Venerdì , 13 Dicembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Rita Bernardini. La vergogna di San Vittore
Rita Bernardini
Rita Bernardini 
02 Febbraio 2009
 

Non mi ha certo meravigliato la dichiarazione con la quale pochi giorni fa il Presidente della Corte di Appello di Milano, dott. Giuseppe Grechi, intervenendo all’assemblea dei penalisti milanesi ha definito il carcere di San Vittore «un luogo di tortura a pochi passi dal Duomo».

Non mi ha sorpreso perché come deputata, insieme al militante radicale Giorgio Inzani, ho effettuato una visita ispettiva nel carcere milanese il 30 novembre scorso, con il che ho potuto rendermi conto di persona che gli articoli dell’Ordinamento Penitenziario (L. 26 luglio 1975 n. 354) e del Regolamento (D.P.R. 30 giugno 2000 n. 230) sul “trattamento” all’interno delle carceri, se confrontati con la realtà della casa di custodia milanese, rivelano una serie di dati a dir poco sconcertanti: mai violazione di legge è stata così eclatante, così certa e da tutti conosciuta per tantissimo tempo, senza un intervento concreto di chi avrebbe il dovere di intervenire.

Ma procediamo con ordine.

 

Al momento del mio ingresso in carcere, nell’istituto penitenziario milanese - la cui struttura, ricordo, è stata costruita nell’Ottocento e prevede una capienza regolamentare di 700 posti - erano presenti circa 1300 detenuti, il che comporta una carenza di spazi utilizzabili e una loro distribuzione poco sfruttabile dal punto di vista degli investimenti in attività, oltre che condizioni igieniche assolutamente precarie. Peraltro all’interno del carcere in questione sono in corso da diversi anni drastici lavori di ristrutturazione che interessano a turno uno dei raggi detentivi, ciò a riprova del fatto che la struttura non è conforme alle indicazioni contenute nel Regolamento di esecuzione dell’Ordinamento Penitenziario (peraltro la conseguenza immediata di questi lavori di ristrutturazione è una riduzione della capienza della struttura che, non essendo compensata da una riduzione dei flussi di ingresso in istituto, si traduce in un ulteriore peggioramento delle condizioni di sovraffollamento nei raggi non ancora ristrutturati).

 

Nel corso della visita ispettiva, in celle di circa dieci metri quadrati ho trovato accorpate anche sei persone che dormono in letti a castello di due o tre piani. Nelle celle i letti occupano la quasi totalità dello spazio, tanto da impedire ai detenuti di stare in piedi tutti contemporaneamente; quando le persone ospitate sono sei e vi sono due letti a castello composti ciascuno di tre piani, non è possibile aprire la finestra e, di conseguenza, risulta impraticabile il ricambio d’aria all’interno del luogo di detenzione.

A San Vittore i servizi igienici sono inadeguati e le docce comuni sono insufficienti per garantire a tutti i detenuti l’utilizzo quotidiano delle stesse, il che impone ai reclusi la turnazione delle docce anche nei mesi estivi; il riscaldamento è mal funzionante, per cui sia nelle celle che nei corridoi la temperatura è molto rigida e c’è un tasso di umidità altissimo, ciò che costringe i detenuti ad indossare cappotti o giubbotti anche all’interno delle celle (peraltro non tutti i detenuti sono in possesso di vestiario adeguato; alcuni extracomunitari incontrati durante la visita ispettiva, ad esempio, indossavano magliette a maniche corte e/o camicie leggere nonostante avessero più volte chiesto di ricevere capi di abbigliamento più pesanti).

Nel reparto “comuni”, le mura ed i soffitti sono sporchi e fatiscenti; il pavimento è sudicio e la presenza di scarafaggi è all’ordine del giorno, mentre all’interno delle celle le lenzuola vengono cambiate ogni 40 giorni in quanto la lavanderia non funziona da tempo. Inoltre a causa dell’eccessivo sovraffollamento riscontrato nel carcere milanese, il livello di promiscuità è così allarmante che insieme ai detenuti cosiddetti “comuni” convivono sieropositivi, malati di epatite, tubercolotici e persone affette da scabbia.

Secondo gli operatori del settore, a San Vittore esistono seri rischi per la salute dei detenuti e degli stessi agenti di polizia penitenziaria, oltre al rischio di diffusione di malattie infettive. Ciononostante, ad oggi, non sono stati adottati i provvedimenti più urgenti e necessari per tamponare l’emergenza e rendere almeno un po’ più sicuri e salubri gli ambienti di lavoro e di detenzione. Pertanto attualmente la situazione all’interno del carcere di milanese continua ad essere al limite della tollerabilità, senza considerare che, viste le condizioni decrepite dei soffitti, in qualsiasi momento pezzi di cemento potrebbero staccarsi dai muri per colpire detenuti e poliziotti penitenziari.

 

Per questi motivi nel mese scorso ho depositato una interrogazione parlamentare a risposta scritta nella quale chiedo al Ministro della Giustizia cosa intenda fare per riportare il carcere di San Vittore nella legalità e, soprattutto, «se ritenga di dover urgentemente intervenire per scongiurare il rischio della diffusione di malattie infettive, per salvaguardare l’incolumità dei detenuti e del personale e per tutelare la salute psico-fisica dei detenuti».

Oltre all’interrogazione scritta, qualche settimana fa, insieme a Giorgio Inzani, ho depositato anche un esposto presso la Procura della Repubblica di Milano affinché si proceda nei confronti dei responsabili dell’amministrazione e della gestione della struttura carceraria di Piazza Filangieri chiedendone espressamente la punizione a norma della legge penale per l’eventuale ricorrenza dei reati di omissione di atti d’ufficio e di maltrattamenti e/o per tutti gli altri reati che gli organi inquirenti vorranno ravvisare nei fatti da me esposti.

I motivi della denuncia, elaborata dall’avv. Alessandro Gerardi, sono rinvenibili nel fatto che alle persone ristrette nella casa di custodia milanese risultano soppressi i diritti più elementari garantiti dalla Costituzione, dagli ordinamenti giuridici e dalle convenzioni internazionali. A tal proposito ricordo che l’art. 27, comma 3, della Costituzione, prevede che le pene devono tendere alla rieducazione del condannato e che il trattamento penitenziario deve essere realizzato secondo modalità tali da garantire a ciascun detenuto il diritto inviolabile al rispetto della propria dignità sancito dagli artt. 2 e 3 della Costituzione; dagli artt. 1 e 4 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea del 2000; dagli artt. 7 e 10 del Patto internazionale relativo ai diritti civili e politici del 1977; dall’art. 3 della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti umani e delle libertà fondamentali del 1950; dagli artt. 1 e 5 della Dichiarazione universale dei diritti umani del 1948; nonché dagli artt. 1, 2 e 3 della Raccomandazione del Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa del 12/02/1987, recante “Regole minime per il trattamento dei detenuti” e dall’art. 1 della Raccomandazione del Comitato dei ministri del Consiglio d’Europa dell’11 gennaio 2006 sulle norme penitenziarie in ambito europeo.

Inoltre: a) l’art. 4 delle “Regole penitenziarie europee” stabilisce che “la mancanza di risorse non può giustificare condizioni di detenzione che violino diritti umani”; b) il diritto alla salute, sancito dall’art. 32 della Costituzione, rappresenta un diritto inviolabile della persona umana, insuscettibile di limitazione alcuna ed idoneo a costituire un parametro di legittimità della stessa esecuzione della pena, che non può in alcuna misura svolgersi secondo modalità idonee a pregiudicare il diritto del detenuto alla salute ed alla salvaguardia della propria incolumità psico-fisica; c) ai sensi dell’art. 1, commi 1 e 6, della Legge n. 354/1975, «il trattamento penitenziario deve essere conforme ad umanità e deve assicurare il rispetto della dignità della persona», dovendo altresì essere attuato «secondo un criterio di individualizzazione in rapporto alle specifiche condizioni dei soggetti».

 

Spero dunque che la magistratura voglia verificare nell’immediato se ed in che misura le condizioni detentive presenti all’interno di San Vittore siano dovute alla grave trascuratezza omissiva di cui si sono resi responsabili nel corso del tempo le autorità e gli organi statali e/o comunali preposti all’amministrazione e gestione dell’istituto penitenziario in questione e se ed in che misura in tutti questi anni gli stessi abbiano costantemente evitato di adottare i comportamenti attivi specificamente richiesti dalla concreta situazione esistente all’interno del carcere milanese.

Come ha scritto il Professore Tullio Padovani nella lettera indirizzata al VII Congresso di Radicali Italiani: «Per i detenuti che on ricevono il trattamento previsto dalla Legge, ma subiscono i maltrattamenti puniti dalla Legge, c’è qualcuno che debba rispondere? E soprattutto: fino a che punto si tollererà che il delitto continui a commettersi? La domanda va posta a chi di dovere, e nelle forme di legge, vale a dire denunciando ogni episodio, ogni situazione, ogni circostanza alle varie procure della repubblica: quelle stesse che gli ordini di carcerazione le emettono. Denunce e ancora denunce, una alla volta senza stancarsi mai: un vasto orizzonte per una battaglia di legalità nel più schietto stile dei radicali».

 

Rita Bernardini

(da Notizie radicali, 2 febbraio 2009)


Articoli correlati

  Balamòs Teatro. “Ieri, oggi, domani...”
  Sondrio. Il Movimento 5 Stelle sulla situazione del carcere
  Carcere: Radicali Sondrio chiede il ritorno del Garante Racchetti
  Il "Palazzo" affossa amnistia e indulto
  Preghiere dal Carcere di Opera
  Paolo Ruffilli. Tutto il possibile
  Sondrio, Radicali: “Anche la proposta di legge fa male ai detenuti?”
  Sondrio. Impegno per un nuovo, moderno carcere
  Ferragosto nelle carceri: a Sollicciano la senatrice Donatella Poretti
  Antonella Martinelli, Vincenzo Samà: “L’edera”. 4ª parte – L'inchiesta 'giornalistica' di febbraio e Free Play
  Visita al carcere di Arezzo. Incontro con la stampa sabato 20 febbraio
  Secondo ferragosto in carcere. I dati e la situazione della casa circondariale di Sondrio
  Antonella Martinelli, Vincenzo Samà: “L’edera”. 3ª parte - 'Giornate particolari' 2006-2008
  “Racchetti riveda la propria decisione”. Da Milano interviene il Provveditore regionale Pagano
  Vetrina/ Paolo Ruffilli. Come gli ospedali
  Antonella Martinelli, Vincenzo Samà: “L’edera”. 2ª parte - 'Giornate particolari' 2004-2006
  Rita Bernardini. Carceri: basta con la gioielleria di scena
  Sondrio. La direttrice del carcere replica alla nota diffusa dei Radicali
  Bimbi in carcere. Bene ministro Alfano, avrà il nostro sostegno!
  Vincenzo Donvito. L'irriverente. Tossicodipendente muore per overdose in carcere
  Sondrio e Morbegno. Due appuntamenti sul carcere a fine mese
  Valter Vecellio. Se il diritto viene costantemente minacciato e stravolto…
  Alessandro Barchiesi. Convivenza carceraria
  I dati e la situazione del carcere di Sondrio
  Carcere Arezzo. Sovraffollamento, mancanza di attività e limitazioni alle ispezioni parlamentari
  Valter Vecellio. Tre notizie da titolo TG!?...
  Bambini in carcere: uno scempio a cui porre rimedio
  Radicali Sondrio: Fine anno nel carcere di via Caimi
  Sondrio. Relazione (e dimissioni) del Garante dei diritti delle persone limitate nella libertà personale
  Natale in carcere: progetto Fonoteca a Lodi e dolci Auguri a Sondrio
  Francesco Racchetti. Il fallimento della prigione
  Sondrio/Carcere. “Quel diavolo di un Racchetti...”
  Consentire la socializzazione tra i detenuti e il proprio cane
  Piero Cappelli: Perdere e ‘ritrovare’ la libertà in silenzio, Dietro le sbarre…
  Paola Mara De Maestri. Sulla poesia/ Il Laboratorio del carcere di Opera Milano
  Antonella Martinelli, Vincenzo Samà: “L’edera”. 1ª parte - Presentazione
  Interrogazione Poretti-Perduca: “Il carcere di Arezzo chiude?”
  Francesco Racchetti. Situazione e prospettive al Carcere di Sondrio
  Filomena Gallo. Salute in carcere: il caso Bottigliero
  Garante detenuti Sondrio: “Basta con i bandi a vuoto”
  "Ferragosto in carcere"
  Roberto Fantini. Per una giustizia più giusta, “partiamo da 20x20”
  Valter Vecellio. Notizie dal “Format” sui diritti umani che non c’è
  Cercare in carcere libertà
  Giustizia-carcere. È il sito del ministero di Giustizia? No, è quello di “Scherzi a parte”. Cliccare per credere
  Sondrio: Tutti con il Garante dei detenuti… tranne il Sindaco?
  Valter Vecellio. Le “elementari” verità di Ascanio Celestini mentre la “mattanza” continua…
  Carcere Arezzo. Nuova visita ispettiva dopo la rivolta e alcuni risultati si ottengono
  Antonella Martinelli, Vincenzo Samà: “L’edera”. 5ª parte – Altre poesie
  Valter Vecellio. A proposito di una politica di “governo” del carcere che non c’è
  Voci dalla Poesia: Scrittura creativa nel Carcere. Opera e Bollate
  Ascanio Celestini. Pro patria. Senza prigioni, senza processi
  AMNISTIA. Dalla mezzanotte di oggi una giornata di digiuno a favore di un atto di clemenza
  Il ministro Alfano conferma: quella di carceri e giustizia è la vera grande emergenza italiana
  Piero Cappelli: La Collina della speranza. Rieducazione dei carcerati.
  L'On. Rita Bernardini, deputata radicale, in visita ispettiva al carcere di Sondrio
  Sciopero della fame nel carcere di Sondrio
  Sondrio. In visita al carcere con Benedetto Della Vedova
  Carceri/Ddl Alfano. Approvati due Ordini del giorno presentati dai senatori Radicali
  Il richiamo del Jobèl. La ballata del carcere di Reading
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy