Mercoledì , 11 Dicembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Una vita rivoluzionaria
02 Maggio 2008
 

Introduzione al libro inedito

Un uomo

di nome Che Guevara

di Alejandro Torreguitart Ruiz

(che in Italia non ha ancora trovato
un editore)

 

Alejandro Torreguitart non è uno storico, ma un giovane narratore cubano che si è preso la briga di studiare la vita del Che per raccontarla come se fosse un romanzo. Un uomo di nome Che Guevara è un testo interessante che presenta Che Guevara e quel che resta del mito, al di là dei cartelli sul lungomare, quelli dove sta scritto il tuo esempio è ancora presente, le tue idee sono in mezzo a noi. Il giovane autore avanero abbandona la narrativa a base di sesso e racconti di vita quotidiana per affrontare un mito indistruttibile della rivoluzione cubana. Ne viene fuori un racconto senza retorica che svela luci e ombre sulla figura di Ernesto Guevara.

Alejandro Torreguitart ha il coraggio di raccontare che il Che era un uomo capace di giustiziare un traditore con freddezza e disprezzo della vita umana. I libri cubani tacciono sui questo punto, forse non è troppo eroico porre fine a una vita a sangue freddo, sparare a una persona inerme che se ne sta inginocchiata ai tuoi piedi implorando pietà. Il Che è un uomo spietato, senza mezze misure, esecutore di sentenze di morte, implacabile amministratore della giustizia rivoluzionaria. Il cammino del Che sulla Sierra Maestra è cosparso di cadaveri di spie, disertori e delinquenti, sentenzia condanne a morte per episodi di ribellione. Ernesto Guevara viene descritto come un uomo che si immedesima nella rivoluzione cubana al punto di ripudiare la vita civile e non pensare più a moglie, figlia e genitori lontani. Un uomo che si identifica completamente con un’idea e lotta sino alla morte per la sua realizzazione.

Torreguitart racconta pure i giorni difficili del dopo rivoluzione, quando Che Guevara è il responsabile delle esecuzioni che si tengono alla Cabaña e vedono protagonisti personaggi di primo piano del vecchio regime, ufficiali, sottufficiali, torturatori della polizia e semplici delatori. Si parla di cinquantacinque fucilazioni in cento giorni e il Che le ritiene necessarie perché il potere nasce dalla canna del fucile. Non mancano gli accenni ai dissidi con Fidel, perché il Che non può accettare una coesistenza pacifica con gli Stati Uniti, il linguaggio diplomatico e una politica che non condivide. La sua missione resta quella di diffondere la rivoluzione socialista e di creare un uomo nuovo capace di sacrificarsi per la rivoluzione. Ernesto Guevara polemizza con Castro, non ama i sovietici e ammira i cinesi che sente vicini alla sua idea di socialismo.

I dirigenti della rivoluzione hanno dei figli che nei loro primi balbettii non imparano a chiamare il padre; hanno delle mogli che debbono partecipare al sacrificio di tutta la loro vita per portare la rivoluzione fino al suo destino; il giro dei loro amici coincide strettamente col giro dei compagni della rivoluzione. Non c’è vita fuori di essa. Una frase che rappresenta il programma di un uomo votato al sacrificio per una causa che ritiene imprescindibile.

Alejandro Torreguitart si sofferma sulla tragica fine del Che e afferma che Fidel è il responsabile unico della scelta boliviana. Ernesto è entusiasta della missione perché la Bolivia è vicina all’Argentina e da là si può esportare la rivoluzione alla sua terra natale. Il Che immagina una guerriglia allargata capace di far cessare le ostilità tra Unione Sovietica e Cina per unire le forze contro l’imperialismo. Il Che teorizza due, tre, molti Vietnam, ma soprattutto una Terza Guerra Mondiale per far trionfare il socialismo su scala mondiale. Viene fermato perché resta solo, abbandonato da tutti, soprattutto da Fidel. Non sparare. Sono Che Guevara. Ti sarò molto più utile da vivo che da morto, dice al soldato che lo cattura. Capelli appiccicati, abiti laceri, sporchi, la gamba ferita che perde sangue, senza stivali. Il Che è il fantasma di se stesso, un uomo irriconoscibile. Fino alla frase storica: So che sei venuto per uccidermi. Spara, ucciderai solo un uomo. Ed è proprio vero, come dice Torreguitart, che Ernesto Guevara è stato più utile da morto che da vivo alla causa rivoluzionaria e al consolidamento del potere di Fidel. Un eroe morto diventa un simbolo di riscossa e una bandiera da agitare contro il nemico imperialista. Un rivoluzionario vivo sarebbe stato un soggetto scomodo da collocare in una Cuba troppo piccola per contenere due presenze ingombranti come il Che e Fidel. Se Ernesto Guevara fosse ancora vivo, sarebbe il primo avversario di Castro e di un regime che ha tradito il sogno rivoluzionario. E poi il Che non vorrebbe mai vedersi simbolo commercializzato e globalizzato su spille e magliette indossate da stupidi turisti. Non è per questo che ha combattuto.

Nonostante tutte le ombre possibili e i difetti di un uomo complesso, Che Guevara resta la sola figura romantica di una rivoluzione tradita.

 

Gordiano Lupi


Articoli correlati

  Mercedes Benz, Che Guevara e gli esiliati cubani
  Roberto Occhi. Una nuova biografia del Che
  Niccolò Bulanti. Tra il Che e Cristo...
  Torreguitart Ruiz. La maledizione del Che
  Pedro Corzo. Che Guevara, missionario di violenza
  Cittadinanza argentina per la figlia del Che
  Vetrina/ Gino Songini. Lettera al “Che”
  Gianfranco Cercone. “Che – La guerriglia” di Steven Soderbergh: quasi un’agiografia
  Non è facile demolire un mito. Il libro di Pedro Corzo su Che Guevara
  Alejandro Torreguitart Ruiz. Il canto di Natale di Fidel Castro #1.
  Alejandro Torreguitart Ruiz: A tempo di rock. (Letteratura cubana contemporanea)
  Alejandro Torreguitart Ruiz: Vento tropicale (Bozzetti avaneri 2)
  Patrizia Garofalo. “Il colore del tempo”
  Yoani Sánchez, Alejandro Torreguitart, Fidel Castro e il modello cubano
  Patrizia Garofalo e Gordiano Lupi. A proposito di Cuba. A Ferrara, Venerdì 19 settembre
  Alejandro Torreguitart Ruiz: Il palazzo di Toyo (Bozzetti avaneri 6)
  Alejandro Torreguitart Ruiz: Si fa presto a dire Italia (Bozzeti avaneri 8)
  Alejandro Torreguitart Ruiz
  Adiós Fidel. In uscita il nuovo libro di Alejandro Torreguitart Ruiz
  Gordiano Lupi. Sul libro di Carlos Carralero uscito da Spirali
  Alejandro Torreguitart Ruiz: Donna di fuoco (Bozzetti avaneri 3)
  Alejandro Torreguitart Ruiz: La Milagrosa (Bozzetti avaneri 9)
  Alejandro Torreguitart Ruiz. Salvadanaio
  Gordiano Lupi. Il periodico di Yoani
  Alejandro Torreguitart Ruiz: Aspettando il tornado (Bozzetti avaneri 5)
  Alejandro Torreguitart: Oggi hanno rieletto Fidel
  Gordiano Lupi. L’Avana, ritratto (senza cuore) di una città
  La verità su Cuba
  Alejandro Torreguitart Ruiz: Una mattina con le mani tra i capelli (Bozzetti avaneri 4)
  Alejandro Torreguitart Ruiz. Mister Hyde all’Avana
  Anticipazione: Alejandro Torreguitart Ruiz. Caino contro Fidel
  Alejandro Torreguitart Ruiz: Quasi quasi faccio il 'chulo' (Bozzetti avaneri 7)
  Alejandro Torreguitart Ruiz: Ho scritto racconti che non sono racconti (Bozzetti avaneri 1)
  Anteprima per il nuovo 'Torreguitart' in uscita per le Edizioni Il Foglio
  Alejandro Torreguitart. Grazie Raúl che ci fai vivere e sognare…
  Letteratura e censura a Cuba
  Cuba e gli emigranti obbligati
  Cuba particular. Il nuovo romanzo-verità di Alejandro Torreguitart Ruiz
  Alejandro Torreguitart Ruiz. Lo zio 'palero' (Bozzetti avaneri 10)
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy