 120.000 lire mai viste prima in un solo mese, sarei rimasta poco mi dissi e furono più di 30 anni.

Ma la passione per l’arte, che fa vivere e non campare e non fa mai male a nessuno, continuò come gli studi sulla e della poesia.

Fu così che nel 1979 dal Recinto delle Grida di Piazza di Pietra a Roma dove andavo a bussare foglietti alle spalle dei procuratori degli Agenti di cambio o telefonavo per passare gli Ordini, approdai in un fine settimana a Castel Porziano per il Festival dei Poeti, recitava Allen Ginsberg, l’Urlo, accompagnato al banjo da Peter Orlowski.

Ero tra ventimila almeno sul litorale romano, sotto ai piedi la sabbia, tra fumi di ogni genere alimentare e di piacere dei sensi, ed io non ero già più una precaria, mi stavo garantendo il futuro ascoltando poesia e odori con cui far campare la mente.

Ginsberg lanciò ad una folla straripante il suo Om e iniziò Howl, come aveva già fatto la prima volta nel 1955 a San Francisco: «Ho visto le menti migliori della mia generazione distrutte dalla pazzia…». Avevo già un figlio e con suo padre andammo in trance ad un’altra estate romana nel 1982, Frank Zappa al Mattatoio in Stevie’s Spanking. Lui, il Frank americano, italiano, greco, arabo, francese… Oggi che è morto, c’è la sua compagna di vita che ci fa entrare in cantina, ha aperto la porta del mondo di Frank che non la chiudeva mai, basta provare ad aprirla: qui.

 

Cominciarono in Italia gli anni da bere, quelli che ce la davano a tutte e tutti la ricchezza e la libertà di fotterci.

I miei figli sono cresciuti in questa Cultura Precaria come i vostri, come quelli di chi non ce l’ha e se li trova attorno e non ci sono grida ma solo recinti dove urlare, li chiamano luoghi di contenzione, di controllo per la nostra messa in sicurezza, intrattenimento ed identificazione del consumo.

Avremmo sentito nel tempo, noi giovani di ieri e quelli di oggi altri mantra e altri Om, primordiali, trasformati in Urla del Nuovo Ordine Mondiale.

Torna l’Incubo ad Aria Condizionata dove “I ciechi guidano i ciechi. Èil sistema democratico” in Crisi energetica al punto da far perdere il significato della propria esistenza e dignità di persona.

E non scordo parlando dell’America, l’Italia.

 

Il Ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi, in conferenza stampa a palazzo Chigi dice: «Nel curriculum di una persona, di un giovane in particolare, peserà nel dopo crisi anche la sua capacità di essersi messo in gioco, di aver accettato anche un lavoro manuale, umile. Conterà nel suo curriculum se è stato disponibile a svolgere un lavoro anche semplice con il quale ha imparato ad essere responsabile di una mansione, a raggiungere un risultato. Certo se è laureato in scienza della comunicazione non è che abbia molto appeal».

Ha ragione questo “signore”, (Un pentito fra i più miserabile del panorama politico italiano), che non può più offrire garofani socialisti, torniamo ad essere umili e semplici, diciamo Addio Mamma Roma. Pensiamo piuttosto al potere della nostra creatività, qualunque essa sia, per essere fuori da questo Incubo e avere un risultato, uno solo, la riappropriazione della vita e il “lavoro” su noi stessi, per liberarci, per essere belli e coerenti, qualunque sia la nostra stagione ed età e provenienza. Buon lavoro, Buon cammino, Latcho Drom! 

 

Doriana Goracci


Articoli correlati

  Doriana Goracci: Capitalismo oggi e “Manifesto per una nuova politica” di Paolo De Gregori
  Doriana Goracci: Frammenti di lettere d'amore dal web a Tellusfolio
  Doriana Goracci: Con "Gracias a la vida" alla manifestazione antirazzista. Roma 17 ottobre
  In morte di un blogger il Primo Maggio. Ricordo di Giuseppe Gatì. Musica di Fabrizio De Andrè
  Doriana Goracci: Verba volant sisma manent. Militarizzazione per il G8 all'Aquila
  Doriana Goracci: Altezza pura e impura e altre vicende papali papali
  Doriana Goracci: Anti-Clericale Anti-Giuliano Anti-Ferrara per l’autonomia della donna
  Doriana Goracci: Corpi sofferenti scritti - fotografati - cantati. Berlusconi - Mastrogiovanni - Gaber
  Storia e apprensioni di Beritan Gulmez raccolte da Doriana Goracci
  Doriana Goracci: Perversa proposta del ministro Brunetta sulle donne in pensione a 65 anni
  Doriana Goracci: Che il cenone di fine anno porti consiglio ad Obama!
  Doriana Goracci: Madonna porterà aiuto ai terremotati dell’Abruzzo
  Doriana Goracci: Voci della banda eversiva per l'alimentazione forzata di Eluana Eglaro
  Doriana Goracci. Intrufolando Badanti e Bavaglioli in disavanzo
  Doriana Goracci: Barbara Matera e le donne dei fornelli prese per i fondelli
  Doriana Goracci: Avere e non avere C.A.S.E. all’Aquila
  Doriana Goracci: Sabatino Catapano vivo per Francesco Mastrogiovanni morto
  Dorian Goracci: Tracce di letture e di vite per il 25 Aprile. Nuova Resistenza
  Doriana Goracci: Assolti chi massacrò a Genova per il G8. Condannati i manifestanti.
  Doriana Goracci: Ricordando la strage di soldati italiani a Kabul e della verità sulla guerra.
  Doriana Goracci: Carte Revolver e Taranta Precaria ai vertici legali dell'American Express Italia?
  Doriana Goracci: Razzismo vecchio e nuovo. Una mappa per il web a febbraio.
  Doriana Goracci: Javier Lozano Barragan in pillola per il giorno dopo ogni inquisizione
  Doriana Goracci: Panegirico sugli assorbenti e altre liquide presenze
  Doriana Goracci: Processi che vanno e vengono nella storia nelle biografie.
  Doriana Goracci: Stando in famiglia. Sul Caso Marrazzo con dintorni sessuali e materiali
  Sul 25 novembre Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne
  Doriana Goracci: Un nipote e due sentenze, Genova Scuola Diaz e Eluana Eglaro
  Tutto ma proprio tutto quello che dovete sapere. Sulla morte di Eluana, su Stasi e il porno…
  Doriana Goracci: Nazifascisti a Milano con Roberto Fiore
  Vittorio Oliva: GPL - Testimonianza raccolta da Doriana Goracci.
  Doriana Goracci: La militarizzazione in Abruzzo contro il G8.
  Doriana Goracci: Giornata della Memoria con Gaza e Lucca nel tempo storico presente
  Doriana Goracci: il bacio e il sangue. Con superlativi video...
  Doriana Goracci. Su eventi di economia e di nornale idiozia politico-televisiva (Gelmini-Miss Italia)
  Doriana Goracci: Stragi di uomini, di bambini, della libertà di stampa…
  Doriana Goracci: L'inferno di Viareggio, inferno con GPL e treni ferrovecchio
  Doriana Goracci: Fede e papi come sceneggiatura filmica continua.
  Doriana Goracci / Vincenzo Serra: Appesi. In morte di Francesco Mastrogiovanni
  Doriana Goracci: L’archivio di Dario Bellezza all’asta e dire poesia gay offende e basta…
  Doriana Goracci, Vincenza Perilli: Storia di una donna migrante. Oblò Mondo 9
  Da una tenda abruzzese. Quello che la Rai non fa vedere, che i giornali non dicono
  Doriana Goracci: Terremoto a sorpresa? rilevazioni annunciavano sua presa.
  Doriana Goracci: Congo e vaccini, Congo e mitraglia. Oblò Mondo 10
  Doriana Goracci: Piccolo requiem anarchico per Michele
  Doriana Goracci: In materia di migrazioni povere e ricche
  Doriana Goracci. Benedetto XVI a Viterbo il 6 settembre 2009. Impressioni Web
  La storia di Barbara insegnante precaria siciliana sulle scale del Ministero
  Doriana Goracci: l’8 marzo di un arcivescovo brasiliano e del Vaticano
  Doriana Goracci. Pulitori d'Italia
 
 
Immagini correlate

 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy