Sabato , 29 Febbraio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Giorgio Antonucci: «La 'psichiatrizzazione' è contro la libertà» 
Il caso dei nosocomi di frontiera usati nel dopoguerra per il confino per emigranti “fastidiosi”. Parla l'autore del volume “Diario dal manicomio”
25 Ottobre 2008
 

Emigrazione, sofferenza psichica e pratiche totalizzanti: emerge il caso che - tra gli anni '40 e '60 - delinea un instradamento anomalo al trattamento sanitario obbligatorio a danno di emigranti italiani, rei di presunte “turbe psichiche” manifestate in territorio straniero. Interviene in proposito il professor Giorgio Antonucci, scrittore ed attivista per i diritti umani, tra i maggiori esponenti del movimento dell'antipsichiatria fondato dall'americano Thomas Szasz: «la dottrina attesta da tempo che lo straniero è per sua natura in condizione di svantaggio, quindi esposto in quanto tale a riscontri di “anormalità” psichiatrica secondo giudizi arbitrari; è così che i “diversi”, gli emarginati, le vittime di guerra, all'occorrenza finiscono per essere riconosciuti tutti come “pazzi”».

Il caso in questione deriva da un ritrovamento inquietante. Le cartelle cliniche dell'ospedale psichiatrico “San Martino” di Como evidenziano che per oltre vent'anni - dal '46 al '69 - nel nosocomio sono arrivati oltre 250 “pazienti”, quasi tutti maschi provenienti dall'estero. Come mai così tanti? Come mai qui alla frontiera e non nei luoghi di d'origine?

Il ricercatore Gavino Puggioni, esperto di storia orale e scrittura popolare, è l'artefice del ritrovamento. Con lui si torna al contesto di miseria del periodo, quando era necessario andare a cercare fortuna fuori e il governo scambiava in qualche modo forza lavoro contro materie prime, braccia in cambio di carbone; e se qualcuno creava problemi di sorta era conveniente risolvere il problema alla radice. Ecco che si prospetta una scandalosa “migrazione di ritorno”, una reclusione mascherata da follia.

Una vicenda dolente,che oggi torna a galla ripresa da un'emittente radiofonica romana all'interno del ciclo “Più scheletri che armadi per nasconderli”. Occasione in cui è appunto ospite il medico e psicanalista, già collaboratore di Basaglia: «Al di là del singolo caso, dobbiamo interrogarsi sull'essenza stessa della psichiatria, che può invalidare il pensiero dell'altro con un atto autoritario che non ammette difesa o d'uscita: quando qualcuno è dichiarato 'pazzo' qualsiasi cosa dica o faccia è comunque sbagliata».

Dunque il manicomio come meccanismo di velata esclusione, segregazione, distacco, alienazione di quello che di volta in volta è considerato un elemento “di disturbo” della società; dove non conta “giusto” o “sbagliato” ma solo il giudizio di “correttezza” espresso dal funzionario.

Conclude Antonucci: «L'errore di fondo è “psichiatrizzare” sempre più le manifestazioni umane: trasformare un errore o un reato in malattia mentale significa trasformare un soggetto responsabile delle proprie scelte in un oggetto passivo, macchinetta da aggiustare secondo le esigenze sociali. Il paziente dovrebbe scegliere circa la propria salute. Invece nelle malattie mentali inventate il medico da consulente diventa tutore, decidendone il destino al suo posto. Una situazione che fa temere per la libertà».

Ora interverranno le autorità competenti. Ma eliminare le persone attraverso la psichiatria rimane di moda, se è vero che si inventano sempre nuovi disturbi (l'obesità, il gioco d'azzardo...) in base a fini ed interessi eterodiretti. E i 'malati di mente'? Forse scompariranno solo quando la società smetterà di escluderli. (Edizioni Spirali, marketing@spirali.com)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.5%
NO
 25.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy