Domenica , 25 Ottobre 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Francesco Pullia. L’eclissi dei verdi
19 Aprile 2008
 

All’indomani dei risultati elettorali si è tanto parlato dell’estromissione dalle aule parlamentari delle ali più estreme della sinistra e dei socialisti. Nessuno, però, ha considerato che ad essere assenti dalla nuova legislatura saranno anche i verdi.

Si tratta di un aspetto che non può essere affatto trascurato soprattutto da noi radicali.

Il desolante riscontro ottenuto dalla compagine di Pecoraro Scanio, Paolo Cento, Angelo Bonelli, Grazia Francescato giunge al culmine di un percorso involutivo che ha contrassegnato, purtroppo, una formazione nata trent’anni fa da una costola radicale ma penosamente finita stritolata da alleanze innaturali.

Poco, infatti, ha da spartire un discorso ambientalista con quello dei cascami del totalitarismo comunista. Lo strano connubio ha comportato uno snaturamento della storia e delle motivazioni da cui è scaturito l’ecologismo, l’appiattimento in una posizione, tanto retorica quanto sterile e improduttiva, di aperto e preconcetto negativismo, un’incapacità di fondo progettuale manifestata in modo eclatante in ambito governativo nonché un’ideologizzazione di contenuti che, invece, per essere portati avanti in modo costruttivo richiedevano e richiedono (sono tutt’altro che superati e seppelliti) una diversa predisposizione.

In altri termini, i verdi sono stati giustamente puniti dall’elettorato perché divenuti di tutt’altro colore.

Nelle tante, davvero tante, occasioni in cui hanno avuto l’opportunità e la possibilità di agire concretamente per imprimere una svolta e uno slancio si sono sempre dimostrati più sensibili a logiche di bottega che all’interesse generale.

Non solo. Hanno finito per essere espressione di bolso, retorico, settarismo anziché di reali, vitali, esigenze. La sequela delle occasioni mancate, sprecate, è lunghissima e va dal modo con cui (non) hanno saputo affrontare la questione energetica all’emergenza idrica, dall’incomprensione di un fenomeno come quello della globalizzazione, sempre unicamente demonizzato e mai valutato nei suoi risvolti da governare (che è ben altra cosa dall’accettazione acritica), o di eventi internazionali (si pensi alla scelta, soltanto per principio, pacifista) alla questione, ormai cruciale anche per loro (ir)responsabilità (Napoli docet), dello smaltimento dei rifiuti e via dicendo.

Su questa strada, i verdi sono andati sempre più digradando e degradando, assumendo l’aspetto di estrema propaggine della partitocrazia. Altro che forza alternativa!

Tuttavia la loro sparizione non significa affatto inattualità delle tematiche ambientali. Al contrario, è proprio sull’ambiente che si gioca il destino della politica, a partire dall’immediato. Ambiente visto non soltanto in chiave conservativa e esclusivamente naturalistica ma anche geopolitica, demografica, di interdipendenza tra uomo e altri esseri senzienti, di (sotto)nutrizione e (iper)alimentazione.

In altri termini, una politica ambientale è chiamata ad affrontare certamente ma non solo le conseguenze dell’inquinamento. L’ecologia ha senso se è ecosofica, se esprime, appunto, conoscenza, saggezza dell’oikos, dell’abitare in quanto essere-all’interno-di-una-fitta e complessa-rete-di-nessi e interessi. Lo abbiamo già scritto altre volte. Non ci stancheremo mai di ripeterlo. Del pensiero verde dovremo farci carico noi e in modo maturo, cioè incentrando l’analisi e l’azione in chiave olistica. Non può darsi tutela ambientale se immiserita all’interno di un arrogante antropocentrismo. C’è molto da lavorare. Rimbocchiamoci le maniche.

 

Francesco Pullia

(da Notizie radicali, 18 aprile 2008)


Articoli correlati

  Mario Ciancarella. Errori di prospettiva (Seconda parte)
  Lidia Menapace. “Chiedo l'iscrizione a Rifondazione comunista”
  Valter Vecellio. E ora per un vero Partito Democratico. Sorprende la sorpresa di tanti...
  Ricostruzione della sinistra (blocco storico della trasformazione)
  Lidia Menapace. Falce, martello e...
  Una nuova organizzazione sociale
  Mario Ciancarella. Errori di prospettiva (Terza e ultima parte)
  Valter Vecellio. E ora per un vero Partito Democratico. Sul rosso emiliano che diventa verde padano e... qualche domanda per Chianciano
  Valter Vecellio. Del Governo Berlusconi, dell’opposizione, di noi stessi
  Lidia Menapace. Proposte e cattiverie
  Antonia Sani. riflessioni post e pre
  Gli approfondimenti e le riflessioni di Fausto Bertinotti
  immoralità e amoralità berlusconiane
  Antonia Sani. Spunti di discussione sulla Sinistra
  Mario Ciancarella. Errori di prospettiva (Prima parte)
  strategie unitarie, non mozioni
  Lidia Menapace. Lettera dalle catacombe. Con saluti sgomenti (di Rosangela Pesenti) e altre lettere (di Enrico Peyretti etc.)
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy