Lunedì , 25 Maggio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
L’UNEAC riabilita Reinaldo Arenas 
All’Avana si presenta un romanzo-testimonianza sulla vita dello scrittore omosessuale autore di “Prima che sia notte”
17 Settembre 2010
 

Reinaldo Arenas riappare in un libro come un fantasma del passato. Messa per un angelo, è il titolo del romanzo-testimonianza di Tomás Fernández che racconta la vita dello scrittore proscritto, divenuto l’icona dell’omosessualità militante e dissidente a Cuba. Oggi, 17 settembre, all’Avana verrà presentato niente meno che dalla casa editrice di regime, quella che appartiene all’Unione degli Scrittori (UNEAC).

«Il romanzo è scritto come una sorta di divertissement. Reinaldo mi appare in sogno e mi parla», ha detto Tomás Fernández, molto amico di Arenas, noto saggista che si occupa di tematiche etniche e problematiche omosessuali. L’autore ha concepito il libro come una messa fantastica per invocare lo spirito del romanziere scomparso. «Il romanzo è un lungo dialogo tra me e Reinaldo, ma tra i protagonisti ci sono anche gli amici che non comprendono come mai sto facendo una messa in onore di Arenas. A loro giudizio sarebbe più opportuno un rituale per farlo sprofondare nei meandri dell’inferno», commenta con ironia.

I tempi sono davvero cambiati per gli omosessuali cubani. L’uscita di questo romanzo segue di pochi giorni l’ammissione di Fidel Castro sul giornale messicano La Jornada che il trattamento riservato agli omosessuali negli anni Sessanta fu una grande ingiustizia, della quale si è assunto tutta la responsabilità.

Reinaldo Arenas ha scritto molti romanzi, poesie e raccolte di racconti, ma soltanto Celestino antes del alba è stato pubblicato a Cuba, paese che ha dovuto abbandonare nel 1980 dopo aver sofferto emarginazione e persecuzioni a causa della sua omosessualità. Reinaldo Arenas è nato in un villaggio di campagna dalle parti di Holguín (Cuba) il 16 luglio 1943 ed è morto suicida a New York, il 7 dicembre 1990, dopo aver contratto l’Aids ed essersi ammalato del morbo più terribile: la nostalgia. Arenas non amava la Cuba comunista e dittatoriale di Fidel Castro, ma odiava con tutto il cuore anche la Miami degli esuli cubani e il capitalismo statunitense. La realtà non è mai monodimensionale, le opinioni dei veri intellettuali raramente coincidono con il bianco e con il nero. Tra l’altro Arenas è stato inizialmente favorevole alla rivoluzione, ha creduto nell’uomo nuovo profetizzato dalla retorica nazionalistica e si è arruolato nelle truppe castriste. Negli anni Sessanta, ha maturato una feroce repulsione di fronte alle violenze della polizia e alle ondate repressive nei confronti di dissidenti e antisociali. La sua ribellione a Castro gli è costata censure alle opere, molestie fisiche e morali, oltre a periodi di internamento nelle Umap (gulag per antisociali, omosessuali, capelloni, rockettari e affini).

Arenas è uno degli scrittori cubani più importanti del Novecento, anche se in patria fino a oggi si poteva leggere soltanto di nascosto. Per fortuna pare che il vento stia cambiando. Arenas è riuscito ad abbandonare Cuba nel 1980, durante il famoso esodo del Mariel, dopo aver tentato varie volte la fuga senza successo. Ha vissuto a Miami e in molte città statunitensi, si è stabilito a New York nel 1987, dove è morto nel 1990, dopo aver scritto uno stupendo libro di memorie intitolato Antes que anochezca, pubblicato nel 1992 e trasformato in pellicola nel 2000 dal regista statunitense Julian Schnabel. In Italia il romanzo è edito da Guanda con il titolo Prima che sia notte. Tra i suoi romanzi - in Italia quasi tutti inediti – ricordiamo: El mundo alucinante (1969), El palacio de las blanquísimas mofetas (1980), La vieja Rosa (1980), Otra vez el mar (1982), Arturo, la estrella más brillante (1984), La loma del ángel (1987), El asalto (1988), El portero (1989) e Viaje a La Habana (1990). Nel nostro paese è reperibile - Edizioni Socrates (www.edizionisocrates.com) - la raccolta di racconti Adiós a mamá (De La Habana a Nueva York), introdotta da Mario Vargas Llosa. Adiós a mamá è una raccolta di otto storie in cui l’autore esprime rabbia e disapprovazione nei confronti del regime castrista, ostentando la forza liberatrice di un’omosessualità vissuta con orgoglio e spirito di provocazione. A queste tematiche si affiancano elementi fantastici e grotteschi che ricordano le migliori pagine della letteratura latinoamericana. Molto calzante la definizione che l’editore italiano dà di Arenas, definito il Pasolini dei Tropici. L’Ancora del Mediterraneo ha tradotto il romanzo breve Arturo, la estrella mas brillante e la Libreria Croce ha pubblicato le liriche struggenti de Lo sposo del mare (in spagnolo: Voluntad de vivir manifestandose), introdotte da Héctor Febles, che definisce Arenas un nuovo mostro della letteratura ispano-americana. Non ha torto. Arenas è un artista a tutto tondo: poeta, romanziere e drammaturgo. L’opera di Reinaldo Arenas è quella di uno scrittore in perenne lotta contro l’ingiustizia e contro la stupidità del potere, come ricorda Antonio Veneziani nella breve ma intensa postfazione. Fa male doversi rendere conto che la stupidità è ancora al potere mentre un autore geniale ci ha lasciati troppo presto. Vi lascio in eredità tutte le mie paure, ma anche la speranza che presto Cuba sia libera, scrisse Arenas prima di suicidarsi con un’overdose di alcol e droga. La sua speranza è lontana dal diventare realtà.

 

Gordiano Lupi


Articoli correlati

  Libri e autori assenti alla Fiera del Libro dell'Avana
  Uno scrittore pericoloso: Reinaldo Arenas
  Wendy Guerra. La letteratura cubana è una sola
  La morte di Carlos Victoria
  Alejandro Torreguitart Ruiz. Moriremo tutti, anche se non siamo Cabrera Infante
  Gordiano Lupi. Sul libro di Carlos Carralero uscito da Spirali
  Gianfranco Spadaccia. Cuba, processo a mezzo secolo di regime
  Gordiano Lupi: L’Avana secondo Virgilio Piñera
  Fidel Castro, le UMAP e la persecuzione dei gay
  Letteratura e censura a Cuba
  Reinaldo Arenas. Lo sposo del mare
  Carlos Carralero. Miti dell’antiesilio e la difesa degli antimiti
  NNI 15. Massimo Campo. Raccontare Cuba parlando di sesso
  A. Torreguitart Ruiz. Fidel si fa da parte
  “La discriminazione degli omosessuali è stata colpa mia!”
  NuovaCuba. Il castrista digitale
  Yoani Sánchez. La luce in fondo al tunnel
  L'ostilità “incomprensibile” di Lupi “contro” Cuba e Fidel Castro
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.2%
NO
 25.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy