Giovedì , 02 Luglio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Nel tempo angusto e oscuro del Coronavirus 
di Giovanni Maria di Lieto
20 Aprile 2020
 

Ai medici, al personale sanitario, ai volontari delle associazioni, alle forze dell’ordine, a tutti coloro che per compiti istituzionali pongono il loro impegno al servizio del bene comune.

A chi soffre la solitudine e l’isolamento forzato.

A chi aveva già fatto dell’isolamento consapevole il proprio modello di vita.

All’umanità intera che ha pieno diritto alla narrazione di un presente e di un futuro da vivere nella condivisione di rapporti, amicizia, affetti, sensibilità, abbracci, amori.

 

Al di là dei proclami e dei vuoti presenzialismi, propri dei tempi correnti, la lezione dei medici, degli infermieri, dei volontari va còlta e non sprecata, nel senso che vanno “recuperati” l’eticità e la credibilità dei comportamenti, la solidarietà e la coesione sociale, i valori in cui credere, la spinta ideale e di passioni, che sono adempimento del dovere, ma non solo.

Sognatore è chi trova la sua via alla luce della luna (Oscar Wilde).

Nel senso e nel segno della volontà dell’Ottimismo, valga la forza della Poesia dell’indimenticabile Giannino di Lieto, che torna a noi con “Muri d’isole”, “Acqua di cisterna”, “Padre”.

 

 

*****

 

Muri d’isole

 

Nei cerchi propagati il sole è fermo

un falco verticale sulla preda

e nube ambigua, zolfo

atomi disgregati

su coni – gronda in tese d’incredibile

 

stalattiti d’ombra incrostano le grotte

boccaporti dell’anima:

innalzeremo muri d’isole

verdi sull’oceano.

 

Giannino di Lieto

(da Indecifrabile perché, Roma 1970)

 

 

*****

 

Acqua di cisterna

 

Dondolano

le case

annodate

come un fazzoletto

al poggio

la campana cheta

gli archi

fioriti del bosco

è il canto della terra:

a pena d’amore

il petto si muove

sotto la camicia

diafana alla luna.

M’assopisco

in un rigagnolo d’eternità.

Odo sul fosso

il cuore incline

alla serpe

uccisa

nel cerchio d’uno schioppo.

 

Giannino di Lieto

(da Poesie, Padova 1969)

 

 

*****

 

Padre

 

separazione come accusa la parte una stella sassi e conchiglie

mansueti sentieri dormendo ancora solo esperienze del padre

vissute ormai scrittura in quella traccia di un “O” nel buio

dolci gocce d’erba cubo del bosco non più di una fiamma indietro

rifugio altalene magiche anelli con la spiga diamante dei passaggi

ciascuno senza fatica sottrae la corte al bianco semi sulla testa

anfore del fiume al suo dominio fino al punto che fu terra anche

una piazza una strada figure di animali secondo soldati a equinozi

li portiamo dopo averli raccolti piccolo ibis riceve le mani

dal mutare delle foglie uomini in uso dei tatuaggi percorsi

neppure città intorno freddissimo rischiato inizio dalle cime.

 

Giannino di Lieto

(da Racconto delle figurine & Croce di Cambio, Salerno 1980)

 

 

*****

 

Così si arriva all’estremo esito dell’esperienza della parola, con una felicità dell’invenzione, del pensiero, del fervore della vita, di catalogazioni di oggetti preziosi come conquista assoluta del possesso della mente e dell’anima. (Giorgio Bàrberi Squarotti, a commento dell’Opera poetica di Giannino di Lieto)


Articoli correlati

  È morto Giorgio Bàrberi Squarotti
  Mellana. Un settore ancora trainante
  Mellana. La negatività che ci piace
  Vincenzo Donvito. Il populismo sanitario
  CIA Manzoni. La lezione si fa alla radio
  Agustín. Ponzio Pilato
  Vita da cani. #PossoPor­ta­re­il­Ca­ne­Fuori
  Mellana. Il monumento all’eroe sconosciuto
  Mellana. Lo sballo in maschera
  Lombardia. Continua la quarantena del Consiglio Regionale
  Sandra Chistolini. Il Coronavirus visto dai bambini della scuola dell’infanzia all’aperto
  Carlo Forin. Covid 19 virus intelligente
  La maestra Mara e le sue storie per i bambini
  Maria Lanciotti. In quarantena con l’istrice
  La sanità divisa nell’Europa unita
  Enrico Bernardini: Enoturismo. Esempi di buone pratiche ai tempi del coronavirus
  Michele Tarabini. Retoriche banalità
  Anna Lanzetta. Invito alla lettura
  Tonaca e mascherina. La CEI al tempo del Covid
  Nicoletta Varani. Covid-19 in Africa: alcune considerazioni geo-sociali. (I parte)
  “I sopravvisuti”
  Nicoletta Varani. Covid-19 in Africa: alcune con­si­de­ra­zio­ni geo­eco­no­mico-sociali. (II parte)
  Roberto Malini. Il coronavirus somiglia all’influenza di Hong Kong del 1968
  Mellana. Quel che è fatto è reso
  Renato Ciaponi. Un grazie sentito ai negozi di vicinato
  Agustín. Le cose più importanti
  Sergio Caivano. Maledetto coronavirus covid 19
  La scuola a prova di coronavirus
  Enrico Bernardini. Turismo in Italia: alcuni riflessioni a seguito dell’emergenza Covid-19
  Roberto Malini. Ansia da pandemia
  «Gli uccelli» di Hitchcock, il progresso che implode e le logiche del virus
  Rosella Reali. I nostri eroi quotidiani
  Michele Usuelli. Regione Lombardia: Consiglio in auto-quarantena
  Michele Tarabini. Vivere o tirare a campare?
  Coronavirus oltre i numeri
  Paola Mara De Maestri. Corona Virus
  Oltre le indicazioni
  Mellana. Ad ognuno come le pare
  Laboratori virologici e ricerca nucleare: è necessario che operino alla luce del sole
  Carlo Forin. Primavera 2020
  Coronavirus: predisponete un piano per proteggere le persone anziane più indigenti
  Mellana. Tutto andrà benissimo
  Linda Pasta. Inquinamento atmosferico e diffusione del virus
  Giuseppina Rando. Covid 19: “lectio magistralis”
  Mellana. Una mano lava le altre
  Mellana. Altro che resurrezione...
  Linda Pasta. Covid-19: “Mission possible: limitare il contagio”
  Carlo Forin. Distanziamento
  Mellana. Stretti tra scienza a superstizione
  C. Ruscigno, G. Monti. Covid-19, una risposta europea
  Mellana. Diogene
  Sopra la maschera investo me stessa
  Vetrina/ Michele Tarabini. In un incubo
  Giulia Crivellini. Dividersi in tifoserie persino su un virus?
  Roberta De Horatis. Hic et nunc
  Stati Uniti d'Europa. Coronavirus: prima gli italiani?
  Emmanuela Bertucci. Coronavirus: Quando il diritto alla salute diventa dovere di salute
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy