Lunedì , 08 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò Madama [ARCHIVIO 06-12]
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Donatella Poretti. La mia legislatura in tre episodi
11 Aprile 2008
 

Da deputata radicale-Rnp uscente e candidata al Senato (in Puglia) per il Partito Democratico, a seguito dell'accordo elettorale sui nove parlamentari, è opportuno un mini-bilancio.

Non solo un rendiconto, ma base e traccia per il futuro.

Alle volte può bastare il racconto di un piccolo e apparentemente marginale episodio per descrivere una realtà più complessa. Per essere certa di non tralasciare fatti importanti, ne racconterò tre, con tre finali diversi. Per dare un filo di speranza, lascerò quella con il “lieto” fine per ultima.

 

La sconfitta: doppio cognome e figli naturali

Tra le mie prime proposte di legge ce sono state due che mi vedono particolarmente coinvolta: mia figlia Alice vive sulla sua pelle la discriminazione di essere nata fuori del matrimonio e di avere per questo minori diritti, ed ho sperimentato la trafila assurda per l'acquisizione del doppio cognome, da un iniziale non riconoscimento del padre fino ad una sentenza del Tribunale per i minorenni.

Nel settembre 2006 la Commissione Giustizia del Senato inizia l'esame di disegni di legge in materia, cioè sulla possibilità di lasciare anche il cognome materno.

La normativa italiana, per eliminare le discriminazione verso la donna, dovrebbe rispondere agli impegni chiesti dal Consiglio d'Europa e dalla Convenzione di New York. È così anche per la Corte di Cassazione e la Corte Costituzionale. Quest'ultima, con sentenza del febbraio 2006, ha ammesso che l'attribuzione ai figli del solo cognome paterno è «retaggio di una tramontata potestà patriarcale», ma che solo il Parlamento può intervenire.

Dopo traversie, testi votati ed emendati in Commissione, aggiunte di un disegno di legge governativo che intende sostituire la definizione «figli naturali e legittimi» con «figli nati fuori e dentro il matrimonio», un primo testo arriva in aula nel maggio 2007. Ma manca l'accordo, si rimanda in commissione. Il 2 ottobre 2007 viene votato e adottato un testo... ma i conservatori sono nel centro-destra come nel centro-sinistra. Dalle proposte iniziali che chiedevano libertà ai genitori di decidere sia sul doppio cognome che sul loro ordine, viene approvato un testo in cui tutti i nati avranno due cognomi, prima quello paterno poi quello materno; per le generazioni successive si trasmette solo il primo. Solo con una dichiarazione concorde dei due genitori, da rendere all'ufficiale dello stato civile, si potrà prevedere un ordine diverso.

Partiti per adeguare la normativa e renderla più aderente alla società, si termina con una imposizione dello Stato. Comunque la legge non è stata fatta, il Parlamento è stato sciolto prima.

 

Il boicottaggio: mancata istituzione di nuovi ordini professionali in campo sanitario

Come se già non bastassero tutti gli ordini professionali esistenti ad imbrigliare il mercato del lavoro, tra le migliaia di proposte di legge depositate ogni legislatura da parlamentari di tutti i partiti, figurano quelle che ne sollecitano la nascita di nuovi. Fortunatamente nella XV l'unico voto espresso è stato quello per prorogare i termini per l'istituzione degli ordini e albi delle professioni sanitarie infermieristiche, ostetriche, riabilitative, tecnico-sanitarie e della prevenzione.

La storia è curiosa, in merito e in metodo. Il metodo è esemplificativo del procedere. La legge 43/2006 fissava la data del 4 settembre 2006 per istituire questi nuovi ordini. A tre giorni dalla scadenza arriva il disegno di legge del Governo che rimanda di 12 mesi il termine, cioè al 4 settembre 2007. Viene votato dalla Camera, quindi dal Senato e diventa legge il 17 ottobre 2007, pubblicato poi in Gazzetta Ufficiale l'8 novembre 2007. Esattamente 2 mesi dopo l'ulteriore termine scritto nel testo! I 12 mesi infatti non sono bastati neppure per approvare la legge di differimento.

In merito la vicenda è perfino più curiosa. Occorre risalire al tempo del primo Governo Berlusconi quando nel dicembre 2004, poco dopo l'approvazione in Consiglio dei ministri di quel disegno di legge, si espresse l'Antitrust dando parere contrario: l'istituzione di nuovi ordini avrebbe determinato una restrizione della concorrenza causando limitazioni all'entrata di nuovi operatori, e di conseguenza un aumento dei costi e dei servizi senza garantire la qualità degli stessi. Un colpo al mercato, un colpo ai consumatori e agli utenti in particolare del sistema sanitario. Un favore al sistema corporativo che limita le possibilità di sviluppo del mercato del lavoro italiano.

Ho creduto di fare cosa utile nel riproporre quel parere in un ordine del giorno al momento del voto in aula, chiedendo al Governo di tenerne conto. Stava per essere rimandata la creazione di questi nuovi ordini perché il Governo sosteneva che occorresse rivedere complessivamente la materia delle professioni. Poteva sembrava scontato che si dovesse ascoltare l'Antitrust. Errore. Il Governo è contrario, l'ordine del giorno va in votazione e tranne rari parlamentari sparsi, il Parlamento è compatto a rigettarlo. Il centrodestra perché vuole subito i nuovi ordini, il centrosinistra perché vuole rimandarli di un anno.

Dopo lo scioglimento delle Camere il Governo forza la mano e decide di esercitare la delega per l'istituzione di questi nuovi ordini, in parte subendo il pressing delle categorie interessate. Per fortuna il mancato accordo dei gruppi in Parlamento ha fatto saltare tutto.

Ora l'eredità è nelle mani della nuova legislatura e del nuovo Governo. Immaginiamo che Berlusconi non potrebbe far altro che dar seguito ad un suo provvedimento. E Veltroni? Tutti liberali in campagna elettorale, tutti corporativi al momento di legiferare?

 

La vittoria: conservazione autologa del cordone ombelicale

Esistono divieti che si trascinano senza apparenti motivazioni, comunque senza nessuno che se ne assuma la paternità. Uno di questi riguarda la conservazione delle staminali del cordone ombelicale. Oggi in Italia è possibile la sola donazione... che in pratica è pressoché impossibile, tanto che neppure lo 0,5% dei cordoni viene raccolto. Per la conservazione autologa (per se stessi e a proprie spese) si deve ricorrere -dopo procedure burocratiche tese a scoraggiare- a biobanche all'estero. Tutto risale ad una ordinanza del 2004 rinnovata ogni anno. Tra le preziose cellule finite nei rifiuti ospedalieri e le biobanche estere arricchite di cordoni italiani, ho presentato proposte di legge, appelli, ho fatto passare emendamenti a leggi appropriate come quella sul parto. Tutti d'accordo, ma quando si tratta di trovare la copertura economica, ci si arena nel gioco dello scaricabarile. Il ministero dell'Economia contesta le cifre di quello della Salute e viceversa. Tutto si ferma, un provvedimento all'ordine del giorno dell'aula della Camera per febbraio 2007 si blocca in Commissione Bilancio. Nel frattempo il ministero della Salute rinnova l'ordinanza dei divieti e sollecita l'intervento del legislatore, lo stesso che si è arenato nella mancanza di soldi.

Si arriva alla Finanziaria, la valvola di sfogo dei parlamentari, seguita a ruota dall'appuntamento annuale del decreto Milleproroghe, in cui confluisce l'immaginabile e l'inimmaginabile. Perché non fare altrettanto con il cordone? Con un emendamento al Milleproroghe riesco a far autorizzare la conservazione autologa: nascono in Italia le biobanche private ed entro il 30 giugno 2008 dovrà essere emanato un decreto attuativo. Sarà rispettata questa nuova scadenza? Ne dubito e ci lavorerò da subito...

Ma se anche una “giusta” causa condivisa da tutti è costretta ad utilizzare mezzi e strumenti legislativi inadeguati (come il Milleproroghe), cos'è che non va?

 

Donatella Poretti


Articoli correlati

  Doppio cognome. Sì alla legge, ma si lasci libera scelta ai genitori
  Senato: cancellata una delle discriminazioni tra figli naturali e legittimi
  Doppio cognome. Dal modello patriarcale a quello statalista? La cultura non si cambia per legge
  Doppio cognome. Buone notizie dalla Camera
  Cognome dei figli. Il Senato non ne discute...
  Doppio cognome per i figli: bene nuovo testo al Senato
  Doppio cognome non passa al Senato. Urge sempre più la legge!
  Il doppio cognome dei genitori e i tempi infiniti della pratica. Urge la legge!
  Cassazione su cognome dei figli
  Doppio cognome: serve una legge per dare dignità al cognome delle donne
  Tutti i figli sono uguali davanti alla legge!
  Tutti i figli sono uguali
  Doppio cognome per i figli e fine delle differenze tra legittimi e naturali
  Donatella Poretti. Liberalizzazioni
  Primo Mastrantoni. Liberalizzazioni: Farle, non annunciarle
  Vincenzo Donvito. Ordini professionali. Per l'Antitrust frenano sulle liberalizzazioni...
  Liberalizzazione mercato farmaci. Le corporazioni all'attacco... BASTA!!!
  Donatella Poretti. A ciascuno il proprio ordine
  L'irriverente. Scandalo latte artificiale. Aboliamo l'Ordine dei medici
  Rita Bernardini e Marco Cappato. V-Day: benvenuto a Grillo sui referendum. Ci saremo...
  Vincenzo Donvito. Ordine dei giornalisti. La maggioranza di Governo vuole abolirlo? Procedano
  Poretti e Perduca. Riforma forense: 12 fantasmi fanno adottare legge
  Sanità. Audizione Sacconi in Senato
  Mancata istituzione di nuovi ordini professionali. Una buona notizia per il mercato!
  Appello dei medici: abolire l'Ordine professionale
  Censura. Ordine giornalisti, sospensione Sallusti. Referendum per abrogare l'Ordine?
  Medioevo alle porte: riforma della professione forense in arrivo
  Il Governo contro l'Antitrust: il suo parere sulle professioni sanitarie non interessa!
  Decreto liberalizzazioni. Emendamenti per il riconoscimento dei patrocinatori legali
  Manovra anticrisi: la riforma della controriforma forense? Un cambio di rotta Radicale!
  Farmacie. Liberalizzazioni, ampliamento pianta organica e parafarmacie
  Vincenzo Donvito. A cosa serve l'Ordine giornalisti? A censurare la libertà d'espressione e di lavoro...
  Riforma Forense. Voto contro norma corporativa e illiberale
  Liberalizzazioni. 30 milioni in più con l'abolizione del limite di 6 anni per i praticanti procuratori
  Liberalizzare il mercato dei farmaci
  Stefano Bardi. Jesi in rima: omaggio a Marco Bordini
  Staminali del cordone. Bene ricorso al Tar contro ordinanza
  Il sangue del cordone ombelicale salva la vita... ma negli Usa!
  Staminali e cordone: conservazione autologa. Ancora incertezze da superare
  Conservazione cordone ombelicale. Varie voci si appellano al Ministro della Salute per una legge dalla parte dei genitori
  Staminali cordone ombelicale. Finanziaria: XII Commissione autorizza la raccolta autologa
  Staminali. De Lillo: la legge esiste!
  Conservazione del cordone ombelicale in Italia
  Cordone ombelicale: il ritorno dei divieti
  Staminali cordone ombelicale. La nuova ordinanza del Ministro Turco
  Cordone ombelicale: scade l'ordinanza, da oggi che succede?
  Milleproroghe: soppressa la conservazione autologa del cordone ombelicale
  Conservazione cordoni ombelicali. Bene per la Gran Bretagna, ancora in attesa in Italia
  Cordone ombelicale. Bene la “donazione autologa-solidale” ma non basta
  Divieto ai privati per la conservazione del cordone ombelicale
  Finanziaria e cordone ombelicale. La V Commissione blocca la conservazione autologa. Ora è nelle mani del Governo!
  All'Ospedale Buzzi di Milano si nega il diritto alla conservazione del cordone ombelicale
  Baby designer: a quello che ha vietato la legge, il cuore trova una soluzione
  Cordone ombelicale. Conservazione autologa e biobanche private ora anche in Italia
  Staminali del cordone ombelicale. “La proroga della normativa illiberale è una scelta politica indotta dal Vaticano!”
  Sangue cordone ombelicale in banche private. Verso il no del Ministero. Auguri e buon business a San Marino
  Legge sul parto. Tre cose essenziali: epidurale, conservazione autologa del cordone e sostegno agli asili
  Sangue del cordone ombelicale nelle banche private italiane. Nuova proposta di legge
  Staminali del cordone ombelicale. Consentita la conservazione autologa e anche presso banche private
  Conservazione delle cellule staminali cordonali. Chiara Lalli intervista Irene Martini
  Cellule staminali embrionali: in Spagna vanno alla ricerca, in Italia non si sa
  Cordone ombelicale. Emanare il decreto per la conservazione autologa
  Cordone ombelicale. Troppe banche e male organizzate per donazioni che si disincentivano
  Cordoni ombelicali. Nota al Comitato nazionale di bioetica per la decisione sulla conservazione
  Staminali cordone ombelicale. L'Italia delle proroghe contro il diritto alla salute
  Conservazione del cordone ombelicale: complimenti al ministro Turco per essersi fatta bella per una cosa non fatta!
  Cordone ombelicale. Il ministero dispone una proroga contro la legge
  Conservare le cellule staminali del cordone ombelicale in Italia
  Biobanche per cordone. Comportamento schizofrenico dal ministero della salute
  Dalla Camera prima apertura alle biobanche private delle staminali del cordone
  Cordone ombelicale. Mercificazione del corpo umano? Ne è proprio sicuro, prof. Marini?
  Cordone ombelicale. I ponti della Turco, e i divieti assurdi
  Cordone ombelicale. Nuove banche per la loro conservazione
  Conservazione cordone ombelicale. La sconfitta dello Stato
  Bene la campagna per donare gli organi ma rendiamo fattibile anche la donazione dei cordoni ombelicali!
  Englaro RU486 Biobanche Class action... La commistione dei poteri
  Raccolta staminali cordone ombelicale: dietro ai divieti si nascondono gli interessi
  Notiziario Cellule Staminali. Un utile strumento di informazione e approfondimento
  Un'assicurazione sulla salute dei figli
  Cordone ombelicale. Tra 12 giorni l'Italia si mette al passo con il resto del mondo
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.7%
NO
 35.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy