Sabato , 25 Giugno 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Omaggio alla fotografia di Aldo Agnelli. Ad Alba il 19 ottobre
Beppe Fenoglio, Aldo Agnelli e Ugo Cerrato
Beppe Fenoglio, Aldo Agnelli e Ugo Cerrato  
07 Ottobre 2007
 

Ci sono fotografie che non hanno bisogno di commenti, didascalie, interpretazioni. Quelle di Aldo Agnelli, fotografo albese amico di Beppe Fenoglio, appartengono sicuramente a questa categoria. Sono fotografie uniche, essenziali nella capacità evocativa, sospese su di noi come i ricordi e le nuvole.

Aldo è uno dei grandi “patres” che hanno fatto la cultura delle Langhe. Come Ugo Cerrato, recentemente scomparso, ha testimoniato per tutta la vita quanto può essere grande, assoluto, esclusivo il legame viscerale tra un territorio e le sue creature. Ha il merito di avere documentato momenti di vita, personaggi, situazioni, scorci paesaggistici che raccontano la Langa povera di cui oggi quasi non c’è più traccia.

Per intenderci le storie di vita e di ambiente, di mentalità e di costume che Beppe Fenoglio ha saputo raccontare col respiro universale che solo le grandi opere sanno esprimere. Altri lo hanno fatto con uguale intensità, altri proveranno a farlo. Qualcuno scoprirà una Langa che sembra diversa e si esalterà di questa scoperta e resterà prigioniero di questo inganno.

Non Aldo. I “patres” sono le persone che, magari senza saperlo, fanno la storia, che tracciano il cammino. Sono come i colonizzatori, i pionieri. Vivono la stagione in cui le cose accadono per una volontà superiore e non c’è bisogno di troppe parole. Sono essi stessi parola e immagine. Forse per questo motivo Aldo Agnelli ha fatto sua la regola che Nuto Revelli e Mario Rigoni Stern hanno saputo applicare alle loro pagine, quella di “cavare via” parole, di cercare l’espressività nella sintesi. E infatti le sue fotografie, senza bisogno di didascalie e commenti, parlano, sprigionano voci soffuse, sibilano nel vento, sono radice e foglia, sono cammino che non fa rumore. L’Artistica di Savigliano ha realizzato un’opera antologica di rara bellezza per rendere omaggio a questo grande maestro, “ultimo dei mohicàni della Langa perduta”. La Fondazione Ferrero di Alba sta preparando la presentazione del libro per le ore 21 di venerdì 19 ottobre.

Un gruppo di amici raccoglie le adesioni a questo importante evento. Se siete interessati all’iniziativa e desiderate partecipare inviate una mail al seguente indirizzo di posta elettronica presidebosca@alice.it oppure ad arvangia@casamemorie.it.

Ci sono momenti in cui anche chi vive nella frenesia deve rallentare, guardarsi intorno, capire cosa fa la differenza tra le cose “grandi” e quelle piccole, ascoltare la voce del cuore. Chi ama le Langhe e ne ha la possibilità non può non venire a battere le mani ad Aldo Agnelli. Prendete nota, venerdì 19 ottobre, ore 21, Auditorium della Fondazione Ferrero, ad Alba.

 

L'Arvàngia

Associazione culturale Langhe Monferrato e Roero


Articoli correlati

  “Òm da bòsch”. Una camminata per la scuola
  Eravamo tutti contadini
  Donato Bosca. Fenoglio e l'unità d'Italia
  “Stregata solitudine d’alta collina”
  Donato Bosca. Scatti d'orgoglio per Mango
  Notizie Arcobaleno. Sulle strade della luna piena
  Un grande fotografo. Aldo Agnelli
  Gianfranco Cercone. “Una questione privata” di Paolo e Vittorio Taviani
  Arvangia. Dare voce alla memoria che tace…
  Pavese e Fenoglio. Viaggio nelle Langhe col partigiano Johnny
  Arvangia. Fuori traccia a fine ottobre
  Ugo Cerrato, l’arcobaleno della Langa contadina
  San Donato di Mango. Festa multietnica attorno al pollaio dell’arte giovane
  Parola di donna… L’Arvangia al femminile per la Festa della Repubblica
  "Sulle orme di Fenoglio". Free e live in Langa
  Arvangia. Primo appuntamento con Maria Tarditi
  Langhe, cultura e territorio. Al via il tour della nuova rivista-libro
  Arvangia. La novena della cultura diffusa in Piemonte
  Donato Bosca. Bra (o della felicità) e Roero (terra ritrovata)
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy