Giovedì , 20 Giugno 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > I Care... communication
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Anna Lanzetta: Noi diciamo NO! Dalle ronde fino alla stampa del CAPO
07 Febbraio 2009
 

Un giorno ci diranno che  abbiamo avuto paura di avere pietà, di mostrare il nostro cuore, di aprire a chi ha bussato alla nostra porta, di ascoltare chi ci ha chiesto aiuto, di aver giudicato e accusato chi in silenzio ha portato con amore, dignità e dedizione la croce del proprio calvario. La rabbia e il risentimento riempiono gli animi sensibili alla pietà, alla compassione, al dovere di curare senza indagare, perchè il dolore non ha colore e il bisogno non ha confini. Tutto sta diventando spettacolo, ma dei più atroci, e la vita umana  diventa per alcuni strumento per mostrare la propria prepotenza. I fatti di questi giorni sono così aberranti che ci fanno toccare il fondo. Quale Democrazia se si scavalcano tutte le forme di garanzia?. Quale futuro per il nostro paese, se non il baratro?. Fino a quando sopporteremo? Fino a quando taceremo? Si sveglieranno le nostre coscienze per riprenderci la vita del nostro paese e con essa la nostra identità?. È la peggior frode che si potesse pensare quella di volerci togliere la capacità di vedere e di agire. 

 

Avevamo sempre pensato che noi italiani fossimo parte di una stessa famiglia, con le stesse radici e valori, che avessimo obiettivi comuni, che fosse sacro in ognuno di noi il legame che ci unisce nella difesa di quei valori che ci hanno contraddistinto come difensori dei principi di Democrazia e  di Libertà, di rispetto del singolo e della collettività, come popolo capace di dire per sempre “NO” a ogni forma di violenza fisica e psicologica, non degna di uomini liberi. “NO”diciamo anche oggi a ogni forma di dittatura palese o celata ma iniqua, pronta a camuffarsi per sostituirsi alla  Democrazia con falsa e infida demagogia.

 

Quante lotte, quanti sacrifici, quante rinunce, perché l’Italia uscisse dai momenti bui che l’hanno attanagliata, perché le nuove generazioni potessero raccogliere i frutti di un lavoro incessante volto alla difesa di quei principi con i quali siamo cresciuti e sui quali abbiamo basato la nostra difesa, con l’occhio attento a personaggi insigni, la cui fede incrollabile nei nostri valori storici, sono stati  alle generazioni esempi  di correttezza, di virtù, di rispetto, di spirito di eguaglianza, di modelli, affinché non si ripetessero mostruosità che, sebbene ricordate, non insegnano a chi oggi guarda le cose solo con spietato cinismo settario e che si nasconde dietro il potere. Non si può restare indifferenti di fronte a chi tenta sotto una parvenza di democrazia di fare demagogia, a chi, superati e azzerati valori e virtù,  tenta di soggiogare l’individuo, azzerandone la volontà col miraggio dell’aiuto che è solo carità.

 

Ciò che rende un popolo libero è l’informazione e l’istruzione, ma noi ne siamo stati privati e col miraggio di progredire siamo regrediti nella più orrida grettezza, perché l’ignoranza ha preso il posto della sapienza, l’irrazionalità dell’intelligenza. La mancanza di rispetto occupa il posto della correttezza, il disgusto per chi crede di sapere e di saper governare si acuisce in chi ne vede chiari i limiti. Lo scherno, l’ironia, la facezia, danno vita ogni giorno a uno  squallido spettacolo, dove ognuno si arroga il diritto, senza conoscerne il significato, di  parlare di etica, di morale, di valori.

   

Il pensiero  rischia di annichilirsi e la società  si è abbruttita ed è completamente mutata ad opera  di chi voleva tali cambiamenti e di chi ancora più colpevole, ha guardato più a se stesso che al paese, lasciando che diventasse preda di chi nel fondo lavorava,  perché diventassimo vittime di un sistema in cui le parole più ricorrenti sono oggi: disuguaglianza, intolleranza, cattiveria, inciviltà. Il nostro era “il  bel paese”! Tale, non solo per le sue bellezze, ma perché risorto da secoli bui di degrado, di sottomissioni, con una fede profonda nelle proprie  capacità, nelle proprie speranze, nella propria storia, nel rispetto di chi aveva patito la guerra, l’emigrazione, l’umiliazione, fortificando lo spirito di affratellamento e di rispetto. Perché tanti ragazzi sono allo sbando e non riusciamo ad arginare problemi di bullismo ancora più degenerati?. Cosa più insegnare una scuola che decide in negativo sui sacri principi della convivenza?. Come insegnare ai nostri figli la tolleranza, se viene detto loro “Dobbiamo essere cattivi”, dobbiamo usare il pugno forte, dobbiamo organizzare  le ronde?  Fino a che livello ci possiamo spingere, senza sentire sul nostro stesso capo la mannaia che ci sveste della nostra stessa identità di persone civili? La distruzione dei campi nomadi,  i roghi per strada,  una recrudescenza di quei movimenti che noi ci sforziamo falsamente di ricordare, col miraggio che  non si ripetano, sono lo specchio del nostro paese, del nostro “bel paese” che nessuno considera più tale né dentro né fuori i nostri confini.

 

Un paese la cui storia è calpestata  da persone irresponsabili, perché lontane  dai principi educativi, persone che non sanno che la scuola e l’informazione hanno il compito di formare, persone che dovrebbero  porre l’educazione al centro del processo formativo che è stato, che è e che sarà base della società, che fallirà nei suoi obiettivi se eluderà questo compito. Persone che hanno dimenticato che cos’è la pietà, la compassione, che credono di tutelare la via, e non si accorgono che uccidono con parole, con gesti, con intrusioni incomprensibili, con la forza iniqua del potere, che rivolgono ad altri impunemente accuse ignobili che dovrebbero rivolgere a se stesse; che dovrebbero  guardare con rispetto e apprensione chi lotta per il posto di lavoro, chi freme perché stretto dalla miseria, chi non ha un tetto, chi non ha un domani, chi resta attonito  di fronte allo scempio che viene perpetrato a  danno di chi ha bisogno, e non può difendersi contro forme di prepotenza inaudita, chi guarda con terrore le scuole in cui c’è divisione, separazioni materiali, in cui bambini entrano in classi diverse, in cui la diversità diventa una regola per sopraffare e distruggere, in cui non esiste pietà umana, in cui i bambini vengono educati secondo modelli comportamentali che pongono il nostro “bel paese” in un ruolo di inferiorità; un “bel paese” che si tinge di nero accanto al capezzale di chi non può né vivere né morire con rispetto e dignità. Raccolga l’invito a riflettere chi ancora sente di avere un cuore, ma specialmente coloro che si ergono a difesa dello spirito.

 

Verrà un giorno! E qualcuno tremò, perché il futuro è per tutti  imponderabile anche per chi oggi si erge a giudice. Non giudicare se non vuoi essere giudicato e la mannaia aspetta tutti e chissà se avremo la forza di quel padre, chissà se nel bisogno, costretti, andremo a farci visitare con la paura di essere denunciati. Ma per fortuna i più rifiutano ogni dettame, segno che lo spirito di libertà è vivo e che seminerà di nuovo.  Rifiutiamo la tesi dell’arrendevolezza e  insieme diciamo forte e chiaro “NO”.

 

Anna Lanzetta

 

 

 

In copertina: George Grosz (1893-1959) pittore tedesco espressionista.


Articoli correlati

  I poemi di Ossian: Daura e Arindal
  Anna Lanzetta: Sul “Giorno della Memoria”. Riflessione per non dimenticare.
  Il Vesuvio nelle impressioni di Antonio Stoppani. A cura di Anna Lanzetta
  L’arte di raccontare. Il racconto di Shéhérazade. Sinbdad il Marinaio. A cura di Anna Lanzetta
  Obama alla casa Bianca. Breve antologia per gli studenti sulle lotte dei neri d’America.
  MultiMedia presenta Anna Lanzetta: La Breccia di Porta Pia
  Anna Lanzetta: A proposito dell’immagine
  L’arte di raccontare. Il racconto di Shéhérazade. Sinbdad il Marinaio. A cura di Anna Lanzetta 3
  Aspettando Natale con Hans Cristian Handersen. Fiaba per studenti di ogni età
  Geografia cristologica: Basilio Magno, Gregorio di Nazianzo in Cappadocia. Fotoalbum 7
  Il Fantastico nell’epica classica 2
  Anna Lanzetta: Una scuola senza sorriso
  Ricordando con Primo Levi l'orrore dell'Olocausto nazifascista degli ebrei
  Il fantastico mondo del re degli Elfi
  Anna Lanzetta: Viaggio a Matera
  Breve nota su Efeso per incorniciare le fotografie di Anna Lanzetta. Fotoalbum 10
  Romanzo storico e pittura di storia (5). Visita alla Galleria d’Arte Moderna Firenze
  L’ascesa al monte Ventoso nelle impressioni di Francesco Petrarca. A cura di Anna Lanzetta
  Anna Lanzetta / Maria Lucia Querques. Un po' di educazione stradale a scuola?
  Anna Lanzetta: Contro l’analfabetismo della sicurezza
  Anna Lanzetta: Uniti contro ogni violenza come educatori.
  Il Fantastico nell’epica classica 1
  Dal discorso tenuto da Barack Obama all'Università del Cairo. Proposta per gli esami.
  L’arte di raccontare. La meravigliosa storia di Shéhérazade. A cura di Anna Lanzetta 1
  Ricordo di Mario Luzi per tutti i lettori e per gli studenti
  Il Vesuvio nelle impressioni di François-René de Chateaubriand
  Anna Lanzetta: “Da Petra a Shawbad. Archeologia di una frontiera”
  Anna Lanzetta: Il mio saluto a Evelina Simonelli ragionando di pensione e di scuola
  Ricordando con Joyce Lussu la Shoah
  “Mai più guerra” con il viatico dei disegni di Käthe Kollowitz
  Il Trovatore di Giuseppe Verdi. Melodramma per la scuola
 
 
Immagini correlate

  Anna Lanzetta - Matera- Cattedrale di sant’Eustachio
  Anna Lanzetta - Matera, interno di casa
  Anna Lanzetta - Matera-Santa Maria di Idris
  Anna Lanzetta - Matera "I Sassi"
  Vesuvio 1 - Chateaubriand
  Vesuvio 2 - Chateaubriand
  Anna Lanzetta - Matera- La salita
  Anna Lanzetta - Matera-La Gravina
  Moschea Blu - Interno - Istanbul
  Santa Sofia - Istanbul
  Santa Sofia, interno - Istanbul
  Pamukkale, La cascata pietrificata - Turchia 5
  Commerci sul Bosforo
  Ada Negri - La danza della neve
  Istanbul - Palazzo Topkapi
  Efeso - Teatro
  La fortezza di Rumeli Hisari - Bosforo
  Efeso - Il bassorilievo della Nikè
  Istanbul - La Moschea Blu
  Palazzo Beylerbeyi - Bosforo
  Efeso - Via dei Cureti
  La danza dei dervisci - Anatolia 6
  La Cappadocia - Anatolia 1
  Efeso - La fontana di Traiano
  Efeso - La biblioteca di Celso
  Bosforo
  Ponte sul Bosforo
  Lago salato, Anatolia 3
  I camini delle fate, Cappadocia-Anatolia 2
  Le tessitrici dei tappeti - Anatolia 7
  Gabriela Mistral - E' scesa la neve
  Valle di Göreme - Cappadocia-Anatolia 4
  Efeso - Impronta di piede nel postribolo
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 5 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy