Domenica , 08 Dicembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Yoani Sánchez. Votare o non votare 
Cuba: “la migliore democrazia del mondo”
19 Settembre 2012
 

In questi giorni a Cuba stanno per cominciare i comizi municipali per eleggere i delegati al Potere Popolare. I media ufficiali ci ripetono che “questa la migliore democrazia del mondo” e che è il momento scegliere tra noi “i più capaci”. Le strade si riempiono di cartelloni che alludono al tema e in ogni quartiere vengono resi pubblici gli elenchi dei candidati. L’atmosfera risulterebbe simile a quella di qualsiasi altro paese durante il periodo in cui vengono nominati i rappresentanti di zona, se non fosse per dettaglio importante: non esiste nessuna aspettativa che questo processo possa influire sulle incalzanti problematiche nazionali. Nessuna possibilità che produca un cambiamento.

La macchina elettorale cubana è del tutto bloccata. Gli abitanti di ogni zona votano per una biografia e una foto, ma non hanno diritto a chiedere al probabile delegato di circoscrizione la sua opinione su determinati problemi. In pratica, mettiamo un voto dentro un’urna senza sapere se il candidato sia favorevole o contrario ad ampliare il lavoro privato, se preferisca eliminare o mantenere le restrizioni migratorie e neppure se ritenga giusto prolungare o accorciare il Servizio Militare Obbligatorio. La stessa Legge Elettorale precisa che non si possono fare campagne politiche, quindi la popolazione può solo decidere in base alla biografia e al ritratto che preferisce.

Da qui derivano situazioni assurde come quella di indicare nella scheda un determinato nome perché ha l’aspetto della brava persona, oppure perché si è laureato come ingegnere e questo indica la sua laboriosità. Ci sono persone che scelgono un candidato con tre figli perché il fatto di essere padre o madre dovrebbe garantirne l’onestà. Altri ancora optano per un rappresentante perché l’hanno incontrato qualche volta al mercato. Il risultato finale è che quei delegati di quartiere che un giorno occuperanno un seggio nell’Assemblea Nazionale voteranno all’unanimità tutte le leggi che saranno presentate. E mai, dico mai, oseranno proporre il benché minimo cambiamento.

 

Yoani Sánchez

(dal Blog Cuba Libre, El País, 19 settembre 2012)

Traduzione di Gordiano Lupi


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy