Domenica , 18 Agosto 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Richiesta di solidarietà dalla prigione cubana di Canaleta
19 Maggio 2010
 

Ottantasei mesi. Questo 18 maggio noi che facciamo parte di un gruppo di 75 persone che siamo ancora sequestrati e incarcerati come vittime del regime totalitario castrista, compiremo 7 anni e due mesi di isolamento dal nostro mondo e dai nostri affetti. La motivazione è quella di essere stati comunicatori sociali e di aver lottato in favore dei diritti e delle libertà che riguardano la dignità di ogni essere umano.

Questo stesso giorno si riunirà a Madrid, in Spagna, il vertice tra l’Unione Europea, il Sudamerica e i Caraibi, che avrà fra i punti del giorno il tema Cuba.

Per questo motivo abbiamo deciso di iniziare uno sciopero della fame di 72 ore, affinché chi parteciperà a questo vertice non si dimentichi che a Cuba esistono prigionieri politici e non vige uno stato libertario. Vogliamo altresì ricordare, con questa azione, che un nostro fratello di ribellione, Guillermo “Coco” Fariñas compie in questa precisa data 84 giorni di sciopero della fame, mentre cerca ancora di far liberare circa venti prigionieri rinchiusi nelle carceri comuniste cubane.

 

L’Unione Europea è formata da 27 Paesi democratici e alcuni di loro hanno conosciuto quello che si chiama “socialismo reale”, un partito unico, un’economia centralizzata e statale, una violazione duratura e ostinata della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, insieme agli errori e orrori della frustrante ideologia marxista-leninista. Noi cubani continuiamo a soffrire e siamo vittime di tutta questa povertà sia materiale che spirituale che è generata dal regime totalitario da oltre mezzo secolo. Abbiamo bisogno di solidarietà per la nostra degna causa, in favore della verità, della libertà, della giustizia e dell’amore, specialmente da quel Regno di Spagna che soffrì in ugual misura sotto la dittatura franchista e conosce quello che è il valore del sostegno internazionale.

 

Ripeto: solidarietà è quello che chiediamo a questo vertice per lottare per una nuova Cuba che possa essere “di tutti, con tutti e per il bene di tutti” come in maniera esemplare ci ha dimostrato il nostro Apostolo dell’indipendenza José Martí.

 

Pedro Argüelles Morán - Gruppo dei 75

Prigione provinciale di Canaleta, Ciego de Ávila

Traduzione di Barbara La Torre

barbara71282@gmail.com


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.5%
NO
 24.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy