Martedì , 31 Marzo 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > L'ultimo dei milanesi
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
La liberazione di Milano, un mese dopo 
di Mauro Raimondi
07 Luglio 2011
 

È passato ormai più di un mese, dalla vittoria di Pisapia alle elezioni. E a me, lo confesso, la sbornia non è ancora passata. Davvero. Entro nella mia “nuova” città, e me se slarga el coeur. Mi brillano gli occhi.

Voi non potete immaginare come, da innamorato di Milano, mi sia sentito in questi interminabili 18 anni, la sofferenza che ho provato. I tradizionali valori di solidarietà e accoglienza, stravolti. Il lavoro, da sempre orgoglio di questa città, diventato sfruttamento. Il dialetto, utilizzato come strumento politico. Le Civiche Scuole Serali, un tempo fiore all’occhiello di Milano, mandate ad esaurimento (addio Licei, addio mitico Istituto Cattaneo per ragionieri o per geometri di piazza Vetra).

E poi, il senso etico meneghino, la sua moralità, derisi da uno scandalo dietro l’altro. “Derivati” assegnati a società che hanno creato un enorme buco nel bilancio comunale (e ora chi pagherà, l’ex sindaco che ha affidato gli incarichi?). Assessori costretti a dimettersi per nefandezze varie ed assortite. Falsi manager (in realtà, politici non eletti) pagati profumatamente e messi senza competenza in ruoli chiave, mentre i dipendenti del Comune che per anni avevano dignitosamente assolto a quei compiti, venivano costretti ad andare in pensione. La trasmissione “Report”, nel novembre 2009, dedicò a questa Milano morattiana una puntata da brivido. Cercatela, in rete (oppure accontentatevi dell’articolo che troverete in questa rubrica), e poi ditemi se non c’era da vergognarsi di essere milanesi.

E i parcheggi a fianco della basilica di Sant’Ambrogio? La gloriosa Darsena ridotta a discarica? L’Isola stravolta da grattacieli per ricchi, del tutto fuori contesto? La vecchia Fiera completamente rasa al suolo? Le multe dell’Unione Europea per la mancanza di strategie contro il mortale inquinamento atmosferico?

Diciamocelo, in questi 18 anni, a Milano, è successo di tutto. Eppure, mai una volta che abbiamo sentito i politici al potere scusarsi di qualcosa. Le responsabilità erano sempre di qualcun altro. Del resto, per valutare le persone, bisognerebbe guardarle bene in faccia. E al governo della città, di belle facce, durante queste amministrazioni, se ne sono viste pochissime. Da una parte c’erano gli incazzosi, quelli che se la prendevano sempre con qualcuno: comitati di quartiere, centri sociali, extracomunitari, cacche dei cani. Dall’altra, i “televisivi”: abbronzati, rampanti, sorridenti, sembrava sempre che dovessero venderti un’automobile... Qualcosa, tuttavia, li accomunava: il parlare a slogan, l’essere sempre certi, assolutamente certi, di stare nel giusto, l’indisponibilità a fare passi indietro, la totale mancanza di quella fondamentale nuvola esistenziale che è il dubbio.

Mi sono sentito straniero, a Milano. La città dei miei nonni, dei miei genitori, che ho raccontato in tanti libri, di cui divulgo la Storia, il Cinema. Guardavo il tg3 regionale, e provavo disgusto per l’intollerabile intolleranza, l’ignoranza degli esponenti della destra milanese. Un incubo, che sembrava non dovesse finire mai. Del resto, tutto questo orrore è durato 18 anni, il fascismo, 23: se avesse vinto la Moratti, saremmo stati pari.

E ora? Ora le strade sono sempre piene di buche, gli autobus latitano. Sui vagoni della metropolitana salgono le solite persone che ti chiedono la carità o che storpiano terribilmente brani musicali. Le auto, poi, continuano ad essere le vere padrone della città, anche quando sono parcheggiate disturbano con i loro motori rigorosamente accesi.

Milano, ora, pare la stessa degli ultimi decenni. Ma è solo apparenza. In realtà, i primi passi di Pisapia -abolizione della auto blu, chiusura di un costosissimo e inutile ufficio di rappresentanza per l’Expo a Roma- stanno andando verso una nuova, giusta direzione. Però, non è questo il punto. La vera questione è che, adesso, in città è tornata la Speranza. Ed è un bel ritorno, che leggi negli occhi dei molti che adesso pensano che le cose possano veramente cambiare.

In fondo, basterebbero che la politica ricominci a fare la politica. Il che, significa lavorare seriamente, in silenzio, evitando proclami e comizi televisivi (cosa che a Pisapia riesce benissimo, anche perché, da quando è sindaco, è praticamente sparito dai telegiornali regionali…). Occupandosi, onestamente, del bene pubblico. Della periferia e non solo del centro. Sforzandosi di integrare, non di dividere, per creare senso di identità anche in chi non è di Milano. Di migliorare le condizioni di vita dei meno abbienti, di giovani e anziani. Ascoltando tutti e cercando di trovare dei compromessi. Sostenendo la cultura, evitando di creare “eventi” ma permettendo a tutti di avere gli strumenti per pensare.

I milanesi, da sempre realisti, non vogliono la luna, ma la normalità.

Io sono certo che verranno accontentati.

Dalla città liberata, salùdi.


Articoli correlati

  Mauro Raimondi. Civiche scuole tra presidi e open day
  Mauro Raimondi. Salviamo i Corsi di Idoneità del Comune, un patrimonio di tutti i milanesi
  Milano. La Moratti, la città, le proposte del PD
  Milano. Civiche scuole: il massacro continua
  Depositati in comune i Cinque Referendum per la qualità della vita e dell’ambiente a Milano
  Radicali Milano. Chiediamo i Navigli, ci danno un Tubo...!
  Milano. Sabato 15 maggio: riprendiamoci la Darsena
  Un risarcimento per lo scempio della Darsena!
  Milano. Il radicale Lucio Bertè rende omaggio alle vittime della Shoah nel cimitero “ad Martyres”
  Milano, Sant'Ambrogio. Niente parcheggio, ma “giardino della memoria”
  Milano/ S.Ambrogio. Il Comune vuol salvare il Cimitero 'ad Martyres'
  Stop ai lavori per il parcheggio di S. Ambrogio
  Milano, Radicali per Sant'Ambrogio. “Gabbato lo santo” ancor prima della sua festa
  Don Andrea Gallo a difesa del Cimitero paleocristiano di S. Ambrogio
  Cimitero Ad Martyres di S. Ambrogio. I Radicali chiedono la sospensione del cantiere fino al voto
  Memorie dimenticate, Giornata internazionale della nonviolenza, Anna Politkovskaja...
  Radicali per Sant'Ambrogio. Lucio Bertè in digiuno per dialogo con Sandro Bondi
  Chiesa Ortodossa greca per Cimitero ad Martyres di S. Ambrogio
  Radicali per Sant’Ambrogio. “Appello del Venerdì Santo”
  Milano. Ci sarà il "Giardino della memoria dei martiri cristiani"
  «Chi ama Milano si organizzi con i Radicali»
  Milano. Sant'Ambrogio. Altre adesioni dal mondo religioso, mentre i Radicali vigilano sul sito
  Milano. Lucio Bertè ancora incatenato a S. Ambrogio
  In difesa del Cimitero paleocristiano ad Martyres di S. Ambrogio
  Milano. Radicali per Sant’Ambrogio
  Lucio Bertè. Milano Sant'Ambrogio. Formigoni d'estate, Formigoni d'autunno...
  Milano. “Proposta indecente”. Cercasi consigliere “liberale” per servizio a democrazia
  Per la libertà religiosa e per la parità di tutte le confessioni nel diritto all'informazione
  Milano. Successo dell’incatenamento alla basilica di S. Ambrogio
  Milano. “Radicali per Sant’Ambrogio” sigillano il cantiere
  Agenda Coscioni. “Milano chiama Italia, legalizzare e bonificare”
  Milano. La diffamazione ha le gambe corte
  Rosario Amico Roxas. Milano: …Con la presenza di persone sagge e forti…
  Marco Lombardi. Sacrificarci per il cambiamento
  Un po' d'aria pulita, per vivere meglio a Milano
  Francesco Poirè. Zanzare/Milano: L’incapacità di questa classe politica punge i cittadini
  Valter Vecellio. Ministro sguaiato, governo indecente (pensarlo è moralismo?)
  Milano Rinnovabile e Solare. Le proposte della Lista Bonino Pannella
  Milano. “Cambiare è necessario”. Un documento di cristiani sulle elezioni municipali
  UDIaMILANO. 50E50, Democrazia Paritaria. Anche a Milano si può
  Orange wave for Pisapia
  Marco Cappato. “Mi candido a presidente del Consiglio comunale di Milano, per la legalità e la trasparenza”
  Bonino e Cappato denunciano alla procura Berlusconi e i direttori dei TG che hanno trasmesso le sue pseudo interviste
  Emma Bonino. Con Pisapia un radicale al comune di Milano
  Giuliano Pisapia. Succedono cose a Milano
  Comunali Milano. Per un’alternativa democratica fondata sul rispetto delle regole...
  Milano. Con Emma Bonino da Domenica
  Parte da Milano la riscossa riformista?
  Elezioni Milano. Emma Bonino: la vera partita comincia adesso
  Emma Bonino. Con Pisapia una prima, vera, primavera milanese
  JurisReport. Milano, il vento è cambiato
  Nicola Vacca. La disfatta del Cavaliere ridanciano
  Marco Cappato. Nonsolofirme! C'è un'alternativa da creare a Milano
  Ne abbiamo le ...STRADE piene! Acchiappabusivi in azione a Milano [video]
  Pierfrancesco Majorino. Milano: Manca poco
  Milano. Serata in onore di Harvey Milk con Stuart Milk
  Enrico Fedrighini. Milano, Festa e Referendum: il 7 giugno in piazza al QT8!
  “Bella zia! Vota Pisapia” [video] e il gioco sporco con la Scuola “Rinascita – Amleto Livi”
  Stefano Bettera. Emma Bonino: «Una metropoli ecologista e laica»
  Manifesti abusivi? Quelli legali vanno a pedali!
  Un colpo di tosse per Milano
  Vincenzo Servile. Dopo le amministrative i referendum!
  Lista Bonino-Pannella. Il “metodo Lassini” è la regola a Milano, a partire dal sindaco Moratti
  Marco Cappato. I partiti milanesi paghino gli 8 milioni di euro di multe
  Valter Vecellio. Ma al PD hanno capito che a Milano si può vincere?
  Emma Bonino. Anch'io candidata a Milano con Cappato e Pannella
  Rosario Amico Roxas, con lettera di Guido da Milano
  Milano, ti prego, ritorna! Intervista al candidato indipendente Alberto Figliolia
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.2%
NO
 25.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy