Martedì , 12 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Notizie e commenti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Per la scuola della Repubblica. “Senza oneri per lo Stato” 
Sui risultati del referendum di Bologna
28 Maggio 2013
 

La vittoria conseguita dal Comitato referendario della città di Bologna è netta.

Il 59% dei votanti contro il 37%, scegliendo l’opzione A, ha detto No al finanziamento del Comune alle scuole dell’Infanzia private paritarie.

È un risultato di grandissima portata almeno per 3 ragioni:

la prima, di ordine politico. La discesa in campo di uno schieramento che riuniva PD, PDL, Lega Nord, Chiesa cattolica, animato dal Sindaco e addirittura dall’ex presidente del Consiglio, il bolognese Romano Prodi, non ha commosso la città, né sotto il profilo della chiamata al voto, né sotto quello della scelta “obbediente” dell’opzione B. Bologna ha rivendicato la sua tradizione di città democratica, impegnata nel sociale. Questa volta a fianco di quei genitori che semplicemente chiedevano ciò che la Costituzione ha loro garantito: una scuola pubblica per i loro bambini e bambine.

la seconda ragione è l’incoraggiamento a noi tutti a non abbandonare la lotta, anche quando da Davide si tratta si affrontare un Golìa, un Golìa che oggi è rappresentato dall’indifferenza, dalla rassegnazione, da un’opinione pubblica trascinata verso chi è decretato “vincente” dai più diffusi mezzi di informazione. Il Comitato referendario Art. 33 ci ha dimostrato che con l’intelligenza, la tenacia, la certezza di combattere per “la cosa giusta” si può sconfiggere Golìa.

ultima ragione, ma per noi la più importante, è la conferma di quel “senza oneri per lo Stato” voluto dall’Assemblea Costituente in quell’aprile del 1947. Certo, neppure una vittoria dell’opzione B avrebbe potuto scalfire il dettato costituzionale, ma importantissima è stata la sua riconferma popolare. Significa che si è riconosciuto ancora una volta che la Scuola dell’Infanzia è “scuola” e non “servizio” e come tale deve essere finanziata senza concessioni a un sistema integrato che ne nega il pluralismo.

 

Quando diciamo “Bologna riguarda l’Italia” intendiamo dirci disponibili a sostenere un fronte su tutte le analoghe situazioni che colpiscono i genitori nei diversi territori, affinché il dettato costituzionale venga finalmente rispettato, e la legge 62/2000 istitutiva del sistema nazionale integrato venga finalmente denunciata per ciò che rappresenta: un attacco all’articolo 33 della Costituzione.

Alle associazioni, agli amici ai compagni e alle compagne di Bologna va il più vivo ringraziamento e la solidarietà dell’Associazione Nazionale Per la Scuola della Repubblica.

 

Comitato Per la scuola della Repubblica
associazione onlus


Articoli correlati

  Valter Vecellio. E il Vaticano batte cassa
  Scuola e Diritti. Articolo 33
  “Scuola libera se statale”
  Ecumenici. Una mozione anche a difesa della laicità della scuola
  «Un errore molto grave che va corretto» la mancata chiarezza sui Pacs e «Chi vuole la scuola privata se la paghi da solo»
  “Senza oneri per lo Stato”: la Costituzione, la Scuola e il Vaticano
  Bologna. La Chiesa può vanificare lo scontro tra guelfi e ghibellini
  Scuole private? Ve le pagate!
  Per la Scuola della Repubblica. Milioni alle private e il resto... manca
  Finanziamenti alle scuole private? Della Vedova e Di Scalzo su 'L GAZETIN di febbraio
  “Buoni Scuola? No Grazie!”
  Valter Vecellio. Alitalia, scuola (e risorse per le scuole private cattoliche), gli accordi con la Libia…
  Benedetto Della Vedova. “Buono scuola” uguale libertà di scelta
  Collettivo autonomo Tito Livio. Perché abbiamo occupato la scuola
  'L GAZETIN, vero concentrato di prelibatezze, ti aspetta in edicola!
  Bologna. Tradurre in azione amministrativa la volontà popolare
  Scuola o scuole?
  La Scuola del Vaticano e i soldi italiani. Le due morali di papa Ratzinger
  SONDAGGIO SCUOLA ultime ore
  Per il TAR la Regione Lombardia discrimina gli studenti della scuola pubblica
  Daniele Dell’Agnola. Idea Liberale e Scuola Pubblica
  Libertà di scuola e libertà di insegnamento? Tra il dire e il fare...
  Simona Borgatti. La futura scuola pubblica federale
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 6 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy