Venerdì , 19 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Rette Rsa. Il Tribunale di Firenze: illegittima la pretesa di pagamento a carico dei parenti
31 Agosto 2012
 

Sono illegittimi i 'contratti' con cui i parenti dei pazienti ricoverati in Rsa vengono costretti ad assumersi l'onere del pagamento delle rette che invece dovrebbero per legge sostenere i Comuni.

Col deposito della sentenza del Tribunale di Firenze, Dr Dania Mori, si è conclusa la vicenda della signora C., figlia di M. e di R., suoi genitori anziani non autosufficienti, ricoverati e deceduti presso una Residenza Sanitaria Assistenziale nel Comune di Borgo San Lorenzo. Sentenza che dichiara il difetto di giurisdizione e annulla le pretese economiche della struttura revocando il decreto ingiuntivo originariamente emesso nel 2009 a suo favore.

Alla signora C. era stata ingiunta dal tribunale una somma di oltre 8.000,00 euro a titolo di quota sociale della retta di ricovero. La struttura fondava le ragioni del proprio credito per aver la figlia firmato, all'atto di ingresso dei genitori (nel caso di specie, del padre), un “impegno al pagamento della retta di ricovero”.

Impegno che viene illegittimamente preteso per procedere con il ricovero.

È noto che la quota sociale spetta al Comune di residenza della persona ricoverata, con la compartecipazione della stessa, in base ai soli suoi redditi fiscalmente imponibili. I Comuni, fra cui quello di Borgo San Lorenzo, tuttavia, tramite convenzioni e regolamenti illegittimi, scaricano per intero i costi in questione su cittadini e famiglie.

È, infatti, prassi delle strutture che svolgono il servizio per conto delle istituzioni, far sottoscrivere impegnative “privatistiche” ai parenti al momento dell'ingresso, anche se effettuato per il tramite del servizio sociale del comune.

Cosicché, a prescindere dalla legittimità o meno degli atti che determinano l'importo (spesso illegittimi), il pagamento spetti comunque al parente del paziente per intero ad altro titolo.

Il Tribunale di Firenze ha accolto l'opposizione della figlia, dichiarando che la materia non può esser regolata tramite “contratto” ma che invece si verte nell'ambito di “procedimento amministrativo” e come tale di giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo. Non valgono le firme apposte all'ingresso della Rsa da parte dei pazienti o dei parenti ad aggirare le norme pubblicistiche che stabiliscono modi e criteri di ripartizione dei costi di degenza fra enti pubblici e cittadini.

Si legge: «...l'utente non ha “contrattato” il prezzo della prestazione sanitaria di assistenza con la Rsa convenuta, disponibile ad offrirgli tale servizio, nell'ambito di un normale rapporto sinallagmatico di tipo contrattuale, bensì è stato inserito nella Rsa a cura dei servizi sociali del Comune proprio perché avente diritto – avendone tutti i requisiti di legge – ad una particolare prestazione socio sanitaria (ricompresa nei c.d. Livelli Essenziali di Assistenza), prestazione che per legge l'ente pubblico gli deve garantire, anche se può farlo direttamente, oppure mediante strutture private all'uopo convenzionate».

Peraltro, si chiarisce in sentenza, che il solo fatto di esser la Rsa a gestione privata non cambia certo le cose: «La gestione del servizio pubblico affidata per convenzione ad una struttura assistenziale privata, anziché resa direttamente dall'ente pubblico, non fa tuttavia mutare la natura del rapporto tra cittadino e pubblica amministrazione e quindi, questo servizio, che è sicuramente pubblico per antonomasia, non perde tale caratteristica solo perché offerto dalla struttura privata convenzionata con l'ente pubblico territoriale e con la Ausl».

Questa sentenza, che annulla il decreto ingiuntivo, centra il punto in modo chiaro ed esaustivo. Non si può far rientrare dalla finestra (tramite uno pseudo-contratto), ciò che il legislatore ha messo fuori dalla porta. Si aggiunge, e per fortuna, al trend di sentenze positive (in particolare quelle del Consiglio di Stato) sull'argomento.

 

Qui il canale dell'Aduc dedicato al tema

 

Claudia Moretti, legale e consulente Aduc


Articoli correlati

  RSA. Tar Veneto dà ragione agli assistiti contro i Comuni
  Rette Residenze sanitarie assistenziali. Dietrofront del TAR Toscana
  Residenze Sanitarie Assistenziali. Confermata la fattibilità dei rimborsi!!
  RSA. Passo importante del Senato, apertura indagine conoscitiva
  Rette residenze sanitarie assistenziali. Consiglio di Stato dà ragione all'Aduc
  L'Asl di Pisa intende estorcere il non-dovuto. Esposto in Procura
  Emmanuela Bertucci. RSA in Toscana: “Dal 2012 si paga anche la quota sanitaria?”
  RSA. Bene sentenza Tar Toscana
  Residenze sanitarie assistenziali, maltrattamenti e strutture lager
  Residenze Sanitarie Assistenziali. Negati ricoveri a Livorno
  Donatella Poretti. Rsa: una realtà da passare ai raggi x
  Case di riposo. Sentenza Tar Toscana: il Comune di Firenze sbaglia i conti e deve risarcire fino a 28 milioni di euro
  Livorno. RSA: Comune istituisce commissione su violazione diritto cure
  RSA. Tar Toscana condanna Asl e Comune di Pistoia a pagamento retta ricovero in struttura scelta da paziente
  RSA. La Toscana approva una legge per avvalorare le norme illegali del Comune di Firenze?
  Rsa (residenze sanitarie assistenziali): cosa fanno i Comuni per non pagare! Interrogazione
  Claudia Moretti. Rsa. Dopo i contentini dell'Asl fiorentina, siamo o non siamo in grado di assistere e curare gli anziani?
  RSA. Nuova ordinanza del Tar Toscana contro il Comune di Firenze
  RSA (Residenze sanitarie assistenziali): cosa fanno i comuni per non pagare!
  Emmanuela Bertucci. ISEE 2015 e RSA: Quando a fare il 'furbetto' è il Governo
  Rette Residenze Sanitarie Assistenziali. Due nuove sentenze pro-degenti
  “CLICK … la foresta si risveglia”
  Rette RSA. Tar Toscana dà ragione all'Aduc
  Rette RSA. Nuova vittoria al Tar Toscana
  RSA. Il Governo avalla l'illegalità dei comuni e non indica i tempi per la sistemazione normativa
  Annagloria Del Piano. Attvità sociale: nasce a Poggiridenti ALLEGRAmente
  RSA. Il Governo latita sulla incostituzionalità della legge toscana
  RSA. Il Governo si impegna per il rispetto della legge? Ordine del giorno
  Residenze Sanitarie Assistenziali. La Regione Toscana viola Costituzione e legge. Interrogazione
  Residenze sanitarie assistite e illegalità dei comuni. In Rai la battaglia dell'Aduc
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.6%
NO
 35.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy