Martedì , 09 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Vincenzo Donvito. Ordini professionali. Per l'Antitrust frenano sulle liberalizzazioni... 
Ma andrebbero aboliti per liberare mercato e professioni
22 Marzo 2009
 

Firenze, 21 Marzo 2009. Secondo un'indagine conoscitiva avviata a gennaio 2007 sugli ordini professionali e le liberalizzazioni della legge Bersani, i cui risultati sono stati diffusi oggi dall'Antitrust,1 la maggior parte di questi fa resistenza. Si tratta di 13 ordini che hanno mostrato una scarsa propensione ad adeguarsi alle nuove norme, non accogliendo nei propri codici deontologici quelle innovazioni che possano aumentare la concorrenza. La liberalizzazione delle parcelle, la pubblicità sui servizi che offrono e la costituzione di società multidisciplinari per rendere più articolato e concorrenziale l'offerta, sono considerati ostacoli allo svolgimento dell'attività.

L'Antitrust ha «messo diversi puntini sulle “i”» ed ha anche dato suggerimenti al legislatore oltre che agli specifici ordini. Ma come SEMPRE avviene in questi casi, crediamo si tratterà di parole al vento. L'interlocutore non ha mai mostrato intenzione di ascoltare suggerimenti che rimettessero in discussione il proprio potere di corporazione. Sordità che riguarda sia gli ordini che i legislatori.

I primi perché strutturalmente sono demandati dai loro “associati obbligati” (altrimenti si scordano di esercitare compiutamente la professione) alla difesa delle proprie conquiste, anche in dispregio di diritti costituzionali, del lavoro e del consumo.

I secondi (i legislatori) perché sono quasi sempre legati ed espressione di lobby che hanno come scopo quello di mantenere i privilegi ed estendere gli stessi.

Il quadro che ne abbiamo, bloccando concorrenza, mercato e relative libertà, è:

- difficoltà di chi sarebbe quotato ad esprimere le proprie potenzialità;

- servizi di difficile fruizione perché mancanti di informazioni che aiutino il consumatore ad una scelta oculata;

- tariffe alte, poco trasparenti e impugnabili con estrema difficoltà (a parte i casi di truffe manifeste, si dovrebbero impugnare proprio presso lo specifico ordine che, per definizione, tutela i propri associati e non i consumatori).

Un ambito, quello degli ordini professionali, dove vige la regola del più forte, del più “ammanicato”, del più arrogante, e tutto con la compiacenza del potere esecutivo e legislativo.

In questo periodo istituzionale di restaurazione, inoltre, sono già molte le voci e le proposte in Parlamento che tentato di far venire meno quei piccoli spiragli che -pur se inattuati e violati come denunciato dall'Antitrust- erano stati portati dai decreti Bersani.

A nostro avviso i tentativi di riforma degli ordini sono inutili.

Quand'anche qualcosa dovesse apparire, si tratterebbe comunque di fumo negli occhi.

Solo l'abolizione degli stessi potrebbe democratizzare offerte e domande, così come abbiamo anche noi proposto in alcuni casi grazie a disegni e proposte di legge di parlamentari che si sono fatti portavoce delle nostre istanze.2

Si tratta di aprire un mercato che oggi non c'è: quello dei luoghi in cui il cittadino consumatore cerca professionalità per vivere meglio potendo scegliere il miglior rapporto qualità/prezzo, e non solo per far guadagnare delle corporazioni.

 

Vincenzo Donvito, presidente Aduc

 

 

1 www.aduc.it/dyn/ucquot/?usiid=254218

2 www.aduc.it/dyn/parlamento


Articoli correlati

  Donatella Poretti. Liberalizzazioni
  Decreto liberalizzazioni. Emendamenti per il riconoscimento dei patrocinatori legali
  Riforma Forense. Voto contro norma corporativa e illiberale
  Liberalizzazione mercato farmaci. Le corporazioni all'attacco... BASTA!!!
  Donatella Poretti. A ciascuno il proprio ordine
  L'irriverente. Scandalo latte artificiale. Aboliamo l'Ordine dei medici
  Vincenzo Donvito. Ordine dei giornalisti. La maggioranza di Governo vuole abolirlo? Procedano
  Rita Bernardini e Marco Cappato. V-Day: benvenuto a Grillo sui referendum. Ci saremo...
  Poretti e Perduca. Riforma forense: 12 fantasmi fanno adottare legge
  Primo Mastrantoni. Liberalizzazioni: Farle, non annunciarle
  Sanità. Audizione Sacconi in Senato
  Appello dei medici: abolire l'Ordine professionale
  Censura. Ordine giornalisti, sospensione Sallusti. Referendum per abrogare l'Ordine?
  Mancata istituzione di nuovi ordini professionali. Una buona notizia per il mercato!
  Donatella Poretti. La mia legislatura in tre episodi
  Medioevo alle porte: riforma della professione forense in arrivo
  Il Governo contro l'Antitrust: il suo parere sulle professioni sanitarie non interessa!
  Liberalizzare il mercato dei farmaci
  Manovra anticrisi: la riforma della controriforma forense? Un cambio di rotta Radicale!
  Farmacie. Liberalizzazioni, ampliamento pianta organica e parafarmacie
  Vincenzo Donvito. A cosa serve l'Ordine giornalisti? A censurare la libertà d'espressione e di lavoro...
  Liberalizzazioni. 30 milioni in più con l'abolizione del limite di 6 anni per i praticanti procuratori
  Stefano Bardi. Jesi in rima: omaggio a Marco Bordini
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.7%
NO
 35.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy