Venerdì , 30 Settembre 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Cm Morbegno. Copione deprimente per un'assemblea “ad personas”
07 Settembre 2010
 

Tutto come da copione alla cosiddetta “assemblea” della Comunità montana Valtellina di Morbegno, riunitasi ieri sera su frettolosa convocazione e con la presidenza di tal Alan Vaninetti che, così come sette dei nove consiglieri di minoranza presenti alla riunione, non ha partecipato alle votazioni. Il primo – senza che ciò venisse dichiarato e motivato – evidentemente per non eventualmente inficiare la validità dei risultati (!?), stante i forti dubbi sulla sua posizione, gli altri per non dare legittimità a degli organi (Assemblea, Giunta esecutiva e Presidente) non legittimamente costituiti e considerati quindi invalidi. «La nostra presenza qui e il nostro contributo alla discussione», ha infatti dichiarato Laura Bonat, sindaco del Comune di Ardenno, in apertura dei lavori «è da considerare atto di pura cortesia. Intatte permangono le nostre riserve sul percorso intrapreso da questa maggioranza, che anzi trovano conferma nella frettolosa e irrituale (non passaggio in Commissione, etc.) proposta di variazione dello Statuto appena adottato nel marzo scorso, con modifiche che sembrano di poco conto, ma che così non sono». «Per la mancanza del numero legale alla riunione del 20 luglio» ha rincarato la dose Alan De Rossi, sindaco di Andalo Valtellino, «riteniamo questa Giunta esecutiva illegittima. La nostra non partecipazione in quella circostanza, strumento tipicamente usato dalle opposizioni nei comuni e quindi non certamente da interpretare come mancanza di rispetto istituzionale, è stato un segnale di forte dissenso. Sarebbe stata sufficiente la riunione il giorno successivo nella già prevista seconda convocazione, alla quale eravamo pronti a prender parte, per effettuare l'elezione degli organi esecutivi – con i medesimi risultati – nella regolarità. Questo non è stato fatto e nemmeno sono state accolte le ripetute richieste di una nuova convocazione per l'autotutela».

«Il fatto che nel programma di maggioranza», ha proseguito De Rossi, «non vi fosse nessun accenno alle modifiche statutarie, che ora vengono invece fatte approvare in tutta fretta, dimostra che è l'unico modo escogitato per cercare una legittimazione a posteriori. Pertinente e da rimarcare, dunque, dire che si tratta di un provvedimento ad personam». Che soltanto un miracolo, si potrebbe commentare, potrebbe comunque far risultare efficace, ché come ben noto le modifiche statutarie diventano esecutive il trentesimo giorno dopo la pubblicazione sul Bollettino ufficiale della Regione Lombardia e non possono in ogni caso essere retroattive. Del resto è pur vero che la politica di questi tempi ha indotto molti a... credere e confidare in questi miracoli. «Nel merito», si è agganciata Rosa Barri, sindaco di Dubino, «le modifiche odierne non rispettano nemmeno il disposto dell'art. 4 della vigente legge regionale: “...purché appartenenti alla maggioranza consigliare del rispettivo Consiglio...” e non “...purché eletti nella lista di maggioranza”!» (più ad personam di così...!?).

Tutto come da copione si diceva. E, infatti, senza colpo ferire (e senza proferir verbo, fatta eccezione per i “titolati a parlare”) quindici mani si son alzate per ogni votazione, compresa la seconda per approvare lo statuto senza la maggioranza qualificata dei due terzi...

E che l'interesse personale sia la linea guida del “nuovo” (ma quanto, se ricalca gli schemi dei riprovevoli predecessori?) gruppo di maggioranza è trapelato anche per la seconda grossa questione affrontata nella serata, che qui non riprendiamo proprio perché troppo importante per poter essere liquidata in poche battute. Una sola annotazione a proposito della liquidazione di Eventi Valtellinesi Srl (uno dei cd “baracconi” dei quali bisogna disfarsi al più presto per... seppellire il passato): «Quest'anno organizzazione e gestione della Fiera di Ottobre sono state affidate al Multiconsorzio» ha detto Bonat. «E tutti sappiamo che Direttore di quell'ente è il nostro 'collega' (d'assemblea) Patrizio Del Nero» (foto).

Via con i brindisi!

 

La Voce del Bitto


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 65.4%
NO
 34.6%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy