Venerdì , 20 Settembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Pablo Pacheco Avila. Abbiate cura di voi
Chad Elliott,
Chad Elliott, 'The Long Road' 
21 Giugno 2010
 

La politica è l’arte del possibile. Per questo morivo ho deciso di appoggiare dal primo momento l’incontro tra il generale dell’esercito Raúl Castro e il cardinale Jaime Ortega Alamino. Quest’ultimo si è appellato all’intelligenza e alla buona fede, intercedendo per le Damas de Blanco, per i prigionieri politici e per i dissidenti. L’arcivescovo dell’Avana, massimo rappresentante del Vaticano sull’isola, ha ignorato le critiche fatte dall’interno e dall’esterno del Paese. A onor del vero, qualsiasi attacco a questa iniziativa potrebbe farla terminare in attacchi sterili, senza la liberazione dei prigionieri politici e questo Jaime Ortega lo sa perfettamente.

Il suo compromesso con Cuba è un ordine di Dio e nasce anche da un richiamo forte della propria coscienza. Ho simpatia per il cardinale, non lo nego. Ho piena fiducia in Ortega Alamino. Se per questo motivo mi guadagno qualche critica, che siano le benvenute. Se mi sbaglio, lo riconosco e basta. Oltretutto ho questo diritto e non voglio rinunciare a esercitarlo per fare piacere a nessuno. Ho sempre detto che per prima cosa devo essere in pace con la mia coscienza e dopo con quella dei miei simili. Naturalmente senza far danno o senza intaccare i miei principi. In politica a volte sembra complicato raggiungere un obiettivo ma a volte il suo conseguimento si trova proprio davanti agli occhi. È anche vero che nei momenti di maggiore fragilità e tensione, possiamo raggiungere più facilmente le mete che sogniamo.

Ma il trasferimento di Antonio Díaz Sánchez prima, di Adolfo Fernández Saínz e Félix Navarro Rodríguez dopo, mi ha lasciato un sapore agrodolce difficile da comunicare. Nonostante il ferreo controllo che aleggia su noi prigionieri politici e dissidenti, riusciamo a mantenere una fluente comunicazione, burlandoci dell’assedio militare. Adesso rimaniamo solo io e Pedro Argüelles Morán, il futuro di entrambi è incerto, ma qualsiasi sia la destinazione che ci daranno, sarà difficile, molto difficile, tornare ad avere una squadra come quella che abbiamo creato nel carcere provinciale di Canaleta a Ciego de Ávila. Non ho dubbi che in altre prigioni accada lo stesso, ma il nostro cameratismo ci ha permesso di sopravvivere e proteggerci.

Questi ultimi due si sono dimostrati dei veri amici negli ultimi sette anni: Tony, indomabile e ineguagliabile quando c’era bisogno di creare un evento; Félix Navarro, unico per intelligenza, onestà e tolleranza nei confronti di ogni idea. Adolfo Fernández Saínz, padrone di se stesso e giudizioso al momento di prendere una decisione collettiva. Pedro, ribelle di natura ma nobile di cuore e lettore voracissimo, nonostante la scarsa vista che gli rimane a causa della malattia che ha colpito i suoi occhi. Nessuno può capire l’influenza che queste persone hanno avuto su di me e quanto mi hanno aiutato con i loro saggi consigli.

Domani può accadere di tutto, ma fin quando rimango un prigioniero politico e dissidente, non c’è nulla, assolutamente nulla, da festeggiare. Oltretutto, se ci facciamo comandare dalle leggi vigenti, molti dei prigionieri dovrebbero essere in regime di minima sicurezza o addirittura in libertà. Dobbiamo ricordare che il lupo perde il pelo ma non il vizio. Non ho dubbi che le autorità cubane conservino ancora qualche asso nella manica. L’asso d’oro, forse. Anche se a questo punto del gioco non credo che niente possa aiutarli a vincere la partita.

Oggi do più valore alle sagge parole di Adolfo e Félix: “Pazienza, Pablito, bisogna avere pazienza. Il potere ci viene dal rimanere decisi e fermi davanti ai nostri carnefici”. Non so quando potrò tornare a vedere questi due uomini degni ed eccellenti, ognuno di loro ha lasciato un segno nel mio cuore. Spero che anche loro si ricordino della mia frase preferita: “Abbiate cura di voi, che è ancora tanto quello che dobbiamo e possiamo fare per Cuba”.

 

Pablo Pacheco Avila

(da Voce tra le sbarre, 19/06/2010 - “Cuídense”)

Traduzione di Barbara La Torre
www.barbaralatorre.net


Articoli correlati

  Pablo Pacheco Avila. Grazie New York!
  Pablo Pacheco Avila. Svegliarsi da un Letargo
  Pablo Pacheco Avila. Cronaca da un carcere cubano
  Pablo Pacheco Avila. Con quale diritto
  Pablo Pacheco. Sajarov a Fariñas: un riconoscimento ai democratici cubani
  Pablo Pacheco. Una Nuova Strada
  Pablo Pacheco. Le impronte della memoria
  Yoani Sánchez in viaggio tra dubbi e speranze
  Pablo Pacheco Ávila. Voz tras las rejas. Dal Blog “Voce tra le sbarre”
  Pablo Pacheco Avila. La mia fiducia
  Pablo Pacheco Ávila. Le voci dissidenti a Cuba
  A Cuba si vive un luglio rovente
  Muore prigioniero
  Cuba. In libertà alcuni prigionieri politici
  Gordiano Lupi. Cuba: Presto liberi gli ultimi prigionieri politici
  A Cuba cominciano i licenziamenti
  Oppositori cubani occupano chiese cattoliche
  Yoani Sánchez. L’aereo di Moratinos
  Urgente dall'Avana. O. Payá denuncia aggressioni subite da Rolando Jiménez Posada nella prigione dell'Isola della Gioventù
  Yoani Sánchez. Aspettare... (Con canzone dedicata ad Adolfo e ai suoi compagni di Canaleta)
  Yoani Sánchez. L’improbabile intervista di Gianni Minà
  I due pugili cubani avrebbero chiesto di essere rimpatriati
  Reinaldo Escobar / Guillermo Fariñas. Conto alla rovescia per la liberazione
  Pedro Argüelles Morán. Se io fossi l’ultimo
  Un gruppo Facebook promuove una rivolta contro il regime cubano
  Richiesta di solidarietà dalla prigione cubana di Canaleta
  Yoani Sánchez. Chi teme i libri?
  Pedro Argüelles Morán. León Profeta
  Pedro Argüelles Morán. Sciopero della fame 2
  Pedro Argüelles Morán. Sciopero della fame
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.7%
NO
 24.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy