Lunedì , 18 Giugno 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > Notizie e commenti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Teatro e Carcere: “Le Troiane” presso la Casa di reclusione femminile di Giudecca – Venezia
14 Dicembre 2011
 

Con lo studio teatrale Le Troiane si conclude il progetto teatrale “Passi Sospesi” per l'anno 2011 alla Casa di Reclusione Femminile di Giudecca. Il progetto è diretto da Michalis Traitsis di Balamòs Teatro ed è attivo negli Istituti Penitenziari di Venezia dal 2006.

 

 

Le Troiane è l'immagine di una città, Troia, devastata da una interminabile guerra. Le Troiane è l'immagine di un Coro di donne piangenti, private di tutto, sposi, figli, patria, libertà, speranza, mentre aspettano di essere sorteggiate come schiave e di essere quindi deportate.

Le Troiane è l'immagine della violenza dei vincitori quando si riversa su quanti le guerre non le combattono direttamente ma le subiscono, soprattutto donne e bambini.

Le Troiane è una tragedia in cui le donne raccontano il dolore dei vinti. Tutto è già accaduto, l'azione drammatica è tessuta di ricordi, di sogni, di violenza, di sguardi smarriti che sostanzia l'attesa delle donne prigioniere. In quel lembo di terra tra il mare e le macerie di Troia, tra i vincitori che partono e la città che brucia, le Troiane parlano, raccontano, urlano, bisbigliano, lasciano che la guerra e il dolore risuonino nella loro anima. Non c'è tempo per azioni, ma solo una sospensione del tempo che diventa interminabile attesa.

Le Troiane può essere vista come la tragedia dello sradicamento. Non c'è sradicamento più devastante di quello che non solo costringe un popolo ad abbandonare la propria terra, ma perfino lo priva, attraverso la distruzione della stessa, della speranza di potervi un giorno tornare. Non c'è sradicamento più violento di quello che non solo divide gli uomini dalle donne, i figli dalle madri, i vivi dai morti, ma anche separa dal proprio suolo, e distrugge una comunità dalla scena del mondo.

Euripide non propone soluzioni, non esprime giudizi espliciti, lancia solo spunti di riflessione, mostra una sensibilità singolare, apre nuove possibilità di interpretazione della realtà, talora contraddittoria. La sua poesia cosi attuale, insegna anche oggi a non restare indifferenti.


Articoli correlati

  Ferrara, Balamòs Teatro. Il diritto alla memoria
  Premio della Critica Teatrale 2013 a Michalis Traitsis
  Ferrara. Balamòs Teatro - progetto “(R)esistenze” 2012
  Laboratorio teatrale Centro Teatro Universitario di Ferrara 2015 - 2016
  Unijunior 2016. “A occhi chiusi vedo il mondo capovolto”
  La cantica delle donne
  Balamòs Teatro. Cantica delle donne
  LiberArte: Convegno Internazionale sulla Giustizia Rieducativa Giovanile
  L’Arte scaccia l’ombra della paura dentro e fuori il carcere
  Balamòs Teatro. Progetto teatrale Sguardi Diversi 2015
  Balamòs Teatro. La Tempesta di Sasà
  Balamòs Teatro alla Casa di Reclusione di Salonicco
  “Cantica delle donne” al carcere della Giudecca
  “Appunti Antigone” a Ferrara, alla C.R. di Giudecca e a Padova
  Teatro e Carcere al festival della rivista Internazionale
  Balamòs Teatro. Progetto (R)esistenze 2017
  Strade Maestre: tragitti di teatri della scuola ad Altopascio
  Balamòs. Progetto teatrale "Fuori dai Margini"
  Balamòs Teatro. Appunti Antigone alla C. R. Giudecca
  Enzo Vetrano e Stefano Randisi alla C.R. Femminile di Giudecca
  La Presidenza della Repubblica per “Passi Sospesi”
  “Uomo invisibile” di Paolo Musìo alla C.R. Femminile di Giudecca
  Gabriele Salvatores alla C.R. Femminile di Giudecca
  Linguaggi del teatro e dell'attore
  “Voci e suoni da un'avventura leggendaria”
  Balamòs Teatro. “Appunti Antigone” a Savigliano
  Antonio Albanese e Alessandro Castriota alla Casa di Reclusione Femminile di Giudecca
  La Mostra del Cinema di Venezia alla Casa di Reclusione Femminile di Giudecca
  Ottavia Piccolo alla C.R. Femminile di Giudecca
  Ragazze e ragazzi del “Tasso” di Ferrara a Venezia con Balamòs Teatro
  Cantica delle donne al Teatro Comunale di Casalmaggiore
  Balamòs Teatro vi presenta i Funamboli
  Ferrara, Balamòs Teatro. Progetto (R)esistenze 2015
  Ferrara. Balàmos Teatro, Progetto “(R)esistenze” 2013
  Teatro in carcere: Cantica delle donne
  Balamòs. Teatro in carcere: la giornata mondiale del teatro a Venezia
  “Etica ed estetica del teatro in carcere”
  Ferrara. Balamòs Teatro: Progetto (R)esistenze 2016
  Balamòs Teatro: “Le Troiane” al Maddalene di Padova
  Ferrara. Cantica delle donne all'Unifestival 2015
  Balamòs Teatro. “Ieri, oggi, domani...”
  Ferrara. Teatro Ragazzi: “Il Mago di Oz”
  Balamòs Teatro. Metamorfosi 2017
  Balamòs Teatro. Progetto “(R)esistenze” 2014
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.6%
NO
 25.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy