Venerdì , 14 Dicembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gino Songini. Una guerra mondiale “a pezzi” 
“E la Discordia ognor furente e pazza” (Omero, Iliade, Canto V)
20 Settembre 2014
 

Nel suo viaggio di ritorno dalla Corea papa Francesco, conversando con i giornalisti, ha parlato di un mondo nel quale si sta combattendo «una terza guerra mondiale, anche se a pezzi». Mi sembra una espressione azzeccata, che definisce con efficacia quanto succede. In Ucraina tuonano i cannoni, le bombe uccidono militari e civili, non mancano incursioni di carri armati e di aerei da combattimento (ma chi pensava che covasse un simile fuoco sotto la cenere?). In Afghanistan si combatte una guerra che non finisce mai. Nel Vicino Oriente – altra faida infinita – tra Israele e Palestinesi continua a scorrere un fiume di odio e di sangue. Iraq, Siria e Libia sono in fiamme. Città che vantano una secolare tradizione di civiltà come Damasco, Baghdad e Algeri sono travolte da ondate di inaudita violenza. I tagliatori di gole dell'Isis, quelli che tra le altre cose vogliono proibire lo studio della filosofia e della chimica perché «non sono in linea con le leggi di Dio», avanzano tra Siria e Iraq con il loro carico di sanguinario fanatismo.

Non si può non pensare a tutto questo. Non c'è telegiornale che non porti nelle case del mondo scene di distruzione e di morte. Colpiscono con tragica forza le immagini dei bambini uccisi, feriti e mutilati, innocenti vittime di una volontà omicida che si esalta nella follia e nel sangue.

Che fare? Intanto dobbiamo dire che forse ci siamo cullati troppo a lungo nell'illusione che, dopo le guerre mondiali del secolo scorso, avremmo avuto in Europa un periodo di pace pressoché senza fine. Ma la storia continua e il mondo non finisce in Europa, dove pure non tutto è filato e sta filando liscio: basti pensare a quanto è successo negli anni novanta nella ex Jugoslavia o a quanto sta attualmente avvenendo, come si diceva, tra Russia e Ucraina. In Africa poi i punti caldi, e non sto parlando del clima, sono più che mai numerosi. In Nigeria i fanatici di Boko Haram, che vogliono instaurare lo stato islamico (la sharia), fanno stragi di cristiani nel nord del paese, bruciano chiese, uccidono a sangue freddo cristiani e non, sequestrano le donne, diffondono ovunque morte e terrore. Nella Repubblica Centroafricana, così come in Ruanda e in Burundi, rialzano ogni tanto la testa gli odi tribali che hanno portato alle stragi di venti anni or sono. Nel Corno d'Africa, particolarmente in Somalia, ma anche nelle vicine Eritrea, Etiopia e Kenya, fanatismo e violenza la fanno da padroni ormai da decenni.

Che fare allora? Io penso che le grandi potenze che dominano la scena del mondo con il loro strapotere politico, economico e militare, Usa, Russia, Cina, ecc., dispongano di tutti i mezzi per impedire tanto male, basta lo vogliano. Ma non lo vorranno fino a quando continueranno a mettere l'interesse per la giustizia e la pace dietro gli egoismi nazionalistici e le brame di potere (economico, politico, ecc.).

Venti anni fa, non lo dico io ma lo scrisse in un suo libro (J'ai serré la main du diable) il colonnello canadese Roméo Dallaire testimone oculare del genocidio, sarebbero bastate poche centinaia di soldati Onu in più per impedire il massacro del Ruanda che provocò in neppure quattro mesi ottocentomila (!) morti. Dobbiamo riflettere su queste cose. E anche l'Italia, che pure non è una grande potenza, potrebbe far sentire con maggiore forza la sua voce nelle sedi internazionali. Oggi il mondo sta diventando sempre più piccolo e non si può rimanere alla finestra, indifferenti e inerti, a guardare quanto avviene intorno a noi. Le innocenti vittime della violenza, a cominciare dai bambini, ci guardano e chiedono con i loro occhi il perché di tanta follia. Gli uomini di buona volontà devono dare una risposta alle loro domande. I governi devono considerare la necessità di rafforzare le organizzazioni internazionali, a cominciare dall'Onu, perché possano finalmente intervenire immediatamente ed efficacemente là dove c'è bisogno. L'uso della forza non può e non deve essere escluso. Una forza sostenuta da una giurisdizione sovrannazionale che provveda a fermare quanti vogliono imporre con la violenza il loro dominio. È giunto il momento di mettere da parte tante ipocrite limitazioni, magari codificate in un diritto internazionale ormai superato dai tempi, e agire come possono agire le forze dell'ordine all'interno di uno stato nazionale per impedire crimini e genocidi in qualsiasi angolo del pianeta. I mezzi ci sono. Manca soltanto la buona volontà.

 

Gino Songini

(da 'l Gazetin, settembre 2014)


Articoli correlati

  Asmae Dachan. Basta con terrorismo e giù le mani dall'Italia
  Asmae Dachan. Baghdad, l’ennesima strage degli innocenti dimenticati
  Omar Santana, il doppio sistema monetario e lo Stato Islamico
  Marco Lombardi. Radici
  Zoé Valdés. “Je suis Bangladesh et Bagdad”
  Christian Flammia. Prevenire, educare, magari rinunciare a qualcosa... ma l'Isis si può vincere
  Francesco Cecchini. Cosa sta succedendo a Falluja, a Mosul e in Italia
  “Da Senigallia a Kobane. Insieme ai Curdi”
  We are Orlando
  Garrincha. Buon appetito
  Roberto Fantini. Bombe italiane utilizzate dall’Arabia Saudita in Yemen
  Marco Lombardi. Occhi voraci di libertà
  Francesco Cecchini. Diga di Mossul, Iraq. Soldi per andare alla guerra
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Non cessa la vendetta
  Roberto Malini. Grazie, Lucasz
  Cosa sta accadendo a Mosul?
  Lidia Menapace. Guerre e bugie
  Wolinski, Cabu, Charb, Tignous: non dimentichiamoli e impegniamoci come loro per la libertà
  Umberto Santino. La pace naviga controcorrente
  Al distributore
  Carlo Forin. Strage di libertà in Francia
  Mario Lucchini. Ma quale sicurezza?
  Roberto Malini. La follia di sostenere Isis
  Asmae Dachan. Il pianista di Parigi come il pianista di Yarmouk
  Un enorme pericolo alla diga di Mosul. Siano ritirate le truppe italiane
  Christian Flammia. “È in corso la terza guerra mondiale”
  Omar Santana. Il califfato affonda nel sangue
  Lidia Menapace. Neutralità, Nato, Caschi blu
  Peppe Sini. Hiroshima sul lungomare di Nizza
  Peppe Sini. Fermare le stragi nell'unico modo possibile
  Asmae Dachan. Isis e Assad: il tempismo del terrore per seppellire altro terrore
  Asmae Dachan. #Siria: Isis e l’infibulazione dei cervelli
  Carlotta Caldonazzo. Terrorismo e guerra al terrorismo: una controproposta
  Gordiano Lupi a tutto Garrincha
  Inermi nel vento di guerra
  Sara Tagliati. Lo stupro come strumento di guerra: una lettura critica del caso Ruanda
  Gino Songini. Brevi note sulla pittura e sulla musica.
  Gino Songini. NO e ancora NO ai reati di opinione
  Gino Songini. Zibaldone estivo
  Gino Songini. Non ci resta che piangere
  Gino Songini. Elogio del lavoro manuale
  Gino Songini. “Se un paese è l'aereo, la scuola è il suo motore”*
  Gino Songini. Il cavallo non domato (o indomabile?) dell'energia nucleare
  Gino Songini. A cosa può servire una interminabile crisi
  Gino Songini. Nella giungla informatica, tra felici scoperte e trappole insidiose
  Gino Songini. Dalla villa di Arcore a quella di Sant'Ilario, da un pifferaio a un altro
  Vetrina/ Gino Songini. In morte di Nelson Mandela
  Gino Songini. Le crisi come le ciliegie: una tira l'altra
  Vetrina/ Gino Songini. Lettera al “Che”
  Gino Songini. A proposito della libertà di stampa
  Gino Songini. Una gita con Berlusconi
  Gino Songini. L'abbiamo scampata bella
  Gino Songini. «Somos todos americanos»
  Gino Songini. Beati coloro che possiedono certezze e verità
  Gino Songini. Ma diamogli un calcio nel sedere (metaforico, s'intende)
  Gino Songini. Gli esami non finiscono mai
  Scuola e Diritti. “Se i meccanici sabotano i motori, l’aereo precipita!”
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.5%
NO
 26.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy