Martedì , 07 Luglio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Piero Welby, il Calibano 
«I piedi bruciati di pinocchio sono la metafora dell’handicap»
13 Gennaio 2010
   

Valter Vecellio (a cura di)

Piero Welby, il Calibano

Stampa alternativa, 2004

 

«Il realismo è la rabbia di Calibano che si riconosce nello specchio. Il simbolismo è la rabbia di Calibano che non si riconosce nello specchio». Oscar Wilde

 

Leggo questo libriccino che non amo chiamare plaquette oggi che Piero Welby è nella nostra vita proprio perché «morire è anche un processo d’apprendimento, non è solo cadere in uno stato d’incoscienza», come scrive nelle pagine con cui distrae la vita e la morte “shakerate” da un frequente umorismo che altro non è se non l’attesa del superamento del dramma personale e sociale, rivelandone l’attenzione ingannevole di ipocrisia condotta in un procedere che ha sempre meno la specularità degli altri, rigonfia di tanti egotismi imbalsamati allo specchio senza rivelazioni e ipotesi di ricerca. Welby crea un caleidoscopio e lo muove con la leggerezza – triste delle parole che infilano le pagine e ne costituiscono un magico collante tra sorriso e pianto. Shakespeare nell’atto 3° de La Tempesta dedica proprio a Calibano (nome con cui Piero Welby si firma) uno dei monologhi più poetici, “I cried to dream again...”, e mi piace pensare che sia stata una scelta ponderata quella che segna le pagine del diario, un atteggiamento dove il sublime rivela l’orribile «tutto ciò che è terribile, o che riguarda oggetti terribili, tutto ciò che può destare idee di dolore e di pericolo, è una fonte del sublime» (Edmond Burke).

Rita Bernardini e Valter Vecellio introducono il testo e curano le parole con una sovraesposizione emotiva che arriva diretta al lettore.

La Bernardini scrive: «affetto da una grave forma di sclerosi multipla di tipo degenerativo Piergiorgio ha raccontato e racconta se stesso attraverso una curiosità sorprendente per tutto ciò che lo circonda, tanto che a volte c’è da rimanere increduli al pensiero che egli sia un così convinto e accanito sostenitore della dolce morte».

Valter Vecellio: «Parla a bassa voce, Marco. Chissà cosa gli dice, cosa gli racconta. Luca sorride. Ad un certo punto la enorme mano di Pannella finisce stretta tra le gambe di Luca, che le stringe forte. Il modo per dire grazie a quell’uomo grande e grosso…». Da Luca a Piero per una malattia crudele che li ha aggrediti e costretti a vivere ostacolati da tutto e tutti anche da chi dolosamente si appella a vuoti significati della sacralità della vita.

Un panorama politico, sociale e umano sembra fare da scheletrico paesaggio alla sorte di chi lotta per non sopravvivere “tragicamente” e proprio chi soffre sembra donare alla vita un contorno umano.

«Signor Presidente le chiedo… conceda all’anno dell’handicappato i tempi supplementari e dichiari il 2004 anno di recupero per i disabili»

«il mondo gira sempre allo stesso modo. Proibite proibite, qualche cosa resterà: un biscotto anti-stress, una cioccolata dopata, un latte alla Timoty Leary»

«Sto per spegnere la televisione, non sono uno che ama il sangue, non sono uno di quelli che butta l’olio sulle curve di Maranello, né mi fermo in autostrada per godermi gli incidenti, ma se il velo nelle scuole non è un problema allora perché farci una trasmissione?»

Critica che corrode sono le pagine sul dubbio di fronte a certezze che confermate sembrano stabilire e confermare i parametri dell’idiozia se il dubbio concesso deve essere associato alla sofferenza «ma sui problemi dell’esistenza non si può parlare con senso e pertanto bisogna tacere».

«scusi ma lei dove scende? Al Vaticano? Vabbè come non detto… scendo alla prossima». E dopo «Geppetto dovrebbe essere arrestato! Consapevolmente o meno, ha violato almeno due articoli della legge 1514 sulla PMA. È un single, ed è ricorso alla clonazione riproduttiva (ha clonato Pinocchio da un tronco d’albero)» il diario si svolge con questo seguire attentamente tutto quello che avviene nel mondo, denunciarne quasi con un sorriso le falle e le mancanze e i debiti enormi.

E nella ironia mai assente, la problematica del disabile appare per contrasto ancora più lacerante. Si sottolineano le leggi “stanche” d’attenzione rispetto alla cultura a tutti dovuta e a tempo illimitato; queste pagine diventano uno dei tratti più incisivi e doloranti del diario.

Il disabile sembra destinato ad una fornitura di libri scuola che “disponibile” provvede di testi gli ipovedenti e che sospende la donazione, finito il corso di studio mentre tutto il resto dei disabili, quelli che non possono camminare, che hanno e soffrono di altre gravissime patologie sembrano ancor più condannati ad una realtà che non possono distrarre neanche con la lettura, lo studio, le informazioni, unico contatto spesso con il mondo esterno «l’ordine immutabile del divenire rende impossibile il divenire» e Beppino Englaro nella sua dignità senza limiti appare inizialmente solo nelle trasmissioni mattutine (tra pulizie e suonatori di campanelli). Passano, poco attenzionate, le notizie di suicidi di malati terminali in attesa del dibattito serale sul grande fratello, i diavoli, Don Mazzi e Vespa. Nelle parole del coraggioso Calibano il riconoscimento della «poetica compassione» dei radicali per le battaglie sulla libertà, intensivo forte e che ho avvertito empatico alla “libertà e al rispetto” lontani dalla politica corrente ma indissolubilmente legati all’uomo e all’umanità, chiamato a vivere e a scegliere anche di morire.

 

Patrizia Garofalo

 

 

Per riceverlo è sufficiente scrivere

una email a v.vecellio@libero.it

fornendo un indirizzo al quale spedirlo


Articoli correlati

  Punzi - Tosti. Welby e la marcia del sale. Un bacio e un ringraziamento
  Eutanasia. Benedetto Della Vedova: «Un confronto scevro di pregiudizi ideologici»
  Vicenda Welby. Cappato e Pannella: una decisione che non comprendiamo
  Cure palliative e caso Steccato. La colpa è anche dell'ex ministro della salute Storace
  Associazione Coscioni. Finalmente la legge Welby – Mingroni!
  L'anatema di Benedetto XVI contro i Pacs e le contraddizioni del legislatore
  Angiolo Bandinelli. Meno fedeli, più potere
  Bene Marino: non si può definire per legge l'accanimento terapeutico
  Benedetto Della Vedova. Caso Englaro e testamento biologico
  Rosario Amico Roxas: Il Diritto canonico contro Eluana e Welby e pro banda della Magliana!
  «Vi scrivo dalla mia prigione infame»
  Comitato nazionale di bioetica. Romano Prodi riceve una delegazione radicale
  Della Vedova. Il caso Riccio-Welby e il rapporto medico-paziente
  Ass. Coscioni/Radicali: venerdì presidio Palazzo Chigi per rinnovo Comitato Nazionale Bioetica
  Morte Welby. La tua forza umiliata dalla debolezza della politica
  Lucidamente Piergiorgio Welby chiede...
  “Lasciatemi morire”, di Piergiorgio Welby
  Dibattito con Mina Welby. Domani sera a Firenze
  Eutanasia clandestina. Le istituzioni hanno deciso di non voler sapere
  Lettera aperta al Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi sul diritto di voto dei malati intrasportabili
  “Dignità del vivere, dignità del morire e libertà di autodeterminazione”
  Rosario Amico Roxas. “Amor che move il Sole e l’altre stelle”
  Vetrina/ Gianni D'Elia. Le droit de s'en aller
  Piero Stefani. Il disagio dell'appartenenza
  Sabato, fiaccolata a Milano per Welby
  Gianfranco Franchi. Piergiorgio Welby, Ocean Terminal
  Nuovo Comitato Nazionale di Bioetica: e ora buon lavoro, non mancano i temi da affrontare a partire da Piergiorgio Welby
  Eutanasia/Ass. Coscioni: Salgono a 225 i parlamentari per la legalizzazione
  Bolzano. L'assessore “transetnico” si chiama Donatella Trevisan
  Morire in ospedale. Parte l'indagine del ministero della salute. Utile spunto per il legislatore?
  Valter Vecellio. Appunti e spunti per (si spera) un dibattito
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy