Sabato , 21 Settembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Habáname
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Wendy Guerra. La letteratura cubana è una sola
06 Dicembre 2013
 

Alla Fiera del Libro di Guadalajara sto trascorrendo giornate meravigliose attorniata da amici, editori e colleghi. Finalmente è uscito il mio romanzo Negra, pubblicato da Anagrama. Il mio libro ha dato vita a una bellissima e complessa eroina di colore: Nirvana del Risco. Nina, la mia protagonista, soffre le collere del razzismo e porta con sé il doloroso peso di non essere compresa o di essere considerata in maniera sbagliata in svariate circostanze e momenti del romanzo che narra la sua breve vita. Il razzismo è una piaga che flagella ancora molti punti del pianeta ed è per questo che l’intreccio non si svolge soltanto a Cuba. Il romanzo si sposta in Francia e racconta le metamorfosi di questo personaggio, che cerca di sfuggire al proprio destino facendo ritorno allo stesso oracolo che aveva abbandonato in passato.

Ieri ho avuto l’occasione di essere intervistata da 18 giornalisti di diversi media. L’agenzia DPA ha decontestualizzato alcune delle mie argomentazioni (e pubblicato una foto personale che non avevo concesso al giornalista). Mi riferisco in particolare al momento in cui parlo del tributo a Reinaldo Arenas e Cabrera Infante. Il viaggio notturno all’interno di una città segreta che riaffiora oggi tra le rovine riportandoci a quelle ‘altre’ Avana, narrate magnificamente dai due grandi autori, provoca la nostalgia di Nina e di Lu. A partire da questo momento spiego quanto complesso sarebbe per me descrivere una Avana degli anni ‘50 o ‘60, qualcosa che non ho vissuto e che mi piacerebbe poter raccontare. Mi chiedo come sarebbe vivere in una Avana diversa, come quelle descritte da Infante o da Arenas. Arrivando così a parlare dell’arte di narrare ciò che non conosciamo.

Da José Martí fino a oggi, gli autori cubani hanno vissuto una diaspora costante, ma da fuori o dentro l’isola continuano a scrivere le pagine sublimi di una letteratura che parla di noi e ci descrive, in qualunque luogo in cui essa sia scritta. La mano di un cubano, la sua voce e il suo aspetto, il suo accento sono sufficienti a capire che ci troviamo di fronte a un originale o a un brano pubblicato che sfocia nella nostra letteratura.

Mi rammarico del fatto che le nostre parole siano fraintese da alcuni giornalisti che (da un contesto differente) non patiscono e non conoscono il nostro dolore frammentato, il nostro dolore sparpagliato nel mondo. Il dolore dell’esilio e dell’in-silio.

Il mio lavoro per aprire le porte a scrittori cubani di ogni luogo segue il suo corso.

In questo risveglio messicano ricordo il tran tran lavorativo di Eliseo Alberto Diego (Lichi) a Città del Messico, il suo rituale di alzarsi a scrivere prima del sorgere del sole, di cucinare i fagioli neri fin dall’alba, il suo rigore e le sue espressioni mentre suona alla tastiera “Cuba. Un piano que se escucha en el horizonte”.

Io scrivo nel mio paese perché è lì che vivo ed è impossibile per me, per ora, scrivere da un luogo differente, ma ho sempre pensato che la letteratura cubana sia una: quella scritta dai suoi autori nei luoghi che essi scelgono per vivere e per creare.

 

Wendy Guerra

(Habáname, 5 dicembre 2013)

Traduzione di Silvia Bertoli


Articoli correlati

  Gordiano Lupi. Sul libro di Carlos Carralero uscito da Spirali
  L’UNEAC riabilita Reinaldo Arenas
  Gordiano Lupi: L’Avana secondo Virgilio Piñera
  Fidel Castro, le UMAP e la persecuzione dei gay
  Uno scrittore pericoloso: Reinaldo Arenas
  A. Torreguitart Ruiz. Fidel si fa da parte
  Reinaldo Arenas. Lo sposo del mare
  L'ostilità “incomprensibile” di Lupi “contro” Cuba e Fidel Castro
  Gianfranco Spadaccia. Cuba, processo a mezzo secolo di regime
  Letteratura e censura a Cuba
  Carlos Carralero. Miti dell’antiesilio e la difesa degli antimiti
  Libri e autori assenti alla Fiera del Libro dell'Avana
  “La discriminazione degli omosessuali è stata colpa mia!”
  NuovaCuba. Il castrista digitale
  Alejandro Torreguitart Ruiz. Moriremo tutti, anche se non siamo Cabrera Infante
  Yoani Sánchez. La luce in fondo al tunnel
  La morte di Carlos Victoria
  NNI 15. Massimo Campo. Raccontare Cuba parlando di sesso
  La Habana como un Chevrolet
  Gordiano Lupi. La castroenterite
  Guillermo Cabrera Infante. La cicala e la formica
  Anticipazione: Alejandro Torreguitart Ruiz. Caino contro Fidel
  Gordiano Lupi. Il periodico di Yoani
  Lupi parla di Cuba all'Argonauta di Radio Rai
  Gordiano Lupi. Il regime nega l’evidenza
  Pubblicano le Opere complete di Guillermo Cabrera Infante, sette anni dopo la sua morte
  Guillermo Cabrera Infante. Estelita, la mia “ninfa incostante”
  Bellezza e finzione di Marilyn Monroe
  Gordiano Lupi. Amazzone notturna
  Pubblicato a Cuba un libro su Cabrera Infante
  Lezama Lima e Virgilio Piñera, due scrittori per un destino
  Gordiano Lupi. Piperno vince lo Strega… ed è subito notte!
  All’Avana senza pace e senza guerra
  Gordiano Lupi. La ninfa incostante (2008) di Guillermo Cabrera Infante
  Gordiano Lupi. L’Avana letteraria di un Infante defunto
  Guillermo Cabrera Infante alla Fiera del Libro di Miami
  Gianni Minà racconta Cuba
  Un Festival controrivoluzionario
  Il mio amico Calvert Casey
  Vargas Llosa ricorda i suoi giorni a Cuba con l'ultimo romanzo di Cabrera Infante
  Alejandro Torreguitart Ruiz. Il vecchio non tira il calzino
  Guillermo Cabrera Infante e i fiancheggiatori di Castro
  Gordiano Lupi. Il regime cubano riabilita Cabrera Infante
  Gordiano Lupi. Caro Bertinotti, questa se la poteva proprio risparmiare…
  Gianni Minà diffama Yoani Sánchez
  Gordiano Lupi. “Così in pace come in guerra”
  Gordiano Lupi. “O” (1975) di Guillermo Cabrera Infante
  Castroenterite. Come prevenire e (possibilmente) curare, in Italia, la terribile pandemia
  Gordiano Lupi. La cartografia intima di un congedo
  Una visione di Fellini
  San Quentin Tarantino
  Zoé Valdés. Un nuovo anniversario del mio esilio
  “The Lost City” di Andy Garcia (2005)
  Gordiano Lupi. Da Gibara a Londra
  Gordiano Lupi. Puro humo (1985)
  Guillermo Cabrera Infante. La morte di mia madre
  Guillermo Cabrera Infante. Todo está hecho con espejos (1999)
  Gordiano Lupi. Omaggio per i Centosessanta anni dalla nascita di José Martí
  Gordiano Lupi. “Da Omero al rock” di Maurizio Stefanini e Marco Zoppas
  José Martí. Bebé e il signor Don Pomposo
  Garrincha. Frode accademica
  José Martí. Il gambero incantato
  Gordiano Lupi. Cuba prima della rivoluzione
  Rinasce il Partito Rivoluzionario Cubano?
  Gordiano Lupi. Cuba realizza il primo cartone animato in 3D
  Fidel Castro non scrive e non parla
  LE POESIE DI UN UOMO SINCERO
  Miami. Muore suicida lo storico cubano Carlos Ripoll
  In memoria di Eliseo Alberto
  Muore in Messico lo scrittore cubano Eliseo Alberto
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.7%
NO
 24.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy