Domenica , 26 Giugno 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Un grande fotografo. Aldo Agnelli
02 Novembre 2007
 

Aldo Agnelli

C'era una volta la Langa

L'Artistica Editrice, 2007, pagg. 192, € 45,00

 

Alcuni anni fa sono stato ispiratore e coautore di un volume pubblicato dalla casa editrice Araba Fenice di Boves e intitolato Non fatelo con Fenoglio, punto di arrivo di un progetto didattico che l’Istituto Comprensivo “Beppe Fenoglio” di Neive aveva realizzato allo scopo di scongiurare fastidiosi e inopportuni abbinamenti tra l’opera alta dell’ingegno e del talento narrativo dello scrittore e il marketing enogastronomico di Langa, Monferrato e Roero. Oggi vorrei riprendere quel titolo provocatorio e modificarlo in “Facciamolo per Fenoglio”, invitando chi promuove cultura nei paesi, come responsabile di Sezioni dell’Unitre, Biblioteche, Centri Anziani a inserire nel programma di incontri anche la presentazione del nuovo libro fotografico di Aldo Agnelli edito dall’Artistica di Savigliano con il titolo C’era una volta la Langa.

Il libro, tenuto a battesimo presso l’Auditorium della Fondazione Ferrero di Alba venerdì 19 ottobre, merita particolare attenzione perché attraverso le splendide immagini del fotografo amico di Fenoglio spalanca una enigmatica “porta di Sesamo” su un mondo letterario evocato quasi ogni giorno, sovente a sproposito.

Chi ha scritto di Aldo Agnelli in queste settimane, Beppe Taricco nel testo di prefazione al libro, Edoardo Borra e Roberto Fiori negli articoli di richiamo, Giulio Parusso nella relazione di apertura alla Fondazione Ferrero, ha sottolineato la statura culturale unica di quello che io ho definito con malinconia “l’ultimo dei mohicàni della Langa perduta”.

A questo straordinario narratore per immagini, alla sua Spoon River, si adattano perfettamente le interpretazioni che Geoff Dyer ha illustrato nel libro L’infinito istante, rispondendo alla domanda sul nostro modo di guardare le fotografie – meglio le cose che si vedono nelle fotografie. Ebbene organizzando un incontro pomeridiano o una serata di presentazione del libro e proiettando le immagini che fanno parte di questa sorprendente opera omnia, tutti i partecipanti avranno modo di intuire una verità che sembra nascosta e, invece, è altrettanto evidente della fluidità di racconto che i lettori apprezzano nei libri di Fenoglio: dietro ciascuna immagine di Aldo Agnelli si celano altre immagini, una fitta e insospettabile trama di rimandi a impronte e segni tangibili di un mondo che contravviene l’idea consueta di tempo.

Credo sia giusto arrestare la frenesia dell’effimero culturale che ci vede protagonisti ogni giorno e dedicare ad Aldo Agnelli uno slow food adeguato al suo passo lento e regolare, frenato dall’età e dagli acciacchi, ma coerente, originale e “diritto” come non capita più di vedere.

Come estimatore del fotografo e portavoce di un comitato spontaneo che si sta formando intorno a lui per tributargli l’applauso che merita sono a disposizione di quanto volessero contattarlo per conferenze, incontri, interviste, mostre o proiezioni. Ho organizzato di recente un incontro tra il personaggio e gli studenti delle quattro classi ginnasiali del Liceo Classico Govone di Alba e posso garantire che vale davvero la pena ascoltarlo come testimone autorevole di un Novecento che continua a nutrire le radici della nostra identità culturale.

Ringrazio per l’attenzione.

 

Donato Bosca

presidebosca@alice.it


Articoli correlati

  Arvangia. Primo appuntamento con Maria Tarditi
  Langhe, cultura e territorio. Al via il tour della nuova rivista-libro
  Arvangia. La novena della cultura diffusa in Piemonte
  Donato Bosca. Bra (o della felicità) e Roero (terra ritrovata)
  Omaggio alla fotografia di Aldo Agnelli. Ad Alba il 19 ottobre
  Eravamo tutti contadini
  “Òm da bòsch”. Una camminata per la scuola
  Donato Bosca. Fenoglio e l'unità d'Italia
  “Stregata solitudine d’alta collina”
  Donato Bosca. Scatti d'orgoglio per Mango
  Notizie Arcobaleno. Sulle strade della luna piena
  Gianfranco Cercone. “Una questione privata” di Paolo e Vittorio Taviani
  Arvangia. Dare voce alla memoria che tace…
  Pavese e Fenoglio. Viaggio nelle Langhe col partigiano Johnny
  Arvangia. Fuori traccia a fine ottobre
  Ugo Cerrato, l’arcobaleno della Langa contadina
  San Donato di Mango. Festa multietnica attorno al pollaio dell’arte giovane
  Parola di donna… L’Arvangia al femminile per la Festa della Repubblica
  "Sulle orme di Fenoglio". Free e live in Langa
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy