Mercoledì , 08 Dicembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Obiettivo educazione
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Anna Lanzetta: Uniti contro ogni violenza come educatori.
18 Febbraio 2009
 

Siamo diventati una società di violenti? La violenza chiama violenza. -Il male non è di chi lo fa ma di chi lo subisce-. Quando la convivenza pacifica cede il passo alla violenza più spietata bisogna che la riflessione ci riconduca tutti alla ragionevolezza, per non perdere del tutto la razionalità che ci distingue dalla pura forma bruta. Se crediamo di essere ancora in tempo per riprenderci la nostra autorità su noi stessi, per dire -no- a quella violenza verbale che ci ha irretito e che giorno dopo giorno ci rende complici di una mentalità votata alla violenza che mai è stata nostra, dobbiamo consorziarci e agire, prima di venirne inghiottiti senza rimedio.

  

È necessario fare un mea culpa che ci ponga di fronte a un interrogativo che richiede da parte nostra una risposta immediata: siamo veramente violenti? Ci riconosciamo in questa espressione che è segno evidente di inciviltà? La violenza fa parte ormai della nostra quotidianità e, strisciando lugubremente, ci ha diviso sul piano umano, mostrandoci una diversità costruita sul pregiudizio che ci porta ad essere vittime e giustizieri. Perché la violenza dilaga oggi più di ieri e crea in tutti noi paura, diffidenza e timore? Perché siamo diventati guardinghi, timorosi e accusatori di coloro con i quali fino a ieri abbiamo convissuto tranquillamente? Il troppo parlare di diversità inculca il pregiudizio e lo fomenta! Leggi e decreti non servono a frenare la violenza, bisogna prima risanare il rapporto di comunicazione e di rispetto con noi stessi e con tutti gli altri; un rapporto che al momento risulta sordo e inesistente e che amplia a dismisura le discrepanze visibili nella nostra integrità. Ma i più compromessi sono i ragazzi e i giovani sia nell’agire che nel subire ed è questo ciò che ci obbliga a riflettere, prima che il tutto precipiti. È nostro il compito di educare, nostra la responsabilità di non fomentare la violenza, visto che si marcia su stupri e su altre forme gravi di violenza che sembra entrata, come standard, nel nostro sistema di vita.

 

Si chiede più sicurezza che al momento non c’è, più rispetto per le diversità, meno arroganza da parte di chi fomentando, crede in tal modo, di conquistarsi fiducia e merito, ma essenzialmente l’invito è a ritrovare il dialogo tra tutti i componenti della nostra società. Ci siamo immessi in un vicolo cieco e trasportati da parole che ci invitano ad essere -cattivi-, non abbiamo ancora compreso il danno gravissimo che abbiamo procurato a noi stessi, agli altri ma essenzialmente alla fascia di età più esposta, più fragile, -senza confini e senza colori-, che legge il messaggio come invito ad agire e nella maniera più efferata. Non è più tempo di meravigliarci. Non più il tempo di accusare e di rispondere con la violenza. L’invito è a ripensare per educare secondo principi e regole che appartengono alla nostra tradizione.

 

Ci siamo interrogati con spirito critico? Vogliamo ancora demandare ad altri le nostre responsabilità? Per sanare i problemi non basta tagliare, anzi non si deve tagliare affatto, ma curare, e la parola diventa il rimedio più efficace. La spirale di violenza è partita da lontano e ci ha gradualmente avvinti. Ma è proprio questo ciò che vogliamo? Questo vogliamo per i nostri ragazzi? Inculcare nelle loro menti la violenza contro il vivere civile? Come pensiamo di proteggerli contro la caccia alle streghe? Tutto risulta inefficace da parte nostra, se non ci rieduchiamo per educarli.

 

Di soppiatto sono state create divisioni e assurde discriminazioni; un timore esasperato si sta radicando e sta cambiando il nostro modo di vivere: rabbia, rancore, diffidenza e paura stanno armando la nostra mano e quella dei giovani, che stanno pagando il prezzo più alto. È tempo che ognuno guardi dentro se stesso. È tempo di non cercare ingannevolmente capri espiatori. È tempo di sottrarci al gioco di questa ondata di violenza che non ci appartiene e tentare di proteggere i nostri ragazzi da una deriva senza ritorno. Bisogna risvegliarci tutti da questo turpe sogno e affidarci alla parola per spiegare, persuadere, convincere ed educare perché la violenza non degeneri oltre, per riaprire il dialogo del rapporto umano. Nessuno di noi, fondamentalmente, ha bisogno di un polso duro per vivere tranquilli; siamo in grado, in caso di bisogno, di difenderci da soli e con raziocinio. Abbiamo bisogno di ritrovare tutti quella serenità di vita che allontani per sempre da noi la diffidenza e che crei una società armonica in cui i nostri ragazzi, non diventino vittime e strumenti della violenza per colpa nostra. L’invito alla riflessione è rivolto a tutti, perché in tutti noi è vigile quell’onestà di agire che nel tempo ci ha contrassegnato e che per ora si è soltanto assopita; il soffio della ragionevolezza, se lo vorremo tutti, la risveglierà. Ogni educatore senta questo compito come suo proprio.

 

Anna Lanzetta


Articoli correlati

  Il Trovatore di Giuseppe Verdi. Melodramma per la scuola
  Anna Lanzetta: Il mio saluto a Evelina Simonelli ragionando di pensione e di scuola
  Anna Lanzetta / Maria Lucia Querques. Un po' di educazione stradale a scuola?
  L’ascesa al monte Ventoso nelle impressioni di Francesco Petrarca. A cura di Anna Lanzetta
  Obama alla casa Bianca. Breve antologia per gli studenti sulle lotte dei neri d’America.
  Ricordo di Mario Luzi per tutti i lettori e per gli studenti
  Dal discorso tenuto da Barack Obama all'Università del Cairo. Proposta per gli esami.
  Anna Lanzetta: Una scuola senza sorriso
  Ricordando con Joyce Lussu la Shoah
  Romanzo storico e pittura di storia (5). Visita alla Galleria d’Arte Moderna Firenze
  Ricordando con Primo Levi l'orrore dell'Olocausto nazifascista degli ebrei
  I poemi di Ossian: Daura e Arindal
  “Mai più guerra” con il viatico dei disegni di Käthe Kollowitz
  Il Vesuvio nelle impressioni di François-René de Chateaubriand
  Anna Lanzetta: Sul “Giorno della Memoria”. Riflessione per non dimenticare.
  Anna Lanzetta: A proposito dell’immagine
  Anna Lanzetta: Contro l’analfabetismo della sicurezza
  L’arte di raccontare. La meravigliosa storia di Shéhérazade. A cura di Anna Lanzetta 1
  Il Fantastico nell’epica classica 2
  Anna Lanzetta: “Da Petra a Shawbad. Archeologia di una frontiera”
  MultiMedia presenta Anna Lanzetta: La Breccia di Porta Pia
  L’arte di raccontare. Il racconto di Shéhérazade. Sinbdad il Marinaio. A cura di Anna Lanzetta
  Anna Lanzetta: Viaggio a Matera
  Il Fantastico nell’epica classica 1
  Aspettando Natale con Hans Cristian Handersen. Fiaba per studenti di ogni età
  Il Vesuvio nelle impressioni di Antonio Stoppani. A cura di Anna Lanzetta
  Geografia cristologica: Basilio Magno, Gregorio di Nazianzo in Cappadocia. Fotoalbum 7
  Breve nota su Efeso per incorniciare le fotografie di Anna Lanzetta. Fotoalbum 10
  L’arte di raccontare. Il racconto di Shéhérazade. Sinbdad il Marinaio. A cura di Anna Lanzetta 3
  Il fantastico mondo del re degli Elfi
  Anna Lanzetta: Noi diciamo NO! Dalle ronde fino alla stampa del CAPO
 
 
Immagini correlate

  Anna Lanzetta - Matera- Cattedrale di sant’Eustachio
  Anna Lanzetta - Matera, interno di casa
  Anna Lanzetta - Matera-Santa Maria di Idris
  Anna Lanzetta - Matera "I Sassi"
  Vesuvio 1 - Chateaubriand
  Vesuvio 2 - Chateaubriand
  Anna Lanzetta - Matera- La salita
  Anna Lanzetta - Matera-La Gravina
  Moschea Blu - Interno - Istanbul
  Santa Sofia - Istanbul
  Santa Sofia, interno - Istanbul
  Pamukkale, La cascata pietrificata - Turchia 5
  Commerci sul Bosforo
  Ada Negri - La danza della neve
  Istanbul - Palazzo Topkapi
  Efeso - Teatro
  La fortezza di Rumeli Hisari - Bosforo
  Efeso - Il bassorilievo della Nikè
  Istanbul - La Moschea Blu
  Palazzo Beylerbeyi - Bosforo
  Efeso - Via dei Cureti
  La danza dei dervisci - Anatolia 6
  La Cappadocia - Anatolia 1
  Efeso - La fontana di Traiano
  Efeso - La biblioteca di Celso
  Bosforo
  Ponte sul Bosforo
  Lago salato, Anatolia 3
  I camini delle fate, Cappadocia-Anatolia 2
  Le tessitrici dei tappeti - Anatolia 7
  Gabriela Mistral - E' scesa la neve
  Valle di Göreme - Cappadocia-Anatolia 4
  Efeso - Impronta di piede nel postribolo
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy