Giovedì , 18 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò Madama [ARCHIVIO 06-12]
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Il Governo contro l'Antitrust: il suo parere sulle professioni sanitarie non interessa!
14 Giugno 2007
 

Incredibile ma vero! Il Governo ha dato parere contrario ad un mio ordine del giorno sul disegno di legge per prorogare la delega per l'istituzione di ordini e albi delle professioni sanitarie infermieristiche, ostetrica, riabilitative, tecnico-sanitarie e della prevenzione (legge 43/2006). Avevo chiesto soltanto di “tenere conto” delle indicazioni che l'Antitrust aveva dato nel 2004 dopo l'approvazione in Consiglio dei ministri di quel disegno di legge che poi divenne legge. L'allora presidente Giuseppe Tesauro (foto) –inascoltato dal legislatore rilevò «che la costituzione di nuovi ordini professionali e dei relativi albi provoca una significativa restrizione della concorrenza, comportando limitazioni all'entrata di nuovi operatori...».

Purtroppo anche la maggioranza dei deputati in Aula ha preso questa decisione, respingendo l'ordine del giorno. Quando si parla di ordini professionali, maggioranza e opposizione si trovano immediatamente d'accordo, così come sul finanziamento pubblico ai partiti! Quasi a nulla è valso l'appello al voto che ho fatto ai liberali di tutti gli schieramenti presenti in Aula: oltre al mio gruppo solo la Lega Nord e l'on. Benedetto Della Vedova (Forza Italia) si sono pronunciati a favore.

Spero che il differimento di 24 mesi per l'istituzione di questi ordini sia sufficiente per un maggior confronto. Credo sia giunto il momento di rivalutare l'opportunità di abolire gli ordini professionali –figli delle corporazioni fasciste e di una concezione statalista dell'economia e sostituirli con libere associazioni di liberi professionisti, in una società di liberi contratti, di liberi lavori e con liberi valori.

La rigidità organizzativa degli ordini delle professioni sanitarie, insieme alle pessime leggi di ispirazione vaticana che caratterizzano questo ambito e non solo, hanno contribuito a far sì che il nostro Paese si collocasse ai margini della ricerca scientifica e medica europea ed internazionale. Rigidità e leggi che hanno anche contribuito alla fuga di cervelli verso altri Paesi in cui la libertà professionale individuale, e leggi non confessionali, sono incentivo e non limite.

La Rosa nel Pugno continuerà questa battaglia, facendo sua la lotta radicale per abolire gli ordini professionali, che nel 1997 portò anche ad indire un referendum per abolire quello dei giornalisti.

 

Donatella Poretti


Articoli correlati

  Censura. Ordine giornalisti, sospensione Sallusti. Referendum per abrogare l'Ordine?
  Mancata istituzione di nuovi ordini professionali. Una buona notizia per il mercato!
  Primo Mastrantoni. Liberalizzazioni: Farle, non annunciarle
  Riforma Forense. Voto contro norma corporativa e illiberale
  Liberalizzazione mercato farmaci. Le corporazioni all'attacco... BASTA!!!
  Donatella Poretti. A ciascuno il proprio ordine
  L'irriverente. Scandalo latte artificiale. Aboliamo l'Ordine dei medici
  Decreto liberalizzazioni. Emendamenti per il riconoscimento dei patrocinatori legali
  Rita Bernardini e Marco Cappato. V-Day: benvenuto a Grillo sui referendum. Ci saremo...
  Vincenzo Donvito. Ordine dei giornalisti. La maggioranza di Governo vuole abolirlo? Procedano
  Sanità. Audizione Sacconi in Senato
  Appello dei medici: abolire l'Ordine professionale
  Farmacie. Liberalizzazioni, ampliamento pianta organica e parafarmacie
  Donatella Poretti. La mia legislatura in tre episodi
  Medioevo alle porte: riforma della professione forense in arrivo
  Donatella Poretti. Liberalizzazioni
  Vincenzo Donvito. A cosa serve l'Ordine giornalisti? A censurare la libertà d'espressione e di lavoro...
  Liberalizzazioni. 30 milioni in più con l'abolizione del limite di 6 anni per i praticanti procuratori
  Stefano Bardi. Jesi in rima: omaggio a Marco Bordini
  Liberalizzare il mercato dei farmaci
  Vincenzo Donvito. Ordini professionali. Per l'Antitrust frenano sulle liberalizzazioni...
  Poretti e Perduca. Riforma forense: 12 fantasmi fanno adottare legge
  Manovra anticrisi: la riforma della controriforma forense? Un cambio di rotta Radicale!
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.8%
NO
 35.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy