Domenica , 05 Luglio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Alejandro Torreguitart: Oggi hanno rieletto Fidel
Fidel Castro
Fidel Castro 
24 Febbraio 2008
 

Ti buttano giù dal letto di primo mattino, ché qui alle nove è sempre madrugada e si sta così bene a letto che non te lo immagini neppure, ti caricano su una camionetta scassata e poi via per il Vedado che si arranca che è un piacere. Caldo che si soffoca tanto per cambiare, appiccicaticcio di gente e puzza di sudore da non poterne più.

Ce l’avete il carnet?” fa un poliziotto.

Ce l’abbiamo sì, pezzo di fesso vestito di blu, penso. Ma non lo dico, mica voglio finire in qualche campo di lavoro a tagliare canna…

Qui senza carnet non fai un passo, caro mio. Vuoi comprare qualcosa da mangiare, ammesso che hai soldi e che la roba si trovi? Serve il carnet. Vuoi rivolgere la parola a un poliziotto? Prima il carnet. Vuoi andare alla playa e fare l’autostop? Il carnet. Il carnet segue la tua vita, ne segna le tappe fondamentali e sopra ci si annota ogni trasgressione. Se sei una donna c’è scritto pure quante volte ti hanno beccata a parlare con un turista, o se ti hanno portata via da una discoteca di quelle dove i cubani non ci possono andare. Sul carnet ci mettono pure se voti e come voti, ci mancherebbe altro. E allora tutti a fare sì con la testa, a dire che sì il carnet ce l’abbiamo e figurarsi se lo lasciavamo a casa, il carnet.

Oggi è un gran giorno, lo sappiamo.

Oggi si vota. Si rielegge Fidel.

Candidati? Lui.

Pure troppi.

E scendi dalla camionetta che si entra nella scuola tutti in fila per due, belli ordinati. Scendi che facciamo presto così poi magari torno a casa e mi finisco Alejo Carpentier, che ieri l’ho lasciata a mezzo la storia del secolo dei lumi. Sono proprio curioso di sapere come va a finire, se l’uomo davvero è artefice della sua storia e se l’America Latina ha trovato la sua strada, perché se lo dice Carpentier dev’essere vero di sicuro, ci mancherebbe che lo mettessi in dubbio io che sono solo uno studente e su Carpentier mi ci devo pure laureare. Scendi, scendi, facciamo in fretta che magari finito Carpentier mi leggo pure due o tre poesie rivoluzionarie di Nicolas Guillén e allora mi prende l’ardore anche a me e mi ci metto di brutto a dire: Buenos días, Fidel!/ Buenos días, bandera; buenos días, escudo… e poi magari vado avanti e do il buon giorno a tutti, all’operaio in armi, al fucile, al trattore, allo zucchero, a quel benedetto uomo che era Nicolas e che se vedesse tutto questo casino ci sputerebbe sopra invece di salutare, perché rivoluzionario era di sicuro, lui, ma fesso no, non mi pare.

E io invece voglio strafare, oggi.

Entro nella scuola tutto baldanzoso e afferro la scheda.

Dov’è che si vota, amico?” chiedo.

Un tipo dall’aria annoiata mi dice che le schede con sopra scritto “sì” vanno nell’urna a destra, quella così piena che penso ne dovranno portare un’altra prima di sera perché tutte le schede c’entrano mica.

Quelle contrarie invece vanno là dentro” conclude.

Poi scuote la testa e indica un cesto vuoto.

Mi chiede nome e cognome, annota tutto e mi dice di votare.

Di scrivere “no” non mi passa neppure per la testa. Mica sono fesso, anche se non sono Guillén. Mica sono un eroe. A me Che Guevara che se ne va in Bolivia invece di starsene a casa con la moglie e i figli mi fa una tenerezza… Io già che ho scritto un libro che se lo sapessero qui dentro mi basterebbe scappare a nuoto a Porto Rico, mi basterebbe. Altro che Guillén. Altro che saluti alla bandiera e allo scudo.

Qui ti prendono il nome e il cognome, l’indirizzo e poi bravo Alejandro che ha risposto no al plebiscito di Fidel, bravo il nostro controrivoluzionario, ora vieni qui da noi che ti facciamo barba e capelli, pelo e contropelo.

Però accanto al voto ci voglio scrivere una di quelle cose piene d’ardore che t’insegnano a scuola, dài. Una delle tante cose del poeta nazionale che faccia la gioia di chi conta i voti la sera. Già perché li contano pure, poi. E il Granma fa un’edizione speciale e dice che il popolo è tutto con Fidel. Certo. Ci mancherebbe altro che non lo fosse.

E allora impugno la mia penna e metto una bella croce sul sì e mi sento subito meglio. Alejandro Torrerguitart ha fatto il suo dovere di bravo rivoluzionario. Accanto al voto il nome e il cognome e l’indirizzo della casa di mio padre, a Luayanó, poi vergo rapido due righe di conferma: Brilla Maceo en su cenit seguro/ Alto Martí su azul estrella enciende.

Fidel sarà contento, penso.

E poi Guillén è sempre Guillén.

C’è poco da fare.

 

Alejandro Torreguitart Ruiz

(traduzione di Gordiano Lupi)


Articoli correlati

  PNDC. Lettera al Cardinale Tarcisio Bertone
  Raúl Castro succede al fratello Fidel
  Cuba senza Castro. L'ottimo libro di Giorgio Ferrari
  Alejandro Torreguitart: Adiós Fidel! A cura di Gordiano Lupi
  Gordiano Lupi. La vita segreta di Castro
  Gaviotazalas. Democrazia per Cuba!
  Alejandro Torreguitart Ruiz: Una mattina con le mani tra i capelli (Bozzetti avaneri 4)
  Anticipazione: Alejandro Torreguitart Ruiz. Caino contro Fidel
  Alejandro Torreguitart Ruiz. Il canto di Natale di Fidel Castro #1.
  Alejandro Torreguitart Ruiz: Quasi quasi faccio il 'chulo' (Bozzetti avaneri 7)
  Anteprima per il nuovo 'Torreguitart' in uscita per le Edizioni Il Foglio
  Gordiano Lupi. Il periodico di Yoani
  Patrizia Garofalo e Gordiano Lupi. A proposito di Cuba. A Ferrara, Venerdì 19 settembre
  Alejandro Torreguitart Ruiz
  Patrizia Garofalo. “Il colore del tempo”
  Alejandro Torreguitart Ruiz: Si fa presto a dire Italia (Bozzeti avaneri 8)
  Una vita rivoluzionaria
  Alejandro Torreguitart Ruiz: Il palazzo di Toyo (Bozzetti avaneri 6)
  Alejandro Torreguitart Ruiz: Vento tropicale (Bozzetti avaneri 2)
  Cuba particular. Il nuovo romanzo-verità di Alejandro Torreguitart Ruiz
  Letteratura e censura a Cuba
  Gordiano Lupi. Sul libro di Carlos Carralero uscito da Spirali
  Adiós Fidel. In uscita il nuovo libro di Alejandro Torreguitart Ruiz
  Alejandro Torreguitart Ruiz: Aspettando il tornado (Bozzetti avaneri 5)
  Alejandro Torreguitart Ruiz: Ho scritto racconti che non sono racconti (Bozzetti avaneri 1)
  Yoani Sánchez, Alejandro Torreguitart, Fidel Castro e il modello cubano
  Alejandro Torreguitart Ruiz: A tempo di rock. (Letteratura cubana contemporanea)
  Alejandro Torreguitart Ruiz. Mister Hyde all’Avana
  Gordiano Lupi. L’Avana, ritratto (senza cuore) di una città
  Alejandro Torreguitart. Grazie Raúl che ci fai vivere e sognare…
  Alejandro Torreguitart Ruiz. Lo zio 'palero' (Bozzetti avaneri 10)
  Alejandro Torreguitart Ruiz: La Milagrosa (Bozzetti avaneri 9)
  Alejandro Torreguitart Ruiz: Donna di fuoco (Bozzetti avaneri 3)
  Alejandro Torreguitart Ruiz. Salvadanaio
  La verità su Cuba
  Cuba e gli emigranti obbligati
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 5 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy