Domenica , 26 Giugno 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò Madama [ARCHIVIO 06-12]
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Class action. Presentato disegno di legge per una profonda modifica
01 Maggio 2008
 

Lo scorso 29 aprile, primo giorno della nuova legislatura, ho presentato un disegno di legge che ritengo sia fondamentale per l'affermazione dei diritti dei cittadini consumatori e utenti e per la giustizia: la riforma della class action, elaborato in collaborazione con l’Aduc (Associazione per i diritti degli utenti e consumatori).

Nella precedente legislatura è stato introdotto un modello di azione collettiva chiaramente inefficace a tutelare i diritti dei consumatori e molto criticato da tutti gli addetti ai lavori. Era stato stabilito il principio -anticostituzionale- che l'accesso alla giustizia non fosse per tutti: solo il cittadino consumatore può partecipare ad una class action, mentre tutti coloro che intendono tutelare i propri interessi nello svolgimento della propria attività lavorativa, ne sono esclusi (forse un contratto presunto truffaldino con un gestore telefonico o l'acquisto, a suo tempo, di un'azione o bond come Cirio o Parmalat, per esempio, non può riguardare anche un artigiano o un professionista?). Inoltre si stabilisce che, per l'indennizzo dopo sentenza favorevole, il ricorrente debba adire un tentativo di conciliazione con la parte perdente e, in caso di risultato negativo o non soddisfacente, proseguire in giudizio secondo l'ordinamento civilistico abituale: procedura che, prevedendo di fatto una durata di decenni, svilisce e rende poco interessante il ricorso a questo tipo di azione collettiva.

Il disegno di legge presentato oggi vuole introdurre una azione giudiziaria collettiva che tuteli i diritti dei soggetti coinvolti da illeciti plurioffensivi, traendo spunto dall'esperienza dei Paesi di common law (la c.d. class action) e rendere lo strumento compatibile con i principi del nostro ordinamento giuridico.

Alcuni presupposti:

- La legittimità ad agire deve essere concessa ad ogni soggetto che abbia interesse a farlo.

- L'introduzione del concetto di “danno punitivo” attraverso il quale si restituisce ai danneggiati da un illecito plurioffensivo, non solo il danno emergente ed il lucro cessante, ma anche l'eventuale maggior profitto realizzato attraverso l'illecito.

- Incentivare anche sul piano economico l'utilizzo dello strumento. Per questo è necessario eliminare qualunque rischio legale per i cittadini che aderiscono all'azione collettiva. Per i professionisti che seguiranno queste azioni giudiziarie è bene che sia disincentivato l'avvio pretestuoso e, al contempo, incentivate -anche economicamente- quelle meritevoli.

- L'automatismo fra sentenza e risarcimento del danno. Viene istituito il “curatore amministrativo”, nominato dal Giudice, il quale ha il compito –fra l'altro– di procedere all'esecuzione materiale della sentenza rimborsando direttamente i cittadini iscritti alla classe.

- La normatura di eventuali abusi.

- La transazione, affinché sia efficace, deve essere sottoposta a votazione di tutti i membri della classe.

 

Donatella Poretti

 

 

Qui il testo completo della relazione e del disegno di legge


Articoli correlati

  Vincenzo Donvito. Pompieri al Senato per leggi già annacquate
  Class Action. Non ha torto il ministro Claudio Scajola...
  Class action. Cosa teme la razza padrona
  Englaro RU486 Biobanche Class action... La commistione dei poteri
  Class Action. Ancora rinvio? Il terrore della giustizia nel mercato
  Class action. I diritti fondamentali che la legge voluta dal Governo non tutelerà mai
  Class action. Verso il ritiro dell'emendamento?
  Transazione 'class action' Parmalat: un piccolo risultato è meglio di niente
  Bertucci e Donvito: Class action. Nuovo testo va meglio, ma preoccupa l'ostracismo di Confindustria
  Liberalizzazioni. Le urgenze e il metodo. Invito al ministro Bersani
  Class action. Da bandiera di ricatto politico a strumento concreto?
  Class action. No all'emendamento Manzione in finanziaria
  Class Action. A che gioco sta giocando il Governo?
  Class action. Verso il regime autoritario e sfascista con l'appoggio dei media?
  Class action. Confindustria allo sbaraglio
  Class action: continueremo a vederla nei film americani
  Vincenzo Donvito. Class action, class action delle mie brame.... Così comincia il 2009
  Emmanuela Bertucci. Ma quale class action mondiale...
  Class Action. Bene l'emendamento del Governo
  Class Action. Dovunque vai, privato o pubblico, cenci in faccia ai cittadini
  Vincenzo Donvito. Class Action: non ci sarà mai in Italia!
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy