Venerdì , 22 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Che sia un poeta a parlar di storia… Patrizia Garofalo intervista Paolo Ruffilli
05 Ottobre 2011
 

Nel viaggio per mare, vita e morte si succedono e si ricompongono nella storia e nell’animo di Nievo tanto che il processo dell’unificazione trascorre in simbiosi con gli eventi storici e lo scandaglio dell’animo umano. Che sia un poeta a scrivere di storia amplia e condensa le vicende garibaldine in un processo decisamente più intenso e più comprensibile delle distonie che accompagnano il periodo e che si leggono nell’animo di Ippolito Nievo. Ed è proprio la morte per mare (storicamente avvenuta) che simbolicamente andrà assunta come auroralità, rinascita, risorgimento e armonizzazione delle conflittualità nell’animo inquieto del protagonista.

Che sia un poeta a parlar di storia è per noi dono di ampia lettura, di forte immaginazione e di pluralità di interpretazione. Tornano i cieli di Ruffilli, aperture ad un altrove possibile in Diario di Normandia, ne La gioia e il lutto, ne Le stanze del cielo, quelli di Un’altra vita tessuti ricamati sulla Palermo così come la descrisse Dumas: «Palermo è un termine: è la primavera dopo l’inverno. È il riposo dopo la fatica. È il giorno dopo la notte, l’ombra dopo il sole» ed è anche Palmira, l’amore che armonizza i contrasti di una vita, che è tutto tranne colpa o vizio, totalità anche nella caducità: «dobbiamo salutarci Ippolito come se ci vedessimo domani e tutti i giorni prossimi a venire… non è la meta che importa. Credimi, il percorso conta di più».

«… E le onde della vita cadevano sul petto e facevano presto a ricoprire la testa togliendo subito il respiro».

Che sia un poeta a parlar di storia gli consentirà di scrivere «tutto è rigorosamente autentico, tutto è rigorosamente immaginato». Il filo conduttore dell’immaginazione, intrigante protagonista di Paolo Ruffilli secondo cui le cose esistono solo come immaginate dal soggetto, mi invita a questa intervista all’autore; “immaginata” da me per voi.

 

 

Paolo Ruffilli, “L’ISOLA E IL SOGNO”

Macerata, 30 settembre 2011

Intervista di Patrizia Garofalo

 

L’isola e il sogno legge la fine della spedizione dei Mille e quello che sarà l’ultimo viaggio di Nievo. Condensa memorie e contrasti dell’animo di Ippolito e della storia risorgimentale.

Paolo, in questo tuo scritto sembra che sia più l’uomo a vivere nella storia che la storia nel garibaldino Nievo. È peregrina questa mia posizione?

Non è peregrina, la condivido. Del resto, Nievo è un uomo “speciale” e proprio per queste sue qualità non può che riempire di sé la storia. Nel senso che per lui quel che va accadendo è parte essenziale ed inevitabile della sua vita. Lo riguarda, non solo eticamente, ma direi addirittura naturalmente, in prima persona.

 

I tuoi studi precedenti e gli scritti su Ippolito Nievo evidenziano il tuo interesse verso questo romanziere che la maggior parte di noi ha purtroppo letto a scuola con indifferenza, direi anche con noia. Nello studio di Nievo così accorto e scandagliante, nella cura che hai avuto nel parlarne in altri tuoi scritti cosa ti ha attratto?

Nievo è un precoce geniale. Uno che, come Leopardi, sente le cose con decenni di anticipo sugli altri. E potrei citare innumerevoli cose coinvolgenti per me, dalla sensibilità poetica all’esercizio dell’intelligenza all’esperienza sentimentale… ma mi limito al discorso che abbiamo appena avviato. Proprio a proposito della Storia, ha fatto enormi passi in avanti. Mi spiego. Prendiamo Manzoni che dedica “Marzo 1821” a un libertario ungherese vittima di Napoleone. Manzoni considera Napoleone un delinquente e ha sicuramente ragione, uno che ha commesso –come diciamo oggi– crimini contro l’umanità. Ma dal punto di vista storico, le cose si guardano in altro modo. Appunto Nievo, che si è liberato del vincolo moralistico e che, pur non apprezzando affatto Napoleone, deve ammettere che da Napoleone, in mezzo ai crimini, è scaturito anche del buono. Insomma, l’idea della Storia che Nievo ha è moderna e, non a caso, la Storia appunto da scenario nella prima parte delle Confessioni d’un italiano diventa protagonista della seconda parte del romanzo. Cosa che non sfuggì a Tolstoj mentre pensava al suo Guerra e pace.

 

Il libro anzi più precisamente la notizia della tua pubblicazione che veniva a coincidere con la celebrazione dei 150 anni dell’Unita d'Italia, mi ha spaesato. Ero fortemente dubbiosa sul come inquadrare la tua scelta di editarlo proprio in un momento in cui la tua grande libertà artistica rischiava di essere incasellata in uno spazio definito. Tu hai avuto questo dubbio?

Erano anni che lavoravo al romanzo, dopo aver pubblicato nel 1991 la biografia dedicata a Nievo. Sarei magari andato avanti ancora, quando l’editore in previsione della scadenza dei 150 anni dell’unità d’Italia mi ha stimolato a pubblicare il libro. E, dopo una riconsiderazione durata una decina di mesi, ho deciso per la pubblicazione essendo soddisfatto del risultato a cui ero arrivato.

 

Tu scrivi: «Tutto è rigorosamente autentico (e citi le fonti e le opere), tutto è rigorosamente immaginato». E mi torna in mente l’immaginazione di cui tanto abbiamo parlato come elemento non arbitrario della mente che reale diventa se soggettivamente creato e agito. L’immaginazione, dico sempre che è una tua spiazzante creatura…

Sì, è così. L’immaginazione non è affatto una qualità arbitraria, anzi conosce una coerenza interna straordinaria, perché agisce fondandosi su dati certi e reali che restano comunque nel fondo. E, di lì, è capace di rivelare una verità che altrimenti sfugge. Perché, so bene da linguista, che la verità non è nelle cose ma nel linguaggio, come diceva Wittgenstein.

 

Entrando più specificatamente nel testo, ritengo tu abbia offerto ai tuoi lettori una mirabile capacità d’indagine dell’animo di Nievo e delle sue contraddizioni. Bice e la madre, amate entrambe ma vissute senza fisicità, spesso si sovrappongono come immagini, spesso generano stati di disagio e dicotomie; Palmira ricomporrà invece la cercata dimensione dell’amore nella sua pienezza e nella sua caducità. Il naufragio ricompone un’identità, se seguiamo questa linea di lettura?

Il naufragio, paradossalmente, è nell’aria. Non per niente abbiamo citato la sensibilità di Nievo, la sua capacità di antivedere… E lui sente che, per comporre l’insanabile contraddizione della sua vita, sta per accadere qualcosa di estremo ed assoluto. Intuisce e, naturalmente, rifugge dalla sua intuizione. Si muove in una situazione di contrari che è molto produttiva creativamente, ma distruttiva esistenzialmente.

 

La vita sentimentale di Ippolito Nievo, le sue battaglie politiche e militari stanno alle contraddizioni risorgimentali come Palmira e Palermo stanno al naufragio e al dopo l’Unità?

Sì, non c’è dubbio. Anche perché Nievo aveva già visto come stavano andando le cose. L’idealità e la vita di molti erano state sfruttate per gli interessi di pochi… L’Italia stava finendo nelle mani dei faccendieri privi di scrupoli, quelli che già senza scrupoli operavano nel Piemonte sabaudo.

 

Leggo da Diario di Normandia «è vero che non amo / gli squarci di natura/ se non da fuori/ del palcoscenico/ da un giusto osservatorio/ almeno per il poco che si possa presidiato». Questo testo è denso di dettagli paesaggistici che nulla hanno a che fare con scenette arcadiche o forme liriche obsolete… Io ti penso come poeta dai mille cieli, sono essi un altrove alla ricerca della parola che consoli e faccia proseguire?

Il paesaggio, così come la Storia, non sono mai –come crediamo– noi, lo scenario in cui ci muoviamo ma sostanza stessa di vita. Dunque, ciò che accade anche di più individuale non può che accadere dentro un corpo più generale e dentro un fenomeno collettivo.


Articoli correlati

  Paolo Ruffilli. Tutto il possibile
  Annalisa Miani. Paolo Ruffilli in Un'altra vita
  Vetrina/ 1. Centinaia
  Paolo Ruffilli. Un’altra vita
  Paolo Ruffilli. Passione e morte di Cristo
  Vetrina/ Paolo Ruffilli. Dalle pareti aperte
  Paolo Ruffilli: Diario di Normandia. Recensione di Patrizia Garofalo
  Patrizia Garofalo. Conversazione con Paolo Ruffilli su “natura morta”
  Firenze. “5 Grandi Incontri con la Letteratura”
  Sulla raccolta: Le stanze del cielo. Domande a Paolo Ruffilli di Patrizia Garofalo
  “La quinta essenza” di Gellu Naum. Recensione di Patrizia Garofalo
  In libreria/ “Affari di cuore” di Paolo Ruffilli. Presentazione a Ferrara il 7 novembre
  Patrizia Garofalo: Mare D’anime (1)
  Patrizia Garofalo. “L'isola e il sogno” di Paolo Ruffilli
  In libreria/ Patrizia Garofalo. “Natura morta” di Paolo Ruffilli
  Paolo Ruffilli: Le stanze del cielo. Recensione di Ottavio Rossani
  Patrizia Garofalo: Macerata e Paolo Ruffilli di "Camera oscura"
  Patrizia Garofalo. Ruffilli nelle pagine dedicate ad Emily Dickinson
  Vetrina/ Paolo Ruffilli. Natale disteso nel mistero
  Poesia: La Scuola di Spresiano
  Vetrina/ Paolo Ruffilli. Come gli ospedali
  Premi e concorsi/ A Macerata e Caldarola le giornate conclusive del Premio Rabelais 2011
  I fantasmi della gipsoteca
  Patrizia Garofalo. Vi propongo un Ruffilli d'annata
  In libreria/ Sandra Evangelisti. Intanto tutto procede
  Natale Tf2014/ “Rinascita” di Paolo Ruffilli
  In libreria/ Costantino Kavafis. Il sole del pomeriggio
  Patrizia Garofalo: La trilogia di Paolo Ruffilli
  Patrizia Garofalo: "Forse anch'io scriverò..." Foto della Domenica 1
  Vetrina/ Natale è tellus. 3
  In libreria/ Paolo Ruffilli. Variazioni sul tema
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.5%
NO
 24.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy