Martedì , 25 Giugno 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Giornata Internazionale contro l’Omofobia 
Intervento di Rita De Santis, presidente dell’Agedo, durante l’incontro al Qurinale del Presidente della Repubblica con le associazioni lgbt
17 Maggio 2010
 

Signor Presidente,

è con sincera commozione che oggi, davanti alla sua Illustre Persona, mi accingo a leggere il mio intervento, in rappresentanza delle associazioni LGBT che con molta sensibilità e con grande spirito democratico lei ha deciso di ricevere in una giornata così piena di significati per tutti noi.

Mi chiamo Rita De Santis e sono la presidente nazionale di AGedo associazione che riunisce genitori, parenti, amici di omosessuali e transessuali, ed assicura la sua presenza su tutto il territorio nazionale svolgendo un ruolo di accoglienza per i genitori, di sensibilizzazione nelle scuole e di attenzione sui diritti non ancora assegnati ai nostri figli.

Mi è stato dato l'onere e l’onore di rappresentare tutte le associazioni da Lei invitate all’incontro in quanto in queste associazioni sono i luoghi dove i nostri figli trovano lo spazio per le loro esigenze e le loro idee, associazioni con le quali lavoriamo in rete per costruire un futuro scevro da discriminazioni.

Le porto in questa testimonianza il saluto di noi genitori parenti e amici di persone omosessuali, bisessuali e transessuali, sia di quelli che il coraggio rende visibili, sia di quelli che purtroppo per varie circostanze visibili non sono o non possono esserlo...

Mi creda non è facile vivere da invisibili, da clandestini, fantasmi ai quali viene negato innanzitutto il primo fondamentale diritto dato agli esseri umani che è quello del riconoscimento della propria identità di genere per le persone trasgender ed intersessuate, e il riconoscimento della propria affettività e del proprio amore per i gay e le lesbiche.

Purtroppo i moltissimi episodi di omo-transfobia che ormai quasi quotidianamente si perpetuano nel nostro paese, ci addolorano e ci fanno riflettere sul fatto che molto spesso l’ignoranza, il pregiudizio trionfano sul quel presupposto fondamentale della democrazia che è la ricchezza della differenza, eletta a cardine di una società laica ma attenta anche ai valori di chi crede.

Certo, oggi noi, davanti a Lei ci sentiamo fortunati di avere un così alto interlocutore e questa sua sensibilità ci fa percepire lontano storicamente e definitivamente tramontati i roghi medioevali e la oscura stagione dei triangoli rosa.

Ma noi tutti vorremmo che in questa società, per molti versi così avanzata, non ci fossero più i 78 paesi dove essere gay e trans vuol dire galera e i 7 dove per l’omosessualità e la transessualità c’è ancora la pena di morte e non vorremmo che questi fratelli dei nostri figli spesso costretti ad emigrare per sfuggire a condizioni estreme di violenza si vengano poi a trovare in un paese come il nostro, dove nonostante tutte le importanti libertà conquistate, alberga ancora tanto razzismo, tanta omofobia e transfobia, dovendo così subire discriminazioni multiple.

Essere qui oggi non ci differenzia molto da tutti i genitori del pianeta, essere qui è una testimonianza di quell’amore che noi dobbiamo e che sentiamo per i nostri figli e che nella mente di ognuno di noi si tramuta nella speranza del raggiungimento di un loro completo benessere.

Questo purtroppo però non è possibile poiché l’Italia non essendosi allineata all’articolo 13 del paragrafo 2 del trattato di Lisbona è rimasta l’unico paese della comunità europea dove ci sono ancora cittadini di serie A e cittadini di serie B.

 

Di fronte a doveri tutti uguali, per i diritti palesemente diseguali.

A questo proposito bisognerebbe che il nostro parlamento prendesse in considerazione, anche sulla scorta del parere della corte costituzionale che citando l’articolo 2 della costituzione,ha rinviato a quella sede il riconoscimento delle unioni omosessuali, di pronunciarsi, perché la mancanza di leggi comporta, a nostro modesto avviso, che proprio i cittadini non tutelati da univoci diritti diventano facilmente bersaglio di scherno e di umiliazione quando poi non si arriva nei casi estremi alla violenza e alla morte.

Noi siamo qui oggi in nome di quell’amore che anche il sommo poeta Dante descrive e percepisce come il motore del mondo, di quell’amore che vorremmo fosse riconosciuto ai nostri figli nella formazione delle loro famiglie e nell’esercizio di quella genitorialità che non va confusa con la mera possibilità di generare.

Siamo qui perché i nostri nipoti (sono almeno 100.000 in Italia i figli e le figlie delle persone omosessuali e transessuali) non abbiano più a soffrire l’allontanamento dai lori genitori nelle cause di separazione, perché possano contare sempre sull’appoggio degli educatori nelle scuole, perché possano testimoniare sereni la verità della loro famiglia.

Siamo qui per chiedere che i nostri figli e figlie trans non vengano confuse con fabbriche di vizio, o peggio di perversioni e devianze.

Vorremo togliere loro quell’imbarazzo nel trovarsi chiuse in un maschile e femminile che spesso non li rappresenta nel più profondo del loro essere attraverso una nuova legge che togliendoli da quel baratro di confusione che li costringe a vivere tutta la vita in un limbo giuridico e li lascia spesso in una imbarazzante situazione di abuso sia nella vita privata che nel lavoro.

Vorremmo oggi diffondere nel nostro paese e in tutto il mondo l’orgoglio che dal profondo del cuore sentiamo per tutti questi nostri figli perché è attraverso loro che abbiamo compreso la mirevole complessità della natura e del creato.

Noi genitori di questa immensa popolazione ( si stima che il 10 per cento degli abitanti della terra sia LGBT) rinnovandoLe i saluti e ringraziamenti speriamo che questo storico incontro sia l’inizio di una stagione migliore, speriamo di non dover più registrare che la visibilità diventi violenza, che la pienezza affettiva della vita non sia riservata solo ai figli di serie A; speriamo che in un domani illuminato dall’arcobaleno del buon senso e dell’uguaglianza nessuno debba venire più giudicato per il proprio orientamento sessuale o per l’identità di genere.

Solo se riusciremo attraverso le istituzioni ,la cultura, la società, la scuola a far comprendere il grande miracolo dell’amore che non si coniuga in un’unica declinazione potremmo trasformare in un futuro non lontanissimo la giornata mondiale contro l’omofobia in una normale tranquilla ma sfavillante giornata d’amore che purtroppo non potrà mai realizzarsi senza il riconoscimento dei diritti fondamentali di tutti gli esseri umani.

Mi permetta di chiudere Presidente non senza prima averla ringraziata, a nome di tutti, con una piccola poesia tratta dall’archivio AGEDO del coming-aut, di cui porta il titolo

 

Coming-aut

 

Vorrei poggiare la testa sulla tua spalla

mamma

senza sentire l’imbarazzo

della tua domanda.

Chi sono?

Non so sono tuo figlio

o forse una figlia

e per questo

vorrei che tu mi amassi

e nel tuo immenso

cuore di conchiglia

vorrei che tu

potessi trasformare

il mio granello di

sabbia

in una splendida perla

e averla

incastonata nel tuo

occhio, la

sotto le ciglia.

dove prima era il pianto

ora il sorriso.

Dammi mamma la mano

Attraversiamo insieme

I dubbi e l’incertezza

La differenza sai è

solo una ricchezza.

 

RD

 

Rita De Santis, Presidente Agedo

(da CertiDiritti.it, 17 maggio 2010)


Articoli correlati

  “Certi Diritti”. Coppia gay in sciopero della fame
  Battaglia per il diritto all'eguaglianza: scenari e prospettive del dopo sentenza
  Presentazione Congresso di Certi Diritti. Conferenza stampa alle ore 12
  Certi Diritti. Ricorso per no alle nozze gay
  Milano Contro l'Omofobia, sabato a palazzo Marino
  Affermazione Civile. Faccia a faccia cittadinanza/avvocati a Milano martedì 16
  Valentina Vandilli. La storia di Francesco Zanardi e Manuel Incorvaia
  Il tempo è scaduto non ci sono più scuse
  Giovanardi è il capo dei bla-bla-bla della politica italiana
  Rita Bernardini. Certi Diritti: un programma impegnativo per il 2011. Aiutateci a realizzarlo!
  Certi Diritti. Prostituzione: il fallimento delle politiche proibizioniste
  Clara Comelli. Unioni civili, bicchiere pieno solo con le nozze egualitarie
  Gli slogan saranno: laicità, libertà e responsabilità
  Matrimoni gay. Corte Costituzionale Ponzio Pilato
  Sergio Rovasio. Certi Diritti news: un giugno importante
  Certi Diritti. Agesci e omosessualità
  Certi Diritti. Noi preferiamo i fatti alle parole. E tu?
  Milano. Rendere concrete le pari opportunità
  Certi Diritti. Piccolo Uovo in dono alle biblioteche rionali di Milano
  Certi Diritti. Pride, diritti civili e speranze
  Diritti Lgbt: carbone ai deputati che non vogliono occuparsene
  Sergio Rovasio, Enzo Cucco. Libera convivenza
  “Certi Diritti”. Aggiornamenti iniziativa di Zanardi e Incorvaia a Savona
  “Su questo istante fragile”. Presentazione libro e dibattito Pannella-Eribon
  La fiaccola dei diritti
  Atti per matrimonio. Un'azione di “affermazione civile”
  Perduca e Poretti. Matrimonio gay: una speranza da Firenze
  Radicali a Milano. Dalla pillola del giorno dopo a Ichino, passando per l'assemblea: tutte le iniziative
  Sergio Rovasio/ Valentina Vandilli. Sciopero della fame per unioni civili: iniziative ai parlamenti italiano ed europeo
  In 50 a Roma contro le dichiarazioni diffamatorie di Bertone
  Associazione “Enzo Tortora”. Prossime iniziative radicali a Milano
  Sergio Rovasio. Nozze gay in Argentina
  Certi Diritti. La Corte europea dei diritti dell’uomo riconosce le famiglie gay
  Cittadini in Europa, fantasmi in Italia: fermiamo la peste italiana!
  Certi Diritti e i Radicali invitano Berlusconi alla contro- conferenza sulle famiglie
  Matrimoni gay: la Corte Costituzionale portoghese dà il via libera ai matrimoni tra persone dello stesso sesso
  Certi Diritti. Matrimonio gay: depositata alla Corte Costituzionale la memoria di costituzione della coppia di Venezia
  La Fiaccola dei Diritti. Lunedì scorso a Genova, prossime tappe Bari e Firenze
  Censura preservativo RAI: oggi a Milano flash-mob condom davanti alla sede Rai di corso sempione
  Famiglia? No, famiglie! Tutti a Milano l'8 novembre!
  Memorie dimenticate, Giornata internazionale della nonviolenza, Anna Politkovskaja...
  Marco Cappato. Caso Binetti
  Certi Diritti. Giugno mese dell'orgoglio lgbt
  Matrimonio omosessuale: sarà un sindaco leghista a celebrare il primo?
  Roma. Ore 17:30, fiaccolata contro la violenza e la discriminazione verso le persone transessuali
  Gianni Somigli. Bimbinbilico
  Le affermazioni di monsignor Babini alimentano odio e violenza omofobe
  2° Congresso di Certi Diritti a Bologna sabato 14 marzo
  Appello per il matrimonio egualitario
  Certi Diritti. Aggiornamenti sui “lavori in corso”
  Sergio Rovasio. “L'omosessualità non è mai moralmente giusta”, dice il Papa
  Giulia Crivellini. Mi sono appena iscritta a Certi Diritti...
  Prostituzione e fisco. Da una cartella esattoriale si può rivedere la Merlin?
  Certi Diritti. Obama, Hollande, Cameron, Key: Sì al matrimonio tra persone dello stesso sesso. E l'Italia?
  VII Congresso Radicali Italiani. L’intervento di Anna Paola Concia
  Bologna. Matrimonio gay: la classe politica continua a ignorare il problema
  Zeno Gobetti. Il Cardinale e la Costituzione
  Matrimonio gay celebrato in Spagna
  Coppie stesso sesso: Corte EDU condanna Italia
  Certi Diritti. Libera circolazione e mutuo riconoscimento coppie gay nell'Ue
  Marco Cappato, Sergio Rovasio. Per i gay vietato donare sangue?
  Matrimonio egualitario: prosegue l'iniziativa di Certi Diritti
  Certi Diritti: il quotidiano agire per la libertà
  Certi Diritti / Avaaz. Sud Africa: Petizione per fermare lo “stupro collettivo”
  Certi Diritti partecipa al Gay Pride Baltico il 7 e 8 maggio
  Pasquale Quaranta. Sos da Kampala
  Sergio Rovasio. Tratta prostituzione: I tagli del Governo alimenteranno le organizzazioni criminali
  «Sono sconcertato dalla gerarchia della mia chiesa». Un cattolico gay scrive a Famiglia Cristiana
  Fede, omofobia e diritti umani. La conferenza di Londra
  Ennesimo giovane gay suicida. Occorre agire!
  Maria Antonietta Farina Coscioni. Nuovi diritti di libertà per tutelare chi non ha nome o voce
  Veglie di preghiera per le vittime dell'omofobia
  Certi Diritti. Tre o quattro notizie che è il caso di non lasciar passare sotto silenzio
  Renato Pierri. Una bella occasione per la Chiesa
  Gionata: il sito per conoscere la Bibbia e l'omosessualità.
  Chiese cristiane e omosessualità. Convegno a Brescia, domenica 27 gennaio
  Elisa Merlo. L'omosessualità non va contro il comandamento dell'amore
  Attilio Doni. Gravi depravazioni
  28 giugno. A Firenze e in 13 città d’Italia tante veglie di preghiera contro l’omofobia
  “Accogliere le persone omosessuali senza alcuna discriminazione”
  Cuba. Omofobia e ragion di Stato
  Noi Siamo Chiesa sulla posizione del Vaticano all'ONU sull'omosessualità
  Gli omosessuali cristiani a convegno. A Firenze, dal 7 al 9 novembre
  Milano. Biscardini: dopo il caso Ferigo, un appello al Comune per campagna contro la discriminazione omosessuale
  Benedetto Della Vedova. Sull'omofobia il Pdl segua il Ppe
  Grande è la confusione sotto il cielo
  Roberto Malini. Battere l'omofobia
  Agedo. Costernati, chiediamo di incontrare il cardinale Bertone
  Gionata. Ed Avvenire scoprì finalmente l'omosessualità al di là degli stereotipi
  Omosessuali e Vaticano: meglio morti che peccatori? Crolla il mito del “contronatura”
  Comunità cristiane di base. Per una parola di Napolitano
  Conferenza nazionale sulla famiglia. Fino a che persiste la discriminazione, no grazie!
  Renato Pierri. La luce della Chiesa alle volte è solo ombra tetra
  Contro l'omofobia. Veglie di preghiera in molte città italiane il 28 giugno
  Renato Pierri. Secondo San Paolo
  Pietro Yates Moretti. Omofobia dilagante. Colpiti Sindaco di Bergamo e sua giunta
  Arezzo. A maggio arriva “Play Pride”: lo sport per i diritti
  Renato Pierri. Le poco cristiane dichiarazioni del buon Rocco
  Sulle dichiarazioni del Ministro Mara Carfagna sull'omosessualità
  Ecumenici. Continuano le proteste dal mondo cristiano contro i vertici della Chiesa di Roma
  Gionata. Il Vescovo di Grosseto annulla la sua visita pastorale all’Arcigay cittadina
  Chiesa Valdese contro l'omofobia
  Maria Mantello. Il Ministro Profumo ha invitato a celebrare nelle scuole la giornata mondiale contro l’omofobia
  Gianni Somigli. Binetti, c’è posto per te
  “Piazzata d’Amore” ad Arezzo
  “Diversità sessuale e teologia in America latina”
  “Le nostre chiese saranno sempre aperte per gli omosessuali”
  “Prove tecniche di discriminazione”. Discutiamone sabato, al Guado di Milano
  17 maggio 2012: Giornata Mondiale contro l'Omofobia
  Roberto Malini. Papa Benedetto XVI promuove odio nei confronti della comunità gay
  “Accogliere le persone omosessuali senza paura”
  Congedo matrimoniale per matrimonio gay. Giunta del Friuli più avanti del resto delle istituzioni
  Va. Ve. Due suicidi, quello del boss mafioso Lo Presti, e di un ragazzo violentato in carcere
  Elisa Merlo. Stima per Mara Carfagna
  Elisa Merlo. Errore madornale dell'ex ministro della giustizia Castelli
  Valter Vecellio. Legge sull’omofobia: una questione di leadership nel PD
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy