Sabato , 27 Febbraio 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Liberalizzazione mercato farmaci. Le corporazioni all'attacco... BASTA!!!
11 Dicembre 2011
 

Federfarma Lazio, nota associazione che difende gli interessi dei consumatori di farmaci, rispetto ai farmaci con ricetta non rimborsabili dal Ssn, si pone una domanda: “Siamo veramente sicuri che il 'salvataggio dell'Italia' debba passare anche attraverso la liberalizzazione dei farmaci di fascia C?”. Grossomodo la stessa domanda che si pongono i possessori degli yacht di lusso... e mentre questi ultimi delineano scenari di moli abbandonati ed economie sottozero, i farmacisti di Federfarma, volutamente non menzionando i loro fatturati che ne potrebbero risentire di 380 euro al mese per farmacia* (i farmacisti, nell'ambito dei redditi -126.000 euro all'anno- sono secondi solo ai notai), prevedono aumenti potenzialmente pericolosi di consumi.

Alla loro domanda la nostra risposta è NO!! E siamo stufi di essere presi in giro da questa corporazione che valuta i consumatori solo come utili idioti da costringere ad acquistare farmaci solo da loro... altrimenti si fanno male. Nello specifico: ma perché dovrebbe farsi male un consumatore che acquista un farmaco vendibile solo con ricetta, se l'acquisto lo fa al supermercato e non in farmacia? E perché dovrebbero aumentare i consumi se comunque si acquista solo con ricetta del medico?

Noi, consumatori del popolo che Federfarma considera pecora, abbiamo capito solo una cosa: la corporazione ha timore dello sgretolamento del proprio potere, non di mercato ma di posizione acquisita e pagata negli anni con profumate prebende verso il potere costituito. Sgretolamento che se oggi prevede la perdita di bruscolini (380 euro al mese), un domani, quando forse riusciremo a liberalizzare del tutto il mercato levando qualunque monopolio alle farmacie, potrebbe costringerli a doversi confrontare col mercato come qualunque altro commerciante, e non continuare a vivere di rendita corporativa.

Questo per dire che nostro obiettivo è andare oltre gli attuali provvedimenti del Governo Monti, un andare oltre che non potrà che essere nelle dinamiche dell'economia e della sicurezza dei cittadini: in qualunque settore le economie hanno superato le tenaglie corporative, ne ha guadagnato il cittadino, le categorie, il lavoro e lo Stato. Basta guardarsi intorno senza farsi distrarre da quelle liberalizzazioni che sono finte (un esempio per tutti: ferrovie).

 

Vincenzo Donvito, presidente Aduc

 

 

* Dati delle associazioni dei farmacisti non-titolari di Anpi, Mlf e Forum farmacia.


Articoli correlati

  Ministro Sacconi difensore del monopolio delle farmacie? Speriamo difenda anche i consumatori!
  Vincenzo Donvito. Farmacie verso la chiusura a causa della liberalizzazione?
  Farmaci C fuori dalla farmacia. L'ostinazione corporativa del Ministro contrario
  Farmacie. Liberalizzazioni, ampliamento pianta organica e parafarmacie
  Farmaci di fascia C nei supermercati. Critiche "frettolose" del ministro Turco
  Antritrust e farmaci da banco. Bene, ma occorre levare l'obbligo del farmacista
  Farmacisti e referendum. Bene gli obiettivi ma attenti alle false sirene
  Manovra anticrisi: la riforma della controriforma forense? Un cambio di rotta Radicale!
  Donatella Poretti. Liberalizzazioni
  Decreto liberalizzazioni. Emendamenti per il riconoscimento dei patrocinatori legali
  Mancata istituzione di nuovi ordini professionali. Una buona notizia per il mercato!
  L'irriverente. Scandalo latte artificiale. Aboliamo l'Ordine dei medici
  Riforma Forense. Voto contro norma corporativa e illiberale
  Liberalizzazioni. 30 milioni in più con l'abolizione del limite di 6 anni per i praticanti procuratori
  Censura. Ordine giornalisti, sospensione Sallusti. Referendum per abrogare l'Ordine?
  Rita Bernardini e Marco Cappato. V-Day: benvenuto a Grillo sui referendum. Ci saremo...
  Vincenzo Donvito. Ordine dei giornalisti. La maggioranza di Governo vuole abolirlo? Procedano
  Sanità. Audizione Sacconi in Senato
  Vincenzo Donvito. A cosa serve l'Ordine giornalisti? A censurare la libertà d'espressione e di lavoro...
  Medioevo alle porte: riforma della professione forense in arrivo
  Il Governo contro l'Antitrust: il suo parere sulle professioni sanitarie non interessa!
  Poretti e Perduca. Riforma forense: 12 fantasmi fanno adottare legge
  Primo Mastrantoni. Liberalizzazioni: Farle, non annunciarle
  Stefano Bardi. Jesi in rima: omaggio a Marco Bordini
  Donatella Poretti. A ciascuno il proprio ordine
  Appello dei medici: abolire l'Ordine professionale
  Donatella Poretti. La mia legislatura in tre episodi
  Liberalizzare il mercato dei farmaci
  Vincenzo Donvito. Ordini professionali. Per l'Antitrust frenano sulle liberalizzazioni...
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.5%
NO
 25.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy