Lunedì , 18 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Notizie e commenti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Benedetto Della Vedova. “Buono scuola” uguale libertà di scelta
09 Febbraio 2008
 

Leggo sull'ultimo numero de 'l Gazetin il pezzo “Scuole private? Ve le pagate!”. Un paio di osservazioni. Oggi è già, più o meno, così: chi ha i soldi può scegliere di pagare doppio (tasse per finanziare la scuola statale e retta per quella privata) e scegliere di mandare i propri figli dove ritenga possano usufruire della istruzione migliore. Chi ci perde?, naturalmente coloro che non hanno abbastanza quattrini e quindi non hanno questa libertà di scelta.

Trovo un errore la demonizzazione della scuola privata. Anzi, credo che sia soprattutto nell'interesse dei meno abbienti (o, se volete, delle famiglie più povere) puntare ad un sistema scolastico pubblico competitivo e articolato in scuole statali e scuole paritarie. Il meccanismo dovrebbe essere quello del “buono scuola” attribuito alle famiglie, in modo che siano queste ultime a scegliere la scuola dove iscrivere i propri figli senza dover pagare doppio. Scusatemi la semplificazione: in questo modo non vi sarebbero oneri aggiuntivi per lo Stato, che potrebbe continuare a spendere esattamente la stessa cifra a parità di numero complessivo di studenti.

Personalmente ho frequentato scuole pubbliche fino al liceo e mi sono trovato benissimo, poi mi sono laureato in una Università privata; in più penso che molte delle scuole private in funzione attualmente non siano per nulla migliori della media di quelle pubbliche. Ma è un fatto che, nel suo complesso, la scuola italiana sia finita agli ultimi posti nelle graduatorie internazionali sulla qualità dell'apprendimento da parte degli studenti. Allora, anziché difendere ideologicamente una scuola pubblica che negli anni è divenuta un'azienda disegnata più a misura di chi ci lavora che di chi vi studia, non vedo lo scandalo nel pensare di introdurre un po' di competizione e, soprattutto, un po' di libertà di scelta per le famiglie. Sono convinto che da questa via potrebbe uscire qualcosa di buono anche in termini di riforma della scuola statale: meno burocratica, meno sindacalizzata e con una reale autonomia per i singoli istituti.

 

Benedetto Della Vedova

(da 'l Gazetin, febbraio 2008
da oggi in edicola in Valtellina e Valchiavenna
)


Articoli correlati

  SONDAGGIO SCUOLA ultime ore
  Valter Vecellio. E il Vaticano batte cassa
  «Un errore molto grave che va corretto» la mancata chiarezza sui Pacs e «Chi vuole la scuola privata se la paghi da solo»
  “Senza oneri per lo Stato”: la Costituzione, la Scuola e il Vaticano
  “Scuola libera se statale”
  Scuola e Diritti. Articolo 33
  Ecumenici. Una mozione anche a difesa della laicità della scuola
  La Scuola del Vaticano e i soldi italiani. Le due morali di papa Ratzinger
  Bologna. La Chiesa può vanificare lo scontro tra guelfi e ghibellini
  Scuole private? Ve le pagate!
  Per la Scuola della Repubblica. Milioni alle private e il resto... manca
  Finanziamenti alle scuole private? Della Vedova e Di Scalzo su 'L GAZETIN di febbraio
  “Buoni Scuola? No Grazie!”
  Valter Vecellio. Alitalia, scuola (e risorse per le scuole private cattoliche), gli accordi con la Libia…
  Collettivo autonomo Tito Livio. Perché abbiamo occupato la scuola
  'L GAZETIN, vero concentrato di prelibatezze, ti aspetta in edicola!
  Bologna. Tradurre in azione amministrativa la volontà popolare
  Scuola o scuole?
  Per la scuola della Repubblica. “Senza oneri per lo Stato”
  Per il TAR la Regione Lombardia discrimina gli studenti della scuola pubblica
  Daniele Dell’Agnola. Idea Liberale e Scuola Pubblica
  Libertà di scuola e libertà di insegnamento? Tra il dire e il fare...
  Simona Borgatti. La futura scuola pubblica federale
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy