Martedì , 31 Marzo 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Valter Vecellio. Ma al PD hanno capito che a Milano si può vincere? 
L'editoriale di ieri di Notizie Radicali e dichiarazioni di Emma Bonino
19 Aprile 2011
 

Chi sostiene che è più importante della ciliegina è la torta, laddove la “ciliegina” sarebbe il comune di Milano, mentre la torta non si comprende bene cosa sia, mostra di non comprendere il senso della partita che è in gioco, una sconcertante miopia politica. Oppure, ma è perfino peggio, rivela di non aver alcuna fiducia in se stesso e nei cittadini, si prepara fin da ora alla sconfitta, e cerca di contrabbandare l’idea che vincere a Bologna o a Torino sia pressappoco l’equivalente di una vittoria nel capoluogo lombardo.

Non è una novità, questa miopia politica; non sorprende questa insipienza e questa vocazione al massacro, tuttavia non si può che restare sconcertati nel continuo, ripeter sempre lo stesso errore. Lo sottolineava Europa qualche giorno fa: hanno capito al PD che a Milano si può vincere? E, soprattutto, vogliono vincere?

Intanto l’inquilino di palazzo Chigi martella con tutta la potenza che le sue immense risorse e il reticolo di potere che gli si è lasciato costruire, gli consentono. Il comizio domenicale non ha portato, di per sé, particolari novità, quanto a contenuti, che sono piuttosto logori: s’è ridotto a sostenere che la buona amministrazione della città si riduce a non aver aumentato il biglietto della metropolitana o dell’acqua, una canzone in milanese, ricordi d’antan… Se poi, con una certa fatica a causa della stentata oratoria che non si è fatta mancare neppure qualche papera nel leggere il discorso scritto da chissà chi, si prestava attenzione all’intervento di Letizia Moratti, il succo era costituito da un lunghissimo elenco di promesse; laddove si sarebbe dovuto elencare quello che era stato fatto, e – semmai – le ragioni che hanno impedito di fare quello che è necessario. Per non dire della sgangherata promessa di cacciare da Milano gli immigrati clandestini. Perfino i leghisti sono più raffinati, nell’esprimere lo stesso concetto.

La centralità delle elezioni di Milano è fuori discussione. Il cavaliere di Arcore è sceso direttamente in campo, e ha mostrato come intende dettare l’agenda dei prossimi giorni. Non resta che dire: PD, ci sei? Cerca di battere un colpo…

Anche perché l’inquilino di palazzo Chigi, al di là della apparente sicumera, non può non avvertire scricchiolii sinistri e inquietanti. L’ennesima polemica contro le toghe rosse e i comunisti ne sono il sintomo evidente. Tutti i sondaggi, impietosi, gli confermano che Letizia Moratti è attestata sul 42-44 per cento. Insomma, ballottaggio probabile, che già di per sé sarebbe una sconfitta, quale che possa poi essere l’esito del secondo turno.

Si spiega così la prudenza della Lega e la sostanziale freddezza di Umberto Bossi, che peraltro ha le sue brave gatte da pelare con un elettorato sempre più insoddisfatto; e le insofferenze verso un agitarsi nel suo partito: non si contano ormai più i pranzi, le cene, le colazioni, gli incontri “riservati” di cui si viene a sapere tutto, dei vari esponenti del partito berlusconesco: “governato” da un triunvirato la cui debolezza è solare; un ex ministro come Claudio Scajola che scalpita, freme e strepita per tornare in una posizione di potere; e, soprattutto, un Giulio Tremonti, che impassibile continua a tessere le sue trame: dice di non cercare il potere, e forse è perfino vero, ma di sicuro è seduto in attesa che sia il potere a venire da lui, e naturalmente non perde occasione per creare le occasioni per favorire questo disegno. Osservatori che spesso dispongono di notizie di prima mano su quello che avviene nel PdL avvertono che quei pranzi, quelle cene, quegli incontri non mirano tanto a sopravvivere a Berlusconi, quanto come a sopravvivere al ministro dell’Economia; mentre il lider maximo un giorno si affida a consigli di Michela Vittoria Brambilla, l’altro ai furori di Daniela Santanché, l’altro ancora si consola leggendo gli editoriali sul suo Giornale; e solo questo dà il segno evidente di una solitudine, di una sostanziale – certo potente – impotenza.

Questo è il quadro, e in questo quadro, le elezioni a Milano. Ne sono consapevoli, al PD? Lo si vorrebbe poter sperare. Ma tutto fa credere che sia l’ennesima speranza destinata a essere frustrata.

 

Valter Vecellio

(da Notizie Radicali, 18 aprile 2011)

 

 

Emma Bonino: I vertici del PD

non hanno colto
l'importanza della sfida politica

 

«A parte la presenza di un candidato dei grillini che toglie voti a Pisapia in una operazione che trovo discutibile, credo che i vertici del Pd non abbiano colto l'importanza di Milano dal punto di vista politico e del possibile mutamento o scricchiolio di un sistema di potere costruito in tanti anni». Lo dice a Radio Radicale la vicepresidente del Senato, Emma Bonino.

«Le amministrative nel capoluogo lombardo non devono essere considerate un referendum su Berlusconi. È invece utile concentrarsi sull'importanza politica e su una critica molto documentata della politica amministrativa di comune, regione e provincia, focalizzare l'attenzione su questo terreno. Non mi pare che ad oggi l'importanza di Milano sia stata ancora colta dai leader nazionali del Pd, forse si riservano per le ultime settimane.

Ci credo davvero, quella per Milano è una sfida difficile ma non impossibile e politicamente va tentata». (Radicali.it, 18/04/2011)

 

 

» Vai al sito della Lista Bonino Pannella - Milano


Articoli correlati

  Agenda Coscioni. “Milano chiama Italia, legalizzare e bonificare”
  Elezioni Milano. Emma Bonino: la vera partita comincia adesso
  Milano. La diffamazione ha le gambe corte
  Rosario Amico Roxas. Milano: …Con la presenza di persone sagge e forti…
  Marco Lombardi. Sacrificarci per il cambiamento
  Un po' d'aria pulita, per vivere meglio a Milano
  Francesco Poirè. Zanzare/Milano: L’incapacità di questa classe politica punge i cittadini
  Valter Vecellio. Ministro sguaiato, governo indecente (pensarlo è moralismo?)
  Milano Rinnovabile e Solare. Le proposte della Lista Bonino Pannella
  Milano. “Cambiare è necessario”. Un documento di cristiani sulle elezioni municipali
  UDIaMILANO. 50E50, Democrazia Paritaria. Anche a Milano si può
  Orange wave for Pisapia
  Marco Cappato. “Mi candido a presidente del Consiglio comunale di Milano, per la legalità e la trasparenza”
  Bonino e Cappato denunciano alla procura Berlusconi e i direttori dei TG che hanno trasmesso le sue pseudo interviste
  Emma Bonino. Con Pisapia un radicale al comune di Milano
  La liberazione di Milano, un mese dopo
  Giuliano Pisapia. Succedono cose a Milano
  Comunali Milano. Per un’alternativa democratica fondata sul rispetto delle regole...
  Milano. Con Emma Bonino da Domenica
  Parte da Milano la riscossa riformista?
  Emma Bonino. Con Pisapia una prima, vera, primavera milanese
  JurisReport. Milano, il vento è cambiato
  Nicola Vacca. La disfatta del Cavaliere ridanciano
  Marco Cappato. Nonsolofirme! C'è un'alternativa da creare a Milano
  Ne abbiamo le ...STRADE piene! Acchiappabusivi in azione a Milano [video]
  Pierfrancesco Majorino. Milano: Manca poco
  Milano. Serata in onore di Harvey Milk con Stuart Milk
  Enrico Fedrighini. Milano, Festa e Referendum: il 7 giugno in piazza al QT8!
  “Bella zia! Vota Pisapia” [video] e il gioco sporco con la Scuola “Rinascita – Amleto Livi”
  Stefano Bettera. Emma Bonino: «Una metropoli ecologista e laica»
  Manifesti abusivi? Quelli legali vanno a pedali!
  Un colpo di tosse per Milano
  Vincenzo Servile. Dopo le amministrative i referendum!
  Lista Bonino-Pannella. Il “metodo Lassini” è la regola a Milano, a partire dal sindaco Moratti
  Marco Cappato. I partiti milanesi paghino gli 8 milioni di euro di multe
  Emma Bonino. Anch'io candidata a Milano con Cappato e Pannella
  Rosario Amico Roxas, con lettera di Guido da Milano
  Milano, ti prego, ritorna! Intervista al candidato indipendente Alberto Figliolia
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.2%
NO
 25.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy