Giovedì , 20 Febbraio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Lisistrata
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Una nuova organizzazione sociale
Un gruppo di acquisto solidale
Un gruppo di acquisto solidale 
29 Aprile 2008
 

Prima di tutto il capolavoro di Veltroni. Ha dato il colpo decisivo al governo Prodi, toppato contro Berlusconi essendosi tenuto solo alleati di destra, prosciugato la Sinistra col voto utile e perso Roma. Tutto in una volta: è stato l'inconsapevole cartina di tornasole della frana a destra, che ha messo in moto con le sue sconsiderate mosse, ma che era lì per partire e di ciò non ci siamo accorti nessuno. Io pure che avevo lanciato l'allarme sul “fascismo del XXI secolo” non lo credevo già così impetuoso e diffuso.

 

Ma ora lo sciopero generale a oltranza autorganizzato.

Che mai poteva voler dire Rosa Luxemburg, quando indicava come via per la rivoluzione una «autorganizzazione delle masse» per avviare lo «sciopero generale a oltranza», nel corso del quale costruire «la nuova società»?

Abbiamo già discusso che al posto delle “masse” indifferenziate bisognerà dedicarsi alla costruzione del blocco storico fatto di vari soggetti della trasformazione.

Evidentemente Rosa usa un linguaggio simbolico per dire:

1° si costruiscano nell'azione nuovi rapporti sociali, forme di relazione e di vita alternative.

2° ci si organizzi a lungo per un rifiuto di prestazioni (sciopero) e sostituzione di esse con altre maniere di vivere.

3° e tutto ciò sia fatto tenacemente e con un disegno costruttivo: mentre si denuncia l'insopportabilità dello stato delle cose presenti, si individua, si anticipa, si prefigura il movimento reale che lo muta.

Ho intrecciato parole di Marx, che definiva il comunismo come «il movimento reale che muta lo stato delle cose presenti». Il verbo “mutare” indica una discontinuità simile a quella di un salto nella catena evolutiva della specie. 

Se con il termine “sciopero” si può indicare un rifiuto di prestazione (non solo di lavoro subordinato) si possono immaginare esempi?

Ce ne sono molti e configurano una prospettiva lunga ampia modificabile e costruttiva.

Inoltre lo sciopero è una forma di lotta nonviolenta e legale e ciò è molto importante per costruire dei soggetti che non debbano essere avanguardisti o militarizzati, ma persone capaci di prendere decisioni e difenderle razionalmente.

Il primo esempio che mi viene in mente, tra i molti che si potrebbero citare, sono i Gas, i gruppi di acquisto solidale con i quali si viene incontro a interessi e bisogni reali diffusi, ma nello stesso tempo si rifiuta concretamente e fattivamente di sottomettersi alla politica agricola autoritaria e incontrollabile del WTO, della Fao e dell'Europa.

Si tratta -come è noto- di gruppi che si organizzano per comperare direttamente dai contadini produttori le derrate alimentari, col vantaggio di spendere meno e di avere prodotti freschi e genuini. Si può inoltre stabilire anche uno scambio di rifiuti organici compostabili (lo suggerisce Greenpeace) e comunque evitare o ridurre la mole di contenitori non riciclabili che invadono i banchi dei supermercati e sono uno degli aspetti più preoccupanti della gestione dei rifiuti, dato che producono una “emergenza strutturale”, di cui non si viene mai a capo.

Ciò che si dice a questo proposito potrebbe essere ripetuto con i dovuti adattamenti per l'autocostruzione di abitazioni coibentate, per impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili, per l'autogestione scolastica, per il microcredito, per difendere il territorio produttivo dall'abbandono o dall'invasione di autostrate ponti tunnel e ferrovie costruiti o progettati al solo scopo di velocizzare il trasporto merci, senza riguardo per null'altro e con un immaginario tutto volto al “consumo” della terra, non al suo utilizzo e magari anche contemplazione. Il territorio diventa un nastro trasportatore di merci che si valorizzano essendo trasportate, anche a rischio che non vi siano più alla fine territori produttivi liberi o che abbiano prodotto mais costosissimo per fare benzina affamando i messicani. Lo “sciopero” significa che si vuole esercitare il diritto di muoversi sulla terra con vari mezzi economici e non inquinanti.

 

Accenno solo a un altro tipo di azione che secondo me può configurare una idea alternativa di “sicurezza”: il problema è forte sentito e anche molto usato per produrre paura irrazionalità e capri espiatori. È vero tuttavia che la violenza entro le mura di casa esiste e come, che la solitudine urbana e l'isolamento domestico sono fatti frequenti e dolorosi cui non si può dare come risposta un aumento di polizia e di violenza “legale”. Propongo di ripristinare adeguandola ai tempi una istituzione sociale che fu molto diffusa e importante in paesi e città, cioè il “buon vicinato”, non solo come sistema di uso comune non monetizzato di piccole quantità di cose, un uovo, un panino, un po' di caffè, o di zucchero, o di favori come ritirare i panni stesi della vicina, se si mette a piovere, ma più in generale per avere -ad esempio in costruzioni cooperative a proprietà indivisa- uno scambio di favori a titolo di beni d'uso, come acquistare biglietti per spettacoli o sport, badare ai bambini, far compagnia ad anziani, leggere libri o giornali a ciechi, insomma svolgere quelle piccole funzioni che non sono mercantilizzabili e sono però molto utili. In alcune case del tipo prima descritto da anni ci si è attrezzati per tenere in ordine la casa di chi sta in ospedale oppure se una partorisce (e si può anche organizzare il parto a domicilio) ecc.

Per ottenere un buon esito bisogna anche prendere accordi per rapporti gentili e discreti il che va a vantaggio generale. Si organizzano turni per non lasciare anziani e piccoli a lungo soli in casa, si possono rendere piacevoli gli spazi comuni con impianto di giochi o con piccoli giardini ecc. 

 

Mi riprometto di fare un elenco delle moltissime forme di relazioni e azioni possibili e si comincerà a vedere che si tratta di azioni costruibili direttamente (azione diretta) dal basso e gestibili in forma di rifiuto di prestazioni che non si vogliono accettare, mentre si profila il contorno di un'altra società, di un altro mondo possibile.

 

Lidia Menapace


Articoli correlati

  Lidia Menapace. “Chiedo l'iscrizione a Rifondazione comunista”
  Valter Vecellio. Del Governo Berlusconi, dell’opposizione, di noi stessi
  Valter Vecellio. E ora per un vero Partito Democratico. Sorprende la sorpresa di tanti...
  Ricostruzione della sinistra (blocco storico della trasformazione)
  Lidia Menapace. Proposte e cattiverie
  Francesco Pullia. L’eclissi dei verdi
  Mario Ciancarella. Errori di prospettiva (Prima parte)
  Lidia Menapace. Falce, martello e...
  Antonia Sani. riflessioni post e pre
  immoralità e amoralità berlusconiane
  Mario Ciancarella. Errori di prospettiva (Seconda parte)
  strategie unitarie, non mozioni
  Antonia Sani. Spunti di discussione sulla Sinistra
  Mario Ciancarella. Errori di prospettiva (Terza e ultima parte)
  Lidia Menapace. Lettera dalle catacombe. Con saluti sgomenti (di Rosangela Pesenti) e altre lettere (di Enrico Peyretti etc.)
  Gli approfondimenti e le riflessioni di Fausto Bertinotti
  Valter Vecellio. E ora per un vero Partito Democratico. Sul rosso emiliano che diventa verde padano e... qualche domanda per Chianciano
  Proposte per l'emergenza
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy