Domenica , 18 Febbraio 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Telluserra
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Pino Tossici. Incontro con Patrizia Garofalo alle Oasi criptate 
Sala “Agnelli” Biblioteca Comunale Ariostea, Ferrara 23 gennaio 2013
(© foto PG)
(© foto PG) 
28 Gennaio 2013
 

Ringrazio Patrizia Garofalo di avermi inviato il suo ultimo libro di versi e invitato a introdurlo qui stasera, leggendo con l’occasione alcune sue liriche e scritti tratti anche da altre opere, nonostante io non sia un critico letterario né un addetto ai lavori. Cercherò di rispondere a questa apertura di credito, per quel che vale, con la mia curiosità di lettore e soprattutto con il mio amore per la parola in ogni sua forma.

 

Il mio incontro con Patrizia è recentissimo ed è scaturito dalla sua lettura di un mio libro-romanzo di natura autobiografica in cui ha ritrovato persone e paesaggi delle Marche, sua regione d’origine, che entrambi abbiamo conosciuto e attraversato in periodi diversi della nostra vita. Ne è nata una corrispondenza, uno scambio dapprima telematico e poi telefonico di pensieri, riflessioni, ricordi evocati con leggerezza e buonumore, in cui abbiamo scoperto tante affinità e qualche curiosità, come quella di essere nati nello stesso giorno. Oppure quella, altrettanto singolare, che quando mi ha telefonato la prima volta eravamo entrambi in Salento, lei a Castro, io a Porto Cesareo, a un amen di distanza.

E siccome tre indizi fanno una prova – amici comuni, compleanni contestuali e luoghi di vacanza condivisi – ha deciso che sarei stato uno dei suoi compagni di viaggio di questa sera. Così eccomi qua, felice e onorato di esserci.

 

Oasi criptate è uscito lo scorso anno per le Edizioni Il Foglio di Piombino, e costituisce una raccolta di versi di tre poetesse, Patrizia Garofalo, Nina Nasilli e Margherita Gadenz, dagli stili e provenienze geografiche diversi, che trovano qui armonia e sintesi. Patrizia racconta in una intervista che il libro è nato per caso un paio d’anni fa: dopo che lei aveva confessato a Nina e Margherita un suo profondo disagio, una mattina si ritrovò sul PC una mail che diceva “aggiungi due versi ai miei”.

È proprio in quel periodo che moriva il papà di Patrizia e nel libro ce ne sarà solo un accenno: «tutto uno scritto su noi in un giorno di dolore e rabbia. È morto mio padre. 18 giugno 2010», e nella citazione iniziale di Camillo Sbàrbaro «Padre, se anche tu non fossi il mio padre, se anche fossi a me un estraneo, ugualmente t’amerei». Non tanto per pudore, almeno credo, ma per convinzione intima, perché in un’altra sua poesia Patrizia scrive «La morte non si racconta, si celebra. Il lutto è muto».

 

Oasi criptate: l’oasi è al contempo realtà e miraggio e la realtà spesso è oscura, indecifrabile, criptica come la stessa poesia che di per sé è inspiegabile, come ci ha ammonito Paul Valery, perché tradurla vuol dire tradirla, ma non per questo inintelligibile. Il titolo che Patrizia Garofalo ha concepito credo voglia esprimere la ricerca di un luogo dove l’anima possa dialogare con gli altri, uno spazio di ritrovamento dell’autenticità.

Ed è così, sulla via della spontaneità, che nasce tra queste tre donne un dialogo in versi, intimo e diretto, spesso un vero e proprio botta e risposta, che unisce sentimenti, emozioni, memoria e che fonde armoniosamente – ma non confonde – le diverse sensibilità poetiche e femminili. Versi polifonici che nascono tanto dall’estemporaneità dell’attimo e dello spunto dato e ricevuto così come da temi invece lungamente meditati.

 

l’incipit della Gadenz:

 

aggiungi due versi ai miei

poche parole, oasi criptate

nella sabbia è ciò che resta

del silenzio, esplorato

a tutto tondo

……

aggiungi due versi ai miei

anche solo il battito degli occhi

……

aggiungi due versi ai miei

bava di piccole lumache

brillanti sulle foglie

 

Perciò un dialogo che scaturisce dall’ascolto dell’altra, un dialogo che contiene in sé anche piccoli monologhi in cui ciascuna riflette sui propri motivi esistenziali.

Lo stato d’animo di queste viandanti, quasi il loro statuto d’esistenza, è espresso con efficacia da Patrizia Garofalo:

 

vive, nel cercarsi intere

segniamo la via di piccole briciole

e speriamo nello sguardo distratto

di un passante che non guardi il cielo

 

A questa richiesta/speranza di attenzione e di ascolto Nina Nasilli risponde così:

 

ma un alito di vento basta

a portarle via

disperse in un altrove lontano

o indifferente

così sarà il cielo in persona a scendere

per guardarci da vicino

molto vicino –

e vedrà nei nostri occhi bene aperti

il tempo che lo specchia

– ……

 

Ho riportato questi brevi stralci per cercare di rendere subito l’idea dell’incessante intrecciarsi e inanellarsi di parole e versi tra queste tre donne che si aprono con fiducia a loro stesse e, con questo libro, al mondo e spesso sembrano annusarsi, incoraggiarsi, consolarsi e coccolarsi, pettinarsi, agghindarsi di perle di fiume. Inoltre va detto che solo in un momento successivo è stata decisa la pubblicazione e questo ha indubbiamente impreziosito la spontaneità degli scambi.

 

Ci sono alcuni motivi ricorrenti a connotare la poesia di Patrizia Garofalo e quello che mi ha colpito di più è la concretezza e la trasparenza, il non girare intorno alle cose ma puntarle dritto e descriverle come sono. In altri termini, l’esercizio e la frequentazione del principio di realtà, la mancanza di ogni sublimazione oltre a quella, comune a ogni altra forma d’arte, dell’uso stesso della poesia. Pur sognando e facendoci sognare, Patrizia non vive trasognata, perché conosce benissimo le gioie e gli inciampi dell’esistenza e per rappresentarceli gioca con l’immaginazione, parole sue, «come fosse il pongo, cercando di plasmare la vita e di farne la più grande occasione di libertà». Ed è il principio di realtà che rende la sua poesia non eterea ma corporea, tangibile, carica non solo di senso ma anche di sensualità.

 

Inarco la schiena

Quando voglio raggiungere la luce

È successo

Quando ti ho visto

Ti offro

Il ritmo di un corpo

Che respira

Caldo

 

Nel suo verso agile, rapido, in quelle minisceneggiature che rivelano la scrittrice teatrale, nel descrivere i piccoli gesti del quotidiano, i paesaggi, l’acqua, il mare tanto ricorrente, i capelli che si confondono festosi, che si pettinano e si spettinano, i capelli che intrecciano ceste, ci fa toccare la fisicità dei sentimenti, la corporeità delle emozioni. E chi legge capisce che non c’è finzione, bensì il coraggio di una donna che sa esporsi, metaforicamente denudarsi, per raccontarci la sua verità e il suo sguardo sul mondo. E che riesce a farlo anche con leggerezza e ironia, trovando perfino quel «sorriso che resiste al dolore».

 

Invio foto d’amore

Titolo “poetessa tra le rose”

Troppo ovvio

Donna a primavera”

Obsoleto

Donna in fiore”

Sono troppo vecchia

 

Pensaci e ricomincia

 

Invio foto d’amore

Titolo

Patrizia Garofalo”

 

Uscendo per un momento dall’imbarazzo, che a volte si fa abuso, del commento e del controcanto all’altrui creatività, la cosa migliore è affidarsi alle sue parole, in versi e in prosa, per capire meglio il senso che per Patrizia Garofalo ha la dimensione poetica:

 

È carne la poesia

e tu sai che ne portiamo la croce

senza compiacenza, senza paura

senza supponenza o vanagloria.

scoiattoli, arrampichiamo i tronchi

mangiamo ghiande

infiliamo bacche

per collane di corallo rapito ai fondali

 

È carne, la poesia: indicazione perentoria, inequivocabile. Scala le vette degli alberi, su verso il cielo, per poi inabissarsi a scrutare i fondali: scoiattoli e subacquei, aquiloni e archeologi; il viaggio del poeta, senza mediazioni e senza rete. Si insegue la felicità, ci si immerge nel dolore. E sempre si accetta di camminare sul filo, senza la paura del vuoto, con equipaggiamento da funamboli.

 

I poeti li spoglio

piano, ne sbottono l’anima

ne bevo i sospiri.

 

Ancora Patrizia, stavolta in prosa:

Io non so parlare di poesia come sostanzialità in sé ma come una sorta di costante meraviglia insita nelle cose e nelle anime e nei corpi e in tutto un mondo che, da laica, non mi sono mai sentita di affidare a Dio per percorrerlo solo come comparsa in attesa dell’aldilà. Tutto è meraviglia se lo intendiamo come scarto dalla norma. Ci sta dentro tutto, dalla morte, alla memoria, al dolore, alla gioia, al pegno che sempre paghiamo solo per essere stati vivi o perlomeno aver deciso di esserlo… Ho compreso per quanto mi riguarda che la poesia per me era la vita scarabocchiata su un foglio che ho sempre dietro… Avverto l’altro da me, colgo il tempo, scelgo le relazioni, non sono simpatica, quando non scrivo e non studio, da sempre, mi piace cucinare, comprare oggetti inutili, curare il corpo, creare collane e parlare in dialogo di tutto, sono felice che gli amici sappiano che “ci siamo”, che il mio amore arrivi e tutto ciò è vissuto come una poesia, come un miracolo che si ripete ogni giorno.

 

Ecco il punto: la poesia si fonde con la vita, per lei è un tutt’uno. Perché ha deciso di pagare quel pegno, il prezzo di vivere a occhi aperti. È questo che marca la differenza non tra quelli che chiamiamo poeti e quelli che versi non ne scriveranno mai, ma tra le persone che decidono di essere presenti davvero in questa manciata d’anni che ci viene concessa, che si mettono in ascolto di se stessi e degli altri, del qui e dell’altrove, del conosciuto e dell’ignoto e quelle che, certo legittimamente, hanno deciso di attraversare la vita da turisti. Il poeta non è mai un turista ma un viaggiatore, cioè uno che trova non nel raggiungimento della meta, che nemmeno conosce, ma nel viaggio stesso il motivo del suo andare. Attivando tutti i sensi, amando la lentezza del suo procedere e il suo stesso mutare. Attraversando la terra di nessuno per farla diventare terra propria. È una condizione umana irreversibile, una volta aperti gli occhi al mondo non si può più tornare indietro. Chiunque abbia qualche dimestichezza con la scrittura sa che il suo più grande dono è la meraviglia della scoperta (e, viceversa, la scoperta della meraviglia). Non si conosce mai dove ci condurrà se ci lasciamo trasportare, e ancor di più è il poeta a non sapere per primo né come nasce la sua poesia né, soprattutto, dove lo porterà.

Certo, nel viaggio si incontra anche il dolore, perché è di dolore che siamo fatti, ma già riconoscerlo come nostro, dargli spazio e sfidarlo scrivendogli addosso è allentarne un poco la morsa, è restituirgli qualche sasso e qualche dardo e, perché no, anche qualche oltraggio. La scrittura nasce spesso da una ferita e dal bisogno di cicatrizzarla; gli scrittori veri se ne servono per evocare e qualche volta esorcizzare fantasmi e terrori. Patrizia ricorda che fin da bambina ha capito che solo scrivendo riusciva a trascinare sporte piene di dolore; crescendo ha evidentemente imparato a trasformare l’angoscia esistenziale in versi e trovare il sorriso per affrontare il dolore.

E a scrivere...

 

E venni a patti con il dolore

disorientato ospite

lo ebbi più volte a cena

appassionata fotografa di vita

mi firmai sempre

angelo sbagliato con ali di terra”.

Tutto desiderai, tranne la dimenticanza.

 

Un altro elemento fortemente connotativo della poetica di Patrizia Garofalo è il rapporto con il Silenzio, inscindibile dall’attenzione rivolta alla ricerca della Parola. Rapporto e ricerca che costituisce un punto di comune interesse tra noi nell’esserci accostati, nell’ambito della Libera Università dell’Autobiografia di Anghiari, diretta da Duccio Demetrio, all’iniziativa dell’Accademia del Silenzio , nata da un’idea dello stesso Demetrio e di Nicoletta Polla Mattiot. Progetto volto a diffondere una cultura del silenzio, del rispetto dei luoghi e delle persone, che raccoglie quegli umani, come Patrizia, che hanno necessità del silenzio per creare, comporre, scrivere, camminare, leggere, pensare. Ma soprattutto sapersi mettere in ascolto, sperimentando un linguaggio del silenzio, delle pause, del giusto tono di alternanza tra silenzio e parola. Il rispetto del silenzio ci obbliga a usare una nuova lingua; è dal silenzio, dal grado zero della lingua che bisogna ripartire per riscoprire le parole, ritrovare il loro suono, nel frastuono della contemporaneità, nella bulimia massmediatica che tutti ci avvolge. Il silenzio come non-parola, come attesa della parola a riempire lo spazio vuoto tra parola e parola, ultimo confine con il suono, che annuncia la scoperta, racconta l’inesprimibile. È anche il luogo dove le parole vanno a dormire:

 

C’è uno spazio

nel quale le parole si addormentano

disperdendosi nel buio

a rincorrere sogni

pieni di luce e colori

immobili

attendono mani calde

che le rivestano di tenerezza

e sussurri

le bacino

sfiorandole

prima del risveglio

…………

 

Difficile qui non pensare a Borges e alla sua “L’invenzione della poesia”. Le parole di per sé sono simboli morti, stanno nei libri che sono solo oggetti fisici in un mondo pieno di oggetti fisici. Si risvegliano e tornano a vivere quando incontrano un buon lettore. È allora che c’è la resurrezione delle parole, o meglio della poesia che sta dietro alle parole. Sicché si può dire che la poesia è ogni volta una nuova esperienza e tutte le volte leggo una poesia l’esperienza accade. È questa per Borges la poesia, l’esperienza che ogni volta di nuovo accade.

Patrizia ci racconta che il silenzio costituisce il filo conduttore delle sue liriche, che scrive nel silenzio, che è nel silenzio che si è messa a fuoco come persona, dove ritrova le voci del passato, i ricordi, le parole pronunciabili e quelle che non ha mai voluto dire, la solitudine e la compagnia, la quiete e l’urlo. Un silenzio che assorda, pieno di ossimori, esattamente come la sua poetica che sempre comprende la possibilità di compresenza degli opposti, che in termini di approccio all’esistenza sta a significare inclusione, comprensione, compassione, ascolto, accettazione, apertura di possibilità.

Ma silenzio inteso anche come momento di sosta, di tregua, di sospensione, ovvero come un interstizio in cui tutto può accadere. È il tempo dell’attesa, che è sempre tempo polisemico perché lo riempiamo non solo di significati e di senso, ma soprattutto dei nostri bisogni e desideri.

Accettare l’intimità del silenzio è dare ospitalità al mistero di quello che siamo. È raccogliersi, udirsi, saper mangiare di sé. Un atto di coraggio, di meditazione, di giudizi sospesi, di immaginazione e invenzione. Un atto che calza come un guanto a una poetessa come Patrizia Garofalo che, citando un romanzo di Cristina Masciola, ci dice di “vivere al congiuntivo”, il tempo del desiderio: sono di razza bastarda perché vivo al congiuntivo in un mondo che vive all’indicativo… Non è sempre facile ma i bastardi sono forti e vivono dentro le cose. Anche in silenzio.

 

E dopo queste parole potenti e coraggiose, appare a noi strettamente consequenziale la sua definizione di poesia:

 

Una poesia

è

un testamento

scritto dalla follia

senza regole

senza giustizia

una pagina di diario

che lascia l’anima

depositata

blindata

marchiata a fuoco

segreta

dolorosa… nell’andarsene

 

Insomma una poesia che esce dalle viscere, piena di pietas ma anche impietosa nel suo rigore etico, quando si carica di tensione civile. Proprio come spetta a un poeta vero, uno che non spiega e non rassicura ma spiazza, che bussa educatamente alla tua porta ma intanto abbatte, sornione, il tuo cane da guardia e i cavalli di Frisia che hai piantato in giardino a controllare sentimenti e emozioni: per non trasgredire, per sentirti al riparo, per soffrire il meno possibile. Fino a che non arriva un salvifico guastatore come Patrizia, che conserva la sua anima fanciulla e che, pascolianamente, riesce a esprimere quella parola che tutti abbiamo sulle labbra ma che solo il poeta sa dire.

 

Pino Tossici

 

 

 

Pino Tossìci è nato a Roma nel 1947 e si è laureato in Giurisprudenza. Cantautore, più volte sul palco dello storico Folkstudio di Roma, ha raccolto l’ultima produzione nel CD Se le api sono poche. Per il teatro ha scritto e interpretato numerose pièces, tra cui Fioretti d’amore, Alfabeto muto e Il tabulè di Tito per la regia di Stefano Maria Palmitessa. È stato Lopachin nel Giardino dei Ciliegi di Cechov al Teatro Eliseo di Roma per la regia di Claudio Jankowski. Counsellor autobiografico, collabora con la Libera Università dell’Autobiografia di Anghiari. Dal 2008 al 2010 ha tenuto corsi di Scrittura di sé presso l’Università Popolare della Tuscia a Viterbo. Cento giorni sul comò (Book Salad, 2012) è il suo primo romanzo, con la postfazione di Duccio Demetrio.


Articoli correlati

  Vetrina/ Patrizia Garofalo. L’acqua usa del mio corpo steso...
  In libreria/ Patrizia Garofalo. Il Dio dell’impossibile
  “Il giardino conteso” di Flavio Ermini
  Vetrina/ R. Malini e P. Garofalo, A Simone
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Il tempo deserto del tuo cuore...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Arrampica il vuoto la luce...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Liquido raccolto, protetto...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Accolgono...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Se le parole potessero...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Dorme il vecchio...
  In libreria/ Antonio Barbuto. Noterella in margine a “Girasoli di mare” di Patrizia Garofalo
  Poesia d'autore/ Emily Dickinson. 838
  Un progetto poesia con “Girasoli di mare” al “Donegani” di Sondrio
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Il tramonto dell’alba...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Immagino una musica...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Di luce e d’aria e disperata speranza io vivo...
  In libreria/ “Girasoli di mare” di Patrizia Garofalo
  In libreria/ Flavio Ermini. Una poesia aperta all’accoglienza e alla speranza
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Lontana l’ultima nota...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Come l’arancia...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Trascino un verso...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Eppure mi hai svegliato
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. L'avvertimento del vento
  Patrizia Garofalo. Era partito giovane
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Senti...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Le mie dimenticanze...
  Patrizia Garofalo. Raccontino piccino piccino picciò
  Color mare di notte / Sea’s shade at night
  Natale Tf2014/ Patrizia Garofalo. Mi raccomandi di guardare con attenzione...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Colorate di baci...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Gli amanti di Cortázar
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Malacopia
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Asciugo...
  Paolo Ruffilli: Diario di Normandia. Recensione di Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Averti avuto...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Dedicata a Beppino Englaro
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Terra di Icaro
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Ecografia di un fiore...
  Girasoli di mare a Macerata
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Booom
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. S'accompagna all'infanzia la vecchiaia
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Ipotesi di donna
  A Patrizia
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Ferrara
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. p a r o l a
  Tellusfolio 2018: abbonarsi... ricordando Patrizia
  Vetrina/ P. Bocconi, P. Garofalo, N. Vacca. Voglia di mare, Lontano, Di questo momento
  Poesia d'autore/ Emily Dickinson. 323
  Vetrina/ Ambra Rizzati. A Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Un respiro tra due silenzi...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. M’appare la ferita di allora...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Inverno spaesato in due fermo-immagini
  Vetrina/ Angelo Andreotti & Patrizia Garofalo. Pantografia marina
  Vetrina/ Patrizia Garofalo con Gianluca Moiser
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Sfiorerai...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Orobica
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Fiori di calicanto...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Si riversa su strade e anfratti segreti...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Acceso amaranto
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Un uomo nero vestito di bianco...
  Ricordando, coi ragazzi, le Foibe
  Roberto Malini. I Poeti per i Diritti Umani cantano perché la speranza non muoia
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Sarà faticoso trascinare...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Di notte i sogni...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Migrano...
  In libreria/ Patrizia Garofalo. Girasoli di mare
  In libreria/ Sandra Chistolini. Parole in poesia
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Suddiviso il mare in quadranti...
  Patrizia Garofalo. Note a margine del convegno di ecologia narrativa di Anghiari
  Patrizia Garofalo. “Il dio dell’impossibile”
  In libreria/ Renata Adamo. Il Dio dell’impossibile di Patrizia Garofalo
  Patrizia Garofalo: La trilogia di Paolo Ruffilli
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Lenzuola di nuvole...
  Patrizia Garofalo: Una sera ricordando Domingo Notaro
  Patrizia Garofalo. Ferragosto 2013
  Vetrina/ Patrizia Garofalo con Elisabetta Santini. Ikebana di sagge sorde pietre
  In libreria/ Giuseppina Rando. “Girasoli di mare” di Patrizia Garofalo
  Patrizia Garofalo: Sulla Heimat e su Tellus 19
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. I sogni, Folletti colorati
  Speciale/ Bottega letteraria & Tellusfolio. 1
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. È quell’ora che muore piano...
  Vetrina/ Ippocampo solitario. Patrizia Garofalo con Ferdinando Franguelli
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Si sorridono...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Diventa lacerazione...
  Sulla raccolta: Le stanze del cielo. Domande a Paolo Ruffilli di Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Di notte sento anch'io...
  In libreria/ Nicola Vacca. “Il Dio dell'impossibile” di Patrizia Garofalo
  Presentazione di Oasi criptate. Dialogo di Alberto Carollo con Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Per poter vivere oggi...
  In libreria/ Patrizia Garofalo. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. A forma di monile...
  Patrizia Garofalo: Mare D’anime (1)
  Pina Rando. A Patrizia
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Riportano l’eco delle voci del paese...
  Patrizia Garofalo. Il Gesù senza mani ha la voce negli occhi
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Sbocciano dalle dita...
  M. Veronesi, E. Brizio. Su “Ipotesi di donna” di Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Nel giardino...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Affamati gabbiani
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. È carne la poesia...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. The colours will- be never end until we live and remember
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Al risveglio...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Solo mentre accosto sinfonie...
  Alberto Carollo. Il Dio dell'impossibile di Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Amo la parola...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Laggiù nella luce che si fa buia e aspetta l’alba...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Con un battito d’ali...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Gocciola
  Testamenti/ Ambra Maria Rizzati e Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Ravvìa i capelli del vecchio...
  Patrizia Garofalo: "Forse anch'io scriverò..." Foto della Domenica 1
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Conserva per te almeno la memoria del tempo...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Qualcuno parla d’amore...
  Patrizia Garofalo. (Ri)leggere Paolo Crepet
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Sono radici di primavera...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Lamina tagliente...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Io so che i gabbiani non hanno nido...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Nell'impura liquidità diventa assenza...
  Patrizia Garofalo: Tra emozione e logica. Breve appunto diaristico.
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Una coperta di stelle...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Per “Karlsár” di Flavio Ermini
  In libreria/ Luciano Nanni. “Girasoli di mare” di Patrizia Garofalo
  Elisabetta Andreoli presentata da Patrizia Garofalo per Fotoalbum (6)
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Carezzano la notte...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Stelle cadenti
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Desideri
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Specchiano d'acqua...
  Vetrina/ 25 Aprile Tellusfolio
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Radici di vene...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. La sciarra del fuoco
  Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Vele nere con Cactus
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Crisalide
  Patrizia Garofalo. Antonia Pozzi e la Poesia della Montagna
  Annagloria Del Piano. Poesie per una terra promessa: Girasoli di mare
  In libreria/ Stefano Valentini. “Girasoli di Mare” di Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Uncinate dalla scure...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Presente assenza
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. S'appanna il giorno...
  In libreria/ Flavia Buldrini. “Girasoli di mare” di Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Un foglio di guerra
  Ferrara. Oasi criptate alla Biblioteca Comunale Ariostea
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Scorgo il mio volto somigliante...
  J. L. Borges e la poesia congetturale. Recensione di Patrizia Garofalo
  Patrizia Garofalo: Cuba vive nella prosa lirica di Gordiano Lupi
  Vetrina/ Patrizia Garofalo, Lampare lontane...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Vestire stelle filanti...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Ritorno dal dolore
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Niobe
  Roberto Malini. La vita è… una giornata fra poeti
  Vetrina/ Dammi del tuo amore... Barbarah Guglielmana con Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Sento la tua voce
  Alberto Carollo. Ci si dovesse incontrare...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Notti stellate da incendi...
  Eventi/ Whats Art. Poesia e musica sulla migrazione
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Unisono di voci...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Temporale
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Il silenzio a lungo trattenuto...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Scolpire il tempo...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Ormai rispondo solo alla tua voce
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. E se fosse proprio vera quella parola...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Ebbi a morir nel rimandarti a mente...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Forse una cecità, la mia
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Donna Vittoria
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Marzamemi
  Patrizia Garofalo: Macerata e Paolo Ruffilli di "Camera oscura"
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Tutto converso in bene...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Se non custodissimo quel segreto...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Agavi accartocciate...
  Vetrina/ In morte di stolido uomo, Sirte 2011. Patrizia Garofalo con Flavia Milani
  “La quinta essenza” di Gellu Naum. Recensione di Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Dell’ippocampo ti parlai...
  Vetrina/ P. Bocconi, P. Garofalo, N. Vacca. La fontana
  Antonia Pozzi, Ti scrivo dal mio vecchio tavolo. Lettere 1919-1938
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Scorre la parola del dio...
  In libreria/ Nicoletta Corsalini. “Girasoli di mare” di Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Ma visto che tu...
  Giuseppe Samperi legge e presenta “Dare voce al silenzio” di Patrizia Garofalo
  Eventi/ “Girasoli di mare” a Macerata, sabato 18 giugno
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Obliqua traiettoria...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Torno nello spazio dei tuoi occhi
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Qualcuno nel partire è invece rimasto...
  In libreria/ Asmae Dachan. “Girasoli di mare” di Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Nuvole d’onde trafugate al mare...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Era verde il giardino...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. A volo d’antilope...
  21 marzo, “staffetta poetica” per la Giornata mondiale della poesia Unesco
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Girasoli di mare
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Lasciare andare al dondolìo...
  Gordiano Lupi: Avana killing. Recensione di Patrizia Garofalo. Primo capitolo per i lettori di TF
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Da un campo di guerra...
  Flavio Ermini. Riflessioni su una poesia di Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Il tempo
  In libreria/ Margherita Gadenz, Patrizia Garofalo, Nina Nasilli. Oasi criptate
  Patrizia Garofalo. Per Eluana e suo padre
  Patrizia Garofalo - Tango y Más. “Di Rose Coronato”
  “Cento giorni sul comò”. Patrizia Garofalo dialoga con Pino Tossici sul suo lavoro autobiografico
  Nicoletta Polla-Mattiot. Un regalo da farsi
  Teatro Studio Keiros. Cento giorni sul comò
  Pino Tossìci. Il tempo dell’autobiografia
 
 
Immagini correlate

 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy