Martedì , 19 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Alberto Carollo. La discarica degli angeli di Mario Bonfante
10 Dicembre 2010
 

Mario Bonfante

La discarica degli angeli

Morganti Editori, pagg. 192, € 13,50

 

In un mondo dove tutti urlano e sgomitano per avere un po' d'attenzione, il pregevole esordio narrativo di Mario Bonfante (Verona, 1956) richiede il silenzio, una dimensione di quiete senza la quale non è possibile apprezzare le voci della natura, l'alternarsi delle stagioni, il fluire soggettivo del tempo. È un romanzo, La discarica degli angeli, di una bellezza quasi impalpabile, che poggia su equilibri instabili quanto lievi e dinoccolati. Vi si narra, infatti, la normalità quotidiana di una piccola comunità fuori dell'ordinario.

Bruno, il protagonista, è il custode di una discarica. La vita non è stata prodiga nei suoi riguardi: l'infanzia gli è stata negata in seguito a un fatto di sangue che l'ha marchiato in maniera ineluttabile; poi il ricovero in un manicomio criminale. A quasi quarantanni si ritrova privato di tutto, o forse no, perché la spinta allo scavo interiore, al recupero della propria umanità passa attraverso il potere taumaturgico della parola, quel raccontarsi e mettere insieme le tessere di un io disgregato: «(...)a pensarci ora, era l'unico modo per uscire veramente dal reparto psichiatrico dell'ospedale. Vai lontano con una lettera. Mandi dei pezzetti di te in giro per il mondo anche se, il più delle volte, il vero destinatario di quelle lettere sei proprio tu, che te ne stai rinchiuso». C'è un desiderio di compiutezza, di realizzazione di sé in Bruno, la salda volontà di “finire le storie” dei libri custoditi nella biblioteca del reparto, secondo il proprio uzzolo, là dove molte pagine sono state strappate e perdute.

Bruno può contare sul supporto di una famiglia di freaks, persone simili a lui, con dei buchi neri nell'anima, piegati ma non ancora vinti dall'esistenza. Aldo, per esempio, artista di grande sensibilità, che annega in una colla maleolente gli scarti opportunamente selezionati per divenire oggetti che raccontano un mondo di reietti ed emarginati. Bìcio, uomo scarmigliato e senza parole, con una piccola e innocua ossessione per gli abiti femminili. Lisa, l'ex-prostituta rumena, la prima a soccorrere Bruno, a tendergli la mano nel vuoto e nella disperazione delle corsie ospedaliere. Consulich, lo slavo senza braccia, saltato su una mina cercando di strappare invano la figlia alla morte, orgoglioso e indiscusso monarca di un popolo di straccioni.

Ecco l'ossimoro di cui dicevo in apertura: entrare nelle vite così “speciali” e “sommerse” degli ultimi, osservarli sbarcare il lunario, descriverli con naturalezza mentre si dedicano alle loro abituali attività. È una scommessa riuscita, quella di Bonfante, servita egregiamente da una scrittura piana e umilissima, in precario equilibrio nell'accostarsi ad una realtà che trasposta sulla carta rischia pericolosamente di deragliare nel pietismo ma che in La discarica degli angeli si ammanta di poesia e di una commozione intensa e partecipe per l'atavica forza di vivere che si sprigiona dai personaggi.

 

La discarica degli angeli è pure un romanzo dalla grande forza ecologista, che vede nel personaggio di Nane, il vecchio partigiano che resiste all'avanzare della cementificazione selvaggia - rifiutandosi di cedere la propria casa alle autorità locali -, una precisa denuncia dello scempio del paesaggio che si è compiuto in molte parti del nordest in modo indiscriminato, col solo fine del profitto immediato. Le campagne della bassa veronese, dove Bonfante colloca la discarica in cui si svolge l'azione, vengono tratteggiate con grande efficacia naturalistica, col rammarico per un mondo di cui restano soltanto rovine, per un'identità e una cultura che vanno scomparendo: «Questo mondo di sogni realizzabili era svanito e la gente delle casette era arrivata a vergognarsi della propria storia».

Bruno diviene perciò il simbolo di una resistenza etica ed estetica; il suo riscatto personale si attuerà nella concreta edificazione della sua casa in valle, costituita dai rottami, a forma di conchiglia. Una conchiglia che si attorciglia su se stessa, il progetto di una serie di casette che convergono in una corte, luogo di curiosità, di incontri per gli abitanti del posto nonché dimora dei suoi affetti: Teresa, l'angelo salvifico che muta la rotta del suo destino e il figlio che porta in grembo, quel futuro misto di trepidazione e timori per il nostro protagonista che ha il potere di nobilitare quel che il mondo ottuso e distratto getta via: «A volte trovo delle cose così belle che, purché non vadano perdute per sempre, cerco d'inventarmi come poterle adoperare. È come dare alle cose un'altra possibilità, una ripetenza, una seconda occasione».

 

Alberto Carollo


Articoli correlati

  Alberto Carollo. Gli innamoramenti di Javier Marías
  Carollo e della Rovere presentano i loro “dialoghi”
  In libreria/ Alberto Carollo. “Oasi criptate” di Margherita Gadenz, Patrizia Garofalo, Nina Nasilli
  George Harrison. Living in the material world
  Pier Paolo Pasolini, «La sua morte è un drammatico, disperato rapporto con la madre»
  “Doppio ritratto” al complesso Monumentale di San Silvestro di Vicenza
  Alberto Carollo. Auguri col racconto di Natale di Auggie Wren
  In libreria/ Alberto Carollo. “Vista sull'angelo” di Massimo Scrignòli
  Alberto Carollo. Doppio ritratto
  Alberto Carollo. Il Dio dell'impossibile di Patrizia Garofalo
  “Chi testimonia per il testimone”
  Presentazione di Oasi criptate. Dialogo di Alberto Carollo con Patrizia Garofalo
  Alberto Carollo. Ci si dovesse incontrare...
  Alberto Carollo. Fulvio Tomizza, La miglior vita
  In libreria/ Barocco amorale
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy