Domenica , 21 Ottobre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gianfranco Cordì: Derrida introduce alla menzogna
Jacques Derrida
Jacques Derrida 
09 Gennaio 2007
 
«Inizialmente e nella sua determinazione classica, la menzogna non è l’errore. Si può essere nell’errore, ci si può ingannare, è possibile anche dire il falso senza cercare di ingannare e quindi senza mentire. E’ vero che le esperienze della menzogna, dell’inganno e dell’ingannarsi si inscrivono tutte sotto le categorie dello pseudologico. Pseudos, in greco, può significare la menzogna così come la falsità, l’astuzia o l’errore, l’inganno, la frode così come l’invenzione poetica, moltiplicando i malintesi su ciò che un malinteso può voler dire» dichiara Jacques Derrida in questo «Breve storia della menzogna. Prolegomeni» (Alberto Castelvecchi Editore, 2005). Il volume in questione è costituito da alcune «riflessioni, originate da un seminario tenuto all’EHESS (Problemi di responsabilità, 1994-95)…(che) hanno assunto la forma abbreviata… (pubblicata qui) in veste di conferenza (Collége International de Philosophie, aprile 1997)». Siamo alla presenza di prolegomeni, dunque. Prolegomeni e cioè introduzione ad una storia della menzogna (sia pure «breve») che rimane ancora tutta da scrivere oppure ancora tutta da non scrivere per niente. Ed infatti Derrida, proprio alla fine di tutto questo suo discorso (ovvero: proprio quando questi prolegomeni dovrebbero aver preparato alla stesura di tale storia della menzogna) ammette invece che: «E’ necessario proprio confessarlo, affrontando la conclusione, nulla e nessuno potrà mai provare, appunto, ciò che si chiama in senso proprio provare, nel senso stretto del sapere, della dimostrazione teorica e del giudizio determinante, l’esistenza e la necessità di una simile storia in quanto storia, della menzogna, e della menzogna come tale». E tutto questo per un motivo. Perché la menzogna: «non può diventare un oggetto di sapere teorico». Ma in ogni caso Derrida riesce comunque ad assolvere il compito che ha davanti. Egli riesce comunque a circoscrivere il suo oggetto. E Derrida compie tale operazione chiamando in causa, l’uno dopo l’altro: Nietsche, Aristotele, Platone, Heidegger, Sant’Agostino, Montaigne, Freud, Rousseau, Kant, Koyrè ed Hanna Harendt (fra gli altri). Inoltre, Derrida compie tutta questa operazione riuscendo a segna(la)re altresì alcuni punti fermi che dovranno essere usati come vera e propria base di partenza per quella storia della menzogna che questi prolegomeni intendono solamente preparare. I punti fermi individuati da Derrida sono questi: «Nella sua figura prevalente e riconosciuta da tutti, la menzogna non è un fatto né uno stato, è un atto intenzionale, un mentire». Questo è il primo. Il secondo è: «La menzogna richiama probabilmente il sapere, tutto il sapere possibile, ma gli resta strutturalmente eterogenea». Il che tradotto in altri termini riporta direttamente alla citazione posta in apertura di questo articolo. Per Derrida, cioè, la menzogna appartiene alla categoria dello «pseudologico». Terzo ed ultimo punto è il seguente: «Si può dunque dire solamente quello che, al di là del sapere, potrebbe o dovrebbe essere la storia della menzogna - se ne esiste una». Questo sono le parole con le quali Jacques Derrida conclude queste sue «riflessioni»; le parole conclusive di questo suo volume. Per cui Derrida ha in realtà individuato nella menzogna un concetto del tutto metafisico. Un concetto, egli dice, appartenente allo «Pseudos». E questo prolegomeni ad una possibile storia di tale concetto non possono che (e proprio in virtù della metafisicità di questo concetto) confessare sia la propria parzialità che la propria completezza. Da una parte abbiamo appreso che una storia della menzogna può come pure non può essere possibile. Dall’altra parte, Derrida riesce comunque a tracciare in queste pagine il perimetro esatto di questa possibilità o impossibilità. Questo «Breve storia della menzogna», dunque, è un volume molto importante. E per due ordini di motivi. E’ importante sia ai fini di una conoscenza globale dell’opera del filosofo della «differanza» ma anche per la valutazione di quello che è soprattutto uno stile davvero inconfondibile. Che è lo stile di Derrida. Egli, anche in questo breve volume, si destreggia all’interno di tutta l’attrezzatura della filosofia e della parola con perizia e maestria. Perizia e maestria che, fra l’altro, oramai gli sono state riconosciute ampiamente da quasi tutti quegli storici della filosofia che si sono occupati di lui.

Articoli correlati

  Gianfranco Cordì. Fare «filosofia»
  Gianfranco Cordì. Emanuele Severino e il fraintendimento del senso del nulla
  Gianfanco Cordì. Che cos’è la realtà?
  Emanuele Severino, Antologia filosofica dai greci al nostro tempo
  Anticipazioni: Gianfranco Cordì. Nuovo realismo & Realismo meridiano
  Gianfranco Cordì
  Erasmo da Rotterdam, Elogio della follia
  Gianfranco Cordì. Un raggio di luce fa il giro della terra sette volte al secondo
  Gianfranco Cordì. Lo sguardo di Antonio Saccà
  Realismo Meridiano
  Gianfranco Cordì. L’ISOLA
  Gianfranco Cordì. In morte di Zygmunt Bauman
  Gianfranco Cordì. Il ribelle meridiano
  Giada Fornaciari, Del mare e dell'anima
  Gianfranco Cordì, lo Scetticismo antico.
  Gianfranco Dalmasso eletto presidente della Società Italiana di Filosofia Teoretica
  Il n’y à pas de hors-texte
  Gianfranco Cordì. L’incontenibile stupidità altrui
  Riviste/ Danilo Di Matteo. La suggestiva poetica di Anterem
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.6%
NO
 24.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy