Domenica , 08 Dicembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
In libreria/ Paolo Ruffilli. Variazioni sul tema
09 Aprile 2015
 

Un’ellisse temporale

nello spartito della poesia

 

Applicata alla musica, “variazione” indica una modalità differente di note e scansioni metriche rispetto ad una iniziale partitura della stessa tematica creatrice. Ad un “cominciamento” di inediti seguono Paesaggi con figure; Diario di Normandia, Camera Oscura e Piccola Colazione: musica, poesia e immagine spaziano in un’imperfetta osmosi in quanto non appena Paolo Ruffilli ne coglie la fluidità, la esaspera, la sottrae, la depista nell’ironia che in questo lavoro è più pungente e dolorosa del solito. E se esiste una relazione tra autore e lettore, per me, che tento una nota a margine di questo grande testo, essa consiste nel sapere entrambi che, non appena sembrerà di poter amalgamare versi, musica e immagini… tutto, si sposterà di un passo e… “pare di veder” Moretto, il gatto dell’autore beffardo come a dire… allora? Vieni a prendermi? Risponderei che no, ché non voglio scoprire, voglio sentire. Ed è in verità il motivo per cui ho amato tutti i libri di Ruffilli.

Dalla natura umana pronta a sfidare gli dei alla memoria che annaspa fuori controllo, «… preferisce/ spegnersi da sola/ tagliarsi i ponti/ e connessioni/ fino ad affogarsi da ribelle», dalla falsità dell’intelletto che trae inutile conforto dal cuore alla «previsione/ del tempo perso per servire il mondo», dal «tutto così piccolo/ tutto così vasto/ …incerto e scivoloso,/dentro la luce oscura/ del mistero» all’irrisolto desiderio che necessita l’inganno, il poeta, in sequenza quasi rituale, apre uno spiraglio per poi sbarrarlo, un varco montaliano che non salverà l’Arsenio – Ruffilli che incatena un possibile volo pur preannunciato e avvertito come lui stesso scrive “a priori”. «E se un gesto ti sfiora, una parola/ ti cade accanto, quello è forse, Arsenio,/ nell’ora che si scioglie, il cenno d’una/ vita strozzata per te sorta, e il vento/ la porta con la cenere degli astri».

Estromesso dal cielo, all’uomo resta il tempo incerto della vita che straripa da giovani, poi riprende piano ma «… tuttavia placato/ è pronto a ripigliare/ la sua forza/ e intorbidando/ l’acqua chiara/ a rompere in furia gli argini e le sponde…» E La gioia e il lutto, un bellissimo libro dell’autore, torna per titolare una poesia che connota nell’ossimoro come ogni evento felice possa entro sé contenere il suo opposto o l’elisione assoluta della dicotomia «… precipitato, tutto,/ nel cieco vaso/ che posa tra le braccia/ del suo buio». «Aspetto sveglio il mondo…/ in ogni suo girone». I paesaggi con figure che seguono, indicano ulteriori variazioni sul tema”, un’altra tonalità, un’altra figura potremmo dire in campo musicale e un cielo dipinto nella sua vastità cosmica, nella descrizione innamorata di ogni suo cambiamento.

«improvvisa arriva l’alba/ con nuvole color petrolio/ nel cielo verde panna». «Dal mare in corsa/ le nuvole si infilano/ strisciando tra le case, inondando la città/ come torrenti…» «Veleggia la mezzaluna/ su nel cielo e scivola/ con il fruscìo di un gesso/ sopra il nero opaco… miscuglio luccicante/ di stelle e di stelline/ nel silenzio pieno e arreso/ di una notte sognata senza fine»

Figure viste in controluce, percepite nei passi che s’avvertono tra le foglie secche, vicino agli alberi, musicate nei loro incontri e addii, nella consolazione e nello sconforto di ciò che non è durato e insieme al paesaggio vive, di albe e tramonti infuocati, di pioggia battente e di un sogno “sprimacciato” «ma le figure incerte/ sembrano andare/ senza avere una meta/ mentre il crepuscolo/ si è già tinto intorno/ del suo nero opaco…/o qualcuno da lontano/ sembra chiamarle/ tutte altrove,/ queste e quelle, fuori mano/ sotto un cielo/ sempre più cupo/ scorticato dalle stelle». Si aprono finestre, scale, portoncini e accolgono pioggia, albe, carezze, diventate creature anch’esse di attese e sorrisi, raccontano storie d’amore e di dolore, di dolce dire e di allontanamenti improvvisi. Sono Le stanze del cielo. E ritorno a quei versi, a quella tensione poetica ed umana, a quella civile e sofferta partecipazione ai luoghi di dolore della vita a cui si resta aggrappati nonostante tutto. I cieli torneranno nell’ellissi temporale in cui Ruffilli ripropone Diario di Normandia annotati a lato dei versi a segnare un calendario di colori nel tempo dell’irrepetibile; quel viaggio, pur realmente vissuto, è destinato ad un non ritorno, ad una Camera oscura che Ruffilli sfoglia piano, fotografie che riportano gesti, abiti, occasioni che assediano la memoria in un vuoto pieno di ricordi paralizzati nell’attimo dello scatto, fermati come farfalle crocifisse ma dove il poeta pur non ritrovandosi in quel bambino “a lui quasi sconosciuto” scrive «la parola, per me,/ veniva da distante/ Un a priori, quasi,/ l’avvertivo. Un eccitante/ …nel darle per riscontro/ una realtà che invece,/ più toccata e presa,più/ sfuggiva inconsistente/ ai cinque sensi». Forse sono questi ultimi versi la chiave di lettura per conoscere bene il Ruffilli poeta, in quest’arco dalle corde tese a cogliere qualcosa che continuamente sfugge non appena ci sembra di averlo avvicinato. Da questa consapevolezza, a mio avviso, scaturisce l’ellissi o capovolgimento temporale di variazioni sul tema”. Ed è infatti la giovinezza, Piccola Colazione con i suoi primi turbamenti, piena di eccessi e costrizioni, piccolo assaggio della vita come “parco mangiare” a chiudere la raccolta di testi capovolti rispetto alle vere date di pubblicazione. Un nesso, un filo conduttore li unisce tutti: il permanere continuo di luce ed ombra, il chiaroscuro che vede senza alternanza dominare la parola poetica così come nelle metope greche dove il bassorilievo offre le superfici contemporaneamente alle luci riflesse d’ombra, prima che il buio de La quercia delle gazze le nasconda al loro splendore tra le nuvole che vagano indifferenti alla disumanità.

 

Patrizia Garofalo

 

 

Paolo Ruffilli, Variazioni sul tema

Nino Aragno Editore, 2014, pp. 252, €12,00


Articoli correlati

  Vetrina/ 1. Centinaia
  Vetrina/ Natale è tellus. 3
  Annalisa Miani. Paolo Ruffilli in Un'altra vita
  Paolo Ruffilli. Tutto il possibile
  Paolo Ruffilli. Un’altra vita
  Premi e concorsi/ A Macerata e Caldarola le giornate conclusive del Premio Rabelais 2011
  Paolo Ruffilli. Passione e morte di Cristo
  Vetrina/ Paolo Ruffilli. Dalle pareti aperte
  Paolo Ruffilli: Diario di Normandia. Recensione di Patrizia Garofalo
  Patrizia Garofalo. Conversazione con Paolo Ruffilli su “natura morta”
  Poesia: La Scuola di Spresiano
  Firenze. “5 Grandi Incontri con la Letteratura”
  Natale Tf2014/ “Rinascita” di Paolo Ruffilli
  “La quinta essenza” di Gellu Naum. Recensione di Patrizia Garofalo
  Sulla raccolta: Le stanze del cielo. Domande a Paolo Ruffilli di Patrizia Garofalo
  In libreria/ “Affari di cuore” di Paolo Ruffilli. Presentazione a Ferrara il 7 novembre
  Vetrina/ Paolo Ruffilli. Come gli ospedali
  Patrizia Garofalo. “L'isola e il sogno” di Paolo Ruffilli
  Patrizia Garofalo. Ruffilli nelle pagine dedicate ad Emily Dickinson
  In libreria/ Patrizia Garofalo. “Natura morta” di Paolo Ruffilli
  Paolo Ruffilli: Le stanze del cielo. Recensione di Ottavio Rossani
  Patrizia Garofalo: Macerata e Paolo Ruffilli di "Camera oscura"
  Vetrina/ Paolo Ruffilli. Natale disteso nel mistero
  Che sia un poeta a parlar di storia… Patrizia Garofalo intervista Paolo Ruffilli
  I fantasmi della gipsoteca
  Patrizia Garofalo. Vi propongo un Ruffilli d'annata
  In libreria/ Sandra Evangelisti. Intanto tutto procede
  Patrizia Garofalo: Mare D’anime (1)
  In libreria/ Costantino Kavafis. Il sole del pomeriggio
  Patrizia Garofalo: La trilogia di Paolo Ruffilli
  Patrizia Garofalo: "Forse anch'io scriverò..." Foto della Domenica 1
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy