Mercoledì , 24 Aprile 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Presentazione di Oasi criptate. Dialogo di Alberto Carollo con Patrizia Garofalo 
Presso CasaLorca, Piazzale Giusti, Vicenza, 30 maggio 2013
Ferdinando Franguelli,
Ferdinando Franguelli, 'Libera stampa'. Roma, 28 novembre 2012 
08 Giugno 2013
 

Vicenza – Si è svolta la sera del 30 maggio 2013 presso la sede dell’associazione culturale CasaLorcala presentazione della silloge di poesie Oasi Criptate (Edizioni Il Foglio, 2012). Ho avuto il piacere di dialogare ancora una volta con una carissima amica e una raffinata poetessa, Patrizia Garofalo, che ha incontrato il suo pubblico e, con la consueta generosità e sincerità, sia umana che artistica, ha condiviso con me e i partecipanti aspetti cruciali della sua vita interiore e del rapporto con suo padre, figura chiave in questa sua ultima fatica in versi. Colgo l’occasione per ringraziare l’associazione CasaLorca la squisita ospitalità e in particolare Emiliano Gregori che ha dato voce alle pagine delle Oasi.

Oasi criptate è un progetto collettivo; pure se Patrizia Garofalo ne è insieme chiave di volta e catalizzatore, stiamo parlando di una raccolta di versi scritta a sei mani. Mi spiace non aver avuto l’opportunità di vedere sedute accanto a me pure Margherita Gadenz e Nina Nasilli, impegnate in altri fronti. Per fortuna abbiamo avuto Patrizia, che si è occupata in prima persona della pubblicazione di questo testo per la collana di poesia di cui è curatrice, la “Orizzonti” delle Edizioni Il Foglio letterario.

Oasi criptate è un libello di breve respiro ma di grande peso specifico. L’antefatto dal quale ha origine la raccolta ce lo spiega Patrizia in una intervista che ha rilasciato a Matteo Bianchi per La Nuova Ferrara: «Avevo confessato a Nina e Margherita un mio profondo disagio. Una mattina ho trovato una mail che diceva: “Aggiungi due versi ai miei”. È iniziata così la nostra storia e la storia di questo libro che amalgama ricordi, presente e passato riemersi durante un caldo giugno di due anni fa». In quel periodo moriva il papà di Patrizia. L’incontro di queste tre autrici avviene sotto l’egida dell’empatia, dote di cui sono prodighe, pur nelle loro peculiarità, nelle loro differenze individuali e di poetica.

 

Parliamo del titolo della raccolta. Come è stato avallato Oasi criptate? Oasi come rifugio, ristoro per il viandante assetato di bellezza, realtà o miraggio? Criptate perché si riferisce a un codice, quello della poesia, messaggio “esclusivo” per chi si accosta alla parola poetica e viene ammesso al suo cospetto attraverso un percorso iniziatico, per differenti livelli di evoluzione sensibile? O ancora un luogo-non luogo, un locus amoenusdove l’anima possa dialogare con altre anime e ritrovare la propria autenticità?

Patrizia Garofalo: Alberto, possiamo parlare sia di oasicome luogo di sosta, ristoro, abbeveraggio dell’anima sia di oasi criptateintendendo luogo-non luogo ideale e protetto e nascosto e silenzioso dove poterci incontrare, originando un dialogo libero e senza mediazioni. È da un silenzio protrattosi per mesi che è nata questa silloge, entro la quale sostano e si rincorrono i pensieri di Margherita, Nina e miei. E solo quest’empatia ha permesso di veicolare per tutte e tre noi il ricordo del padre, il vuoto della sua scomparsa. Così è riportato nella sinossi «amore in forma di versi trascorre un’estate, mentre vita e morte si succedono come fanno le stagioni».

 

Una delle spinte sottese a Oasi criptate è, come abbiamo accennato, la morte di tuo padre. (…) «torna la poesia a consolare / il mantra del tuo abbandono». Il tema della “mancanza” e della “ricerca” è sfiorato anche dalle tue “compagne di viaggio”; mi chiedo e ti chiedo: quale artista non soggiace alla figura carismatica e per certi versi idealizzata di un padre biologico, spirituale o modello di perfezione a cui tendere? Te la senti di parlarci di quanto tuo padre ha influito nella tua formazione come donna e come artista? Quali sono stati i tuoi padri e modelli di riferimento nel tuo percorso espressivo?

P.G.: Mio padre moriva il giorno del mio compleanno, così come riportato nel testo di una mail che ho trascritto, e l’unica cosa che mi è stata subito chiara è che avrei cancellato il mio compleanno, la mia nascita e così è stato. Non voglio che il mio compleanno venga ricordato. Mi dispiace non poter aggiungere altro se non che la conflittualità che ha caratterizzato il rapporto con mio padre ha lasciato vuoto, senso d’abbandono, rabbia e dolore ma tu sai, perché mi sei molto amico, che io non sono capace di parlarne.

Nel mio percorso espressivo invece, oltre Borges sul quale mi sono formata e Caproni che mi destinò una magnifica prefazione all’uscita del mio primo libro, mi sento profondamente legata a Paolo Ruffilli. Abbiamo la stessa età ed è per me un referente essenziale. Poi tanti altri che amo e sento profondamente e ai quali mi lega amicizia e confronto continuo, da molto tempo. Ho una madre però, non biologica, che passo passo ha accompagnato la mia vita. È Jader Pojaghi: è stata mia insegnante di latino e greco al liceo; da allora non ci siamo mai perse di vista. La sua stima, il suo bene e la sua vicinanza mi hanno trasmesso l’amore per la vita, per la libertà, per la poesia. Mi ha telefonato stasera e giorno dopo giorno riconfermiamo il nostro volerci bene. Ho nei suoi confronti oltre che un grande amore una gratitudine immensa.

 

(…) «dal dolore scavi nel profondo del mare». Ne sa qualcosa, Patrizia Garofalo, del dolore, vissuto nella propria carne e celebrato pure nella sua precedente raccolta, Il Dio dell’impossibile. «E venni a patti con il Dolore / Disorientato ospite / Lo ebbi più volte a cena». Il Dolore è stato per te una forma di conoscenza, tuo malgrado, uno spogliarsi metaforico delle sovrastrutture, di tutti gli orpelli che rendono fatua e superficiale l’esistenza? Quanto il Dolore può forgiare la personalità del poeta e la sua espressione poetica? Quanto scrivere del Dolore equivale a una sorta di “esorcismo”, di catarsi o un pareggio dei conti, quasi una singolare legge del contrappasso?

P.G.: Sì, il dolore mi ha insegnato a dare un senso alle cose che valgono veramente, a spogliarmi dalle sovrastrutture, a “venire a patti”, parlargli, fronteggiarlo e mai rimuoverlo. Certamente la poesia mi ha aiutato moltissimo, come dire… è stata una modalità interlocutoria fino alla sintesi totale con la parola, sempre scaturita senza infingimenti. Sono pagine e pagine quelle che il dolore mi ha strappato, che forse non pubblicherò mai ma che spesso rileggo, rivivo, risento e amo come parte di me.

 

(…) «l’umidore del silenzio». Dare voce al silenzio è il titolo di una tua raccolta di poesie del 2008. «Il silenzio è ascolto di sé fino all’esplosione della scrittura», chiosavi qualche tempo fa. E ancora «Il silenzio / per chi lo ascolta è assordante» (in Il Dio dell’impossibile). Vorremmo sapere cos’è per Patrizia Garofalo il Silenzio, e come promuovi e veicoli questa “cultura del Silenzio” attraverso le iniziative dell’Accademia del Silenzio. Quanto peso ha il Silenzio nella tua poesia in quanto nume tutelare della parola, prima che venga pronunciata e suo carnefice quando, una volta emessa, la precipita nell’oblio?

P.G.: Le tante connotazioni che esso assume per me costituiscono il filo conduttore delle mie liriche. C’è sempre silenzio prima che io riesca a strappare da me un sentimento che venga contenuto dalla parola. Il silenzio è una condizione che mi consente una ricerca, un’ipotesi, una possibilità infinita, inarrestabile e senza tesi. Nel silenzio ho trovato me stessa, mi sono accettata e ho rifiutato di “essere conforme”.

Nel silenzio mi sono messa a fuoco e da esso ho ricavato voce per una comunicazione vera, sacrale, sintetica, connotativa e, in alcuni casi, reciproca e circolare.

Nel silenzio ho trovato splendore e strazio, vita e morte. Il silenzio assorda anche, e, a tal proposito, ricordo con molto piacere, Alberto, quanto scrivesti nel 2008 per il mio “dare voce al silenzio”. Esso si è spesso riempito di voci, ricordi, parole, immagini del mio passato… è incubo, urlo, solitudine ma anche compagnia e riposo. Il mio scrivere, ricco di ossimori, nasce dalla consapevolezza che tutto abbia il suo opposto anche nel momento stesso in cui viene agito.

Nel silenzio nasce un fiore e nel silenzio muore e rinasce la parola.

Poi ho conosciuto l’Accademia del silenzio di Anghiari ed è ad Anghiari e al Salento che sono grata della ricchezza interiore che ho provato in questi ultimi due anni.

 

Parlaci di com’è nata questa bella e intrigante copertina delle Oasi, elaborazione grafica di un’opera di Ferdinando Franguelli, Libera stampa.

P.G.: Ferdinando Franguelli è un pittore di Ancona che ho conosciuto a Caldarola, vicino a Macerata, durante una mostra sulla libertà di stampa. Il quadro con le rondini mi colpì subito e gli chiesi l’autorizzazione a poterne fare la copertina del libro. Ora siamo amici ed è nato fra noi un sentimento di sincera stima. Quando mio padre partiva, inviavo lettere con dentro una rondinella di carta; lui le rispediva e scriveva “bacio”. Io collezionavo i baci e ritagliavo nuove rondini. Ecco, è nata così… questa dolcissima copertina.

 

La poesia di Patrizia è anche una costante meraviglia delle cose e degli eventi; laica, viscerale e spontanea se dovessi attribuirle tre aggettivi. È una poesia fortemente radicata nella vita e nel suo percorso. È poesia dell’incontro, dell’alchimia che scaturisce dal sentimento di appartenenza, di quel “sentire insieme” ottimamente espresso in una tua riflessione in prosa che vorrei citare in parte – e ringrazio Pino Tossici per averla evidenziata in un suo scritto: «Io non so parlare di poesia come sostanzialità in sé ma come una sorta di costante meraviglia insita nelle cose e nelle anime e nei corpi e in tutto un mondo che, da laica, non mi sono mai sentita di affidare a Dio per percorrerlo solo come comparsa in attesa dell’aldilà. (…) Avverto l’altro da me, colgo il tempo, scelgo le relazioni, non sono simpatica; quando non scrivo e non studio, da sempre, mi piace cucinare, comprare oggetti inutili, curare il corpo, creare collane e parlare in dialogo di tutto, sono felice che gli amici sappiano che “ci siamo”, che il mio amore arrivi e tutto ciò è vissuto come una poesia , come un miracolo che si ripete ogni giorno». Vorresti commentare con noi questo passaggio?

P.G.: In realtà, Alberto credo che la poesia abbia il volto della vita. Io sono laica e credo tutto finisca in questo breve tragitto, attraversamento… chiamalo come vuoi e sento forte il desiderio di “riempire di pienezza” questo viaggio, lo avverto impetuosamente come una spinta alla quale non voglio mettere freno. Un giorno Paolo Ruffilli mi regalò un libro bellissimo, Razza bastarda di Cristina Masciola.

Una frase è restata indelebile: “sono di razza bastarda, vivo al congiuntivo in un mondo che vive all’indicativo”.

Alberto… grazie di cuore amico caro!

 

Grazie a te, Patrizia, per il dialogo sempre fecondo di stimoli e riflessioni che, ci auspichiamo, si trasmettano pure ai nostri lettori.

 

Alberto Carollo


Articoli correlati

  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Se le parole potessero...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Ormai rispondo solo alla tua voce
  Un progetto poesia con “Girasoli di mare” al “Donegani” di Sondrio
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Ma visto che tu...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Presente assenza
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Averti avuto...
  Patrizia Garofalo: Mare D’anime (1)
  In libreria/ Stefano Valentini. “Girasoli di Mare” di Patrizia Garofalo
  Vetrina/ 25 Aprile Tellusfolio
  Ferrara. Oasi criptate alla Biblioteca Comunale Ariostea
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Scorre la parola del dio...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Conserva per te almeno la memoria del tempo...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. La sciarra del fuoco
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Sbocciano dalle dita...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. L’acqua usa del mio corpo steso...
  In libreria/ Asmae Dachan. “Girasoli di mare” di Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo con Elisabetta Santini. Ikebana di sagge sorde pietre
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Arrampica il vuoto la luce...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. E se fosse proprio vera quella parola...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Nel giardino...
  Vetrina/ In morte di stolido uomo, Sirte 2011. Patrizia Garofalo con Flavia Milani
  In libreria/ Patrizia Garofalo. Il Dio dell’impossibile
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Marzamemi
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Ipotesi di donna
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Agavi accartocciate...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Con un battito d’ali...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Vele nere con Cactus
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Suddiviso il mare in quadranti...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Acceso amaranto
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Torno nello spazio dei tuoi occhi
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Per poter vivere oggi...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. p a r o l a
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Affamati gabbiani
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Desideri
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Temporale
  Girasoli di mare a Macerata
  Annagloria Del Piano. Poesie per una terra promessa: Girasoli di mare
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. S'accompagna all'infanzia la vecchiaia
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Il tempo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Booom
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Senti...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Ebbi a morir nel rimandarti a mente...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Accolgono...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Lenzuola di nuvole...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Dorme il vecchio...
  Alberto Carollo. Il Dio dell'impossibile di Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Asciugo...
  Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Sfiorerai...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Eppure mi hai svegliato
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Scorgo il mio volto somigliante...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Orobica
  In libreria/ Margherita Gadenz, Patrizia Garofalo, Nina Nasilli. Oasi criptate
  21 marzo, “staffetta poetica” per la Giornata mondiale della poesia Unesco
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Si riversa su strade e anfratti segreti...
  In libreria/ Patrizia Garofalo. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando
  Patrizia Garofalo. Ferragosto 2013
  In libreria/ Nicoletta Corsalini. “Girasoli di mare” di Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Stelle cadenti
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Ecografia di un fiore...
  Vetrina/ Paola Sarcià. A Patrizia, nel cuore sempre
  Pino Tossici. Incontro con Patrizia Garofalo alle Oasi criptate
  Roberto Malini. I Poeti per i Diritti Umani cantano perché la speranza non muoia
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Qualcuno parla d’amore...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Il tramonto dell’alba...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Riportano l’eco delle voci del paese...
  Pina Rando. A Patrizia
  Patrizia Garofalo. Per Eluana e suo padre
  Vetrina/ P. Bocconi, P. Garofalo, N. Vacca. Voglia di mare, Lontano, Di questo momento
  Vetrina/ Ambra Rizzati. A Patrizia Garofalo
  In libreria/ Luciano Nanni. “Girasoli di mare” di Patrizia Garofalo
  A Patrizia
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Nell'impura liquidità diventa assenza...
  Eventi/ “Girasoli di mare” a Macerata, sabato 18 giugno
  Patrizia Garofalo: La trilogia di Paolo Ruffilli
  Paolo Ruffilli: Diario di Normandia. Recensione di Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Il tempo deserto del tuo cuore...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Malacopia
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Qualcuno nel partire è invece rimasto...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Sono radici di primavera...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Uncinate dalla scure...
  Vetrina/ P. Bocconi, P. Garofalo, N. Vacca. La fontana
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Una coperta di stelle...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Ritorno dal dolore
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Immagino una musica...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. A forma di monile...
  “La quinta essenza” di Gellu Naum. Recensione di Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. M’appare la ferita di allora...
  In libreria/ “Girasoli di mare” di Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Al risveglio...
  Vetrina/ Ippocampo solitario. Patrizia Garofalo con Ferdinando Franguelli
  Patrizia Garofalo. “Il dio dell’impossibile”
  Testamenti/ Ambra Maria Rizzati e Patrizia Garofalo
  Speciale/ Bottega letteraria & Tellusfolio. 1
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. A volo d’antilope...
  “Il giardino conteso” di Flavio Ermini
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Girasoli di mare
  Sulla raccolta: Le stanze del cielo. Domande a Paolo Ruffilli di Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Crisalide
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Tutto converso in bene...
  Patrizia Garofalo - Tango y Más. “Di Rose Coronato”
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Le mie dimenticanze...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Scolpire il tempo...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo, Lampare lontane...
  Patrizia Garofalo. Antonia Pozzi e la Poesia della Montagna
  Patrizia Garofalo. (Ri)leggere Paolo Crepet
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Un respiro tra due silenzi...
  Vetrina/ Dammi del tuo amore... Barbarah Guglielmana con Patrizia Garofalo
  Patrizia Garofalo. Note a margine del convegno di ecologia narrativa di Anghiari
  Flavio Ermini. Riflessioni su una poesia di Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Forse una cecità, la mia
  Patrizia Garofalo: Cuba vive nella prosa lirica di Gordiano Lupi
  Ricordando, coi ragazzi, le Foibe
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Ravvìa i capelli del vecchio...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Carezzano la notte...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. L'avvertimento del vento
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Gli amanti di Cortázar
  M. Veronesi, E. Brizio. Su “Ipotesi di donna” di Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Da un campo di guerra...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Fiori di calicanto...
  Patrizia Garofalo: Sulla Heimat e su Tellus 19
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Radici di vene...
  Elisabetta Andreoli presentata da Patrizia Garofalo per Fotoalbum (6)
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Donna Vittoria
  Vetrina/ R. Malini e P. Garofalo, A Simone
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Gocciola
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Il silenzio a lungo trattenuto...
  In libreria/ Giuseppina Rando. “Girasoli di mare” di Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo con Gianluca Moiser
  In libreria/ Nicola Vacca. “Il Dio dell'impossibile” di Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. È carne la poesia...
  Roberto Malini. La vita è… una giornata fra poeti
  Patrizia Garofalo: "Forse anch'io scriverò..." Foto della Domenica 1
  Patrizia Garofalo: Macerata e Paolo Ruffilli di "Camera oscura"
  Gordiano Lupi: Avana killing. Recensione di Patrizia Garofalo. Primo capitolo per i lettori di TF
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Per “Karlsár” di Flavio Ermini
  In libreria/ Sandra Chistolini. Parole in poesia
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Di luce e d’aria e disperata speranza io vivo...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Di notte i sogni...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Io so che i gabbiani non hanno nido...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Liquido raccolto, protetto...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Lontana l’ultima nota...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. I sogni, Folletti colorati
  Tellusfolio 2018: abbonarsi... ricordando Patrizia
  J. L. Borges e la poesia congetturale. Recensione di Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Laggiù nella luce che si fa buia e aspetta l’alba...
  Patrizia Garofalo. Era partito giovane
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Amo la parola...
  In libreria/ Antonio Barbuto. Noterella in margine a “Girasoli di mare” di Patrizia Garofalo
  Patrizia Garofalo: Una sera ricordando Domingo Notaro
  Alberto Carollo. Ci si dovesse incontrare...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Un foglio di guerra
  Patrizia Garofalo. Il Gesù senza mani ha la voce negli occhi
  Poesia d'autore/ Emily Dickinson. 838
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Solo mentre accosto sinfonie...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Sento la tua voce
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Ferrara
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Lamina tagliente...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Diventa lacerazione...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Lasciare andare al dondolìo...
  In libreria/ Patrizia Garofalo. Girasoli di mare
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Sarà faticoso trascinare...
  Vetrina/ Angelo Andreotti & Patrizia Garofalo. Pantografia marina
  Natale Tf2014/ Patrizia Garofalo. Mi raccomandi di guardare con attenzione...
  Color mare di notte / Sea’s shade at night
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Notti stellate da incendi...
  Antonia Pozzi, Ti scrivo dal mio vecchio tavolo. Lettere 1919-1938
  Giuseppe Samperi legge e presenta “Dare voce al silenzio” di Patrizia Garofalo
  In libreria/ Renata Adamo. Il Dio dell’impossibile di Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Migrano...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Niobe
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Unisono di voci...
  In libreria/ Flavia Buldrini. “Girasoli di mare” di Patrizia Garofalo
  Patrizia Garofalo. Raccontino piccino piccino picciò
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. The colours will- be never end until we live and remember
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Di notte sento anch'io...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Dedicata a Beppino Englaro
  In libreria/ Flavio Ermini. Una poesia aperta all’accoglienza e alla speranza
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Si sorridono...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Dell’ippocampo ti parlai...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Se non custodissimo quel segreto...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Trascino un verso...
  Poesia d'autore/ Emily Dickinson. 323
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Colorate di baci...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Obliqua traiettoria...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. S'appanna il giorno...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Nuvole d’onde trafugate al mare...
  Patrizia Garofalo: Tra emozione e logica. Breve appunto diaristico.
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Come l’arancia...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Terra di Icaro
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Un uomo nero vestito di bianco...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Specchiano d'acqua...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Era verde il giardino...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Vestire stelle filanti...
  Eventi/ Whats Art. Poesia e musica sulla migrazione
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Inverno spaesato in due fermo-immagini
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. È quell’ora che muore piano...
  In libreria/ Barocco amorale
  George Harrison. Living in the material world
  Pier Paolo Pasolini, «La sua morte è un drammatico, disperato rapporto con la madre»
  Carollo e della Rovere presentano i loro “dialoghi”
  Alberto Carollo. Gli innamoramenti di Javier Marías
  Alberto Carollo. Auguri col racconto di Natale di Auggie Wren
  Alberto Carollo. La discarica degli angeli di Mario Bonfante
  In libreria/ Alberto Carollo. “Vista sull'angelo” di Massimo Scrignòli
  Alberto Carollo. Doppio ritratto
  “Chi testimonia per il testimone”
  “Doppio ritratto” al complesso Monumentale di San Silvestro di Vicenza
  In libreria/ Alberto Carollo. “Oasi criptate” di Margherita Gadenz, Patrizia Garofalo, Nina Nasilli
  Alberto Carollo. Fulvio Tomizza, La miglior vita
  Ferdinando Franguelli. Nota di partecipazione a una recente mostra, in quel di Catania
  Vetrina/ Natale è tellus
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana con Ferdinando Franguelli
 
 
Immagini correlate

 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy