Venerdì , 22 Ottobre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò mediorientale
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Asmae Dachan. Diritti umani violati in Siria 
Report drammatico del SNHR [VIDEO]
23 Febbraio 2015
 

Quante sono le vittime delle violenze in Siria? Chi si occupa di aggiornare questo drammatico bilancio da quando, a luglio del 2013 l’Onu ha annunciato ufficialmente, tramite il portavoce Rupert Colville, di aver smesso la conta dei morti “a causa della mancata garanzia dei minimi livelli di attendibilità”?

Di stilare ogni sera il bilancio dei caduti nelle varie città siriane si sono fatti carico i Comitati di Coordinamento Locale, gruppi spontanei nati pochi mesi dopo l’inizio della repressione con lo scopo di documentare, quartiere per quartiere, il numero dei morti, il bilancio delle abitazioni, ospedali, scuole e luoghi di culto distrutti. Questi Comitati sono riusciti spesso a fornire anche i nomi e l’età delle vittime e a pubblicare online veri e propri bollettini di guerra.

Solo grazie alla presenza sul posto di attivisti, infatti, si riesce ad avere ancora informazioni sulla Siria, su ciò che accade nel silenzio internazionale causato dalla scomparsa delle Ong e dalla grandissima difficoltà per i giornalisti stranieri di addentrarsi in territorio siriano. Mancano le condizioni minime di sicurezza e quindi sono i siriani stessi che si organizzano e raccontano ciò che sta accadendo. Attivisti, citizen reporter, operatori umanitari: i siriani sono vittime e testimoni del massacro che non si ferma. Grazie alla presenza capillare di questi volontari molte Ong, come il Syrian Network for Human Rights (la cui sede è operativa è a Londra), raccolgono informazioni di prima mano, le rielaborano e le diffondono in modo strutturato.

Nel video-denuncia il SNHR mostra, attraverso schede dettagliate, il numero delle vittime cadute in Siria nel 2014 e chi ha causato la loro morte: si denunciano le vittime dei bombardamenti e delle esecuzioni del regime, le vittime di isis, le vittime di movimenti estremisti, le vittime cadute sotto il fuoco dei ribelli che si oppongono al regime e sotto quello dei combattenti curdi.

Dal 1° gennaio al 31 dicembre 2014 sono morte 32507 persone uccise dalle Forze governative siriane di cui 24430 civili, cioè il 75 per cento del totale. Tra di loro si contano 131 medici e ben 121 citizen reporter. Le vittime di Isis nello stesso periodo sono state 3557, tra cui 2642 ribelli e 21 citizen reporter. Sotto il fuoco dei gruppi ribelli che combattono contro il regime e contro Isis sono morte 1257 persone, tra cui 74 militari, 1183 civili e 1 citizen reporter.

Nel rapporto è indicato nel dettaglio il numero delle donne, dei bambini, delle vittime cadute sotto tortura, imprigionate. Emerge in modo inequivocabile che la principale causa di morte in Siria restano i bombardamenti dell’aviazione del regime di Bashar Al Assad

 

Asmae Dachan

(da Diario di Siria, 22 febbraio 2015)

 

 


Articoli correlati

  Asmae Dachan. Douma, neonato estratto vivo dalle macerie. Decine di bimbi feriti
  Siria, tra macerie e speranza: incontro a Recanati
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Notti stellate da incendi...
  Asmae Dachan. Aylan e quella volta che il mondo ha urlato “Mai più”
  Maria Lanciotti. Non in mio nome
  La Siria e la crisi dei rifugiati in Europa spiegate in un video
  Ordine Giornalisti Marche. Il premio "A passo di notizia" ad Asmae Dachan
  Asmae Dachan. Il coraggio delle bambine siriane: “Non potrete ucciderci con l’ignoranza”
  Asmae Dachan. L’ottobre rosso in Siria: 40 massacri denunciati dal SNHR
  “Sacra violenza: terrorismo, guerra, religione, dialogo e libertà”
  Asmae Dachan. “Perdere la propria libertà per la libertà degli altri”
  Asmae Dachan. “Ma io non so disegnare…”
  Mauro Raimondi. “Siriani in transito” nei Civici Corsi di Idoneità
  Un’informazione malata è un pericolo per la democrazia
  Roberto Fantini. Bombardamenti russi sulla Siria: le denunce di Amnesty International
  Siria-Italia. Greta e Vanessa, il coraggio contro l’indifferenza
  Anna Lanzetta. Di fronte alla morte di Aylan, bimbo siriano
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy