Venerdì , 15 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Patrizia Garofalo. (Ri)leggere Paolo Crepet
18 Febbraio 2009
 

Paolo Crepet, Giancarlo De Cataldo

I giorni dell’ira

Storie di matricidi

Feltrinelli 2002, pagg. 141, € 6,50


Paolo Crepet

Le dimensioni del vuoto

I giovani e il suicidio

Feltrinelli 2002, pagg. 168, € 7,00


«Andai nei boschi perché volevo vivere

con saggezza e profondità e succhiare

tutto il midollo della vita, sbaragliare

tutto ciò che non era vita!

E non scoprire, in punto di morte, che non ero vissuto!»

(da l’attimo fuggente, citato ne Le dimensioni del vuoto, pag. 54)


Ancora due importanti passi vorrei citare...

«Se questo libro potesse finire nella borsa di una mamma che non sospetta ancora nulla, nella tasca di un papà distratto… e se fosse l’occasione per loro di guardarsi negli occhi e chiedersi “va davvero tutto bene?”… allora questo libro piccino avrebbe eseguito il suo compito…»

«Scrivere un saggio è, a volte, una scelta ansiolitica per chi la compie… abbiamo quindi scelto deliberatamente di narrare, non di scrivere un saggio… a quella gente spaventata che legge le cronache percependo qualcosa di insondabile e di inquietante. Questo è l’unico senso che ha per noi, il parlare del male».

Quando acquistai i due saggi era il 2002, in edizione economica, dopo tante ristampe ed immagino quindi, tanti lettori, li ho letti, riletti, ne ho parlato, ho cercato con empatia di accoglierli nell’anima mia di madre ed insegnante e lì devono essere rimasti se la settimana scorsa li ho trovati in un attimo, nonostante il disordine dei miei libri e ho “tradotto” alle parole dell’autore lo smarrimento che questi ultimi tempi mi assale spesso anche ora che sono madre di due figli grandi e che da un anno sono in pensione dalla scuola. Non ho mai smesso di sentire e di voler comprendere la fatica del crescere, lo smarrimento e il disagio giovanile e la dimensione del vuoto che mangia l’anima in un silenzio assordante.

«La pubblicazione de Le dimensioni del vuoto in edizione economica ha per me il sapore contraddittorio di una soddisfazione confusa ad un'amarezza». Così scrive Crepet al ripetersi di fatti uguali, identici, feroci che scardinano l’adolescenza da quel processo evolutivo sano che dovrebbe condurre alla formazione della persona come entità a se stante.

Il linguaggio è chiaro, sensibile, esplicito nell’affermare il dubbio come ipotesi di ricerca e non sempre di soluzione. Ed è proprio con questa onestà intellettuale che Paolo Crepet scende tra la gente, parla, racconta, provoca riflessioni e pensieri che dovrebbero per analogia ricondurci al nostro agito e spingerci almeno a tentare qualcosa contro la deriva dei nostri ragazzi senza la supponenza di riuscirci, consapevoli invece dei tanti errori commessi nel difficile ruolo di genitori ed insegnanti. La continua proposizione di dettagli di violenza ha da molto anestetizzato il sentimento e la cognizione del dolore che viene fruita come esigenza a leggere il male altrui per sedare il nostro o in un immaginario voyeuristico che ci vede estranei soprattutto a noi stessi. Facilmente riconduciamo la linea di un possibile approccio di lettura entro canoni prefissati che altro non rappresentano se non i veri luoghi di disagio, di dolore e di carcerazione dell’anima. Per questo mi permetto di leggere e parlare di “una” dimensione del vuoto consumata con varie modalità, tante, ma poco frequentemente parlata e dialogata. Non insegnando la vita perché mai i nostri ragazzi dovrebbero amarla e darle un senso? Infatti troppo spesso si “ridefiniscono nella morte e nella violenza” come unici passaporti alla liberazione del dolore.

Ricordo ancora un incontro con un grande prete di Ferrara, Don Franco Patruno, pittore, poeta, giornalista e scrittore vicino ai giovani che disse: «Fino a quando i giovani non avranno il senso della vita sarà assolutamente inutile lottare contro la droga, la violenza, la sopraffazione, potremmo anche togliere fino all’ultima foglia di cocaina, prevarrà comunque la cultura della morte».

«Scrivere questo libro è servito a me, mi ha permesso di trasferire la mia inquietitudine e la mia insoddisfazione su queste pagine nella speranza di impollinare qualche adulto con i miei dubbi».

Mentre scrivo avverto di come l’autore sia riuscito nel suo obiettivo più di quanto pensassi e di quanto le sue parole mi abbiamo aperto ad una relazione consapevole con me e con gli altri anche se sofferta, che ogni volta si riscrive, si cancella e si rilancia nella mutevolezza dei tempi, nelle loro contraddizioni che mi angosciano d’improvviso come se sempre dovessi cominciare un attraversamento nuovo verso la conoscenza.

Di questo non sarò mai grata a sufficienza.

 

Scorrono nei dettagli del loro angoscioso percorso le vicende di Teresa e Luca per cercare attraverso il loro vivere, punti di discussione allargata ad altri per cercare di scavare dentro «il presagio dell’assurdo» che condurrà questi giovani al suicidio o come ne I giorni dell’ira al matricidio, entrambi obiettivi-desiderio di totale annullamento di sé. Una società strutturata, così almeno dovrebbe essere, su due perni, famiglia e scuola, è ancora oggi ancorata a pregiudizi e luoghi comuni ma soprattutto sembra sopravvivere per “semplificazioni”: «“studente si toglie la vita dopo la bocciatura a scuola” si sottolinea l’aspetto impulsivo sottovalutandone la correlazione con gli aspetti cognitivi… esso nasconde invece sempre un disagio antico» (La dimensione del vuoto, pag. 103).

Ho da tempo chiaro che “la semplificazione” degli atti adolescenziali di disagio sono spesso camuffati e distratti da codificazioni inaccettabili e omologate entro una categoria prefissata come solo modo per allontanarli da se stessi e relegarli a poca riflessione, comprensione e ascolto. Di questo sono dolorosamente certa altrimenti oggi episodi di tal genere non si sarebbero moltiplicati e tanto meno noi avremmo accettato la punizione come atto risolutorio.

Essa invece sembra abbia dato sollievo invece di essere considerata come fallimento della reciprocità di raffronto con i ragazzi, così il bullismo che, esploso molto prima di riempire oggi le nostre cronache, categorizza ma non offre spazio all’individuo come singola persona, sempre originale rispetto al fenomeno e divide i gruppi di bulli da quello dei fragili, codificando una serie di comportamenti di appartenenza all’uno e all’altro; ma la dimensione del vuoto non è forse di entrambe le parti? ed ognuno non è forse il risultato di motivazioni personali risalenti al proprio agito?

I saggi che ho sentito di riproporre, anche senza competenze specifiche nel campo, descrivono e non giudicano, partecipano e suggeriscono senza il trionfalismo di chi ha la verità sempre in tasca, propongono un dialogo, insistono “gentilmente”, nell’accezione primaria del termine, per far comprendere che se non avremmo tentato qualcosa e ascoltato i giovani, le loro famiglie, i nostri figli, se ci vergogneremo di dire, se non collaboreremo, il suicidio, il matricidio, i gesti efferati delle ultime cronache, la noia dei sassi dal cavalcavia e l’impellenza dello sballo per vivere, sarà l’eredità che lasceremo ai giovani e a tutti quelli che sempre più ci stanno cercando e, anche nel modo peggiore, ci stanno chiedendo di esserci senza indifferenza.


Patrizia Garofalo



Foto allegate

Articoli correlati

  Alessandra Borsetti Venier intervista Paolo Crepet
  Gianfranco Cercone. “Il permesso – 48 ore fuori” di Claudio Amendola
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Suddiviso il mare in quadranti...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Vele nere con Cactus
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Carezzano la notte...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. L’acqua usa del mio corpo steso...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Notti stellate da incendi...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Dedicata a Beppino Englaro
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Lasciare andare al dondolìo...
  In libreria/ Luciano Nanni. “Girasoli di mare” di Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Per poter vivere oggi...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Il tempo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Asciugo...
  Vetrina/ Angelo Andreotti & Patrizia Garofalo. Pantografia marina
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Il silenzio a lungo trattenuto...
  J. L. Borges e la poesia congetturale. Recensione di Patrizia Garofalo
  Poesia d'autore/ Emily Dickinson. 838
  Patrizia Garofalo: Una sera ricordando Domingo Notaro
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Malacopia
  In libreria/ Margherita Gadenz, Patrizia Garofalo, Nina Nasilli. Oasi criptate
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. A volo d’antilope...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Migrano...
  In libreria/ Antonio Barbuto. Noterella in margine a “Girasoli di mare” di Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. p a r o l a
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Di notte sento anch'io...
  Eventi/ Whats Art. Poesia e musica sulla migrazione
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Accolgono...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. M’appare la ferita di allora...
  Eventi/ “Girasoli di mare” a Macerata, sabato 18 giugno
  Un progetto poesia con “Girasoli di mare” al “Donegani” di Sondrio
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Donna Vittoria
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Nell'impura liquidità diventa assenza...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Se le parole potessero...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Ipotesi di donna
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Inverno spaesato in due fermo-immagini
  Patrizia Garofalo: Mare D’anime (1)
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Acceso amaranto
  Vetrina/ Patrizia Garofalo, Lampare lontane...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Io so che i gabbiani non hanno nido...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Le mie dimenticanze...
  Vetrina/ Ippocampo solitario. Patrizia Garofalo con Ferdinando Franguelli
  Vetrina/ Patrizia Garofalo con Elisabetta Santini. Ikebana di sagge sorde pietre
  Vetrina/ P. Bocconi, P. Garofalo, N. Vacca. La fontana
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. The colours will- be never end until we live and remember
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Crisalide
  Roberto Malini. I Poeti per i Diritti Umani cantano perché la speranza non muoia
  Patrizia Garofalo. Era partito giovane
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Sento la tua voce
  Ferrara. Oasi criptate alla Biblioteca Comunale Ariostea
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Nuvole d’onde trafugate al mare...
  In libreria/ Patrizia Garofalo. Girasoli di mare
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Sono radici di primavera...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Laggiù nella luce che si fa buia e aspetta l’alba...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Marzamemi
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Amo la parola...
  Vetrina/ In morte di stolido uomo, Sirte 2011. Patrizia Garofalo con Flavia Milani
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Solo mentre accosto sinfonie...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Un foglio di guerra
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Immagino una musica...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Dorme il vecchio...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Al risveglio...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Affamati gabbiani
  In libreria/ Stefano Valentini. “Girasoli di Mare” di Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. S'appanna il giorno...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Un uomo nero vestito di bianco...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Presente assenza
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Fiori di calicanto...
  Annagloria Del Piano. Poesie per una terra promessa: Girasoli di mare
  Testamenti/ Ambra Maria Rizzati e Patrizia Garofalo
  Ricordando, coi ragazzi, le Foibe
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Se non custodissimo quel segreto...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo con Gianluca Moiser
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Niobe
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Specchiano d'acqua...
  “Il giardino conteso” di Flavio Ermini
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Sfiorerai...
  Paolo Ruffilli: Diario di Normandia. Recensione di Patrizia Garofalo
  Tellusfolio 2018: abbonarsi... ricordando Patrizia
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Liquido raccolto, protetto...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Il tramonto dell’alba...
  In libreria/ Nicoletta Corsalini. “Girasoli di mare” di Patrizia Garofalo
  Gordiano Lupi: Avana killing. Recensione di Patrizia Garofalo. Primo capitolo per i lettori di TF
  Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Qualcuno nel partire è invece rimasto...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Scolpire il tempo...
  Girasoli di mare a Macerata
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Lontana l’ultima nota...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Di luce e d’aria e disperata speranza io vivo...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Tutto converso in bene...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Sarà faticoso trascinare...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. E se fosse proprio vera quella parola...
  Sulla raccolta: Le stanze del cielo. Domande a Paolo Ruffilli di Patrizia Garofalo
  “La quinta essenza” di Gellu Naum. Recensione di Patrizia Garofalo
  Patrizia Garofalo - Tango y Más. “Di Rose Coronato”
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Un respiro tra due silenzi...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. S'accompagna all'infanzia la vecchiaia
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. È quell’ora che muore piano...
  In libreria/ Nicola Vacca. “Il Dio dell'impossibile” di Patrizia Garofalo
  Patrizia Garofalo. Per Eluana e suo padre
  Patrizia Garofalo. Antonia Pozzi e la Poesia della Montagna
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Qualcuno parla d’amore...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Sbocciano dalle dita...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Unisono di voci...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Conserva per te almeno la memoria del tempo...
  Patrizia Garofalo: Cuba vive nella prosa lirica di Gordiano Lupi
  Vetrina/ 25 Aprile Tellusfolio
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Come l’arancia...
  Patrizia Garofalo. “Il dio dell’impossibile”
  Speciale/ Bottega letteraria & Tellusfolio. 1
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Orobica
  Patrizia Garofalo: "Forse anch'io scriverò..." Foto della Domenica 1
  Patrizia Garofalo. Note a margine del convegno di ecologia narrativa di Anghiari
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Ebbi a morir nel rimandarti a mente...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Ferrara
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. I sogni, Folletti colorati
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Averti avuto...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Gli amanti di Cortázar
  Pina Rando. A Patrizia
  Elisabetta Andreoli presentata da Patrizia Garofalo per Fotoalbum (6)
  Pino Tossici. Incontro con Patrizia Garofalo alle Oasi criptate
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Diventa lacerazione...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Lamina tagliente...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Era verde il giardino...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Radici di vene...
  In libreria/ Giuseppina Rando. “Girasoli di mare” di Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Da un campo di guerra...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Si riversa su strade e anfratti segreti...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. È carne la poesia...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. L'avvertimento del vento
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Torno nello spazio dei tuoi occhi
  Antonia Pozzi, Ti scrivo dal mio vecchio tavolo. Lettere 1919-1938
  Patrizia Garofalo: Macerata e Paolo Ruffilli di "Camera oscura"
  Vetrina/ P. Bocconi, P. Garofalo, N. Vacca. Voglia di mare, Lontano, Di questo momento
  Vetrina/ R. Malini e P. Garofalo, A Simone
  Alberto Carollo. Il Dio dell'impossibile di Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Paola Sarcià. A Patrizia, nel cuore sempre
  In libreria/ Patrizia Garofalo. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando
  In libreria/ “Girasoli di mare” di Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Gocciola
  A Patrizia
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Riportano l’eco delle voci del paese...
  Presentazione di Oasi criptate. Dialogo di Alberto Carollo con Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Lenzuola di nuvole...
  Flavio Ermini. Riflessioni su una poesia di Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Agavi accartocciate...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Scorgo il mio volto somigliante...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Nel giardino...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Con un battito d’ali...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Si sorridono...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. A forma di monile...
  In libreria/ Flavio Ermini. Una poesia aperta all’accoglienza e alla speranza
  Patrizia Garofalo. Ferragosto 2013
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. La sciarra del fuoco
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Stelle cadenti
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Booom
  Patrizia Garofalo: Sulla Heimat e su Tellus 19
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Forse una cecità, la mia
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Arrampica il vuoto la luce...
  Giuseppe Samperi legge e presenta “Dare voce al silenzio” di Patrizia Garofalo
  Poesia d'autore/ Emily Dickinson. 323
  In libreria/ Renata Adamo. Il Dio dell’impossibile di Patrizia Garofalo
  Alberto Carollo. Ci si dovesse incontrare...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Dell’ippocampo ti parlai...
  M. Veronesi, E. Brizio. Su “Ipotesi di donna” di Patrizia Garofalo
  In libreria/ Flavia Buldrini. “Girasoli di mare” di Patrizia Garofalo
  Patrizia Garofalo: La trilogia di Paolo Ruffilli
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Obliqua traiettoria...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Trascino un verso...
  Vetrina/ Dammi del tuo amore... Barbarah Guglielmana con Patrizia Garofalo
  Color mare di notte / Sea’s shade at night
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Colorate di baci...
  Natale Tf2014/ Patrizia Garofalo. Mi raccomandi di guardare con attenzione...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Ecografia di un fiore...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Ravvìa i capelli del vecchio...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Il tempo deserto del tuo cuore...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Una coperta di stelle...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Terra di Icaro
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Senti...
  In libreria/ Patrizia Garofalo. Il Dio dell’impossibile
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Scorre la parola del dio...
  In libreria/ Asmae Dachan. “Girasoli di mare” di Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Eppure mi hai svegliato
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Temporale
  21 marzo, “staffetta poetica” per la Giornata mondiale della poesia Unesco
  Roberto Malini. La vita è… una giornata fra poeti
  Patrizia Garofalo. Raccontino piccino piccino picciò
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Ma visto che tu...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Per “Karlsár” di Flavio Ermini
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Ritorno dal dolore
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Desideri
  Patrizia Garofalo: Tra emozione e logica. Breve appunto diaristico.
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Vestire stelle filanti...
  In libreria/ Sandra Chistolini. Parole in poesia
  ricordando Patrizia
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Uncinate dalla scure...
  Patrizia Garofalo. Il Gesù senza mani ha la voce negli occhi
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Ormai rispondo solo alla tua voce
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Di notte i sogni...
  Vetrina/ Ambra Rizzati. A Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Girasoli di mare
 
 
Immagini correlate

 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy